Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Protezione schede elettroniche

PLC, servomotori, inverter...robot

Moderatori: Foto Utentedimaios, Foto Utentecarlomariamanenti

0
voti

[1] Protezione schede elettroniche

Messaggioda Foto Utentevincenzo66 » 25 ago 2018, 1:42

Ciao a tutti vorrei un aiuto per risolvere che si presenta di tanto in tanto... In pratica ci sono 10 macchinari tessili trifase delle quali 6 ultima generazione e 4 un bel po' datate succede a volte che quando va via la corrente o quando c'è uno sbalzo di tensione si rischia che le schede appartenenti alle macchine di vecchia data si rompono o si brucia qualche componente come l'ultima a luglio mentre le nuove mai un problema perché hanno evidentemente una protezione contro sovratensioni o black-out. In sostanza il tecnico mi dice che si può far poco o niente se risolvere il problema ,però qualche dubbio mi viene a dir il vero....sta di fatto che solo al 2018 sono state cambiate 3 schede ..A punto vi chiedo se inserendo un UPS per macchina oppure un interruttore di sovratensioni o un qualcosa che possa proteggere queste 4 vecche ma funzionanti macchine tessitrici..queste schede servono per programmare oltre che per padre ha e altro.... Vi ringrazio e spero di risolvere co. i vostri aiuti. saluti Vincenzo
Avatar utente
Foto Utentevincenzo66
0 3
 
Messaggi: 6
Iscritto il: 9 ago 2014, 20:42

0
voti

[2] Re: Protezione schede elettroniche

Messaggioda Foto Utentemario_maggi » 25 ago 2018, 9:23

vincenzo66,
tutti i problemi tecnici sono risolvibili, anche il tuo.
il tecnico mi dice che si può far poco o niente se risolvere il problema

non è vero, a meno che tu non aggiunga "spendendo poco o niente".
Prima di tutto dovresti calcolare il ROI dell'operazione di adeguamento, se per esempio i guasti e la mancata produzione ed i prodotti difettosi ti costano 10'000 e l'adeguamento costa 50'000, il ROI sarà di 5 anni, poi sentirai i benefici economici.
Se il costo del difetto è 1'000 e l'adeguamento costa 100'000, solo dopo 100 anni avrai vantaggi economici. Può darsi che si verifichino anche problemi alla qualità del tessuto, se ci sono microinterruzioni che non arrivano a far fermare il telaio, in tal caso va preso in considerazione anche il miglioramento alla qualità.
Ciao
Mario
Mario Maggi
https://www.evlist.it per la mobilità elettrica e filiera relativa
https://www.axu.it , inverter speciali, soluzioni originali
Innovazioni: https://www.axu.it/mm4
Avatar utente
Foto Utentemario_maggi
14,7k 3 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3283
Iscritto il: 21 dic 2006, 9:59
Località: Milano

0
voti

[3] Re: Protezione schede elettroniche

Messaggioda Foto UtenteSerTom » 25 ago 2018, 9:25

Quando "va via la corrente ..." (e quando poi ritorna) possono accadere una serie di fenomeni molto diversi.
In genere gli apparecchi elettrici sono progettati per "resistere" a questi fenomeni, almeno quelli più comuni. Prova ne è che le macchine più recenti non hanno problemi.
Le vecchie macchine, probabilmente non sono così robuste.

Ma per avere la garanzia che la soluzione sia risolutiva bisognerebbe analizzare il guasto e risalire alla causa originale. Altrimenti si va a tentativi ... e devi sperare nella fortuna ... ma in ambito tecnico esiste l'esatto opposto ! Si chiama "Murphy" (cerca: "legge di Murphy" e capirai di cosa parlo ...) :mrgreen:

Per questo sconsiglierei di ... provare a caso!
Inizia col chiedere a chi ti ha riparato la macchina se ti spiega cosa si è guastato e la sia probabile causa.

Bye O_/ Ser.Tom
Avatar utente
Foto UtenteSerTom
4.199 1 4 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1956
Iscritto il: 18 mag 2012, 9:57

0
voti

[4] Re: Protezione schede elettroniche

Messaggioda Foto Utenteelektronik » 25 ago 2018, 13:03

Potresti costruire un temporizzatore di ritardo che quando arriva la tensione, (non so se con la 380 funziona ugualmente ma ci sarà senz'altro qualcuno che mi corregge), questo da tensione alla scheda una ventina di secondi e più di ritardo e la scheda dovrebbe salvarsi.
Avatar utente
Foto Utenteelektronik
2.799 3 5 7
Expert
Expert
 
Messaggi: 1643
Iscritto il: 12 mag 2015, 22:26

0
voti

[5] Re: Protezione schede elettroniche

Messaggioda Foto Utentemario_maggi » 25 ago 2018, 15:27

elektronik,
la scheda dovrebbe salvarsi.

e perché mai? Se la sovratensione o il buco/buchi si verificano prima, la soluzione che proponi non serve a niente.
Ciao
Mario
Mario Maggi
https://www.evlist.it per la mobilità elettrica e filiera relativa
https://www.axu.it , inverter speciali, soluzioni originali
Innovazioni: https://www.axu.it/mm4
Avatar utente
Foto Utentemario_maggi
14,7k 3 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3283
Iscritto il: 21 dic 2006, 9:59
Località: Milano

0
voti

[6] Re: Protezione schede elettroniche

Messaggioda Foto Utenteelektronik » 25 ago 2018, 16:05

mario_maggi ha scritto:elektronik,
la scheda dovrebbe salvarsi.

e perché mai? Se la sovratensione o il buco/buchi si verificano prima, la soluzione che proponi non serve a niente.
Ciao
Mario

scusa Mario ma avevo capito che succedeva al ritorno della tensione, ecco perché avevo pensato che con un accensione ritardata poteva essere la soluzione. Io ho una caldaia onnivora e a volte mi succedeva proprio questo ma con un temporizzatore che attiva la caldaia in ritardo ho risolto. Scusate :cry:
Avatar utente
Foto Utenteelektronik
2.799 3 5 7
Expert
Expert
 
Messaggi: 1643
Iscritto il: 12 mag 2015, 22:26

1
voti

[7] Re: Protezione schede elettroniche

Messaggioda Foto UtenteSerTom » 27 ago 2018, 8:58

elektronik ha scritto:... un temporizzatore di ritardo che ... da tensione alla scheda una ventina di secondi ... di ritardo e la scheda dovrebbe salvarsi.
Opzione valutabile !
Effettivamente in caso di mancanza di tensione dalla rete di distribuzione (intendo: non per intervento di una protezione, es. magnetoternico); almeno nei primi istanti, non è garantito ne il ritorno contemporaneo delle 3 fasi ne che le tensioni presenti rientrino nei limiti standard. Insomma il "riavvio" della rete può essere un momento MOLTO critico.
Un temporizzatore che ritardi l'accentazione delle apparecchiature è quindi una opzione praticabile.
Oltretutto se ci sono molte macchine, con temporizzazioni differenti si ridurrebbe (distribuendolo nel tempo) il picco di potenza che in genere si presenta all'avvio.

Naturalmente, come già detto, potrebbe essere tutto inutile se la causa del guasto ha origine differente.

Bye O_/ Ser.Tom
Avatar utente
Foto UtenteSerTom
4.199 1 4 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1956
Iscritto il: 18 mag 2012, 9:57

0
voti

[8] Re: Protezione schede elettroniche

Messaggioda Foto Utentevincenzo66 » 27 ago 2018, 10:38

ciao grazie per i vostri interventi preziosi,però volevo capire se un UPS potrebbe essere utile visto che fa anche da stabilizzatore di tensione o sbaglio?mettendone uno per macchina almeno quelle vecchie,può essere una soluzione?grazie
Avatar utente
Foto Utentevincenzo66
0 3
 
Messaggi: 6
Iscritto il: 9 ago 2014, 20:42

0
voti

[9] Re: Protezione schede elettroniche

Messaggioda Foto Utenteelektronik » 27 ago 2018, 11:09

Quando mi succedeva a me, era solo al ritorno della tensione ENEL. I gruppi di continuità possono servire ma se i picchi sono molto alti si bruciano anche quelli, difatti alla caldaia avevo messo un gruppo di continuità che durò poco. Devo ammettere che era uno da quattro soldi.
Avatar utente
Foto Utenteelektronik
2.799 3 5 7
Expert
Expert
 
Messaggi: 1643
Iscritto il: 12 mag 2015, 22:26

0
voti

[10] Re: Protezione schede elettroniche

Messaggioda Foto Utentevincenzo66 » 27 ago 2018, 13:23

pensavo anche al rifasatore magari quando ripartono le batterie possono provocare inconvenienti di questo tipo,è possibile o non influiscono affatto?
Avatar utente
Foto Utentevincenzo66
0 3
 
Messaggi: 6
Iscritto il: 9 ago 2014, 20:42

Prossimo

Torna a Automazione industriale ed azionamenti

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti