Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Alimentatori Switching in parallelo

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteBrunoValente, Foto Utentecarloc, Foto UtenteDirtyDeeds

0
voti

[51] Re: Alimentatori Switching in parallelo

Messaggioda Foto UtenteEcoTan » 16 gen 2018, 13:55

SandroCalligaro ha scritto:In presenza dei diodi, l'energia recuperata dal motore finisce sulla capacità

Ciò vale anche per i diodi che fanno parte del ponte H. Siamo sicuri che questi diodi ci sono? Non basta fare affidamento sul diodo zener intrinseco che fa parte dei Mosfet finali.
Avatar utente
Foto UtenteEcoTan
5.493 4 10 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 3354
Iscritto il: 29 gen 2014, 8:54

0
voti

[52] Re: Alimentatori Switching in parallelo

Messaggioda Foto Utentemarcosystem » 16 gen 2018, 13:59

Hai la possibilità di tenere una batteria al piombo in tampone? Non è una soluzione ma un passo di indagine per delimitare il problema.

Si ho gia effettuato questa prova collegando due batterie di automobile da 12V (collegare in serie per ottenre 24 V), e collegate alla 24 V di un alimentatore.
Il risultato era che non si sentiva piu quel rumore tipo "zanzariera"... ed il motore funzionava egreggiamente.
Ma quando ho fatto questa prova... non avevo ancora fatto la prova dei due alimentatori in parallelo, quindi non era presente alcun guasto...

Siccome prima i diodi non c'erano, ci si può aspettare che i condensatori di uscita degli alimentatori si siano caricati più volte oltre il tollerabile, e abbiano deciso alla fine di farla finita.

Giusta osservazione, ma gli alimentatori hanno la protezione da cortocircuito e sovraccarico (come gia spiegato nei post precedenti), quindi sul secondario non penso si sia verificato qualcosa... Invece penso si sia danneggiato qualcosa sul primario e quindi fa intervenire lo sgancio del quadro elettrico.

Come accennavo, se quello è il problema, le soluzioni ci sono (compresa quella di aumentare la "capacità equivalente" sul bus)

Attualmente sul ponte ho inserito un condensatore elettrolitico da 2200uF 50V

Ciò vale anche per i diodi che fanno parte del ponte H. Siamo sicuri che questi diodi ci sono?

Si su ogni MOS ho messo in parallelo un diodo di ricircolo/barriera (veloce)
Avatar utente
Foto Utentemarcosystem
52 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 125
Iscritto il: 15 ago 2017, 14:16

0
voti

[53] Re: Alimentatori Switching in parallelo

Messaggioda Foto UtenteSandroCalligaro » 16 gen 2018, 14:14

Non basta fare affidamento sul diodo zener intrinseco che fa parte dei Mosfet finali.
Direi che dipende.
I test sui mosfet di potenza (venduti per applicazioni switching) che io sappia di solito qualificano anche il diodo, ma potrei sbagliarmi.
Non mi risulta che il diodo intrinseco sia zener.
Avatar utente
Foto UtenteSandroCalligaro
2.121 4 5
Master
Master
 
Messaggi: 890
Iscritto il: 6 ago 2015, 19:25

0
voti

[54] Re: Alimentatori Switching in parallelo

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 16 gen 2018, 14:27

Non si è visto neanche un grafico relativo agli spikes... e da quanto affermato probabilmente la rottura è avvenuta senza neanche avvicinarsi alle condizioni limite di funzionamento.

Quando con un amico abbiamo elettrificato la Lambretta, nonostante la "semplicità" del progetto (motore a spazzole senza regen) a causa della relativa inesperienza ne abbiamo cotti di finali..e non solo i finali.

Le soluzioni non possono prescindere più di tanto da TUTTE le componenti del progetto, e tra l'altro usare alimentatori non progettati per questo scopo non credo possa portare lontano.

E i cavi di collegamento tra motore e driver come sono?

Il diodo intrinseco credo non basti quasi mai, se ricordo bene noi avevamo dovuto mettere:
- un diodo direttamente sui poli del motore
- diodi e transil nel driver per gestire i picchi (introdotti e aumentati dai cavi)
- snubber
- limitazione di corrente

Conta tutto, pure la disposizione delle piste... e la distanza dei componenti critici dai punti "caldi"
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
28,4k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7791
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

0
voti

[55] Re: Alimentatori Switching in parallelo

Messaggioda Foto Utentemarcosystem » 16 gen 2018, 15:37

Scusatemi ma credo che si stia andando un po fuori tema.
Vi ringrazio per gli aiuti, ma il ponte non ha alcun problema, il motore è integro.
Ho testato il motore e il ponte H per ben 2 mesi con un alimentatore 24 V - 20A e una batteria da 24 V (due da 12V in serie), entrambe collegate in parallelo e non si è verificato nessun problema.

Quindi credo sia superfluo discutere di come è fatto il ponte, della presenza di grafici...
Il ponte H è gia stato collaudato e funziona.

Se volete, possiamo continuare a seguire il tema "diodi in serie" come è stato gia consigliato all'inizio e che proverò sicuramente.
Se qualcuno avesse delle idee simili o se volesse commentare questa soluzione (nei pregi e nei difetti)... si faccia avanti. :ok:
Avatar utente
Foto Utentemarcosystem
52 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 125
Iscritto il: 15 ago 2017, 14:16

2
voti

[56] Re: Alimentatori Switching in parallelo

Messaggioda Foto UtenteSandroCalligaro » 16 gen 2018, 15:49

Credo di aver tentato a sufficienza, insieme ad altri, di spiegarti perché il motore ed il ponte probabilnente c'entrano.

Con una batteria è abbastanza ovvio che l'alimentatore, non essendoci, non potesse rompersi, e nemmeno la tensione salire più di tanto (l'energia recuperata veniva assorbita dalla batteria).

Mi dispiace per te, sinceramente, che tu non voglia provare a considerare quello che altri (da quanto scrivi, direi più esperti di te, senza alcuna cattiveria e senza troppa presunzione) cercano di dirti.
Volendo con qualche prova si potrebbe tentare di isolare il problema.
Avatar utente
Foto UtenteSandroCalligaro
2.121 4 5
Master
Master
 
Messaggi: 890
Iscritto il: 6 ago 2015, 19:25

1
voti

[57] Re: Alimentatori Switching in parallelo

Messaggioda Foto Utentemarcosystem » 16 gen 2018, 16:13

Con una batteria è abbastanza ovvio che l'alimentatore, non essendoci, non potesse rompersi, e nemmeno la tensione salire più di tanto (l'energia recuperata veniva assorbita dalla batteria).

Sandro scusa ma non ho mai scritto che io ho adoperato una batteria senza un alimentatore... #-o #-o

Ripeto: motore e ponte non hanno alcun difetto

Lunico aiuto che ho chiesto era: POSSO COLLEGARE DUE ALIMENTATORII IN PARALLELO?

E mi è stato consigliato l'uso di due diodi per evitare che la tensione di uno possa influenzare l'altro....
Stop..

E' inutile parlare di motore..di ponte..

...perché qui il mio unico problema di cui ho bisogno è: mettere in parallelo due alimentatori switching
Avatar utente
Foto Utentemarcosystem
52 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 125
Iscritto il: 15 ago 2017, 14:16

4
voti

[58] Re: Alimentatori Switching in parallelo

Messaggioda Foto UtenteBrunoValente » 16 gen 2018, 16:16

marcosystem ha scritto:Scusatemi ma credo che si stia andando un po fuori tema.
Vi ringrazio per gli aiuti, ma il ponte non ha alcun problema, il motore è integro.
Ho testato il motore e il ponte H per ben 2 mesi con un alimentatore 24 V - 20A e una batteria da 24 V (due da 12 V in serie), entrambe collegate in parallelo e non si è verificato nessun problema.

Quindi credo sia superfluo discutere di come è fatto il ponte, della presenza di grafici...
Il ponte H è gia stato collaudato e funziona.


Foto Utentemarcosystem, a te sembra che stiamo andando fuori tema ma non è così, evidentemente non essendo ferrato sull'argomento non riesci a vedere i punti di connessione che ci sono tra quello che ti viene detto e l'argomento in questione.

Provo a dirti alcune cose che spero possano aiutarti.

Un motore non è un carico normale come fosse una resistenza perché in certe condizioni si comporta da generatore, come fosse lui stesso un alimentatore, questo capita tutte le volte che attraverso l'alimentazione lo si fa decelerare rapidamente, cioè quando gli si fa assumere una decelerazione più spinta della sua decelerazione naturale che è quella che assume quando lo si spegne semplicemente aprendo il circuito di alimentazione, quindi scollegandolo dalla batteria o dall'alimentatore a cui era collegato.

Quando questo capita succede che, se è collegato ad una batteria, la corrente si inverte e la batteria invece di scaricarsi si carica, quindi l'energia invece di fluire dalla batteria al motore fluisce dal motore alla batteria, quindi poco male.

Quando invece è collegato ad un alimentatore e come prima gli si fa assumere una forte decelerazione, le cose vanno moooolto diversamente: gli alimentatori, almeno quelli normali, si incazzano di brutto se la corrente di uscita si inverte perché non sono in grado di "caricarsi" coma invece sa fare una batteria e in queste condizioni, visto che non sono in grado di recuperare l'energia che il motore vorrebbe cedere da qualche parte per decelerare, si possono rompere a causa di sovratensioni.

Morale della favola: con i tuoi alimentatori puoi far accelerare e far girare il tuo motore ma non puoi decelerarlo più rapidamente di quanto farebbe spegnendolo semplicemente
Avatar utente
Foto UtenteBrunoValente
32,6k 7 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6319
Iscritto il: 8 mag 2007, 14:48

-1
voti

[59] Re: Alimentatori Switching in parallelo

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 16 gen 2018, 16:26

e continua a chiamarli alimentatori... parallelare due switching a tensione costante è una cosa (e mediamente fattibile), parallelare due driver per motore senza farli dialogare o meglio renderli sincroni non è la stessa cosa.

Poi Marco tira fuori un bit alla volta, senza uno schema decente di tutto quello che ha già fatto o tentato... l'unica risposta che vuole sentirsi dire è: "si fallo"...

E allora fallo!
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
28,4k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7791
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

1
voti

[60] Re: Alimentatori Switching in parallelo

Messaggioda Foto UtenteSandroCalligaro » 16 gen 2018, 16:32

richiurci ha scritto:e continua a chiamarli alimentatori... parallelare due switching a tensione costante è una cosa (e mediamente fattibile), parallelare due driver per motore senza farli dialogare o meglio renderli sincroni non è la stessa cosa.
Io ho capito che erano effettivamente gli alimentatori ad essere in parallelo per alimentare lo stesso ponte...
Avatar utente
Foto UtenteSandroCalligaro
2.121 4 5
Master
Master
 
Messaggi: 890
Iscritto il: 6 ago 2015, 19:25

PrecedenteProssimo

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 31 ospiti