Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

DiRi e CPR

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago

0
voti

[1] DiRi e CPR

Messaggioda Foto Utentemulder80 » 14 nov 2017, 10:07

Buongiorno a tutti,

personalmente, da professionista, le DiRi non mi sono mai piaciute per tutta una serie di motivi ma oggi effettivamente mi trovo in situazioni del tipo:
" capannone industriale con vecchio impianto ante 2008 mai certificato, quadri totalmente da rifare con nuove macchine da alimentare, spostare, etc.. presenti decine se non centinaia di metri di cavo FG7 integro piazzato sulle canale "
Il fatto è che le uniche cose che si salvano sono proprio i cavi.
La nota rivista del settore dice che i vecchi cavi possono essere ri-utilizzati in sede di ristrutturazione se integri e idonei all'utilizzo, ma l'installatore può emettere una DiCo a novembre 2017 (che comprenda tutto)con dei cavi non cpr e senza fatture di acquisto ? Il problema si pone anche nel progetto, si possono indicare i cavi FG7 come esistenti in un progetto di fine 2017 senza avere fatture di acquisto e/o DiCo precedenti?

Del resto fare una DiRi per i soli cavi non mi pare molto sensato, che ne pensate?
Avatar utente
Foto Utentemulder80
35 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 111
Iscritto il: 10 giu 2009, 16:46

1
voti

[2] Re: DiRi e CPR

Messaggioda Foto UtenteMike » 14 nov 2017, 10:43

Sfatiamo un mito, la DIRI prevista dal comma 6 art. 7 non riguarda tutti gli impianti esistenti al 28 marzo 2008, ma quelli che:

6. Nel caso in cui la dichiarazione di conformita' prevista dal
presente articolo, salvo quanto previsto all'articolo 15, non sia
stata prodotta o non sia piu' reperibile
, tale atto e' sostituito -
per gli impianti eseguiti prima dell'entrata in vigore del presente
decreto - da una dichiarazione di rispondenza, resa da un
professionista iscritto all'albo professionale per le specifiche
competenze tecniche richieste, che ha esercitato la professione, per
almeno cinque anni, nel settore impiantistico a cui si riferisce la
dichiarazione, sotto personale responsabilita', in esito a
sopralluogo ed accertamenti, ovvero, per gli impianti non ricadenti
nel campo di applicazione dell'articolo 5, comma 2, da un soggetto
che ricopre, da almeno 5 anni, il ruolo di responsabile tecnico di
un'impresa abilitata di cui all'articolo 3, operante nel settore
impiantistico a cui si riferisce la dichiarazione.


Pertanto, se l'impianto esistente è privo della DC L. 46/90 e relativa documentazione e dalla verifiche effettuate non risulta conforme alla regola dell'arte e sono necessari interventi di adeguamento che esulano dalla manutenzione ordinaria e straordinaria, non ha senso redigere alcuna DIRI ma redigere un progetto di adeguamento (trasformazione) nel quale il progettista descrive quali siano gli interventi da effettuare quali componenti recuperare. L'installatore incaricato realizzerà quanto previsto a progetto e rilascerà la DICO ai sensi art. 7. Ovviamente, non avendo alcun riferimento documentale che attesti le nome applicate per la progettazione e la realizzazione, la norma di riferimento sarà quella in vigore.
Il CPR non si applica trattandosi di impianti esistenti, eventuali cavi nuovi saranno CPR se l'installatore non ne ha disponibili non CPR a magazzino.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,6k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14212
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[3] Re: DiRi e CPR

Messaggioda Foto Utentemulder80 » 14 nov 2017, 12:22

Ciao Mike,
sul non senso della DiRi in questo caso sono pienamente concorde,
dunque tu dici di procedere a:
- redarre progetto per adeguamento (ok, su questo non ci sono dubbi)
- installatore emetterà a seguito delle opere la DiCo per ? (crocetterà "altro" indicando adeguamento di impianto esistente, ma riferimenti a DiCo precedenti?)
Io pensavo che dovesse necessariamente emettere DiCo per nuovo impianto, ma a quel punto entrerebbero in gioco i cavi cpr.
Scusami ma come fa a fare nuova DiCo su impianto esistente senza dare riferimenti a DiCo precedenti e/o DiRi?
Avatar utente
Foto Utentemulder80
35 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 111
Iscritto il: 10 giu 2009, 16:46

1
voti

[4] Re: DiRi e CPR

Messaggioda Foto UtenteMike » 14 nov 2017, 12:39

mulder80 ha scritto:- installatore emetterà a seguito delle opere la DiCo per ? (crocetterà "altro" indicando adeguamento di impianto esistente, ma riferimenti a DiCo precedenti?)

No "altro" ma "trasformazione". Se non c'è nessuna DICO o DC46/90 non si può citare nulla, le responsabilità in ogni caso riguarda solo quanto eseguito in riferimento al progetto allegato.
mulder80 ha scritto:Io pensavo che dovesse necessariamente emettere DiCo per nuovo impianto, ma a quel punto entrerebbero in gioco i cavi cpr.

Se è un impianto esistente che viene adeguato (trasformazione) non è un nuovo impianto. Se invece decidi di non recuperare nulla e fai un nuovo impianto, allora rientri nel CPR.
mulder80 ha scritto:Scusami ma come fa a fare nuova DiCo su impianto esistente senza dare riferimenti a DiCo precedenti e/o DiRi?

Le parti di impianto recuperate e le motivazioni sono riportate nella documentazione di progetto.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,6k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14212
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[5] Re: DiRi e CPR

Messaggioda Foto Utentemulder80 » 14 nov 2017, 13:48

grazie come sempre Mike :ok:
Avatar utente
Foto Utentemulder80
35 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 111
Iscritto il: 10 giu 2009, 16:46


Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 38 ospiti