Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Presa elettrica unica in Italia

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentelillo, Foto UtenteMike, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago

0
voti

[31] Re: Presa elettrica unica in Italia

Messaggioda Foto Utente6367 » 26 ott 2018, 18:03

cee73 ha scritto:Ci tengo anche a riportare l'esempio dell'Alto Adige, dove, pur vigendo le norme della CEI, sono molto diffuse le prese Schuko pure di tipo CEE 7/3 (che non mi sembra facciano parte della norma italiana). Inoltre, in molti casi gli impianti elettrici sono fatti alla maniera europea, e quindi con scatole tonde da due moduli. Tutto questo ovviamente per la forte vicinanza geografica e culturale dell'Alto Adige all'Austria.


Da tanto non frequento assiduamente quei magnifici luoghi.
Negli anni '80 e '90 vedevo molte 503, in particolare con Magic BTicino, comprese le "Magic Magic" quelle irreversibili con i contatti laterali. Avevo visto persino quelle arancioni trifase usate per esempio nelle cucine degli alberghi.
Avatar utente
Foto Utente6367
18,0k 5 8 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 5867
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

0
voti

[32] Re: Presa elettrica unica in Italia

Messaggioda Foto Utente6367 » 26 ott 2018, 18:08

cee73 ha scritto:Secondo me è difficile individuare solo alcune collocazioni precise per le prese Schuko. Basta pensare a un'aspirapolvere, che viene usata in tutte le stanze, oppure a un computer portatile (molti hanno caricatori con Schuko), che può essere usato in cucina o in camera da letto o anche in salotto, o ancora alle prese intelligenti che adesso stanno spopolando, prese che hanno tutte spine Schuko. Lasciando in commercio solo le P40 (e anche le P30 nel caso) si favorirebbe l'installazione di un solo tipo di presa compatibile con tutte le spine in circolazione, e al tempo stesso si impedirebbe agli installatori di continuare a preferire le P11 e P17/11.


La vedo molto dura. Il mercato (elettricisti, utenti finali) e i costruttori non lo accetterebbero. Del resto le prese a pettine si vendono benissimo e sono apprezzate. Vanno benissimo per le spine Europlug che pure sono diffusissime su molti apparecchi.

La normazione è fatta di compromessi e gradualità.
Avatar utente
Foto Utente6367
18,0k 5 8 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 5867
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

0
voti

[33] Re: Presa elettrica unica in Italia

Messaggioda Foto Utentefpalone » 26 ott 2018, 18:17

A dirla tutta, la soluzione più armonizzata di tutte sarebbe la IEC 906-1.
IEC-906-1.jpg
IEC-906-1.jpg (11.37 KiB) Osservato 252 volte

il cenelec ha inutilmente provato tra gli anni '80 e gli anni '90 a introdurla in maniera massivo, con i risultati che sappiamo.
E' però usata solo in Sud Africa e Brasile (alla faccia dell'armonizzazione!).
Dal punto di vista tecnico coniuga l'innegabile "compattezza" superiore delle equivalenti prese italiane (credo le S17) rispetto alle shuko con il fatto di non poter invertire fase e neutro. :mrgreen:
Credo che il mercato, trainato dai costruttori tedeschi e francesi, spingerà sempre di più la shuko: peccato perché per me ha dei netti svantaggi tecnici rispetto alle S17; per le applicazioni a minore potenza (una buona fetta, visto che con 2.5 A alimenti gran parte dei piccoli elettrodomestici) rimarrà la europlug.

PS.
La "presa italiana" oltre ad essere diffusa nelle ex colonie è anche diffusa in Siria, Cile ed Uruguay.
https://www.iec.ch/worldplugs/map.htm#
Avatar utente
Foto Utentefpalone
10,8k 5 7 10
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2157
Iscritto il: 26 dic 2007, 17:46
Località: roma

0
voti

[34] Re: Presa elettrica unica in Italia

Messaggioda Foto Utente6367 » 26 ott 2018, 18:32

fpalone ha scritto:il cenelec ha inutilmente provato tra gli anni '80 e gli anni '90 a introdurla in maniera massivo, con i risultati che sappiamo.

Vero (più che Cenelec l'IEC).
E' però usata solo in Sud Africa e Brasile (alla faccia dell'armonizzazione!).

fpalone ha scritto:Credo che il mercato, trainato dai costruttori tedeschi e francesi, spingerà sempre di più la shuko:

Semplicemente non si è voluto modificare lo status quo: già allora erano le spine più diffuse nella maggior parte d'Europa. La schuko è nata nel 1926.
Avatar utente
Foto Utente6367
18,0k 5 8 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 5867
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

0
voti

[35] Re: Presa elettrica unica in Italia

Messaggioda Foto Utentevenexian » 26 ott 2018, 18:57

Nessuno nega che ci siano dei vantaggi evidenti (con le Schuko). Nessuno ha citato per esempio la maggior 'manovrabilità' della spina, più a dimensione della mano umana, rispetto alla piccola 'italiana'.

E' che di difetti ce ne sono anche altri (1), in modo particolare con le ciabatte. Tra questi, alcuni alimentatori con spina a muro che non arrivano a inserirsi nelle prese incassate. Oppure che una volta inseriti 'di sbieco' (2), occupano due o anche tre posizioni nella ciabatta.

Sul fatto che la maggior parte dei costruttori di elettrodomestici stia utilizzando solo spine Schuko, poi, non è affatto vero: la maggior parte dei piccoli elettrodomestici in classe II in vendita nel nostro paese ha la spina 'italiana'.

(1) Oltre al primo in lista del rapporto 1 a 2 sullo spazio occupato nei portafrutti.
(2) Soluzione praticamente obbligatoria nelle ciabatte per accomodare le spine con cavo a uscita laterale.
Immagine
Avatar utente
Foto Utentevenexian
5.740 2 4 7
Master
Master
 
Messaggi: 2060
Iscritto il: 13 mag 2017, 10:07
Località: Venezia (ma va?)

0
voti

[36] Re: Presa elettrica unica in Italia

Messaggioda Foto Utente6367 » 26 ott 2018, 19:06

venexian ha scritto:Sul fatto che la maggior parte dei costruttori di elettrodomestici stia utilizzando solo spine Schuko, poi, non è affatto vero: la maggior parte dei piccoli elettrodomestici in classe II in vendita nel nostro paese ha la spina 'italiana'.


In realtà non è la spina 'italiana', ma la Europlug (solo classe II, sino a 2,5A anche se in alcuni paesi come la Spagna è a norma anche per correnti maggiori).
https://en.wikipedia.org/wiki/Europlug

E' l'unica spina ufficialmente europea. Spina ma non presa in quanto fu fatta apposta negli anni '60 per unirsi alla maggior parte delle prese europee, senza inventare prese nuove.

Apparecchi con la vera spina 'italiana' esistono ma sono pochi (di solito apparecchi con il cordone intercambiabile e te ne danno in dotazione tre o quattro).

Comunque sì certo: la maggio parte degli apparecchi utilizza la Schuko oppure la Europlug, ove applicabile.
Avatar utente
Foto Utente6367
18,0k 5 8 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 5867
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

1
voti

[37] Re: Presa elettrica unica in Italia

Messaggioda Foto Utentefpalone » 26 ott 2018, 19:20

6367 ha scritto:
In realtà non è la spina 'italiana', ma la Europlug (solo classe II, sino a 2,5A anche se in alcuni paesi come la Spagna è a norma anche per correnti maggiori).

alcuni elettrodomestici in vendita in Italia usano la europlug per correnti superiori ai 2.5A: ecco la foto di una europlug si un asciugacapelli da 2000 W . Prodotto di marca primaria, acquistato in una grande catena di elettrodomestici.
P_20181026_191639_1.jpg
Avatar utente
Foto Utentefpalone
10,8k 5 7 10
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2157
Iscritto il: 26 dic 2007, 17:46
Località: roma

0
voti

[38] Re: Presa elettrica unica in Italia

Messaggioda Foto Utentecee73 » 26 ott 2018, 19:21

fpalone ha scritto:A dirla tutta, la soluzione più armonizzata di tutte sarebbe la IEC 906-1.
il cenelec ha inutilmente provato tra gli anni '80 e gli anni '90 a introdurla in maniera massivo, con i risultati che sappiamo.
E' però usata solo in Sud Africa e Brasile (alla faccia dell'armonizzazione!).
Dal punto di vista tecnico coniuga l'innegabile "compattezza" superiore delle equivalenti prese italiane (credo le S17) rispetto alle shuko con il fatto di non poter invertire fase e neutro. :mrgreen:


Per quanto riguarda la IEC 60906-1, tempo fa ero addirittura riuscito tramite il portale europeo per le petizioni a far discutere in commissione una proposta di standardizzazione delle prese elettriche europee con implementazione del modello IEC 60906-1, ma la maggior parte dei paesi si è ovviamente detta contraria a una possibile armonizzazione. Qualche mese fa, poi, ho lanciato un'altra petizione (sempre sullo stesso portale, ma questa volta diretta alla CEI) chiedendo l'adozione della P40 come standard unico, e sto ancora aspettando un riscontro. Non escludo che aprano di nuovo direttamente un tavolo di confronto senza passare dalla petizione come è successo la prima volta.

venexian ha scritto:Sul fatto che la maggior parte dei costruttori di elettrodomestici stia utilizzando solo spine Schuko, poi, non è affatto vero: la maggior parte dei piccoli elettrodomestici in classe II in vendita nel nostro paese ha la spina 'italiana'.


Io finora le spine italiane le ho viste solo su elettrodomestici datati e cavi di alimentazione con spinotto IEC, ma per la maggior parte degli elettrodomestici, anche quelli prodotti in Italia, mi sembra di aver sempre visto spine Schuko.
Avatar utente
Foto Utentecee73
40 3
 
Messaggi: 23
Iscritto il: 23 ott 2018, 23:31

0
voti

[39] Re: Presa elettrica unica in Italia

Messaggioda Foto Utentecee73 » 26 ott 2018, 19:23

fpalone ha scritto:alcuni elettrodomestici in vendita in Italia usano la europlug per correnti superiori ai 2.5A: ecco la foto di una europlug si un asciugacapelli da 2000 W . Prodotto di marca primaria, acquistato in una grande catena di elettrodomestici.
P_20181026_191639_1.jpg


Penso che quella più che una Eurospina sia una CEi 23-50 S10, o mi sbaglio? Spina comunque compatibile con tutti i tipi di prese elettriche dell'Europa continentale.
Avatar utente
Foto Utentecee73
40 3
 
Messaggi: 23
Iscritto il: 23 ott 2018, 23:31

0
voti

[40] Re: Presa elettrica unica in Italia

Messaggioda Foto Utentevenexian » 26 ott 2018, 19:43

cee73 ha scritto:Io finora le spine italiane le ho viste solo su elettrodomestici datati

Cerca in rete i manuali di prodotti in classe II come frullatori, rasoi, sigillatrici sottovuoto, coltelli elettrici ecc. e vedrai che la maggior parte hanno la 'italiana' da 10 A.

C'è poi tutto il mondo dei caricabatterie, dove non ce ne è praticamente uno che abbia la Schuko.
Immagine
Avatar utente
Foto Utentevenexian
5.740 2 4 7
Master
Master
 
Messaggi: 2060
Iscritto il: 13 mag 2017, 10:07
Località: Venezia (ma va?)

PrecedenteProssimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 11 ospiti