Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ambienti MARCI - Guasti a terra e grosse dorsali BT

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G

0
voti

[1] Ambienti MARCI - Guasti a terra e grosse dorsali BT

Messaggioda Foto UtenteGiacomoBS » 6 set 2018, 22:43

Ciao a tutti,

vorrei condividere con voi qualche ragionamento circa la protezione contro i guasti a terra per linee "importanti" (diciamo oltre i 1250 A) che attraversano ambienti classificati a maggior rischio in caso di incendio.

Considerata la necessità di non superare la soglia di 1A per le linee di distribuzione che attraversano questi luoghi, personalmente mi sono trovato in difficoltà nel dare una soluzione tecnica efficace e facilmente realizzabile. Infatti:
- gli sganciatori ordinari a dip switch per interruttori aperti, quando dotati di protezione G, hanno soglie tarabili come percentuale della In dell'interruttore, che in questi casi è alta e pertanto è impossibile tarare a 1A la soglia d'intervento per guasto a terra
- gli sganciatori "evoluti" con funzioni di protezione contro i contatti indiretti sono talmente rari da trovare che i costruttori stessi vogliono un ordinativo minimo o costringono ad aspettare tempi lunghi per la fornitura e, ad ogni modo, quelli che ho visto non consentono comunque di scendere sotto i 3A
- su linee così importanti si lavora con un numero di corde per fase alto, tale da non trovare facilmente in commercio toroidi idonei ad "abbracciare" la linea da proteggere; bisognerebbe rivolgersi a costruttori di toroidi su misura...
- la soluzione più rapida risulterebbe quella di utilizzare un toroide sulla messa a terra del centro stella del trasformatore e associarlo ad un relè differenziale esterno, che lavora sulle bobine di minima o a lancio dell'interruttore. Questa soluzione è agile e consente di tarare la soglia a 1A, però pecca terribilmente in termini di selettività, poiché sgancia la linea anche per guasti a terra su una qualsiasi delle altre linee alimentate dallo stesso trasformatore
- compartimentare la linea può non essere sempre fattibile e potrebbe sottoporla ad una condizione di posa più gravosa

Vi è già capitata una situazione simile?
Certamente questi casi non sono molto diffusi, ma capita talvolta di trovare grosse centrali termiche dove all'interno è stata installata una turbina a gas.

Buona serata!
Giacomo
Avatar utente
Foto UtenteGiacomoBS
120 5
 
Messaggi: 41
Iscritto il: 8 mar 2012, 21:46

0
voti

[2] Re: Ambienti MARCI - Guasti a terra e grosse dorsali BT

Messaggioda Foto Utentealphabit » 6 set 2018, 23:26

Ciao, ma è anche ammesso un tempo di ritardo nello sgancio di un secondo, per cui la selettività non dovrebbe essere un problema ...
Avatar utente
Foto Utentealphabit
425 2 3 5
Expert
Expert
 
Messaggi: 707
Iscritto il: 20 mar 2007, 6:52
Località: Milano

7
voti

[3] Re: Ambienti MARCI - Guasti a terra e grosse dorsali BT

Messaggioda Foto UtenteMASSIMO-G » 7 set 2018, 8:07

Anche su un interruttore da 1250 ampere si puo tranquillamente associare un relè differenziale separato con proprio toroide che va ad agire su un attuatore di apertura dell’interruttore stesso (bobina a lancio di corrente o bobina di minima tensione). La funzione G (che attua la somma vettoriale delle correnti dei sensori del relè dell’interruttore) per forza di cose ha una taratura molta alta che parte di solito da 0.2 della corrente nominale (250 ampere nel caso di un interruttore da 1250ampere) . La protezione differenziale integrata nel relè dell’interruttore con proprio toroide separato (ad esempio per Schneider M.logic 7.0) risulta molto costosa in quanto associata a un relè di protezione di gamma altissima. Il relè differenziale separato (ad esempio Thytronic, Contrel , Dossena ect. ect.) costa davvero poco ed è pratico con toroidi associati di tutte le misure ,anche apribili se necessario. Ultimamente abbiamo utilizzato su una partenza un toroide addirittura da 280 e le corde che vi trovano posto sono davvero tante. Ma anche il classico toroide da 210 è perfettamente adeguato a una linea in partenza da un interruttore da 1250A
Avatar utente
Foto UtenteMASSIMO-G
12,9k 6 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2664
Iscritto il: 20 set 2004, 8:31
Località: PIACENZA

0
voti

[4] Re: Ambienti MARCI - Guasti a terra e grosse dorsali BT

Messaggioda Foto UtenteGiacomoBS » 8 set 2018, 21:43

alphabit ha scritto:Ciao, ma è anche ammesso un tempo di ritardo nello sgancio di un secondo, per cui la selettività non dovrebbe essere un problema ...


Grazie per la risposta alpahbit, riusciresti per favore a darmi il riferimento del tempo di 1s? Finora sulle Norme ho trovato solo un generico "ritardato", dove non è chiaro se si riferisca al tipo selettivo (intervento entro 0,5 s) o no.
La taratura ad 1s migliora sicuramente la selettività, ma resto convinto che il toroide sulla messa a terra del centro stella sia una soluzione in extrema ratio :-)
Avatar utente
Foto UtenteGiacomoBS
120 5
 
Messaggi: 41
Iscritto il: 8 mar 2012, 21:46

0
voti

[5] Re: Ambienti MARCI - Guasti a terra e grosse dorsali BT

Messaggioda Foto UtenteGiacomoBS » 8 set 2018, 22:13

MASSIMO-G ha scritto: Il relè differenziale separato (ad esempio Thytronic, Contrel , Dossena ect. ect.) costa davvero poco ed è pratico con toroidi associati di tutte le misure ,anche apribili se necessario. Ultimamente abbiamo utilizzato su una partenza un toroide addirittura da 280 e le corde che vi trovano posto sono davvero tante. Ma anche il classico toroide da 210 è perfettamente adeguato a una linea in partenza da un interruttore da 1250A


Perfettamente d'accordo con te.
In campo ho rilevato una partenza da 2500A con condizioni di posa tali da richiedere 6 corde per fase da 300 mmq, eccessive per la massima misura di toroide che conoscevo (210 mm).
Non conoscevo toroidi da 280 mm e ho appena visto dei Contrel da 300 mm..! Non so se anche con questi diametri è fattibile inserire nel toroide 21 corde da 300 mmq, però si alza certamente l'asticella del limite.

Grazie del supporto.
Giacomo
Avatar utente
Foto UtenteGiacomoBS
120 5
 
Messaggi: 41
Iscritto il: 8 mar 2012, 21:46

3
voti

[6] Re: Ambienti MARCI - Guasti a terra e grosse dorsali BT

Messaggioda Foto UtenteMASSIMO-G » 9 set 2018, 10:56

Per i casi più disperati , dove non è possibile mettere il toroide che abbracci tutti i conduttori, ti puoi fare costruire da Dossena il toroide sommatore da utilizzare con 4 TA da mettere sulle sbarre (uno su ogni fase e sul neutro). praticamente si sommano le tre correnti di linea e del neutro attraverso i secondari dei TA . Il toroide te lo fanno su misura in funzione del rapporto dei TA utilizzati. sempre in funzione del rapporto varia anche la corrente minima di taratura , però ti spiegano loro quando lo ordini. In genere , sopra i 500 ampere di rapporto, si parte da 0.3 o 0.5 ampere non ricordo
Avatar utente
Foto UtenteMASSIMO-G
12,9k 6 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2664
Iscritto il: 20 set 2004, 8:31
Località: PIACENZA

0
voti

[7] Re: Ambienti MARCI - Guasti a terra e grosse dorsali BT

Messaggioda Foto UtenteCoulomb » 10 set 2018, 18:33

Scusa non ho capito bene la configurazione del tuo impianto.
Hai un power center e da questo parti con linee da 1250A?
Avatar utente
Foto UtenteCoulomb
710 4
CRU - Account cancellato su Richiesta utente
 
Messaggi: 190
Iscritto il: 19 gen 2018, 17:27

0
voti

[8] Re: Ambienti MARCI - Guasti a terra e grosse dorsali BT

Messaggioda Foto UtenteGiacomoBS » 11 set 2018, 21:58

@Foto UtenteMASSIMO-G: questa è un'ottima dritta! :ok:

@Foto UtenteCoulomb: l'impianto su cui ho fatto un rilievo ha un power center con una partenza da 2500A che attraversa un ambiente classificato a maggior rischio in caso d'incendio
Avatar utente
Foto UtenteGiacomoBS
120 5
 
Messaggi: 41
Iscritto il: 8 mar 2012, 21:46

1
voti

[9] Re: Ambienti MARCI - Guasti a terra e grosse dorsali BT

Messaggioda Foto UtenteMASSIMO-G » 12 set 2018, 8:23

Avatar utente
Foto UtenteMASSIMO-G
12,9k 6 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2664
Iscritto il: 20 set 2004, 8:31
Località: PIACENZA

0
voti

[10] Re: Ambienti MARCI - Guasti a terra e grosse dorsali BT

Messaggioda Foto UtenteCoulomb » 12 set 2018, 16:20

La vedo dura proteggere con una protezione di terra tarata a 1A una linea del genere con neutro esercito franco a terra.
Come mi sembra strana una regolazione di terra ad 1A se il ta sommatore ha rapporto 500.

Non conosco la norma degli ambienti Marci ma probabilmente esisterà un'alternativa al vincolo di una regolazione così bassa su linee.
Esisterà probabilmente anche un'alternativa progettuale di disposizione dei quadri/trasformatori/utenze
È un impianto strano, linee così grandi non se ne vedono di solito in bt, per motivi vari.
Avatar utente
Foto UtenteCoulomb
710 4
CRU - Account cancellato su Richiesta utente
 
Messaggi: 190
Iscritto il: 19 gen 2018, 17:27

Prossimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 25 ospiti