Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Quesito magnetotermico differenziale

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo

0
voti

[1] Quesito magnetotermico differenziale

Messaggioda Foto Utenteantoniomix » 27 ago 2018, 19:04

Salve a tutti. Ho necessità di avere un vostro parere. Ho cambiato un macchinario in officina che era protetto da un magnetotermico differenziale trifase 3p senza neutro da 40 amp. Volevo sapere se va bene per proteggere il nuovo macchinario che assorbe 25 amp max. La distanza macchinario - differenziale è di circa 5mt e la sezione dei cavi e da 16mm. Cordiali saluti
Antonio
P.S. chiedo scusa se ho sbagliato sezione.
Avatar utente
Foto Utenteantoniomix
0 3
New entry
New entry
 
Messaggi: 52
Iscritto il: 19 ott 2006, 21:34

0
voti

[2] Re: Quesito magnetotermico differenziale

Messaggioda Foto Utentemagoxax » 28 ago 2018, 8:34

Ho cambiato un macchinario in officina che era protetto da un magnetotermico differenziale trifase 3p senza neutro da 40 amp.

Se l'interruttore MTD è a protezione della linea di alimentazione ed il "macchianrio" ha il suo quadro di comando e protezione direi che può andare bene.

P.S.
Cosa intendi per "macchinario"?
Avatar utente
Foto Utentemagoxax
2.594 2 3 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1158
Iscritto il: 18 mar 2009, 14:56

1
voti

[3] Re: Quesito magnetotermico differenziale

Messaggioda Foto UtenteMike » 28 ago 2018, 12:20

Cose da sapere:
1. il campo di applicazione. Dal punto di consegna fino ai morsetti del quadro bordo macchina è impianto elettrico di distribuzione soggetto al DM 37/08 e alla norma CEI 64-8; chi può effettuare questo intervento deve essere installatore qualificato e a monte, se è il caso, un progettista iscritto all'albo. Dai morsetti del bordo macchina in poi è equipaggiamento elettrico, sei fuori dal campo di applicazione del DM 37/08 e CEI 64-8, e rientri nelle direttive europee applicabili (macchine, BT, EMC, ecc.) e alla norma CEI EN 60204-1.
2. Quel dispositivo di protezione può essere necessario come del tutto inutile, dipende da cosa ha previsto il produttore della macchina nell'equipaggiamento elettrico e cosa ha prescritto a carico dell'impianto elettrico del cliente per la protezione: cortocircuito, sovracorrenti, contatti indiretti. Sempre in riferimento al campo di applicazione quel dispositivo di protezione servirebbe esclusivamente alla protezione dalle sovracorrenti e cortocircuito di quei 5 metri di conduttura e dai contatti indiretti della macchina, sempre che il dispositivo di protezione dai contatti indiretti non sia già previsto sulla macchina stessa.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,9k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14279
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[4] Re: Quesito magnetotermico differenziale

Messaggioda Foto Utenteantoniomix » 7 set 2018, 19:02

Grazie per le risposte.La mia domanda è scaturita da una certa premura per poter collaudare e mettere in funzione in tempi ristretti la mia nuova Fresa per taglio marmi in quanto il mio elettricista di fiducia era in ferie. Gentilissimi.
Saluti
Antonio
Avatar utente
Foto Utenteantoniomix
0 3
New entry
New entry
 
Messaggi: 52
Iscritto il: 19 ott 2006, 21:34


Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 21 ospiti