Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ruota fonica...questa sconosciuta...

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utentecarloc, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteBrunoValente

0
voti

[21] Re: Ruota fonica...questa sconosciuta...

Messaggioda Foto UtenteBeaN » 29 mar 2008, 12:31

g.schgor ha scritto:Un sensore che rilevi le sporgenze dell'albero a camme e' un normale "sensore di prossimita' "
che dovresti trovare in qualsiasi negozio di articoli elettrici.

Ok perfetto...devo cercarlo con delle caratteristiche particolari? Puoi suggerirmi qualche marchio o modello che faccia al caso mio? Non dovrebbe avere dei costi esagerati, giusto?

g.schgor ha scritto:Il problema rimane quello di saper il rapporto tra la frequenza cosi' generata e la frequenza
necessaria al tuo strumento per indicare la velocita' corrispondente.

La frequenza necessaria per il contagiri è la stessa che passa nel filo della bobina. Io però non ho a disposizione una macchina con la bobina dove andarla a misurare, quindi stavo pensado che si potrebbe realizzare un circuito con qualcosa tipo un trimmer che mi permette di regolare la frequenza in uscita dal sensore: in base al numero di giri che rileverò sull'auto a motore acceso con uno di quei contagiri che usano gli elettrauto (quello che si collega ai morsetti della batteria e dà il numero di giri), farò una taratura iniziale del circuito cosicchè riproduca fedelmente il segnale che sto cercando io.

Che ne pensi?
Avatar utente
Foto UtenteBeaN
0 2
 
Messaggi: 37
Iscritto il: 6 feb 2008, 4:49
Località: Catania

0
voti

[22] Re: Ruota fonica...questa sconosciuta...

Messaggioda Foto Utenteg.schgor » 29 mar 2008, 13:44

Per sensore di prossimita' intendo uno come questi:
http://www.sick.it/it/prodotti/sensori/ ... vi/it.html

Sulla conversione di frequenza, sarebbe facile un rapporto fisso, ma non
uno "tarabile". Bisognerebbe percio' stabilire il rapporto fra quella generata
dal sensore e quella equivalentente alla bobina.
Avatar utente
Foto Utenteg.schgor
57,1k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16880
Iscritto il: 25 ott 2005, 9:58
Località: MILANO

0
voti

[23] Re: Ruota fonica...questa sconosciuta...

Messaggioda Foto UtenteBeaN » 29 mar 2008, 14:06

g.schgor ha scritto:Per sensore di prossimita' intendo uno come questi:
http://www.sick.it/it/prodotti/sensori/ ... vi/it.html

A quanto si aggira il costo più o meno?

g.schgor ha scritto:Sulla conversione di frequenza, sarebbe facile un rapporto fisso, ma non
uno "tarabile". Bisognerebbe percio' stabilire il rapporto fra quella generata
dal sensore e quella equivalentente alla bobina.

Sappiamo la frequenza generata dal sensore? E per sapere quella della bobina come potrei fare? Ho cercato a lungo ma l'unica cosa che ho trovato è questa http://www.grix.it/viewer.php?page=1656&bakto=. C'è una parte in cui dice:

prima d’installare il contagiri, andrà tarato, per associare ad ogni led, l’effettivo numero giri.

Tale operazione può essere svolta in diversi modi:
- Con un altro contagiri,
- con un generatore di frequenza,
- con un segnale la cui frequenza sia nota.

Mi soffermo sull’ultima possibilità, essendo la più semplice ed economica d’attuare.

Con un piccolo trasformatore 220/15-12 volt ed un ponte raddrizzatore, più l’ausilio delle formule sotto riportate, si potrà conoscere il numero di giri corrispondenti alla frequenza generata, che ricordo essere di 100Hz:

N.G.=(Frequenza x 60) : N.Cilindri (Motori 2 tempi)
N.G.=(Frequenza x 120) : N.Cilindri (Motori 4 tempi)

Esse si differenziano per tipo di motore. Nel nostro caso, prendiamo in esame la prima, volendo tarare il contagiri per un motore due tempi:

N.G.= (100X60):1 = 6.000 giri. Quindi 100Hz corrispondono a 6.000 giri.


C'entra qualcosa con il nostro discorso?
Avatar utente
Foto UtenteBeaN
0 2
 
Messaggi: 37
Iscritto il: 6 feb 2008, 4:49
Località: Catania

0
voti

[24] Re: Ruota fonica...questa sconosciuta...

Messaggioda Foto Utenteg.schgor » 29 mar 2008, 15:49

Non ho i costi dei sensori, ma visto che il produttore segnalato ha un'organizzazione
di vendita in tutte le regioni, non dovrebbe essere difficile conoscerli e fare una scelta.

Circa la freqenza, propongo una semplice prova: alimentare il tuo misuratore con una
frequenza ricavata da un trasformatore 220 V/12V, con in serie un diodo per far passare
solo impulsi positivi (50Hz) e vedere che valore segna.
Avatar utente
Foto Utenteg.schgor
57,1k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16880
Iscritto il: 25 ott 2005, 9:58
Località: MILANO

0
voti

[25] Re: Ruota fonica...questa sconosciuta...

Messaggioda Foto UtenteBeaN » 29 mar 2008, 16:23

Va bene anche un comunissimo trasformatore per apparecchiature domestiche? Ne ho parecchi ma escono tutti in corrente continua...va bene lo stesso o c'è bisogno di un trasformatore che la mantenga alternata?
Avatar utente
Foto UtenteBeaN
0 2
 
Messaggi: 37
Iscritto il: 6 feb 2008, 4:49
Località: Catania

0
voti

[26] Re: Ruota fonica...questa sconosciuta...

Messaggioda Foto Utenteg.schgor » 29 mar 2008, 17:17

Un trasformatore funziona in corrente alternata e per ricavare dal secondario (a 12V)
le sole semionde positive, occorre un diodo (es. 1N4001).
Avatar utente
Foto Utenteg.schgor
57,1k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16880
Iscritto il: 25 ott 2005, 9:58
Località: MILANO

0
voti

[27] Re: Ruota fonica...questa sconosciuta...

Messaggioda Foto UtenteBeaN » 29 mar 2008, 18:22

Si lo so ma gli unici trasformatori che trovo in casa passano la corrente da 220 V a 12V o 24 V ma non la mantengono alternata, la passano in continua.
Vanno bene lo stesso?
Avatar utente
Foto UtenteBeaN
0 2
 
Messaggi: 37
Iscritto il: 6 feb 2008, 4:49
Località: Catania

0
voti

[28] Re: Ruota fonica...questa sconosciuta...

Messaggioda Foto Utenteg.schgor » 29 mar 2008, 18:58

No. Se la tensione e' continua, non c'e piu' la frequenza di rete.
Ma prendendo la tensione direttamente dal secondario (e mettendoci un diodo)
dovresti avere il segnale a 50Hz che serve.
Avatar utente
Foto Utenteg.schgor
57,1k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16880
Iscritto il: 25 ott 2005, 9:58
Località: MILANO

0
voti

[29] Re: Ruota fonica...questa sconosciuta...

Messaggioda Foto UtenteBeaN » 29 mar 2008, 21:58

Non ho trovato nessun trasformatore che fa al mio caso...lunedì vado a comprare un trasformatore da 220 V a 12V che la mantenga in alternata e poi metto un bel diodo metallico per andare sul sicuro...
Avatar utente
Foto UtenteBeaN
0 2
 
Messaggi: 37
Iscritto il: 6 feb 2008, 4:49
Località: Catania

0
voti

[30] Re: Ruota fonica...questa sconosciuta...

Messaggioda Foto UtenteBeaN » 31 mar 2008, 22:42

Ho comprato trasformatore e diodo, ecco come li ho collegati (ho usato anche una batteria al piombo da 12V):

Immagine

Immagine

Ovviamente non accade NULLA...Il contagiri si accende perché c'è la batteria ma l'ago non si muove. Lo shift-light non l'ho collegato tanto funziona anche senza. Credo proprio di aver capito male i collegamenti...come dovrei metterli? :oops:
Avatar utente
Foto UtenteBeaN
0 2
 
Messaggi: 37
Iscritto il: 6 feb 2008, 4:49
Località: Catania

PrecedenteProssimo

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 63 ospiti