Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Presa elettrica unica in Italia

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago

1
voti

[21] Re: Presa elettrica unica in Italia

Messaggioda Foto Utente6367 » 26 ott 2018, 13:09

cee73 ha scritto:A questo punto dovrebbe imporsi come formato unico il modello CEI 23-50 P40, che sarebbe compatibile con tutte le spine elettriche circolanti in Italia, e le spine elettriche di tipo L dovrebbero essere ritirate dal mercato, cosicché quelle già in circolazione potrebbero essere usate, ma non ne verrebbero prodotte altre, dato che le nuove spine standard diventerebbero la CEI EN 50075 (CEI 23-34), la CEI 23-50 S31 e la CEI 23-50 S32 (quest'ultima anche in formato ricablabile).


Francamente non mi piace "il ritiro dal mercato", per innumerevoli motivi. Però mi piacerebbe che negli impianti nuovi si desse la preferenza alle prese che accettano la Schuko (P30, P40,...). Si potrebbe fare in vari modi:

- n° minimo di punti presa con almeno una Schuko
- prese Schuko obbligatorie almeno in cucina e attacco lavatrice
ecc

PS
In teoria andrebbe bene anche la presa francese, che di fatto accetta le medesime spine degli elettrodomestici, però questa non è mai stata in uso in Italia.
Avatar utente
Foto Utente6367
18,2k 5 8 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 5975
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

1
voti

[22] Re: Presa elettrica unica in Italia

Messaggioda Foto Utente6367 » 26 ott 2018, 13:12

cee73 ha scritto:Quest'ultimo punto secondo me è molto importante. Infatti, al di là dei lati positivi delle spine di tipo L, ormai non l'unica cosa di tipo L che ci è rimasta sono le prese, mentre la maggior parte delle spine seguono lo standard europeo.


Le spine tipo L sono molto diffuse sulle... ciabatte!
Così mantengono utili le corrispondenti prese e ampliano l'uso delle ciabatte come adattatore.
Se ci fai caso, le ciabatte con la spina Schuko in Italia sono rare (le trovi da Lidl, di solito).
Avatar utente
Foto Utente6367
18,2k 5 8 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 5975
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

0
voti

[23] Re: Presa elettrica unica in Italia

Messaggioda Foto Utentecee73 » 26 ott 2018, 13:40

6367 ha scritto:Le spine tipo L sono molto diffuse sulle... ciabatte!
Così mantengono utili le corrispondenti prese e ampliano l'uso delle ciabatte come adattatore.
Se ci fai caso, le ciabatte con la spina Schuko in Italia sono rare (le trovi da Lidl, di solito).


Infatti io tutte le spine italiane che vedo le vedo su adattatori, ciabatte e prolunghe. A casa mia abbiamo sostituito quasi tutte le prese elettriche con P30 e l'unica spina S17 che avevamo era su una multipresa, ma ho provveduto a sostituire pure quella con una S31.

6367 ha scritto:Francamente non mi piace "il ritiro dal mercato", per innumerevoli motivi. Però mi piacerebbe che negli impianti nuovi si desse la preferenza alle prese che accettano la Schuko (P30, P40,...). Si potrebbe fare in vari modi:

- n° minimo di punti presa con almeno una Schuko
- prese Schuko obbligatorie almeno in cucina e attacco lavatrice
ecc


Secondo me è difficile individuare solo alcune collocazioni precise per le prese Schuko. Basta pensare a un'aspirapolvere, che viene usata in tutte le stanze, oppure a un computer portatile (molti hanno caricatori con Schuko), che può essere usato in cucina o in camera da letto o anche in salotto, o ancora alle prese intelligenti che adesso stanno spopolando, prese che hanno tutte spine Schuko. Lasciando in commercio solo le P40 (e anche le P30 nel caso) si favorirebbe l'installazione di un solo tipo di presa compatibile con tutte le spine in circolazione, e al tempo stesso si impedirebbe agli installatori di continuare a preferire le P11 e P17/11.

In Svizzera in quattro e quattr'otto hanno tolto dalla circolazione le prese di tipo T12, ovvero quelle non incassate, che dal 2017 non sono più legali. Ovviamente continuano ad esistere nelle case degli svizzeri, ma almeno non potranno più essere installate.
Avatar utente
Foto Utentecee73
40 3
 
Messaggi: 23
Iscritto il: 23 ott 2018, 23:31

0
voti

[24] Re: Presa elettrica unica in Italia

Messaggioda Foto UtenteJAndrea » 26 ott 2018, 13:45

Certo è che se vuoi installare due prese, per una qualsiasi ragione, la 503 non basta più, con le schucko la 506 diventerebbe il minimo da prevedere in molti luoghi…


Senza contare il prezzo, una normale bipresa la pago 4.5€ ,una UNEL 8-9 €

paradossalmente, visto che in italia le più diffuse sono le italiane, sarei più propenso ad obbligare i produttori di apparecchiature a fornirla….
Avatar utente
Foto UtenteJAndrea
2.832 2 5 9
Master
Master
 
Messaggi: 1499
Iscritto il: 16 giu 2011, 15:25
Località: Rovigo

0
voti

[25] Re: Presa elettrica unica in Italia

Messaggioda Foto Utentecee73 » 26 ott 2018, 14:27

JAndrea ha scritto:Certo è che se vuoi installare due prese, per una qualsiasi ragione, la 503 non basta più, con le schucko la 506 diventerebbe il minimo da prevedere in molti luoghi…


Senza contare il prezzo, una normale bipresa la pago 4.5€ ,una UNEL 8-9 €

paradossalmente, visto che in italia le più diffuse sono le italiane, sarei più propenso ad obbligare i produttori di apparecchiature a fornirla….


Non penso sarebbe particolarmente problematico passare alle 506 nelle nuove costruzioni. Mentre per le vecchie costruzioni, nei paesi che utilizzano la presa CEE 7/3 e CEE 7/5 esistono delle prese doppie che occupano lo spazio di una sola presa quadrata. Si potrebbe pensare di creare un modello simile anche per le 503.

Per quanto riguarda il prezzo, sicuramente adesso sono più costose, ma si risparmia sul costo degli adattatori. Inoltre, esistono serie civili più economiche come la BTicino Matix, la cui presa P40 costa intorno ai 5 €, prezzo che secondo me si abbasserebbe ulteriormente se il modello P40 rimanesse l'unico in commercio.

In merito all'ultimo punto, invece, secondo me conviene di più avvicinarsi allo standard europeo piuttosto che allontanarsi. Le prese italiane non vengono usate da nessuna parte se non in Cile. Le prese Schuko, invece, sono ovunque, soprattutto in Europa. E persino in Svizzera, che ha una presa tutta sua e delle politiche a livello di standard elettrici molto rigide, essendo circondata da paesi in cui si fa uso di spine Schuko, si ritrovano in commercio molti elettrodomestici con questo tipo di spina nonostante sia vietato.
Avatar utente
Foto Utentecee73
40 3
 
Messaggi: 23
Iscritto il: 23 ott 2018, 23:31

0
voti

[26] Re: Presa elettrica unica in Italia

Messaggioda Foto Utentevenexian » 26 ott 2018, 14:33

6367 ha scritto:Evidentemente non conosci la CEI 23-50 dato che da sempre, tra i numerosi formati, comprende anche la cosiddetta Schuko.

Se vuoi far polemica, sei il benvenuto. Ti faccio notare che a tutti è chiaro che con 23-50 avessi inteso il modello 'italiano' della spina. Se poi non si vuol capire perché comoda...

6367 ha scritto:Comunque, fattene una ragione

E di cosa? Che viene usata la Schuko? Perché dovrei 'farmene una ragione'? E' un dato di fatto che certamente non contesto. Ho semplicemente fatto notare che la spina 'italiana' non è meno sicura, più piccola, più economica, più facilmente posizionabile negli alloggi interni degli elettrodomestici, ecc., ecc.

Se ti tira su di morale, posso anche dirti che la Schuko è assolutamente superiore in caso di trazione inappropriata del cavo una volta inserito nella sua presa...

E vai! E' iniziata la battaglia delle spine!

download.jpg
download.jpg (11.98 KiB) Osservato 354 volte
Immagine
Avatar utente
Foto Utentevenexian
5.973 2 4 7
Master
Master
 
Messaggi: 2126
Iscritto il: 13 mag 2017, 10:07
Località: Venezia (ma va?)

0
voti

[27] Re: Presa elettrica unica in Italia

Messaggioda Foto Utente6367 » 26 ott 2018, 16:26

JAndrea ha scritto:paradossalmente, visto che in italia le più diffuse sono le italiane, sarei più propenso ad obbligare i produttori di apparecchiature a fornirla….


Ma non ha alcun senso!
Sia la cosiddetta italiana sia la schuko sono a norma in Italia. Con la differenza che i produttori di apparecchi sono allineati alla spina più diffusa in Europa. Gli elettricisti sull'altra.
Avere una spina diversa solo per l'Italia creerebbe solo problemi ed extracosti. Anzi, non verrebbe rispettato. La gente viaggia, si sposta e trasloca. Gli apparecchi pure e si comprano su Amazon.
In Danimarca hanno aperto alla Schuko su spinta vdelle associazioni di consumatori.
Avatar utente
Foto Utente6367
18,2k 5 8 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 5975
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

0
voti

[28] Re: Presa elettrica unica in Italia

Messaggioda Foto Utentecee73 » 26 ott 2018, 16:47

Ci tengo anche a riportare l'esempio dell'Alto Adige, dove, pur vigendo le norme della CEI, sono molto diffuse le prese Schuko pure di tipo CEE 7/3 (che non mi sembra facciano parte della norma italiana). Inoltre, in molti casi gli impianti elettrici sono fatti alla maniera europea, e quindi con scatole tonde da due moduli. Tutto questo ovviamente per la forte vicinanza geografica e culturale dell'Alto Adige all'Austria. Sarebbe simpatico se il modello Alto Adige si diffondesse anche al resto del paese! :lol:

Comunque, se potete aiutarmi a diffondere la petizione (ovviamente se d'accordo), magari prima o poi riusciamo ad arrivare da qualche parte.

https://www.change.org/p/uni-ente-di-normazione-italiano-adozione-di-uno-standard-unico-di-presa-elettrica-per-uso-domestico-in-italia
Avatar utente
Foto Utentecee73
40 3
 
Messaggi: 23
Iscritto il: 23 ott 2018, 23:31

0
voti

[29] Re: Presa elettrica unica in Italia

Messaggioda Foto UtenteJAndrea » 26 ott 2018, 17:07

Inoltre, in molti casi gli impianti elettrici sono fatti alla maniera europea, e quindi con scatole tonde da due moduli. Tutto questo ovviamente per la forte vicinanza geografica e culturale dell'Alto Adige all'Austria. Sarebbe simpatico se il modello Alto Adige si diffondesse anche al resto del paese!


Più di qualche architetto, che solitamente esige le placche in chissà quale costosissimo materiale, della nuova stilosissima serie civile, si toglierebbe la vita di fronte a una di queste…
http://germanglobe.com/wp-content/uploa ... socket.jpg
Avatar utente
Foto UtenteJAndrea
2.832 2 5 9
Master
Master
 
Messaggi: 1499
Iscritto il: 16 giu 2011, 15:25
Località: Rovigo

0
voti

[30] Re: Presa elettrica unica in Italia

Messaggioda Foto Utente6367 » 26 ott 2018, 18:00

venexian ha scritto:Se vuoi far polemica, sei il benvenuto. Ti faccio notare che a tutti è chiaro che con 23-50 avessi inteso il modello 'italiano' della spina. Se poi non si vuol capire perché comoda...


Ma no! nessuna polemica.
Tuttavia è giusto ricordare che le "schuko" (quelle italiane col buchino di terra centrale) sono a tutti gli effetti a norma in Italia.
Non fa male ripeterlo, perché molti avversari di questa presa (come gli elettricisti che si ostinano e metterne poche) insistono: "non sono a norma in Italia, io uso solo prese italiane, sono i produttori di apparecchi che devono adeguarsi alle norme italiane".

venexian ha scritto:E di cosa? Che viene usata la Schuko? Perché dovrei 'farmene una ragione'? E' un dato di fatto che certamente non contesto.


Sì appunto. Che il 95% degli elettrodomestici sono dotati della spina schuko oppure della Europlug.
Avatar utente
Foto Utente6367
18,2k 5 8 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 5975
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

PrecedenteProssimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 15 ospiti