Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ricerca personalizzata

I forni a legna non competono coi diesel ?

Urbanistica, paesaggio, clima, inquinamento, biodiversità...

Moderatore: Foto Utenteadmin

1
voti

[31] Re: I forni a legna non competono coi diesel ?

Messaggioda Foto UtenteLancillotto » 5 mag 2018, 18:31

Prima parlavo di fumo, ecc...
Questo ne è un valido esempio
La Carrefour ovviamente non produce latte, mette a suo nome quello Granarolo o Giglio, ma da dove arriva questo latte?

Immagine

Un po' come le scarpe, si fabbricano in Cina, ma in Italia si mettono le stringhe e diventano Made in Italy
Avatar utente
Foto UtenteLancillotto
797 2 6
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 421
Iscritto il: 13 ott 2017, 14:47
Località: ۞ ₯ ۞

0
voti

[32] Re: I forni a legna non competono coi diesel ?

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 5 mag 2018, 18:35

Lanci, cambia marca.

Non ho voglia di fare un'altra foto, ma riporta mungitura in Italia ;-)

Puoi addirittura cercare un allevatore in zona, o una di quelle "case del latte"...
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
24,3k 6 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6997
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

1
voti

[33] Re: I forni a legna non competono coi diesel ?

Messaggioda Foto UtenteLancillotto » 5 mag 2018, 18:39

richiurci ha scritto:Lanci, cambia marca.

Non ho voglia di fare un'altra foto, ma riporta mungitura in Italia ;-)

Puoi addirittura cercare un allevatore in zona, o una di quelle "case del latte"...


Ok :mrgreen:

Comunque la foto del Latte Giglio decantato "dal 1934 Reggio Emilia" è emblematica per il discorso che stiamo facendo
Avatar utente
Foto UtenteLancillotto
797 2 6
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 421
Iscritto il: 13 ott 2017, 14:47
Località: ۞ ₯ ۞

2
voti

[34] Re: I forni a legna non competono coi diesel ?

Messaggioda Foto Utenteelektronik » 5 mag 2018, 18:52

UtenteCancellato ha scritto: il solito eccesso di tradizionalismo italiano che lo ha distrutto
i produttori italiani devono fare autocritica e mettersi sul mercato non devono pensare che noi li dobbiamo pagare di più perché non hanno spese di trasporto

Tu affermi che i cinesi sono più bravi degli italiani, io ti manderei a lavorare in cina cosi vedresti se e così, non è a causa degli stipendi da fame che loro possono produrre a costi bassissimi?. Forse dimentichi che la pressione fiscale in Italia e quella più alta tra i paesi occidentali quindi non permette ne ai nostri contadini ne alla nostra industria di avere prodotti competitivi. Se avessimo il loro cuneo fiscale venderemmo le banane agli africani. Per quando riguarda l'argentina ti sfugge il fatto che adoperano il Glifosato in agricoltura che sta ammazzando migliaia di contadini e quella roba va a finire anche nella carne. Buon appetito
Avatar utente
Foto Utenteelektronik
2.461 2 5 7
Expert
Expert
 
Messaggi: 1421
Iscritto il: 12 mag 2015, 22:26

2
voti

[35] Re: I forni a legna non competono coi diesel ?

Messaggioda Foto Utentecicciob90 » 5 mag 2018, 19:06

Io sono più avanti, compro prodotti regionali. Comunque per quanto ne sappia Granarolo alta qualità dovrebbe essere italiano ( sono vicino a 4 allevatori che lo forniscono alla Granarolo) sempre se non lo tagliano con latte in polvere estero.

Comunque per "colui" che li distingue in buono non buono vorrei porre dei quesiti. Sai per caso che esistono delle regolamentazioni statali? Sai che se magari una vacca in Italia produce 25/30 litri di latte al gg, all'estero potrebbe produrre di più perché probabilmente le danno ormoni? È stessa cosa potrebbe accadere ai vitelloni? Qui, in Italia, te lo posso affermare con certezza che agli animali non vengono somministrati ormoni poiché sono proibiti e le asl fanno controlli giornalieri al latte, e periodici ai bovini, sia maschi che femmine.
La differenza tra il gusto del latte polacco o romeno e quello italiano, forse, al palato non la senti ma ho sentito di bambine che a 7 ANNI, A 7 ANNI, hanno iniziato a sviluppare il seno ( sarà mica colpa degli ormoni nel latte?). Oppure con l'olio, essendo produttore ed avendo ottenuto la certificazione bio, ti posso dire che ho controlli periodici (fortunatamente), e la gente vuole pagarlo a meno di 5 euro al litro perché questo è il mercato è perché al supermercato quello Cirio ( solitamente mix di oli extraeuropei, e in Algeria è risaputo che utilizzano il glifosato per gli ulivi) costa di meno.Quindi siamo sicuri che la gente te sia capace di distinguere buono non buono?

PS: nel frattempo il mio coinquilino usa una sottomarca di olio preso all'MD in offerta. Gli ho fatto assaggiare il mio, Verdello, spremuto in un impianto ultra moderno lo stesso gg della raccolta, con il massimo dell' igiene, con 0,2% di acidità... ha avuto il coraggio di affermare che è lo stesso. #-o
Avatar utente
Foto Utentecicciob90
540 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 163
Iscritto il: 10 gen 2015, 13:35

2
voti

[36] Re: I forni a legna non competono coi diesel ?

Messaggioda Foto Utenteelektronik » 5 mag 2018, 20:43

cicciob90 ha scritto: ( solitamente mix di oli extraeuropei, e in Algeria è risaputo che utilizzano il glifosato per gli ulivi) costa di meno.Quindi siamo sicuri che la gente te sia capace di distinguere buono non buono?

Il glifosato venduto dalla monsanto e stato vietato in Europa e negli stati uniti ma viene venduto nei paesi sottosviluppati. che poi ci vendono i prodotti e datosi che ci sono in gioco interessi a noi occulti, la roba che produciamo noi viene controllata al pelo ma quella che viene dall'estero passa con facilità, vedi anche concentrato di pomodoro cinese fatto con additivi chimici per ammortizzare i costi di produzione. Poi gli venderemo il gasolio che noi non adopereremo più e chi se ne frega se poi l'acqua inquinata sia dai prodotti chimici che dal gasolio che le nostre multinazionali gli hanno venduto sarà trasportato dalla pioggia nei nostri campi e avveleneranno anche noi. E non mi dite che la mia e una fandonia.... In Germania gia negli anni settanta si sono accorti che pioveva acido che bruciava tutti i loro abeti.
Avatar utente
Foto Utenteelektronik
2.461 2 5 7
Expert
Expert
 
Messaggi: 1421
Iscritto il: 12 mag 2015, 22:26

0
voti

[37] Re: I forni a legna non competono coi diesel ?

Messaggioda Foto Utentecicciob90 » 6 mag 2018, 0:10

elektronik ha scritto:Il glifosato venduto dalla monsanto e stato vietato in Europa e negli stati uniti ma viene venduto nei paesi sottosviluppati. che poi ci vendono i prodotti e datosi che ci sono in gioco interessi a noi occulti, la roba che produciamo noi viene controllata al pelo ma quella che viene dall'estero passa con facilità, vedi anche concentrato di pomodoro cinese fatto con additivi chimici per ammortizzare i costi di produzione. Poi gli venderemo il gasolio che noi non adopereremo più e chi se ne frega se poi l'acqua inquinata sia dai prodotti chimici che dal gasolio che le nostre multinazionali gli hanno venduto sarà trasportato dalla pioggia nei nostri campi e avveleneranno anche noi. E non mi dite che la mia e una fandonia.... In Germania gia negli anni settanta si sono accorti che pioveva acido che bruciava tutti i loro abeti.


Esatto, è quello che volevo dire, oltre a fare la pubblicità al mio olio :cool:

Vietiamo i prodotti chimici ma poi li importiamo attraverso i prodotti alimentari. Nel frattempo i nostri agricoltori non potendo utilizzare quei prodotti, vedono la produzione dimezzarsi, vedono interi campi seccare in preda a malattie varie, e quel poco che fanno sono costretti a venderlo a peso d'oro per cercare di rientrare nelle spese. Essendo il prodotto più bruttino e più caro, il compratore sceglierà quello estero dando il colpo di grazia finale al produttore italiano.
Avatar utente
Foto Utentecicciob90
540 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 163
Iscritto il: 10 gen 2015, 13:35

1
voti

[38] Re: I forni a legna non competono coi diesel ?

Messaggioda Foto UtenteLancillotto » 7 mag 2018, 10:30

La difficoltà nel consumatore medio che comunque si pone il dubbio, molti non se lo chiedono minimamente, sta nello scegliere un prodotto italiano a discapito di quello estero.
Non sempre come sappiamo può essere la scelta migliore, ad esempio le fragole, un prodotto estero coltivato in serra con additivi, oppure un prodotto italiano coltivato nelle periferia di una grande città del sud tra le discariche o nella famosa terra dei fuochi?

Oltretutto che garanzia abbiamo sul prodotto estero e sul dove è stato coltivato?
La soluzione potrebbe, anzi lo è di sicuro la scelta a km zero, ma non tutti possono attuarla e anche in questo caso i "furbi" ci sono.
Personalmente ho conosciuto un "signore" ex collega di mio padre che si vantava di vendere primizie del suo orto, poi confessandoci che le acquistava nei centri a 0.99 € al kg apponendo un ricarico senza fare nulla e per giunta spacciando un prodotto di provenienza diversa, eppure aveva moltissimi clienti, scommetto tutti soddisfattissimi.

Quindi di chi fidarsi?
Avatar utente
Foto UtenteLancillotto
797 2 6
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 421
Iscritto il: 13 ott 2017, 14:47
Località: ۞ ₯ ۞

0
voti

[39] Re: I forni a legna non competono coi diesel ?

Messaggioda Foto UtenteLancillotto » 8 mag 2018, 9:55

Possono esserci diverse risposte.

Questa è la mia, avevo uno zio, purtroppo venuto a mancare da qualche anno, aveva un orticello e vedevo da me cosa e come coltivava con fatica e ciò che ogni volta mi dava.

Quindi posso supporre in una cosa simile, cioè almeno conoscere il produttore perché è (dovrebbe) essere vicino a chi compra, ma come ho anticipato questa è solo la mia risposta, sono consapevole che ce ne sono molte altre.
Avatar utente
Foto UtenteLancillotto
797 2 6
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 421
Iscritto il: 13 ott 2017, 14:47
Località: ۞ ₯ ۞

Precedente

Torna a Ambiente

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti