Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Differenziale puro e/o magnetotermico

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago

0
voti

[1] Differenziale puro e/o magnetotermico

Messaggioda Foto UtenteSaIvatore » 10 ott 2018, 22:06

Buonasera. Mi sono trasferito per lavoro in una casa che era di mia zia. Ovviamente la casa è una casa abbastanza vecchia e non ha impianto elettrico a norma (niente salvavita ne magnetotermico ne tantomeno quadro genereale).
Dato che in questo momento non ho la disponibilità economica per chiamare un elettricista e far adeguare l'impianto, vorrei almeno montare un magnetotermico (su consiglio di un amico).
Sto guardando un paio di cose su internet e ho visto che il magnetotermico protegge dal sovraccarico ma è il differenziale puro (salvavita) a proteggere da eventuali folgorazioni.
Vorrei capirne di più su questo punto. Un magnetotermico non stacca se ci sono dispersioni?
Potrei mettere un magnetotermico a valle del contatore e aggiungere un salvavita a valle del MT?
Le misure dei rispettivi dispositivi da cosa devono dipendere? Detto che la casa è una casa piuttosto piccola dove di solito si impiegano utilizzatori con scarso assorbimento fatta eccezione per un boiler elettrico da 1200Watt. La potenza erogata è di 3Kv.

P.s. Credo che nella casa non ci sia impianto di terra. E che in ogni caso sia irrealizzabile. (Almeno momentaneamente). Altro dato in funzione dei due dispositivi che voglio aggiungere.
Grazie in anticipo!
Avatar utente
Foto UtenteSaIvatore
0 2
 
Messaggi: 2
Iscritto il: 10 ott 2018, 21:14

0
voti

[2] Re: Differenziale puro e/o magnetotermico

Messaggioda Foto UtenteEdmondDantes » 10 ott 2018, 22:20

L'impianto elettrico di distribuzione e' soggetto al DM 37/08 e alla norma CEI 64-8; chi può effettuare questo tipo di intervento e' l'installatore qualificato e a monte, se è il caso, un progettista iscritto all'albo.

Premesso ciò, non hai ben inteso il ruolo dell'interruttore magnetotermico e del differenziale (quest'ultimo praticamente inutile senza un impianto di terra coordinato con il differenziale stesso).

La potenza erogata è di 3Kv.

1. La potenza si misura in watt, quindi 3 kW.
2. Non e' una potenza erogata, ma contrattuale.

Dunque evita qualsiasi tua azione diretta o dell'amico e rivolgiti ad un professionista. La spesa non sarà eccessiva.

P.S.
Il tuo e' un ottimo esempio di come sapere poco (e male) di qualcosa e' molto peggio di non sapere nulla al riguardo.
Il Conte di Montecristo

Se non studio un giorno, me ne accorgo io. Se non studio due giorni, se ne accorge il pubblico.
La scienza non è democratica e le sue leggi non si decidono per alzata di mano.
Avatar utente
Foto UtenteEdmondDantes
7.699 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2330
Iscritto il: 25 lug 2009, 22:18
Località: Marsiglia

0
voti

[3] Re: Differenziale puro e/o magnetotermico

Messaggioda Foto UtenteSaIvatore » 10 ott 2018, 23:01

Hai perfettamente ragione quasi su tutto. Il discorso della potenza erogata o contrattuale o quella che è ... è stato un errore di scrittura.
Vero che non ho inteso il ruolo del magnetotermico e del differenziale. E appunto per questo ero venuto qua.
Purtroppo già un professionista è stato chiamato, ma non solo non aveva nessuna qualifica ma era anche abbastanza vago, poco chiaro e molto caro. In certi posti se vuoi ottenere qualcosa e devi ahimè risparmiare, devi fartela tu. Studiando, chiedendo o entrambi. io sono qua per questo.
Avatar utente
Foto UtenteSaIvatore
0 2
 
Messaggi: 2
Iscritto il: 10 ott 2018, 21:14

0
voti

[4] Re: Differenziale puro e/o magnetotermico

Messaggioda Foto UtenteEdmondDantes » 10 ott 2018, 23:10

Secondo te in questo forum troverai aiuto su come infrangere il Decreto del ministero dello sviluppo economico del 22 gennaio 2008, n. 37 - Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici (G.U. n. 61 del 12 marzo 2008)?

Hai perfettamente ragione quasi su tutto

Mi indichi cortesemente dove ho sbagliato?

Studiando [...]

Ecco, bravo. E' indicato proprio nell'articolo 4 del DM citato.
Il Conte di Montecristo

Se non studio un giorno, me ne accorgo io. Se non studio due giorni, se ne accorge il pubblico.
La scienza non è democratica e le sue leggi non si decidono per alzata di mano.
Avatar utente
Foto UtenteEdmondDantes
7.699 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2330
Iscritto il: 25 lug 2009, 22:18
Località: Marsiglia

0
voti

[5] Re: Differenziale puro e/o magnetotermico

Messaggioda Foto Utenteiosolo35 » 11 ott 2018, 7:37

SaIvatore ha scritto:Purtroppo già un professionista è stato chiamato, ma non solo non aveva nessuna qualifica ma era anche abbastanza vago, poco chiaro e molto caro

Come fai a giudicare la professionalità dell'installatore che hai chiamato se non conosci la materia?
Se hai qualche dubbio puoi comunque chiamare un altro tecnico.
non ci sono problemi, ma solo soluzioni
Avatar utente
Foto Utenteiosolo35
40,1k 7 11 12
Master
Master
 
Messaggi: 3201
Iscritto il: 15 mar 2012, 15:34
Località: Trento

2
voti

[6] Re: Differenziale puro e/o magnetotermico

Messaggioda Foto Utentesoltec » 18 ott 2018, 18:08

EdmondDantes ha scritto:L'impianto elettrico di distribuzione e' soggetto al DM 37/08 e alla norma CEI 64-8; chi può effettuare questo tipo di intervento e' l'installatore qualificato e a monte, se è il caso, un progettista iscritto all'albo.

Premesso ciò, non hai ben inteso il ruolo dell'interruttore magnetotermico e del differenziale (quest'ultimo praticamente inutile senza un impianto di terra coordinato con il differenziale stesso).
P.S.
Il tuo e' un ottimo esempio di come sapere poco (e male) di qualcosa e' molto peggio di non sapere nulla al riguardo.


Non è vero che il differenziale senza terra non serve a niente....
Altrimenti perché nel decreto stesso viene indicato come uno dei requisiti per considerare adeguato un vecchio impianto? (Articolo 6 comma 3)
Il problema dell'umanità è che gli stupidi sono strasicuri,mentre gli intelligenti sono pieni di dubbi
Avatar utente
Foto Utentesoltec
1.174 4 6
Expert
Expert
 
Messaggi: 645
Iscritto il: 9 lug 2007, 18:27
Località: Roma

0
voti

[7] Re: Differenziale puro e/o magnetotermico

Messaggioda Foto UtenteEdmondDantes » 18 ott 2018, 18:14

Ho scritto che e' praticamente inutile.
Se c'e' un guasto e la carcassa di un apparecchio va in tensione, l'interruttore differenziale interviene (potrebbe intervenire) solo se qualcuno tocca quell'apparecchio.
Il legislatore deve tener conto che in alcune abitazioni più vecchie e' praticamente impossibile rispettare tutti i parametri moderni della regola d'arte. Che facciamo, buttiamo giù tutti i centri storici d'Italia?

Prima di intervenire e' meglio leggere bene: si evitano brutte figure.

P.S.
Io non sarei tranquillo anche se il legislatore mi dice che va bene.
Il Conte di Montecristo

Se non studio un giorno, me ne accorgo io. Se non studio due giorni, se ne accorge il pubblico.
La scienza non è democratica e le sue leggi non si decidono per alzata di mano.
Avatar utente
Foto UtenteEdmondDantes
7.699 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2330
Iscritto il: 25 lug 2009, 22:18
Località: Marsiglia

2
voti

[8] Re: Differenziale puro e/o magnetotermico

Messaggioda Foto Utentesoltec » 18 ott 2018, 18:42

soltec ha scritto:
EdmondDantes ha scritto:L'impianto elettrico di distribuzione e' soggetto al DM 37/08 e alla norma CEI 64-8; chi può effettuare questo tipo di intervento e' l'installatore qualificato e a monte, se è il caso, un progettista iscritto all'albo.

Premesso ciò, non hai ben inteso il ruolo dell'interruttore magnetotermico e del differenziale (quest'ultimo praticamente inutile senza un impianto di terra coordinato con il differenziale stesso).
P.S.
Il tuo e' un ottimo esempio di come sapere poco (e male) di qualcosa e' molto peggio di non sapere nulla al riguardo.


Non è vero che il differenziale senza terra non serve a niente....
Altrimenti perché nel decreto stesso viene indicato come uno dei requisiti per considerare adeguato un vecchio impianto? (Articolo 6 comma 3)


Hai ragione mi correggo:

Non è vero che il differenziale è praticamente inutile ....
Altrimenti perché nel decreto stesso viene indicato come uno dei requisiti per considerare adeguato un vecchio impianto? (Articolo 6 comma 3)[/quote]

Ps:
Se mai andato a riparare un guasto causato dalla rottura della resistenza di uno scaldabagno in un impianto senza terra?
Che strano gli scattava il differenziale da 0,03 che qualcuno inultimente aveva messo. A che serve tanto c'è l'interruttore da 16 A che prima o poi scatterà....
Chissà perché a quel cliente senza differenziale gli ha preso fuoco la presa del bagno? Forse perché un filo scoperto "schuntava" sul tubo dell'acqua che passava dietro la scatola elettrica....
Ce ne sono decine di esempi simili che posso citare per esperienza.
Il fatto che il differenziale debba essere coordinato con L'impianto di terra non lo nega nessuno.
Ma il differenziale con o senza terra ci deve essere sempre!!!!
Meglio poca protezione che niente. E non è proprio poca.....
Il problema dell'umanità è che gli stupidi sono strasicuri,mentre gli intelligenti sono pieni di dubbi
Avatar utente
Foto Utentesoltec
1.174 4 6
Expert
Expert
 
Messaggi: 645
Iscritto il: 9 lug 2007, 18:27
Località: Roma

0
voti

[9] Re: Differenziale puro e/o magnetotermico

Messaggioda Foto UtenteEdmondDantes » 18 ott 2018, 18:44

ok, hai ragione.
Vedo che continui a non leggere.
Il Conte di Montecristo

Se non studio un giorno, me ne accorgo io. Se non studio due giorni, se ne accorge il pubblico.
La scienza non è democratica e le sue leggi non si decidono per alzata di mano.
Avatar utente
Foto UtenteEdmondDantes
7.699 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2330
Iscritto il: 25 lug 2009, 22:18
Località: Marsiglia

3
voti

[10] Re: Differenziale puro e/o magnetotermico

Messaggioda Foto Utentesoltec » 18 ott 2018, 19:32

EdmondDantes ha scritto:ok, hai ragione.
Vedo che continui a non leggere.


Forse sei tu che continui a non leggere.
A mio avviso non si può dire che il differenziale è praticamente inutile senza terra. È meno efficace sicuramente, ma comunque assicura una protezione fondamentale in tanti casi anche senza impianto di terra.
Io contesto le tue parole " il differenziale è praticamente inutile senza impianto di terra" perché non è vero.
Il problema dell'umanità è che gli stupidi sono strasicuri,mentre gli intelligenti sono pieni di dubbi
Avatar utente
Foto Utentesoltec
1.174 4 6
Expert
Expert
 
Messaggi: 645
Iscritto il: 9 lug 2007, 18:27
Località: Roma

Prossimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 22 ospiti