Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

impianto del 4° mondo, come mi comporto..

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentelillo, Foto UtenteMike, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago

0
voti

[31] Re: impianto del 4° mondo, come mi comporto..

Messaggioda Foto UtenteNSE » 4 set 2018, 13:07

Segnalo un articolo di TNE pag 13 gennaio 2016 con corrispettivo fac-simile.
In linea con l'intervento di Foto UtenteMike
Altrove. .Volutamente Anonimo
Avatar utente
Foto UtenteNSE
1.626 3 6
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 445
Iscritto il: 30 nov 2014, 18:25

0
voti

[32] Re: impianto del 4° mondo, come mi comporto..

Messaggioda Foto UtenteJAndrea » 4 set 2018, 13:22

Non tutti siamo abbonati a TNE, se l'hai letto di recente, riporta più o meno cosa dice.
Avatar utente
Foto UtenteJAndrea
2.807 2 5 9
Master
Master
 
Messaggi: 1487
Iscritto il: 16 giu 2011, 15:25
Località: Rovigo

0
voti

[33] Re: impianto del 4° mondo, come mi comporto..

Messaggioda Foto UtenteMike » 4 set 2018, 14:34

guzz ha scritto:vero, però sfido chiunque a fare un verbale positivo ad un impianto senza differenziale...

Non è vero, se è un sistema TN il differenziale non è necessario.
guzz ha scritto:e non creda serva spiegare a te le conseguenze di un verbale negativo. sbaglio?

Nessun organismo privato redige verbali negativi, ma non rilascia alcun verbale fino a quando non sono state sistemate le difformità riscontrate e segnalate informalmente.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,2k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14111
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[34] Re: impianto del 4° mondo, come mi comporto..

Messaggioda Foto UtenteJAndrea » 4 set 2018, 14:36

se è un sistema TN il differenziale non è necessario.

Vuoi che in tutto l'impianto non ci sia nemmeno una presa a spina da proteggere?
Avatar utente
Foto UtenteJAndrea
2.807 2 5 9
Master
Master
 
Messaggi: 1487
Iscritto il: 16 giu 2011, 15:25
Località: Rovigo

1
voti

[35] Re: impianto del 4° mondo, come mi comporto..

Messaggioda Foto UtenteMike » 4 set 2018, 14:38

JAndrea ha scritto:
se è un sistema TN il differenziale non è necessario.

Vuoi che in tutto l'impianto non ci sia nemmeno una presa a spina da proteggere?

Basta che l'intervento sia entro i 0,4 secondi.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,2k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14111
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

1
voti

[36] Re: impianto del 4° mondo, come mi comporto..

Messaggioda Foto Utenteelettro » 5 set 2018, 11:11

Ad " occhio " - mi pare uin sistema classico del terziario in TT con formitura entro i 60kW...consiglierei al nostro forumer di proporre perlomeno la sostituzione del quadro generale in relazione ad un verifica preliminare di quello che vi è a valle, compresi e soprattutto in relazione agli eventuali differenziali.
Un quadro generale in polimero con spie presenza rete, DG e morsettiere, per quanto concerne il differenziale eventuale da aggiungere modello S con solgia regolabile - id 0,3/0,5 ...bisogna fare delle valutazioni sul campo. Oppure, se non presenti differenziali, ed è possibile..posarne uno generale istantaneo comporterebbe certamente molte interruzioni non gradite dal committente.
E' chiaro che si tratta con buona probabilità di un impianto risalente agli anni 80, mantneuto così com'è, mnetre è rilevante annotare che, la crisi economica ha conseguito un rallentamento nell'ammodernamento anche degli impianti, compresa la manutenzione (parentesi). O_/ O_/
Avatar utente
Foto Utenteelettro
888 3 5 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 2769
Iscritto il: 9 mar 2005, 19:23

0
voti

[37] Re: impianto del 4° mondo, come mi comporto..

Messaggioda Foto Utenteelettro » 5 set 2018, 11:15

Dimnenticavo...magari anche dei sezionatori o MT che separano le varie linee sempre nel quadro genrale..
Avatar utente
Foto Utenteelettro
888 3 5 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 2769
Iscritto il: 9 mar 2005, 19:23

1
voti

[38] Re: impianto del 4° mondo, come mi comporto..

Messaggioda Foto Utentee7o7 » 5 set 2018, 11:24

elettro ha scritto: E' chiaro che si tratta con buona probabilità di un impianto risalente agli anni 80, mantneuto così com'è, mnetre è rilevante annotare che, la crisi economica ha conseguito un rallentamento nell'ammodernamento anche degli impianti, compresa la manutenzione (parentesi). O_/ O_/


già l'OP parla di "tessitura", forse impropriamente, magari un azienda del tessile.
Ormai qui da me le centinaia di laboratori (in provincia) che facevano i terzisti,
sono falliti da 2 decenni, come pure le grandi aziende produttrici di filati.
Probabilmente l'interruttore testimonia la miseria dello
stato economico dell'azienda più che la turpe avidità del datore di lavoro.

Questi impianti mi mettono tristezza.
Avatar utente
Foto Utentee7o7
177 2 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 189
Iscritto il: 10 ott 2011, 17:14
Località: Veneto

0
voti

[39] Re: impianto del 4° mondo, come mi comporto..

Messaggioda Foto UtenteMike » 5 set 2018, 13:48

e7o7 ha scritto:Probabilmente l'interruttore testimonia la miseria dello
stato economico dell'azienda più che la turpe avidità del datore di lavoro.

:ok:
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,2k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14111
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

2
voti

[40] Re: impianto del 4° mondo, come mi comporto..

Messaggioda Foto Utentebatfab » 5 set 2018, 15:20

Allora, vi aggiorno sugli ultimi sviluppi.
Con il mio socio ci siamo confrontati e preso in esame varie possibilità:
la principale era di lasciar perdere, anche perché in quel TNE da cui anche io ho estrapolato la manleva con segnalazione di difformità riscontrate (tra l'altro già firmata dal cliente) si dice che l'installatore deve ovviamente eseguire i lavori a regola d'arte…… ma sostituire l'interruttore e ricollegare sotto delle corde di sezione troppo inferiore ????
Altra ipotesi era quella di vedere se era possibile inserire dei magnetotermici a protezione delle linee… ma a quel punto occorre progetto e differenziali.

Facciamo un sopralluogo e vediamo un po', apro la basetta millefori (deformata dal calore):

4.jpg


Alcuni cavi che partono grossi dietro hanno un morsetto da cui partono altri cavi piccoli…

Apro un altro po' (poco perché sento scricchiolii dell'isolante dei cavi):

5.jpg


A questo punto ho fugato ogni dubbio; spiego la situazione disastrosa al cliente, saluto cordialmente e me ne vado. O_/
Il cavo che si vede color rame ha addiritura dei trefoli finiti...

Si trattava di un piccolo e vecchissimo capannone (travatura in legno) con all'interno 7 telai (un must anni addietro a Prato) di cui l'ultimo aggiunto da un anno (tanto non c'è limitatore :D ).
L'interruttore è collegato direttamente al contatore e ai morsetti in ingresso ha pure collegato due corde forse di 2,5 facenti capo ad un 25 A per linee luci (non tutte perché alcune si spengono sia col 100 A che col 25 A, quindi fasi e neutri mescolati [-X ).
Ovviamente non esiste un generale e uno sgancio.

Il tessitore deve andare in pensione fra uno o due anni e come dite con questi tempi di crisi non può spendere………… GIUSTO…… ma caxxo….. se quando guadagnava bene (e anni addietro i tessitori guadagnavano veramente bene) avesse investito qualcosa nell'attività non si sarebbe ritrovato a questi punti.

Sicuramente troverà qualcuno che sostituisce l'interruttore, ben per lui, ma io stanotte dormo tranquillo.
Avatar utente
Foto Utentebatfab
35 4
 
Messaggi: 40
Iscritto il: 28 feb 2012, 13:43

PrecedenteProssimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot] e 30 ospiti