Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Pompe di calore vs Riscaldamento tradizionale

Caldaie, climatizzatori, isolamento termico, impianti di illuminazione e di insonorizzazione

Moderatori: Foto UtenteMassimoB, Foto Utentepaolo a m, Foto UtenteGuerra, Foto UtenteDarioDT

0
voti

[1] Pompe di calore vs Riscaldamento tradizionale

Messaggioda Foto UtenteJR1987 » 13 feb 2018, 23:02

Ultimamente sento gente che installa sistemi con pompe di calore nella mia zona che freddissima non è ma comunque nell'invernata da novembre a febbraio si sta spesso vicini ai 0°C

Io in casa ho una caldaia da 34 kW e in magazzino uguale con ventilconvettori belli grossi e caldo non ci stò

come faranno a star caldi con dei sistemi a pompa di calore ?

mi chiedo inoltre sono veramente così efficienti ?

io sono del parere che potendolo avere il metano sia il miglior combustibile in correlazione anche all'inesistente tempo che si deve dedicare alla caldaia una volta impostata ... cosa che con le biomasse non è così (forse costi ancora inferiori ma molta più "fatica")

comunque mi piacerebbe capire sopratutto perché la gente preferisce riscaldarsi con pompe di calore ad energia elettrica
Ultima modifica di Foto UtenteWALTERmwp il 13 feb 2018, 23:38, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: Spostato quì da "Fuori Tema"
Avatar utente
Foto UtenteJR1987
273 1 4 7
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 619
Iscritto il: 9 ott 2009, 11:34

5
voti

[2] Re: Pompe di calore vs Riscaldamento tradizionale

Messaggioda Foto Utentepaolo a m » 14 feb 2018, 9:15

JR1987 ha scritto:Ultimamente sento gente che installa sistemi con pompe di calore nella mia zona

Sarebbe interessante sapere in che tipo di edificio questa "gente" installa pompe di calore. Perché se si tratta di nuove costruzioni o ristrutturazioni importanti la scelta della pompa di calore come sistema di generazione è, di fatto, un obbligo. Questo perché, sulla base delle attuali normative, vige l'obbligo di assicurare che una parte importante del fabbisogno energetico dell'edificio, sia per la climatizzazione che per la produzione di acqua calda, provenga da fonti rinnovabili.
Uno dei modi per produrre calore partendo da energia rinnovabile è appunto la pompa di calore che, in primo luogo e, primariamente, è in grado di sfruttare l'energia a bassa entalpia presente nell'ambiente e, in secondo luogo, per quelle elettriche, godere del fatto che una quota sempre più rilevante della produzione elettrica nel nostro Paese deriva da fonte rinnovabile. Vantaggio che si accentua, anche dal punto di vista economico, se l'edificio è dotato di un impianto fotovoltaico.
Si tratta di un sistema efficiente? La risposta è certamente sì, se tutto è progettato e realizzato in modo corretto. Da tener presente, più in generale, che l'efficienza ed il risparmio energetico presuppongono prioritariamente una riduzione importante del fabbisogno dell'edificio, da realizzare attraverso un adeguato isolamento delle sue strutture opache e trasparenti. Altrettanto importante è un attento dimensionamento dell'impianto.
Avatar utente
Foto Utentepaolo a m
4.323 1 2 4
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 1464
Iscritto il: 23 apr 2008, 8:55

2
voti

[3] Re: Pompe di calore vs Riscaldamento tradizionale

Messaggioda Foto UtenteJAndrea » 14 feb 2018, 9:30

Le temperature rigide non sono in realtà un grande problema, ho visto a catalogo di diversi produttori macchine dove i cicli frigoriferi sono 2 in cascata, in modo da una parte di poter scendere con la temperatura all'evaporatore, dall'altra di produrre acqua più calda e compatibile con il riscaldamento ad alta temperatura.

Nella nuova edilizia ho visto raramente impiegati ventilconvettori, che potrebbero permettere anche la climatizzazione estiva, ma molto più spesso impianti a pavimento.

La mia unica perplessità, almeno qui da me (pianura padana), riguarda l'umidità che porterebbe a dover far effettuare alla macchina continui sbrinamenti dell'evaporatore.

Ma se tu abiti a Macerata (se ben ricordo dalla storia della grotta) il problema dovrebbe certamennte essere di minor entità.
Avatar utente
Foto UtenteJAndrea
2.402 2 5 9
Master
Master
 
Messaggi: 1249
Iscritto il: 16 giu 2011, 15:25
Località: Rovigo

2
voti

[4] Re: Pompe di calore vs Riscaldamento tradizionale

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 14 feb 2018, 10:01

alle risposte aggiungo alcune considerazioni per JR che magari è meno "dentro" l'argomento.

Le PdC hanno efficienze (COP) variabili con la stagione, ma in generale ben superiori a 2, contro una efficienza delle caldaie a metano che va da un 0,9 circa a un 1,1 per quelle a condensazione.

Con la recente riforma delle tariffe elettriche si ridurrà anche l'unico svantaggio delle PdC che era il maggior costo al kWh dell'energia elettrica,

Quindi oltre ad una efficienza superiore si aggiungerà anche un risparmio in bolletta.

Questo principalmente su case nuove o ristrutturate, perché su una casa vecchia e energivora passare alla PdC vorrebbe dire avere contratti di fornitura di energia elettrica per potenze molto elevate (quindi costosi).

Se aggiungi che una volta che scaldi a PdC puoi eliminare anche i fornelli a metano, e quindi evitare del tutto la fornitura del gas metano coi suoi costi fissi...

Insomma: maggior efficienza, uso delle rinnovabili, maggior sicurezza, maggior risparmio energetico.
Purtroppo il costo iniziale rende il passaggio non sempre conveniente su case esistenti, io per esempio spendendo circa 5-600€/ano di metano difficilmente potrei giustificare economicamente il passaggio a PdC se non si abbasseranno un po' i costi
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
25,4k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6856
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

0
voti

[5] Re: Pompe di calore vs Riscaldamento tradizionale

Messaggioda Foto UtenteJAndrea » 14 feb 2018, 10:32

http://www.qualenergia.it/articoli/2014 ... nti-Aeegsi
Sembra interessante anche questa tariffa agevolata, in particolare permette di allacciarvi l'intera abitazione, senza contatore dedicato alla PDC
Avatar utente
Foto UtenteJAndrea
2.402 2 5 9
Master
Master
 
Messaggi: 1249
Iscritto il: 16 giu 2011, 15:25
Località: Rovigo

0
voti

[6] Re: Pompe di calore vs Riscaldamento tradizionale

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 14 feb 2018, 11:16

Andrea il link è un po' vecchio e credo che la tariffa sia stata "superata" dall'eliminazione degli scaglioni.

Erano previste tariffe agevolate anche per i possessori di auto elettrica, mi ero informato ma il costo di attivazione di diverse centinaia di euro mi aveva bloccato.

Da qualche mese sfruttando le nuove tariffe ho aumentato la potenza impegnata, e da quest'anno dovrei vedere un calo del costo unitario del kWh...non so se le tariffe speciali abbiano più senso se non in casi particolari
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
25,4k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6856
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

0
voti

[7] Re: Pompe di calore vs Riscaldamento tradizionale

Messaggioda Foto UtenteJR1987 » 15 feb 2018, 1:08

grazie a tutti per le risposte, si è aperto un bel dibattito!

resta il dubbio dell'installazione di pdc su edifici vecchi ed energivori... io ad esempio con una caldaia a metano da 34 kW riesco a stento a riscaldarmi bene, idem per il magazzino (però son locali vecchi)
prima (20 anni fa ormai) avevo vecchie caldaie a gasolio da 80/100 kW e con quelle stavo bello caldo :D
Avatar utente
Foto UtenteJR1987
273 1 4 7
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 619
Iscritto il: 9 ott 2009, 11:34

0
voti

[8] Re: Pompe di calore vs Riscaldamento tradizionale

Messaggioda Foto UtenteJR1987 » 15 feb 2018, 11:33

non riesco più a modificare il post purtroppo comunque vorrei aggiungere che ad esempio nel magazzino dove lavoro spendo sui 1500 euro di metano ma sono costantemente al "freddo"
in inverno la termperatura non sale mai oltre i 16/17 gradi
è di due piani ... al piano terra sono a 16/17 gradi al secondo piano invece fanno 5 gradi in più
Avatar utente
Foto UtenteJR1987
273 1 4 7
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 619
Iscritto il: 9 ott 2009, 11:34

5
voti

[9] Re: Pompe di calore vs Riscaldamento tradizionale

Messaggioda Foto Utentepaolo a m » 15 feb 2018, 19:23

Evidentemente il fabbisogno energetico richiesto dall'ambiente è di entità tale che la potenza dell'impianto non riesce a coprire. Le soluzioni sono sostanzialmente due. Uno, riduci il fabbisogno migliorando l'isolamento delle strutture, opache e trasparenti, oppure incrementi la potenza dell'impianto. Nel primo caso avrai un investimento iniziale ed un risparmio futuro, nel secondo caso, se vuoi stare al caldo, metterai in conto un aumento della spesa per il metano.
La prima soluzione, se fatta nei dovuti modi e se ricorrono le condizioni, può godere del sostegno delle detrazioni fiscali.
Avatar utente
Foto Utentepaolo a m
4.323 1 2 4
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 1464
Iscritto il: 23 apr 2008, 8:55

3
voti

[10] Re: Pompe di calore vs Riscaldamento tradizionale

Messaggioda Foto UtenteGuerra » 18 feb 2018, 13:22

JR1987 ha scritto:in inverno la termperatura non sale mai oltre i 16/17 gradi
è di due piani ... al piano terra sono a 16/17 gradi al secondo piano invece fanno 5 gradi in più

Come già detto da Paolo non è semplice dare una risposta esauriente senza conoscere come è fatto l'immobile.
Prima di investire denaro sarebbe opportuno far valutare impianto e locali da un professionista, che possa aiutarti a scegliere la soluzione migliore.
Come detto da Paolo isolare in modo più efficace permetterebbe di ridurre le dispersioni di calore; poi quantificare in modo corretto il fabbisogno energetico è il secondo passo e solo dopo valutare come produrre calore.
"Le domande non sono mai indiscrete. Le risposte lo sono a volte"
Per qualche dollaro in più
Avatar utente
Foto UtenteGuerra
34,5k 6 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 4715
Iscritto il: 14 apr 2010, 16:38

Prossimo

Torna a Termotecnica, illuminotecnica, acustica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti