Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Valutazione rischio fulminazione

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentelillo, Foto UtenteMike, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago

2
voti

[11] Re: Valutazione rischio fulminazione

Messaggioda Foto UtenteMike » 1 ago 2018, 11:59

Come ho già ribadito in altri post è assurdo entrare nel merito del costo. Ricordo che è una valutazione del rischio e che la raccolta dei dati di ingresso è fondamentale, così come la valutazione delle soluzioni adottabili se la struttura non risultasse autoprotetta e LPS è solo UNA delle soluzioni.
Consiglio di fare l'offerta solo per la valutazione del rischio e solo quando si è definito con la committenza la modalità di protezione, redigerai l'offerta della relativa progettazione.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,2k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14111
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

1
voti

[12] Re: Valutazione rischio fulminazione

Messaggioda Foto UtenteFa1000 » 1 ago 2018, 19:17

Mike ha scritto:......Come ho già ribadito in altri post è assurdo entrare nel merito del costo. Ricordo che è una valutazione del rischio e che la raccolta dei dati di ingresso è fondamentale......

=D>
Condivido alla grande!! Spesso e volentieri la raccolta dati te la devi smazzare quasi tutta te ( già avere una collaborazione dal tecnico di prevenzione incendi è complicato ), alla fine ti porta via più tempo della valutazione, inoltre per affinare il calcolo devi suddividere per bene le zone fare varie simulazioni, ecc. ecc.. Di primo acchito 700 euro mi sembrano pochi se però ti forniscono tutti i dati d'ingresso su un piatto d'argento allora ci può anche stare.
Non so voi ma per me 700€ = max 1,5gg di lavoro a 2gg diventa opera pia ( senza contare poi l'aspetto "responsabilità" che avrà pure un suo valore!). Attenzione che non ho detto di quante ore lavorative è una giornata, tanto lo sapete già che per gli studi di settore è al max di 8 ore :evil:.

PS: sto scarso di reputation ma un punto a Goofy glielo avrei dato! O_/
Avatar utente
Foto UtenteFa1000
5 3
 
Messaggi: 6
Iscritto il: 11 lug 2018, 19:12

0
voti

[13] Re: Valutazione rischio fulminazione

Messaggioda Foto Utentegjkfriend » 24 set 2018, 15:15

Buonasera, se la casa di riposo è composta da cinque palazzine distaccate (aventi diverse dimensioni ed altezze e distanti qualche decina di metri l'una dall'altra), ubicate nella stessa area esterna di circa 4000 mq, devo fare cinque calcoli distinti come se fossero totalmente separate, oppure devo costruirmi una mega struttura che le comprende tutte ?

Grazie
Avatar utente
Foto Utentegjkfriend
136 1 3 6
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 656
Iscritto il: 25 ott 2010, 22:25

1
voti

[14] Re: Valutazione rischio fulminazione

Messaggioda Foto UtenteDanielex » 24 set 2018, 15:37

Si devi considerarle singolarmente.
Altrimenti l'approssimazione diventa un po' troppa :mrgreen:
Avatar utente
Foto UtenteDanielex
2.768 3 4 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2312
Iscritto il: 21 feb 2008, 18:18

0
voti

[15] Re: Valutazione rischio fulminazione

Messaggioda Foto Utentegjkfriend » 8 ott 2018, 18:21

Buonasera ho 3 edifici e sto utilizzando il software Zeus:

- uno principale 32x15 metri alto 15 metri

- uno 13x13 alto 5 m (con centrale termica a metano seminterrata da 340 kW a servizio di tutti gli edifici)

- uno 13x13 alto 5 m

Faccio 3 valutazioni distinte perché sono distanti una decina di metri l'uno dall'altro.

1) Per quanto riguarda la valutazione rischio esplosione, devo inserirla solo nel secondo edificio o anche negli altri ?

2) Ho provato con atex a fare una valutazione e viene una zona 2 di 15 cm. La zona 2 devo inserirla o è trascurabile? Quando è trascurabile ?

3) Per tensione di tenuta impulso va bene inserire 2,5 kV per componenti elettrici e 1,5 kV per linea telefonica ?

Grazie
Avatar utente
Foto Utentegjkfriend
136 1 3 6
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 656
Iscritto il: 25 ott 2010, 22:25

1
voti

[16] Re: Valutazione rischio fulminazione

Messaggioda Foto Utentelillo » 8 ott 2018, 18:30

ciao,
Foto Utentegjkfriend ha scritto:1) Per quanto riguarda la valutazione rischio esplosione, devo inserirla solo nel secondo edificio o anche negli altri ?

se vi sono zone ATEX devi inserirle solo nell'edificio che ha quelle zone.
credo che Zeus consideri anche la possibilità di danno che si estende oltre la struttura in oggetto, ma solo in caso di emissioni chimiche o radioattive.
gjkfriend ha scritto:2) Ho provato con atex a fare una valutazione e viene una zona 2 di 15 cm. La zona 2 devo inserirla o è trascurabile? Quando è trascurabile ?

inseriscila.
non trascurare nulla. farai magari delle considerazioni qualora non sia autoprotetto.
gjkfriend ha scritto:3) Per tensione di tenuta impulso va bene inserire 2,5 kV per componenti elettrici e 1,5 kV per linea telefonica ?

in assenza (assenza ovvia) di tali informazioni:
preferisco partire con 1,5 kV per gli elettrici, e 1 kV per i telefonici.
Avatar utente
Foto Utentelillo
17,2k 7 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3132
Iscritto il: 25 nov 2010, 11:30
Località: Nuovo Mondo

0
voti

[17] Re: Valutazione rischio fulminazione

Messaggioda Foto Utentegjkfriend » 8 ott 2018, 18:36

in assenza (assenza ovvia) di tali informazioni:
preferisco partire con 1,5 kV per gli elettrici, e 1 kV per i telefonici.


....che è a favore della sicurezza, ma peggiorativo per le misure di protezione necessarie giusto?
Avatar utente
Foto Utentegjkfriend
136 1 3 6
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 656
Iscritto il: 25 ott 2010, 22:25

1
voti

[18] Re: Valutazione rischio fulminazione

Messaggioda Foto Utentelillo » 8 ott 2018, 18:45

salve Foto UtenteDanielex
Foto UtenteDanielex ha scritto:Si devi considerarle singolarmente.
Altrimenti l'approssimazione diventa un po' troppa :mrgreen:

si, l'approssimazione è alta, ma a favore della sicurezza.
ho eseguito la valutazione di 6 strutture facente parte di unica attività produttiva.
ho eseguito le valutazioni singolarmente, e tutte le strutture risultavano autoprotette, con rischi residui ridicoli.

osservavo tuttavia la complessità dell'impianto produttivo:
produzione di poliuretano espanso, con capannoni di stoccaggio, e nastri trasportatori che portavano il poliuretano da una parte all'altra; tettoie metalliche che si estendevano da una struttura all'altra; nonchè 5 carri trasportatori su binari (parliamo di strutture metalliche larghe 5 metri e lunghe 30 metri), che viaggiavano da una parte all'altra dell'area.

lo scrupolo mi attanagliava.
ho deciso allora di fare la prova del nove:
il dato determinante sull'area di raccolta è sostanzialmente l'altezza dell'immobile oggetto di valutazione, e prendo il più alto.
inserisco i dati di input, e in assenza di severa diversità tra zone, utilizzo la modalità zona singola.
inserisco un numero di persone presenti pari alla somma delle persone inserite nelle singole valutazioni.
inserisco i rischi specifici, considerando i rischi specifici di tutte le strutture.
alla fine trovo un rischio residuo molto maggiore (quasi al limite del 10^-5) della somma dei rischi singoli delle strutture.
Avatar utente
Foto Utentelillo
17,2k 7 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3132
Iscritto il: 25 nov 2010, 11:30
Località: Nuovo Mondo

0
voti

[19] Re: Valutazione rischio fulminazione

Messaggioda Foto Utentelillo » 8 ott 2018, 18:48

Foto Utentegjkfriend ha scritto:....che è a favore della sicurezza, ma peggiorativo per le misure di protezione necessarie giusto?

se sei in fase di valutazione sei a favore della sicurezza.
se sei in fase di progettazione SPD, avresti bisogno di dati più precisi per poterli dimensionare.
Avatar utente
Foto Utentelillo
17,2k 7 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3132
Iscritto il: 25 nov 2010, 11:30
Località: Nuovo Mondo

0
voti

[20] Re: Valutazione rischio fulminazione

Messaggioda Foto UtenteDanielex » 8 ott 2018, 19:28

Ci sta Foto Utentelillo, sono approssimazioni che ho fatto anch'io in passato e faccio tuttora, quando non ho a che fare con situazioni particolarmente problematiche.
Il rischio in questo caso è assolutamente maggiore anche semplicemente perché le strutture considerate nel loro insieme avranno un'area di raccolta molto maggiore rispetto alle singole strutture.
Però credo che il tuo sia un caso particolare, probabilmente "fortunoso" (come alcuni che sono capitati anche a me).

perché normalmente quando faccio una veloce prevalutazione in contesti industriali simili a quello da te descritto il risultato è questo:
- LPS;
- SPD;
- impianto di spegnimento automatico;
- fuga a gambe levate :mrgreen:


A parte gli scherzi, mi trovo spesso a dover gestire piccole zone a rischio di esplosione in fabbricati che non hanno strutture metalliche, quando ho a che vedere con zone 2 normalmente riesco a trascurarle a monte (tornando quindi alla classificazione delle zone e utilizzando espedienti come rivelatori di gas, ecc.), con le zone 1 e 0 o 21-20 sono cavoli amari però.
Poi vale lo stesso discorso per depositi o magazzini con carichi d'incendio importanti.

Quindi nella maggioranza dei casi ho necessità di trattare separatamente i fabbricati e suddividerli a loro volta attentamente in zone.

Comunque non posso generalizzare, ovviamente ogni caso è a sè stante ma una verifica complessiva (considerando strutture indipendenti come un'unica grande struttura) si può assolutamente fare e se davvero sono stati considerati tutti i parametri nella condizione peggiore non vedo problemi di alcun tipo.
O_/
Avatar utente
Foto UtenteDanielex
2.768 3 4 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2312
Iscritto il: 21 feb 2008, 18:18

PrecedenteProssimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 19 ospiti