Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Scelta tra Digital Processing e Teoria dei Sistemi

Aggiornamenti, orientamento, lavoro, attività professionali, riviste, libri, strumenti EY, Tips and tricks, consigli e pareri generici

Moderatori: Foto Utenteadmin, Foto UtenteSjuanez

0
voti

[11] Re: Scelta tra Digital Processing e Teoria dei Sistemi

Messaggioda Foto UtenteSandroCalligaro » 3 ott 2018, 10:30

Peternek ha scritto:In futuro mi piacerebbe fare sinceramente microelettronica, microcontrollori, sensori, MEMS etc.
Con "microelettronica" di solito si intende i dispositivi (singolo transitor), materia che tende alla fisica, o l'integrazione (la progettazione di circuiti integrati). Se con "microcontrollori, sensori, MEMS" intendevi la progettazione di quei componenti, allora l'accostamento ha senso, altrimenti mi suona strano. :-)
Avatar utente
Foto UtenteSandroCalligaro
1.858 4 4
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 809
Iscritto il: 6 ago 2015, 19:25

0
voti

[12] Re: Scelta tra Digital Processing e Teoria dei Sistemi

Messaggioda Foto Utente6367 » 3 ott 2018, 11:23

venexian ha scritto:Ci si può laureare in ingegneria elettronica anche senza dare l'esame di teoria dei sistemi?
Poveri noi.


Da tanto mi sono laureato, ma i contenuti principali potrebbero essere in altri corsi: Controlli automatici, Fondamenti di Automatica, ecc
Avatar utente
Foto Utente6367
18,6k 5 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6026
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

0
voti

[13] Re: Scelta tra Digital Processing e Teoria dei Sistemi

Messaggioda Foto UtentePeternek » 3 ott 2018, 18:13

Vi ringrazio ancora per le vostre risposte.

@EdmondDantes magari fosse proprio una sola materia ma il problema è che il prossimo anno sarò messo di fronte a una nuova scelta simile tra corsi affini tra "laboratorio di controlli" e "sistemi e reti wireless" e di conseguenza dovrò sceglierli in base alla scelta che faccio anche adesso per avere una preparazione ragionevole in una sola direzione parallela aggiuntiva (tele o controlli)

Riguardo al mio futuro non so neanche io ancora cosa voglio fare esattamente. Non ho mai studiato l'elettronica di potenza e se in futuro dovesse piacermi di più magari passerò a quella. Per ora come scelta sono sulla microelettronica e progettazione di circuiti integrati (mi ispira la parte digitale soprattutto).
Avatar utente
Foto UtentePeternek
50 1 5
Utente disattivato per decisione dell'amministrazione proprietaria del sito
 
Messaggi: 94
Iscritto il: 17 ott 2017, 22:38

1
voti

[14] Re: Scelta tra Digital Processing e Teoria dei Sistemi

Messaggioda Foto Utentedimaios » 3 ott 2018, 21:20

Teoria dei Sistemi è un esame molto generale e teorico che fornisce un modello unico per rappresentare la realtà fisica ( e non ), indipendentemente dalla natura del problema.
Questo implica uno sforzo d'astrazione che però viene premiato dall'interdisciplinarietà indiscussa della materia.
Il fatto di riuscire a determinare le proprietà fondamentali di un sistema ( stabilità, raggiungibilità, osservabilità, controllabilità ecc. ) studiandone la rappresentazione matriciale è un concetto non banale ed estendibile in moltissimi campi dell'ingegneria ( soprattutto in meccanica e nei controlli automatici ).

Digital Signal Processing è un esame specifico per trattare i segnali numerici. I corsi "standard" prevedono due sezioni. Nella prima si studiano i filtri numerici mentre nella seconda si affrontano le rappresentazioni in frequenza. La complessità dell'esame dipende molto dal docente. Il programma che hai illustrato è proprio il minimo sindacale. Infatti mancano parecchi argomenti che una volta ( vecchio ordinamento ) erano inclusi nel corso. Si può spaziare dalla wavelet transform alla APES ( amplitude and phase estimation ) agli effetti della precisione finita nella realizzazione delle strutture che implementano i filtri digitali ( es. DSP a virgola fissa ).

Da quello che hai descritto Teoria dei Sistemi risulta più corposo e complesso.

Se hai seguito il corso di Teoria dei Segnali sappi che gli strumenti base per lo studio dei modelli sono :

Teoria dei segnali -> Teoria dei Sistemi -> Teoria dell'identificazione

Se invece vuoi occuparti di analisi dei segnali :

Calcolo numerico -> Teoria dei segnali -> Elaborazione numerica dei segnali

Questi sono la base poi ce ne sono altri per completare la preparazione in un settore specifico.
Se non sai ancora cosa fare ti conviene tenerti sul generale e fare Teoria dei Sistemi.

La parte teorica di Elaborazione numerica dei segnali deriva dall' analisi matematica in campo complesso per cui se hai maturato le basi sostenendo per esempio Metodi matematici per l'ingegneria o esami equivalenti puoi affrontare la materia anche da solo.
Teoria dei Sistemi è più concettuale per cui l'ausilio di un docente e l'incentivo dell'esame possono spronarti ad affrontarlo ; da solo sarebbe più difficile.

Personalmente mi sono piaciuti tutti e due anche perché ho avuto la fortuna di avere due docenti eccezionali che mi hanno fatto apprezzare le materie ( severissimi ma molto competenti ed appassionati della materia ).
Li ho utilizzati ambedue ma sicuramente Elaborazione numerica dei segnali è più applicativo.

C'è anche una piccola sovrapposizione delle due materie nella parte relativa alle realizzazioni su base stato e lo studio dei modi di un sistema.
Ingegneria : alternativa intelligente alla droga.
Avatar utente
Foto Utentedimaios
28,5k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3181
Iscritto il: 24 ago 2010, 14:12
Località: Behind the scenes

0
voti

[15] Re: Scelta tra Digital Processing e Teoria dei Sistemi

Messaggioda Foto UtentePeternek » 4 ott 2018, 15:31

Grazie mille dimaios. Vorrei fare questo corso (T d S )ma ho paura di mettere troppa carne al fuoco perche è corposo e ho altri 3 corsi obbligatori da 9 crediti (dispositivi a microonde, elettronica analogica, misure elettroniche). Poi alla triennale ho fatto cosi TANTA teoria che ho pura che anche questo corso rimanga nell'aria senza applicazioni concrete di questi concetti ma solo una scienza per studiare la realtà. Però mi ispirano i contenuti e per ora voglio provare a fare queato. Anche perché mi interessa un po l'elettronica di potenza e magari trovo qualcosa in comune con l'automazione. (Scusate se per caso dico cavolate)
Avatar utente
Foto UtentePeternek
50 1 5
Utente disattivato per decisione dell'amministrazione proprietaria del sito
 
Messaggi: 94
Iscritto il: 17 ott 2017, 22:38

0
voti

[16] Re: Scelta tra Digital Processing e Teoria dei Sistemi

Messaggioda Foto UtentePeternek » 7 ott 2018, 0:23

Più che altro non capisco in che direzione conviene andare al momento per vivere e lavorare in Italia. Perché da questa scelta poi avrei una preparazione migliore magari in controlli (visto che sono sistemi solitamente) o microelettronica e telecomunicazioni visto che sono più legate al digital processing da combinare con altri corsi su wireless magari etc. Poi c'è la parte di power electronics, in particolare ha una sezione che può riguardare il controllo di dispositivi di potenza (a me non interessa l'energia elettrica però).
Sono così confuso perché ho fatto una triennale troppo generica che sembra matematica applicata. All'istituto tecnico ho fatto elettronica ed è il principale motivo per cui l'ho scelta, ho più confidenza. Se avessi fatto il liceo la scelta poteva essere ancora più dura.

In Italia,
un ingegnere elettronico con dei corsi più orientati per l'automazione può alla fine svolgere i lavori di un ingegnere dell'automazione? (almeno fino ad un certo punto) ? Sarebbe richiesto come ambiente?
Power electronics è richiesto nel mondo del lavoro o meglio la Microelettronica (microcontrollori, progettazione layout etc) ?
Avatar utente
Foto UtentePeternek
50 1 5
Utente disattivato per decisione dell'amministrazione proprietaria del sito
 
Messaggi: 94
Iscritto il: 17 ott 2017, 22:38

1
voti

[17] Re: Scelta tra Digital Processing e Teoria dei Sistemi

Messaggioda Foto UtenteSandroCalligaro » 7 ott 2018, 7:57

Se guardi il mercato attuale, l'elettronica di potenza è in espansione, e qualche azienda nel settore la trovi anche in Italia. Inoltre, anche per fare automazione ti serve o è molto utile qualche nozione sulla conversione statica e sugli azionamenti.

Nelle telecomunicazioni credo che il mercato sia più saturo. Le aziende che fanno gli standard non credo siano più in Italia, mentre qualche azienda relativamente piccola che occupa qualche nicchia c'è, e mi pare ci sia anche qualche centro di ricerca o design center di aziende estere (Huawei, ad esempio).

Per la microelettronica (che, lo ripeto, solitamente non è la progettazione di schede!), a meno di non formarsi ulteriormente, credo ci sia poco spazio. In Italia c'è solo una grande azienda (ST) e qualche design center di altri (nessuno di questi mi pare sia in grande espansione). Credo poi che, per la maggior parte, le aziende richiedano il dottorato.
A seconda di dove abiti, ti può interessare sapere che a Villach (Austria, ma a pochi chilometri dal confine) lo stabilimento Infineon, già grande (4000 persone), è in forte espansione. Infineon è un'azienda di microelettronica, molto presente nel settore della potenza.

Se con "microelettronica" intendi la progettazione di schede ed il firmware, allora di aziende ce ne sono parecchie, in Italia. La mia impressione, però, è che nei corsi universitari difficilmente ti formino per fare proprio quel lavoro, perché c'è una gran varietà di applicazioni. Una buona tesi, con un relatore che sappia il fatto suo, potrebbe essere utile a farti iniziare a cogliere certi dettagli, che in un corso non si possono coprire.


Non capisco quando dici "(a me non interessa l'energia elettrica però)". L'elettronica di potenza è conversione di energia elettrica... Non puoi fare la parte di controllo di un convertitore senza conoscere bene quella di potenza.

Ti propongo un'altra domanda: nel momento in cui dovessi decidere di spostarti da dove abiti, quanto importante sarebbe rimanere in Italia, piuttosto che andare all'estero?


PS: stai vivendo quello che, potenzialmente, è un bellissimo periodo della tua vita. Non fasciarti la testa con troppi dubbi sul futuro, scegli di studiare quello che ti piace di più (con serietà), ma allo stesso tempo goditi il tempo che hai a disposizione, poi ce ne sarà sempre di meno.
Oggi mi pare che, per la questione del lavoro, la pressione che viene messa su chi studia sia eccessiva. Non si cambia comunque l'atteggiamento di chi non vuole fare, si mette solo ansia in chi è volenteroso. Nell'elettronica, tra l'altro, di lavoro ce n'è (anche in Italia) e ce ne sarà quasi sicuramente almeno per un po' di anni. Quindi, se questo settore ti piace, puoi ritenerti fortunato e vivere serenamente gli studi. Nessuno può sapere oggi cosa farai dopo la laurea.
Avatar utente
Foto UtenteSandroCalligaro
1.858 4 4
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 809
Iscritto il: 6 ago 2015, 19:25

0
voti

[18] Re: Scelta tra Digital Processing e Teoria dei Sistemi

Messaggioda Foto UtentePeternek » 7 ott 2018, 10:51

Grazie mille Sandro. In realtà per Italia intendevo la mia zona (Veneto orientale: Padova, Treviso, Venezia, Rovigo e faccio ovviamente l'università di Padova). Per vari motivi familiari io dovrò stare qui per almeno altri 2-3 anni dopo la laurea, molto probabilmente facendo il pendolare. Finito questo periodo se volessi andare in un posto lontano da qui, costretto a viverci, a quel punto non me ne importerebbe più che sia Italia.

Allora mi sembra di capire che la microelettronica sia quindi la progettazione delle giunzioni a semiconduttore, drogaggio (e forse anche progettazione di componenti analogici) materia più legata alla fisica. La costruzione di interfacciamenti per i sensori, catene DAQ, schede con microcontrollori, circuiti di amplificazione etc è invece firmware e progettazione di schede che non viene classificata in una materia particolare perché molto varia e infatti all'università non si focalizzano su questi argomenti. E' qualcosa che ho parzialmente visto all'ITIS per quello mi ispira ma poi se vado in questa direzione non è che per caso entro in competizione con i periti? Di ITIS ce ne sono tanti magari esistono certi che preparano bene gli studenti per le applicazioni più richieste dalle aziende.

Per "Non mi interessa l'energia elettrica" intendevo che non mi interessa la generazione, che sia alternata o continua o le batterie di potenza, smart grids... Insomma non mi interessa quella parte che è forse più legata all'ingegneria dell'energia. Mi ispira invece controllare dispositivi di potenza, conversione AC/DC, step up/down, forse anche amplificatori di potenza ma non li conosco ancora bene.
Avatar utente
Foto UtentePeternek
50 1 5
Utente disattivato per decisione dell'amministrazione proprietaria del sito
 
Messaggi: 94
Iscritto il: 17 ott 2017, 22:38

0
voti

[19] Re: Scelta tra Digital Processing e Teoria dei Sistemi

Messaggioda Foto UtenteEdmondDantes » 9 ott 2018, 20:40

Hai scelto?
Ma perche' puoi scegliere solo fra due materie?
Il Conte di Montecristo

Se non studio un giorno, me ne accorgo io. Se non studio due giorni, se ne accorge il pubblico.
La scienza non è democratica e le sue leggi non si decidono per alzata di mano.
Non seguo il metodo Montessori.
Avatar utente
Foto UtenteEdmondDantes
8.805 8 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2769
Iscritto il: 25 lug 2009, 22:18
Località: Marsiglia

0
voti

[20] Re: Scelta tra Digital Processing e Teoria dei Sistemi

Messaggioda Foto UtentePeternek » 11 ott 2018, 20:10

Non ho ancora scelto ufficialmente, non ho ancora fatto il piano degli studi (per via dell'immatricolazione molto lenta) però per ora ho scelto di seguire Teoria dei Sistemi perché mi ispirano gli argomenti. In realtà quelle che posso scegliere sono tante e devo sceglierne due tra di esse ma è consigliato abbinare Digital processing + Reti wireless oppure Teoria Dei Sistemi + laboratorio di controlli. Poi ci sono altre che sono di fisica chimica etc. come vedi nell'immagine. Quei corsi di fisica sono stati criticati molto dagli studenti quindi non so chi sinceramente li segua, non compaiono neanche nell'orario.

Poi ovviamente queste sono solo quelle affini, poi ci sono tanti corsi che invece specializzanti in elettronica e anche là si può scegliere ma per adesso non devo ancora scegliere tra quelli.

Finché arriverà il libro che mi serve della mia università in libreria, cerco qualche libro di teoria dei sistemi in inglese, magari lo trovo online se famoso, qualcuno mi può consigliare uno visti gli argomenti che mi servono? (raggiungibilità. osservabilità, matrici gramaniane, elementi del controllo ottimo etc.)
Allegati
affini.jpg
affini.jpg (47.37 KiB) Osservato 844 volte
Avatar utente
Foto UtentePeternek
50 1 5
Utente disattivato per decisione dell'amministrazione proprietaria del sito
 
Messaggi: 94
Iscritto il: 17 ott 2017, 22:38

Precedente

Torna a Informazioni varie più o meno utili

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti