Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Emergency relay

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike

0
voti

[1] Emergency relay

Messaggioda Foto UtenteLavapiatti » 7 nov 2017, 22:12

Volevo sapere in che contesto vengono usati e qual è la differenza rispetto ad un relè normale
Avatar utente
Foto UtenteLavapiatti
10 1 4
 
Messaggi: 39
Iscritto il: 27 ott 2017, 18:51

1
voti

[2] Re: Emergency relay

Messaggioda Foto Utentemir » 7 nov 2017, 22:50

Lavapiatti ha scritto:in che contesto vengono usati

Per garantire gli standard di sicurezza , nel caso delle macchine industriali, come previsto dalla Direttiva Macchine.
Lavapiatti ha scritto: qual è la differenza rispetto ad un relè normale

Garantiscono i requisiti richiesti con ingressi monitorati e circuiti doppi ridondanti.
I circuiti sono controcorrente. Seguono sempre la massa

-Per rispondere utilizza il tasto [RISPONDI] e non il tasto [CITA], grazie.-
Avatar utente
Foto Utentemir
61,2k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 20588
Iscritto il: 19 ago 2004, 21:10

0
voti

[3] Re: Emergency relay

Messaggioda Foto UtenteLavapiatti » 7 nov 2017, 23:18

In pratica è un relè ma usato per lo più nei circuiti di comando dato che ci sono molti apparecchi "sensibili" a sbalzi di corrente?

Cosa intendi mir per circuiti doppi ridondanti?
Avatar utente
Foto UtenteLavapiatti
10 1 4
 
Messaggi: 39
Iscritto il: 27 ott 2017, 18:51

1
voti

[4] Re: Emergency relay

Messaggioda Foto Utentemir » 8 nov 2017, 22:17

Lavapiatti ha scritto:In pratica è un relè ma usato per lo più nei circuiti di comando dato che ci sono molti apparecchi "sensibili" a sbalzi di corrente?

No, è un dispositivo di controllo dei circuiti di sicurezza della macchina,e relizza il blocco ovvero la sicurezza di quest'ultima ogni qualvolta interviene una protezione monitorata dal dispositivo, e affinchè ci sia il ripristino del circuito di sicurezza oltre al ripristino della sicurezza intervenuta occorre che ci siano ben precise condizioni che interessano i circuiti interessati ai relè di sicurezza.
I circuiti sono controcorrente. Seguono sempre la massa

-Per rispondere utilizza il tasto [RISPONDI] e non il tasto [CITA], grazie.-
Avatar utente
Foto Utentemir
61,2k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 20588
Iscritto il: 19 ago 2004, 21:10

0
voti

[5] Re: Emergency relay

Messaggioda Foto Utentemagoxax » 9 nov 2017, 12:39

...dato che ci sono molti apparecchi "sensibili" a sbalzi di corrente?

Foto UtenteLavapiatti, stai facendo un po' di confusione..
Detto in parole poverissime, il relè di sicurezza serve a proteggere la salute dell'operatore non i circuiti.
Avatar utente
Foto Utentemagoxax
2.599 2 3 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1167
Iscritto il: 18 mar 2009, 14:56

0
voti

[6] Re: Emergency relay

Messaggioda Foto UtenteLavapiatti » 9 nov 2017, 20:34

Be ma llora perché non si usa semplicemente un interruttore automatico piuttosto che un differenziale? Da quello che ho notato è che spesso vengono usati nei quadri elettrici industriali nella parte di comando e non sui contatti di potenza
Avatar utente
Foto UtenteLavapiatti
10 1 4
 
Messaggi: 39
Iscritto il: 27 ott 2017, 18:51

2
voti

[7] Re: Emergency relay

Messaggioda Foto Utentemir » 9 nov 2017, 23:02

Lavapiatti ha scritto:..perché non si usa semplicemente un interruttore automatico piuttosto che un differenziale?

Premesso che un interruttore magnetotermico (alias interruttore automatico) svolge compiti ben differenti da un interruttore differenziale, ma cosa c'entrano con il discorso che hai fatto aprendo questo thread sui relè di emergenza ?
Lavapiatti ha scritto:..nei quadri elettrici industriali nella parte di comando e non sui contatti di potenza

I circuiti di comando sono in bassissima tensione e assolvono al compito di comando/controllo dei circuiti di potenza che sono in bassa tensione.
Permettimi una domanda, ma che studio/lavoro svolgi ?
I circuiti sono controcorrente. Seguono sempre la massa

-Per rispondere utilizza il tasto [RISPONDI] e non il tasto [CITA], grazie.-
Avatar utente
Foto Utentemir
61,2k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 20588
Iscritto il: 19 ago 2004, 21:10

1
voti

[8] Re: Emergency relay

Messaggioda Foto Utenteattilio » 10 nov 2017, 15:18

Lavapiatti ha scritto:Be ma llora perché non si usa semplicemente un interruttore automatico piuttosto che un differenziale? Da quello che ho notato è che spesso vengono usati nei quadri elettrici industriali nella parte di comando e non sui contatti di potenza


se ho capito bene questo post è in risposta a quello di Foto Utentemagoxax

magoxax ha scritto:Detto in parole poverissime, il relè di sicurezza serve a proteggere la salute dell'operatore non i circuiti.


quello che voleva dirti mago è che i relè di sicurezza (in italiano si chiamano così) agiscono sugli automatismi dei macchinari impedendo situazioni rischiose per gli operatori

un relé di sicurezza è collegato a dispositivi di rilevamento (barriere fotoelettriche, finecorsa, sensori, etc.) che costituiscono la "logica" di prevenzione ad azioni che possano mettere in pericolo gli operatori adetti alla macchina
ovviamente tutti i dispositivi della "catena delle sicurezze" devono essere progettati per essere impiegati con funzioni "safety" (non solo il relè di emergenza)

non c'entrano niente i differenziali o i magnetotermici

ti faccio un esempio stupido

una pressa idraulica per stampaggio plastico con operatore presente deve avere delle sicurezze per prevenire gli schiacciamenti
ovviamente si possono avere barriere fisiche (meccaniche) o barriere elettriche
laddove si utilizzino barriere "elettriche", queste devono ridurre al minimo il rischio di mancato malfunzionamento

per questo si utilizzano sistemi ridondanti, ed elementi a sicurezza positiva
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
59,7k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 8822
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

1
voti

[9] Re: Emergency relay

Messaggioda Foto UtenteLavapiatti » 10 nov 2017, 19:50

Sto facendo confusione a quanto vedo :shock:

Diciamo io lavoro da poco come cablatore e mi sono accorto di non saperne molto....Sto cercando di studiare per fare qualche passo in più è mettere la testa in ciò che faccio
Avatar utente
Foto UtenteLavapiatti
10 1 4
 
Messaggi: 39
Iscritto il: 27 ott 2017, 18:51

1
voti

[10] Re: Emergency relay

Messaggioda Foto Utentemir » 10 nov 2017, 20:17

Lavapiatti ha scritto:Sto facendo confusione a quanto vedo :shock:

Sembrerebbe, ma può essere anche che l'abbia fatta io nell'interpretare la tua risposta,probabilmente e sapientemente interpretata da Foto Utenteattilio nel precedente topic.
In tal caso, è chiaro che non vanno confuse le protezioni di sicurezza da quelle dei circuiti elettrici per le rispettive grandezze in gioco.
Lavapiatti ha scritto:lavoro da poco come cablatore e mi sono accorto di non saperne molto...

Immagino che avrai un titolo di studio ad indirizzo tecnico se lavori in questo campo, quindi perché non inizi dal rispolverare i testi di Elettrotecnica ed Impianti elettrici.
Non che non ti si voglia aiutare, ma avere delle conoscenze di base in questo campo è fondamentale. ;-)
I circuiti sono controcorrente. Seguono sempre la massa

-Per rispondere utilizza il tasto [RISPONDI] e non il tasto [CITA], grazie.-
Avatar utente
Foto Utentemir
61,2k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 20588
Iscritto il: 19 ago 2004, 21:10


Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 42 ospiti