Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Alimentatori Switching in parallelo

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteBrunoValente, Foto Utentecarloc, Foto UtenteDirtyDeeds

0
voti

[81] Re: Alimentatori Switching in parallelo

Messaggioda Foto Utentemarcosystem » 17 gen 2018, 11:28

E allora qual è il problema? Se per te va bene così, collegalo così!

Ciao Bruno, ho scritto questo perché qualcuno forse potrebbe pensare che è impossibile che un motore che genera extratensioni (spike) possa funzionare. Bene, se si riducono gli spike con opportuni componenti (RC, transzorb) il sistema funziona perfettamente.

Il mio UNICO dubbio era/è

- riducendo/eliminando gli spike, posso utilizzare i due alimentatori in parallelo con diodi in serie alla +24 V?
- è corretto collegare due alimentatoti switching in parallelo?
- il metodo di inserire un diodo in uscita alla +24 V ad ogni alimentatore è affidabile?

Il tema degli spike è venuto fuori perché ovviamente il motore li genera in determinate condizioni (decelerazioni, inversioni di marcia) e quindi bisogna scegliere un diodo con V maggiore. Quindi mi è stato consigliato di usare un 40A - 100V.

Nessuna altra richiesta

Mi piacerebbe anche capire come sia possibile che vi siano degli spike se in ingresso al ponte hai messo un condensatore da 2200uF... evidentemente gli spike li hai visti prima di mettere i condensatori.

Fidati che gli spike c'erano e ci sono nonostante il condensatore da 2200uF c'è sempre stato
Avatar utente
Foto Utentemarcosystem
52 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 125
Iscritto il: 15 ago 2017, 14:16

2
voti

[82] Re: Alimentatori Switching in parallelo

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 17 gen 2018, 11:48

io invece ritengo che tu confonda spike e energia da recuperare in frenata....

Gli spike aumentano (per quanto ne so) in accelerazione, quando le correnti impulsate sono elevate.

In decelerazione non sono più "spike", ma l'intero periodo di "on" nel quale il motore diventa un generatore, e questa energia da qualche parte deve finire se vuoi rallentarlo per invertire la marcia.

Mi sembra che ci sia poca voglia di ascoltare e di mostrare cosa tu abbia REALMENTE fatto finora, e allora forse l'unica risposta è : si, può funzionare, ma per utilizzare alimentatori economici devi provare a usare un po' a casaccio (visto che poco hai detto del tuo sistema) device di acquisto costosi, spendendo più di quanto costerebbe, probabilmente, un inverter dedicato e ottimizzato per pilotare motori
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
28,4k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7791
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

0
voti

[83] Re: Alimentatori Switching in parallelo

Messaggioda Foto Utentemarcosystem » 17 gen 2018, 11:59

In decelerazione non sono più "spike", ma l'intero periodo di "on" nel quale il motore diventa un generatore, e questa energia da qualche parte deve finire se vuoi rallentarlo per invertire la marcia.

Allora ti faccio una domanda: questa energia che da qualche parte deve finire... la posso eliminare con l'uso dei transzorb posti in parallelo ad ognuno dei 4 MOS del ponte H?
Avatar utente
Foto Utentemarcosystem
52 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 125
Iscritto il: 15 ago 2017, 14:16

0
voti

[84] Re: Alimentatori Switching in parallelo

Messaggioda Foto UtenteEcoTan » 17 gen 2018, 12:04

EcoTan ha scritto:
marcosystem ha scritto:credo sia un problema di uno dei due alimentatori che, precedentemente..in assenza dei diodi in serie..si sarà guastato.

Puoi provarli uno per volta per vedere se tutto torna come prima?
E' possibile che ci siano altri carichi sotto la stessa protezione magnetotermica?
Scatterebbe ugualmente accendendo i due alimentatori in tempi successivi?


PostScriptumNessuna risposta a queste domande generiche. Mi astengo dal continuare perché per entrare nel dettaglio dovrei conoscere lo schema elettrico e (cosa molto insidiosa) la tecnica di controllo software.
Avatar utente
Foto UtenteEcoTan
5.493 4 10 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 3354
Iscritto il: 29 gen 2014, 8:54

1
voti

[85] Re: Alimentatori Switching in parallelo

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 17 gen 2018, 12:29

marcosystem ha scritto:
In decelerazione non sono più "spike", ma l'intero periodo di "on" nel quale il motore diventa un generatore, e questa energia da qualche parte deve finire se vuoi rallentarlo per invertire la marcia.

Allora ti faccio una domanda: questa energia che da qualche parte deve finire... la posso eliminare con l'uso dei transzorb posti in parallelo ad ognuno dei 4 MOS del ponte H?


Ti sembrano componenti in grado di dissipare centinaia di W, anche se per "pochi" secondi?

Nota: ho scritto "pochi" perché nulla sappiamo del tuo sistema, potrebbero essere anche decine di secondi...
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
28,4k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7791
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

0
voti

[86] Re: Alimentatori Switching in parallelo

Messaggioda Foto Utentemarcosystem » 17 gen 2018, 12:38

Ragazzi non possiedo schemi adesso, li avevo e poi dopo aver realizzato il sistema li ho messi da parte e dovrei andarli a cercare tra i tanti documenti.
Le uniche foto che ho potuto mandarvi sono quelle degli alimentatori,

Gli spike che ho misurato non riuscivo a fotografarli sullo spettro dell'oscilloscopio perché erano istantanei, parliamo dell'ordine di una piccola frazione di secondo, intorno ai 10ms si vedeva ad occhio questo picco che dalla 24 V si alzava fino a raggiungere la misura di 68-70V
Ve lo posso assicurare perché l'ho visto con i miei occhi, ma data la velocità in cui si presentava ed andava via.. non ho potuto fotografarlo.
Lo spike che vedevo in grafico..si presentava ogni volta che il motore lo portavo ai massimi regimo (circa 2800 giri/minuto) e poi, attraverso un piccolo programmino in C lo fermavo improvvisamente. In quel preciso istante che si fermava si presentava lo spike.
Avatar utente
Foto Utentemarcosystem
52 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 125
Iscritto il: 15 ago 2017, 14:16

1
voti

[87] Re: Alimentatori Switching in parallelo

Messaggioda Foto UtenteSandroCalligaro » 17 gen 2018, 12:50

marcosystem ha scritto:Gli spike che ho misurato non riuscivo a fotografarli sullo spettro dell'oscilloscopio perché erano istantanei, parliamo dell'ordine di una piccola frazione di secondo, intorno ai 10ms si vedeva ad occhio questo picco che dalla 24 V si alzava fino a raggiungere la misura di 68-70V
...
Lo spike che vedevo in grafico..si presentava ogni volta che il motore lo portavo ai massimi regimo (circa 2800 giri/minuto) e poi, attraverso un piccolo programmino in C lo fermavo improvvisamente. In quel preciso istante che si fermava si presentava lo spike.

Caro Foto Utentemarcosystem, faresti proprio bene ad ascoltare le varie campane, che stranamente suonano all'unisono.

Ti faccio fare un ragionamento:
supponiamo che lo spike facesse arrivare la tensione da 24 a 70 V.
La differenza tra i due livelli di energia immagazzinati sui condensatori, considerando anche solo la capacità del ponte (2200 uF) sarà
\frac{1}{2} C (V^2_{max}-V^2_{min})
che fanno quasi 5 J.
Supponendo di avere a disposizione 10 ms per dissiparli, si arriva a 500 W.
Già questa è una stima per difetto, perché per tener fermo il bus, il picco di potenza sarà ben più alto.
Non è fantascienza, solo qualche misero conto.

Considera che, quando hai fatto la misura degli "spike", non c'erano i diodi in serie all'alimentatore, perciò stavi caricando anche i condensatori di uscita degli alimentatori, che non mi aspetto siano trascurabili rispetto a quelli del ponte. Questo significa che stiamo stimando l'energia per difetto.
Avatar utente
Foto UtenteSandroCalligaro
2.121 4 5
Master
Master
 
Messaggi: 890
Iscritto il: 6 ago 2015, 19:25

1
voti

[88] Re: Alimentatori Switching in parallelo

Messaggioda Foto UtenteSandroCalligaro » 17 gen 2018, 12:57

Mi aspetto che la soluzione più logica ed economica sia una resistenza di frenatura, cioè un resistore pilotato in ON/OFF (non serve nemmeno PWM) da un transistor, con un comparatore ad isteresi.

Per stare più o meno tranquilli, probabilmente servono almeno 1-2 kW di picco.
Avatar utente
Foto UtenteSandroCalligaro
2.121 4 5
Master
Master
 
Messaggi: 890
Iscritto il: 6 ago 2015, 19:25

1
voti

[89] Re: Alimentatori Switching in parallelo

Messaggioda Foto UtenteBrunoValente » 17 gen 2018, 17:31

SandroCalligaro ha scritto:Mi aspetto che la soluzione più logica ed economica sia una resistenza di frenatura...


Non credo Foto Utentemarcosystem abbia le capacità, gli strumenti e tanto meno la voglia di implementare cose di questo tipo: a lui basta una toppa che gli consenta di continuare ad utilizzare i suoi alimentatori economici senza che si guastino e non gli interessa di risolvere davvero i problemi legati al recupero dell'energia e non vuole capire che, spike a parte, non è possibile decelerare una massa in rotazione senza recuperare o dissipare in qualche modo l'energia in ballo.

Credo che la soluzione più semplice adatta a lui sua quella di utilizzare una batteria di opportune dimensioni e un caricabatterie al posto di quegli alimentatori che, anche se non lo vuole capire, non sono adatti allo scopo.

Dulcis in fundo, direi di chiudere con questo thread che sembra una discussione di condominio dove, discutendo del sesso degli angeli, tanti parlano e pochi ascoltano.
Avatar utente
Foto UtenteBrunoValente
32,6k 7 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6319
Iscritto il: 8 mag 2007, 14:48

1
voti

[90] Re: Alimentatori Switching in parallelo

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 17 gen 2018, 17:42

:D :D potrebbe essere un'idea per una nuova sezione:

"condominio"

Come nelle migliori riunioni non solo si discute a vanvera, ma non si dice ai vicini cosa fai esattamente nel box perché poi ti rubano l'idea o ti staccano la luce :mrgreen:
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
28,4k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7791
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

PrecedenteProssimo

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot], MSN [Bot] e 38 ospiti