Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Trasformatori in parallelo cosfcc

Trasformatori, macchine rotanti ed azionamenti

Moderatori: Foto Utentemario_maggi, Foto Utentefpalone, Foto UtenteSandroCalligaro

1
voti

[1] Trasformatori in parallelo cosfcc

Messaggioda Foto Utenteloganwolverine » 8 nov 2018, 12:27

Buongiorno,
ho questo vecchio trasformatore con i seguenti dati di targa (in allegato) e dovrei comprare un trasformatore da inserirlo in parallelo ma, essendo datato, ho solo questi dati ti targa. Come si può vedere manca il dato del fattore di potenza di corto circuito (cosfcc).
Mi chiedo, in questo caso, posso non considerarlo? Cosa accadrebbe se dovessi inserirlo in parallelo ad un altro trasformatore con cosfcc diverso?

In teoria a pari cosfcc si ottiene la minimizzazzione dei valori efficaci delle correnti al secondario dei due trasformatori. In parole "povere" cosa significa? Cosa noterei da un punto di vista pratico sui due trafo?

Dati di targa trasformatore.jpg


Grazie.
Avatar utente
Foto Utenteloganwolverine
112 2 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 263
Iscritto il: 17 gen 2011, 12:14

2
voti

[2] Re: Trasformatori in parallelo cosfcc

Messaggioda Foto UtenteEcoTan » 8 nov 2018, 13:01

loganwolverine ha scritto:In teoria a pari cosfcc si ottiene la minimizzazzione dei valori efficaci delle correnti al secondario dei due trasformatori

Sì, anche al primario. Occorre anche uguale rapporto di trasformazione, considerando anche la presenza del selettore, per evitare anche la circolazione di correnti a vuoto.
Invece in pratica, trattandosi di una macchina di potenza inconsueta, direi di valutare sopratutto le protezioni e le condutture sia locali che distanti e qui mi fermo.
Avatar utente
Foto UtenteEcoTan
5.262 4 10 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 3089
Iscritto il: 29 gen 2014, 8:54

1
voti

[3] Re: Trasformatori in parallelo cosfcc

Messaggioda Foto UtenteCoulomb » 8 nov 2018, 13:11

Che i due trasformatori non si ripartiranno perfettamente la potenza/corrente, ma non mi aspetto grandi differenze.
Come ti ha già consigliato Foto UtenteEcoTan consiglio di valutare l'effetto del parallelo dei trasformatori sull'equipaggiamento a valle (quadro, interruttori etc etc) in condizioni di funzionamento normale e guasto.
Avatar utente
Foto UtenteCoulomb
705 4
CRU - Account cancellato su Richiesta utente
 
Messaggi: 190
Iscritto il: 19 gen 2018, 17:27

0
voti

[4] Re: Trasformatori in parallelo cosfcc

Messaggioda Foto Utenteloganwolverine » 8 nov 2018, 14:14

Premettendo di avere tutti i parametri uguali:
-Rapporto di trasformazione
-Vcc%
-Gruppo orario

Se avessi due cosfcc cosa accadrebbe?

Se non hanno la stessa Vcc% si ripartiscono la potenza NON in maniera proporzionale alla propria potenza nominale, se non hanno lo stesso rapporto di trasformazione ci sarebbe una circolazione di corrente tra i due trasformatori.. il cosfcc cosa noterei?

Grazie
Avatar utente
Foto Utenteloganwolverine
112 2 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 263
Iscritto il: 17 gen 2011, 12:14

2
voti

[5] Re: Trasformatori in parallelo cosfcc

Messaggioda Foto UtenteMASSIMO-G » 8 nov 2018, 14:29

Secondo CEI 0-16 non puoi mettere in parallelo un trafo nuovo di potenza uguale a quello esistente. Se lo metti di potenza piu piccola , anche se è un eventualità rara e assai inconsueta, solo il medesimo costruttore puo farlo. Se l’arrivo è con sottostazione in AT è un altro discorso, comunque devi rivolgerti allo stesso costruttore dell’esistente. Occorre considerare poi che il quadro bt va a subire le conseguenze dei due trafo in parallelo in termini di una corrente di corto circuito forse inammissibile per le apparecchiature esistenti
Avatar utente
Foto UtenteMASSIMO-G
12,6k 6 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2636
Iscritto il: 20 set 2004, 8:31
Località: PIACENZA

0
voti

[6] Re: Trasformatori in parallelo cosfcc

Messaggioda Foto Utenteloganwolverine » 8 nov 2018, 14:36

Grazie per il consiglio, mi sono dimenticato di dire che c'è una sottostazione primaria di arrivo AT/MT , il problema è che ho in parallelo due trasformatori identici con la targa uguale a quella che ho postato, l'esigenza è sostituirne uno in quanto danneggiato. Ma nei dati di targa non hanno riportato il cosfcc da qui il mio dubbio sul perché i trasformatori debbano avere lo stesso cosfcc. In un caso come questo come potrei fare?

Grazie
Avatar utente
Foto Utenteloganwolverine
112 2 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 263
Iscritto il: 17 gen 2011, 12:14

2
voti

[7] Re: Trasformatori in parallelo cosfcc

Messaggioda Foto Utentefpalone » 8 nov 2018, 14:45

Premesso il rispetto dei requisiti della norma CEI 0-16, come ti ha detto Foto UtenteMASSIMO-G, non ci sono particolari problemi a far funzionare in parallelo macchine di fornitori diversi con un diverso cosfcc.
Le differenze nel cosfcc di fatto sono analoghe alle differenze nell'impedenza di corto circuito: le impedenze di due trasformatori aventi la stessa vcc e diverso cosfcc differiranno tra loro in fase, ma non in modulo.
Di fatto, visto che il cosfcc è in genere basso, la differenza vettoriale tra i due trasformatori sarà generalmente bassa. Tieni conto che la tolleranza costruttiva sul valore ohmico dell'impedenza di corto circuito è il 5%.

Nei fatti, se due macchine avessero lo stesso rapporto di trasformazione e la stessa tensione di cto.cto. non mi aspetterei sbilanciamenti/correnti di circolazione rilevanti tra le due macchine.
Avatar utente
Foto Utentefpalone
11,0k 5 7 10
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2187
Iscritto il: 26 dic 2007, 17:46
Località: roma

1
voti

[8] Re: Trasformatori in parallelo cosfcc

Messaggioda Foto UtenteEcoTan » 8 nov 2018, 14:50

loganwolverine ha scritto:.. il cosfcc cosa noterei?

Che la corrente dopo il parallelo, e quindi il carico, non è esattamente uguale alla somma delle due ma un po' meno, perché avviene una composizione vettoriale fra due correnti non esattamente in fase fra loro.
Avatar utente
Foto UtenteEcoTan
5.262 4 10 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 3089
Iscritto il: 29 gen 2014, 8:54

0
voti

[9] Re: Trasformatori in parallelo cosfcc

Messaggioda Foto Utenteloganwolverine » 8 nov 2018, 15:03

Chiarissimo! grazie a tutti, soprattutto fpalone e EcoTan. :ok:
Avatar utente
Foto Utenteloganwolverine
112 2 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 263
Iscritto il: 17 gen 2011, 12:14

1
voti

[10] Re: Trasformatori in parallelo cosfcc

Messaggioda Foto UtenteStefanoSunda » 1 dic 2018, 12:40

Come si può vedere manca il dato del fattore di potenza di corto circuito (cosfcc).

Mi chiedo, in questo caso, posso non considerarlo? Cosa accadrebbe se dovessi inserirlo in parallelo ad un altro trasformatore con cosfcc diverso?

Ma nei dati di targa non hanno riportato il cosfcc da qui il mio dubbio sul perché i trasformatori debbano avere lo stesso cosfcc. In un caso come questo come potrei fare?

Vorrei chiarire il tuo dubbio: Nella targhetta del trafo il cosfi non compare perché è superfluo: ”La caduta di tensione di un trasformatore dipende dalla corrente e dalla sua fase. A corrente costante, la caduta di tensione varia col cosfi. Il valore più grande della caduta di tensione a corrente nominale e con un cosfi più svantaggiato, corrisponda alla tensione di cortocircuito”.
Avatar utente
Foto UtenteStefanoSunda
2.153 3 6 10
Master
Master
 
Messaggi: 1491
Iscritto il: 16 set 2010, 19:29


Torna a Macchine elettriche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti