Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Magnetotermico differenziale da sostituire

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago

0
voti

[11] Re: Magnetotermico differenziale da sostituire

Messaggioda Foto UtenteSerTom » 9 nov 2018, 9:22

steccio ha scritto:... potrei pensare di prendere un dispositivo per il riarmo automatico ...
Non risolverebbe il problema, anzi !
Il riarmo automatico ha senso se la causa dell'intervento è assolutamente occasionale, es. effetto indiretto causato da sovratensioni di fulmini durante un temporale. Se si tratta di vera dispersione verso terra, oltre a diventare un tantino pericolosa la faccenda, rischieresti l'intervento a ripetizione.

Bye O_/ Ser.Tom
Avatar utente
Foto UtenteSerTom
4.106 1 4 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1914
Iscritto il: 18 mag 2012, 9:57

0
voti

[12] Re: Magnetotermico differenziale da sostituire

Messaggioda Foto Utentesalvuto » 9 nov 2018, 13:21

senza contare che quei dispositivi riarmano 3 volte poi basta, quindi se il problema è un altro ci si ritrova comunque col circuito offline
Avatar utente
Foto Utentesalvuto
0 3
 
Messaggi: 29
Iscritto il: 30 nov 2017, 18:48

0
voti

[13] Re: Magnetotermico differenziale da sostituire

Messaggioda Foto Utenteadert » 9 nov 2018, 14:36

Ho avuto lo stesso problema, controlla gli impianti esterni, prese, luci giardino, ecc.
Io ho trovato una scatoletta di derivazione esterna zuppa di condensa, piena di polvere e calcinacci.
Pulito il tutto, fatti un po di fori sul coperchio per arieggiare ora ok.
Se attivi il generale da on a off qualche volta scatta?
Se si, è quanto ti ha segnalato SerTom,
salvuto ha scritto:con i recenti dispositivi elettronici presenti in molti elettrodomestici (frigoriferi, lavatrici, ma anche alimentatori per lampade a led...) e della necessità di "filtrare i disturbi" prodotti, si fa grande uso di "capacità" (condensatori) collegati verso terra.
Ogni dispositivo, singolarmente, "perde" pochi milliampere ... ma ce ne sono tanti ... la corrente si somma.
E' facile arrivare alla soglia dei fatidici 30mA ... e da li basta veramente poco per far intervenire un differenziale "domestico".
Scopo principale della nostra vita , è dare prosieguo alla vita , come tutti gli esseri viventi fanno.
Avatar utente
Foto Utenteadert
162 1 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 180
Iscritto il: 19 apr 2014, 16:57

0
voti

[14] Re: Magnetotermico differenziale da sostituire

Messaggioda Foto Utentesteccio » 9 nov 2018, 21:16

Non è un problema che si presenta a cadenze periodiche, né molto spesso: è successo stanotte, era successo qualche notte fa, ma in precedenza era successo un mese fa... a volte capita che per 2 o 3 mesi non scatta mai.
E' probabile che il problema sia quello espresso da SerTom, quindi se capisco bene la soluzione sarebbe quella di mettere più differenziali?
Avatar utente
Foto Utentesteccio
5 2
 
Messaggi: 10
Iscritto il: 14 dic 2012, 13:36

0
voti

[15] Re: Magnetotermico differenziale da sostituire

Messaggioda Foto Utenteadert » 9 nov 2018, 21:53

Togliere il differenziale sul generale e metterli su tutti gli altri interruttori.
Scopo principale della nostra vita , è dare prosieguo alla vita , come tutti gli esseri viventi fanno.
Avatar utente
Foto Utenteadert
162 1 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 180
Iscritto il: 19 apr 2014, 16:57

0
voti

[16] Re: Magnetotermico differenziale da sostituire

Messaggioda Foto Utentesalvuto » 9 nov 2018, 22:03

a mio parere bisogna prima vedere se c'e' qualcosa che disperde, qualche utilizzatore connesso a terra (frigo forno lavatrice elettrodomestici vari)
Avatar utente
Foto Utentesalvuto
0 3
 
Messaggi: 29
Iscritto il: 30 nov 2017, 18:48

0
voti

[17] Re: Magnetotermico differenziale da sostituire

Messaggioda Foto UtenteSerTom » 10 nov 2018, 10:23

steccio ha scritto:... quindi se capisco bene la soluzione sarebbe quella di mettere più differenziali?
Risolverebbe se il problema fosse effettivamente causato dalla dispersione provocata dai filtri dei TANTI dispositivi collegati. Separando la "rete", ogni ramo avrebbe una dispersione minore ...
Ma questa "separazione" andrebbe fatta con cognizione di causa, sia in base alle linee che partono dal quadretto generale sia in base a cosa queste linee alimentano.
Andare per tentativi potrebbe non essere è molto efficace.

Qui ci troviamo nell'esempio classico di evento digitale ( 0 o 1; scatta No/SI) ma derivato da uno stimolo analogico. Spiego: la soglia (teorica) è 30mA, sotto è 0, sopra è 1. Ma tu non sai se sei a 10, 20 o 29... e te ne accorgi solo quando sei sicuramente sopra a 31.
Allora, come fai a suddividere le linee se non sai quanto ognuna di queste (eventualmente) perde ?

Inoltre, la perdita da filtri, è solo una delle ipotesi possibili, rimane sempre l'umidità ... o altro (vedi sotto).

Allora, o giochi la lotteria (separi a caso e speri di vincere ...) oppure ragioni su basi tecniche.
Per questo ti suggerisco di chiedere ad un tecnico (ovviamente capace, attrezzato e di cui ti fidi) che ti faccia la misura delle dispersioni. Potrà suggerirti l'intervento corretto.
Fra i quali rimane inclusa (e mai eliminata del tutto) la sostituzione del differenziale perché, causa anzianità, scatta con correnti sotto la soglia nominale.

Bye O_/ Ser.Tom
Avatar utente
Foto UtenteSerTom
4.106 1 4 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1914
Iscritto il: 18 mag 2012, 9:57

0
voti

[18] Re: Magnetotermico differenziale da sostituire

Messaggioda Foto Utentesteccio » 10 nov 2018, 17:16

Che debba chiamare un tecnico è fuori discussione, io so a malapena cambiare le lampadine; il problema è trovarne uno di cui mi possa fidare!
Ma ancora più grande è il problema che il quadro è già pieno così e non ho la possibilità di aggiungere altri moduli...
Avatar utente
Foto Utentesteccio
5 2
 
Messaggi: 10
Iscritto il: 14 dic 2012, 13:36

0
voti

[19] Re: Magnetotermico differenziale da sostituire

Messaggioda Foto UtenteFranco012 » 10 nov 2018, 17:44

steccio ha scritto:il problema che il quadro è già pieno così e non ho la possibilità di aggiungere altri moduli...

Stando così le cose, mettendo due interruttori magnetotermici differenziali in parallelo, dovresti necessariamente accorpare due coppie di utenze, suddividendo l'impianto in 8 linee anziché in 10. Volendo, si potrebbero utilizzare anche 3 interruttori magnetotermici differenziali, e 6 linee in uscita. In quest'ultimo caso, miglioreresti la selettività differenziale (= una dispersione su una delle tre linee principali non avrebbe alcuna influenza sulle altre due).
In teoria, potresti utilizzare anche differenziali puri al posto di magnetotermici differenziali, ma non guadagneresti nulla in termini di spazio e il costo sarebbe più o meno uguale (inoltre rinunceresti ad una protezione magnetotermica ridondante).
Big fan of ƎlectroYou
Avatar utente
Foto UtenteFranco012
2.418 1 3 6
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 961
Iscritto il: 8 ago 2015, 19:40
Località: Sardegna

-1
voti

[20] Re: Magnetotermico differenziale da sostituire

Messaggioda Foto Utenteadert » 10 nov 2018, 20:40

Un modo per testare il sistema sarebbe generare una dispersione verso terra controllata e vedere quando scatta la protezione differenziale da 30 mA.
Falla fare da un tecnico esperto che ha sicuramente la strumentazione adatta.

Mettendo tra la fase e terra una resistenza da 10/15 Watt valore 47 Khom generi un passaggio di corrente, dispersione, di circa 5 mA
230V/47.000 hom=0,005 Amper +/-xx% dipende dalla tolleranza della resistenza.(2%,5%,10%)
Aggiungendo poi in parallelo a questa un'altra resistenza da 47k ottieni un resistenza totale la metà che fa scorrere 10 mA e cosi via con una 6° in parallelo 30 mA.
Osservando quando interviene la protezione puoi capire:
-se con 1 resistenza da 47.000 hom interviene, vuol dire che hai un dispersione gia presente di almeno 26 mA
-se con 2 resistenze da 47.000 hom in parallelo interviene vuol dire che disperdi gia 16 mA.
-...
-se con 5 resistenze da 47.000 hom in parallelo interviene vuol dire che disperdi gia 6 mA
-se interviene alla 6° resistenza in parallelo 47.000/6=7833 hom, 230/7833=29,4 mA vuol dire che non hai dispersione nel tuo impianto e quindi gli interventi segnalati sono da imputarsi a una dispersione occasionale per umidità o altro, controllare prese esterne, scatolette esterne o altro come segnalatoti nei tread precedenti.
Come procedere con dovute precauzioni:
-Togliere alimentazione con generale,
-mettere una resistenza da 47.000 tra fase e terra, dopo la protezione differenziale,
-ridare tensione.
-Se non scatta,
-togliere alimentazione con generale,
-mettere in parallelo un'altra resistenza a 47.000 hom
-ridare tensione
-e cosi sino alla 6° resistenza
Scopo principale della nostra vita , è dare prosieguo alla vita , come tutti gli esseri viventi fanno.
Avatar utente
Foto Utenteadert
162 1 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 180
Iscritto il: 19 apr 2014, 16:57

PrecedenteProssimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 16 ospiti