Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

controllo automatico resistenza contatti relè

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utentecarloc, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteBrunoValente

0
voti

[11] Re: controllo automatico resistenza contatti relè

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 3 lug 2018, 10:30

Ho schizzato lo schema.
Se ti interessa, in un prossimo messaggio lo descrivo.
Forse è meglio ridurre R2 da 10k a 2.2k.
Allegati
IMG_20180703_083647~2.jpg
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
6.190 4 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 2411
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[12] Re: controllo automatico resistenza contatti relè

Messaggioda Foto Utentegabrieleli » 3 lug 2018, 13:42

Grazie.. certo che mi interessa sapere come funziona...

Vediamo se ho capito io.
L'interruttore non lo metterò, visto che il circuito si chiude solo quando collego il rele che devo testare.
Sei partito con il dire di volere una caduta di tensione V1 in modo da polarizzare il transistor e far in modo che lo stesso si comporti da interruttore e accenda il led2.
La V1, che è la caduta sulla resistenza Rc (5ohm) varia in base alla RC. Se troppo alta, il transistor non satura e il led2 rimane spento.
Il led1 invece, è sempre acceso.
RTN12 è la massa?

Funziona così il tuo circuito?
Avatar utente
Foto Utentegabrieleli
10 2
 
Messaggi: 8
Iscritto il: 21 giu 2018, 13:48

0
voti

[13] Re: controllo automatico resistenza contatti relè

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 3 lug 2018, 14:17

L'interruttore non lo metterò, visto che il circuito si chiude solo quando collego il rele che devo testare.
L'interruttore rappresenta il contatto del relè.

...volere una caduta di tensione V1 in modo da polarizzare il transistor e far in modo che lo stesso si comporti da interruttore e accenda il led2.

Accende Led2 quando il contatto è aperto e quando è chiuso se la resistenza dei contatti è maggiore di circa 5 ohm (si spegne a contatto chiuso se il relè è buono).

La V1, che è la caduta sulla resistenza Rc (5ohm) varia in base alla Rc. Se troppo alta,
il transistor non satura e il led2 rimane spento.
NO , E' IL CONTRARIO:satura e accende Led2
Il led1 invece, è sempre acceso.
NO, solo quando il contatto è chiuso. Indica passaggio di corrente
e di contatto chiuso.

RTN12 è la massa? SI

Preferisci una alimentazione di +5V ? Si ridurrebbe la dissipazione di R1.

se si tollera una luminosità minore dei LED (corente che li attraversa da 10 a 5 mA) si possono portare R3 e R4 da 1000 ohm a 2200.
Il circuito ha dei limiti, è possibile migliorarlo introducendo altri componenti, ma forse non ne vale la pena.

Se puoi, ridisegna lo schema con fidocadj, sarà possibile modificarlo.
O_/
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
6.190 4 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 2411
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[14] Re: controllo automatico resistenza contatti relè

Messaggioda Foto Utentegabrieleli » 3 lug 2018, 15:07

grazie, capisco che devi avere un po di pazienza per gli strafalcioni che ho scritto prima.. io sono capitato in questo lavoro per caso.

Disegnare lo schema con fidocadj, lo trovo una perdita di tempo... non devo fare il circuito stampato.
Anzi, prenderò delle schedine 1000 fori e li monterò direttamente.

La tensione che dovrò utilizzare, quella a banco, è di 24 V
Quindi ho rifatto i conti, R1 sarà da 128 ohm, vedro di trovare un valore simile, a circa da 6watt in su

per la luminosità, vedrò il primo prototipo come si comporta.
Avatar utente
Foto Utentegabrieleli
10 2
 
Messaggi: 8
Iscritto il: 21 giu 2018, 13:48

0
voti

[15] Re: controllo automatico resistenza contatti relè

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 3 lug 2018, 15:41

Uno schema elettrico pulito e modificabile sarebbe utile per semplificare lo scambio di informazioni.
Prova lo schema e riferisci i risultati.
Rimango dell' opinione che se un contatto chiude di solito chiude bene.Per un collaudo di serie, non serve misurare la resistenza dei contatti; non sono esperto potrei sbagliarmi. O_/
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
6.190 4 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 2411
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[16] Re: controllo automatico resistenza contatti relè

Messaggioda Foto Utenteelektronik » 3 lug 2018, 18:30

Scusate se mi intrometto ma la cosa mi interessa e vorrei capire bene. correggetemi se mi sbaglio: se la scheda è sotto tensione e quindi sui contatti del relè che deve essere chiuso ci sono per es: 5V+ come si fa a testarlo con quel circuito, e se ci sarebbero 220 V ?. Grazie
Avatar utente
Foto Utenteelektronik
3.437 4 5 7
Expert
Expert
 
Messaggi: 2043
Iscritto il: 12 mag 2015, 22:26

0
voti

[17] Re: controllo automatico resistenza contatti relè

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 3 lug 2018, 21:46

Non ho compreso la domanda.
I contatti di cui capire la bontà devono essere sconnessi da altre connessioni e quindi liberi da tensione.
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
6.190 4 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 2411
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[18] Re: controllo automatico resistenza contatti relè

Messaggioda Foto Utenteelektronik » 3 lug 2018, 22:48

MarcoD ha scritto:Non ho compreso la domanda.
...tensione.

A me sembrava che i relè chiudevano un alimentazione, allora chiedo scusa.
Avatar utente
Foto Utenteelektronik
3.437 4 5 7
Expert
Expert
 
Messaggi: 2043
Iscritto il: 12 mag 2015, 22:26

2
voti

[19] Re: controllo automatico resistenza contatti relè

Messaggioda Foto Utenteelfo » 4 lug 2018, 8:22

Vorrei proporre una soluzione alternativa:

- Arduino (come da schema qui sotto)

La soluzione - come vedremo - e' (solo) apparentemente overkilling (overkilling perche' usa 1 (uno) microntrollore invece che pochi transistor e 4 (quattro) schede Arduino (per 24 canali) quando ne basterebbe 1 (un Arduino)).

Perche' *non* e' overkilling.

1) Con la soluzione a transistor le "soglie" di funzionamento sono "incerte" - richiedono aggiustamenti in sede di prototipazione e difficilmente adattabili (richiede il riclacolo del circuito e lavoro HW) in caso di cambio di specifiche.

Con Arduino un ADC da 10 bit fornisce la precisione necessaria senza aggiustamenti e adattarsi a nuove specifiche si risolve con caricare nuovo SW (cambio di un parametro).

Il costo di 4 Arduino sul mercato cinese e' "risibile" e confrontabile -se non inferiore - alla soluzione a "componenti discreti". Occorre solo aggiungere una manciata di resistenze e LED.
La varieta' ed il valore dei componenti si reduce a 3.
Il numero delle saldature da effettuare e' minimo.

2) Con la soluzione propsta il numero di Arduino per 24 canali complessivi e' 4 (quattro) - ogni Arduino processa fino a 6 canali. Quattro Arduino e' numero che sembra un "abominio" in termini di sottoimpiego delle risorse.
Il problema potrebbe essere risolto "elegantemente" con un solo Arduino e pochi mux analogici a 8 canali (es CD4051) per commutare in sequenza tutti I segnali provenienti dai contatti dei rele' su un solo ingresso ADC e utilizzare una corrispondente soluzione per I LED.

La soluzione "mux" comporta:
- una maggiore complessita' del circuito
- un maggiore varieta' dei componenti
- un numero maggiore di saldature da effettuare
- un SW piu' complesso

senza portare nessun reale vantaggio lato costi e volume occupato (un Arduino nano costa "pennies" e occupa "niente")
Avatar utente
Foto Utenteelfo
2.829 2 4 7
Master
Master
 
Messaggi: 1208
Iscritto il: 15 lug 2016, 13:27

0
voti

[20] Re: controllo automatico resistenza contatti relè

Messaggioda Foto Utenteelektronik » 11 gen 2019, 21:43

ciao Foto Utentegabrieleli mi è capitato di dover cercare un corto in alcune schede ma datosi che mi serviva uno strumento che riuscisse a misurare una resistenza che rimanesse al di sotto dei 4 ohm, ho trovato in rete questo schema ho creato il circuito stampato l'ho costruito e funziona alla perfezione. Ricordandomi del tuo post ho voluto inserirti il circuito. Con due puntali riesci a misurare resistenze da 1 a 10 ohm la soglia e regolabile è non devi neppure guardare perché c'è un buzzer che suona solo se sei nel range da te stabilito, se la resistenza è al di sopra di una certa soglia rimane in silenzio.
Allegati
tester-prova corti e contatti.jpg
Avatar utente
Foto Utenteelektronik
3.437 4 5 7
Expert
Expert
 
Messaggi: 2043
Iscritto il: 12 mag 2015, 22:26

Precedente

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 29 ospiti