Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Chimica orbitali leganti metallo

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utentecarloc, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteBrunoValente

0
voti

[71] Re: Chimica orbitali leganti metallo

Messaggioda Foto UtenteIanero » 9 mag 2019, 20:49

PietroBaima ha scritto:Questo solo in continua però, la legge di Ohm, infatti, a rigore, è una legge valida solo in continua.
Se non sei in continua, a rigore, dovresti dire che la legge di Ohm è solo il primo termine di uno sviluppo in serie, ma questi effetti sono ampiamente trascurabili finché si resta in condizione di basso campo.

Io ho sempre saputo che la legge di Ohm vale anche non in continua, la conducibilità può essere funzione della frequenza, oltre che di punto.
La questione dello sviluppo in serie, sempre per quanto ne so io, va fatta o meno soltanto a seconda dell'ampiezza del campo, indifferentemente dalla sua frequenza (supponendo linearità e tempo-invarianza).

Dove sbaglio?
Servo, dai a costui una moneta, perché ha bisogno di trarre guadagno da ciò che impara.
Euclide.
Avatar utente
Foto UtenteIanero
7.204 5 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 3686
Iscritto il: 21 mar 2012, 15:47

1
voti

[72] Re: Chimica orbitali leganti metallo

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 9 mag 2019, 20:50

Non sbagli :D
Bisogna capirci su cosa intendiamo quando parliamo di "basso" campo.
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex

Io capisco le cose per come le scrivete. Per esempio: K sono kelvin e non chilo, h.z è la costante di Planck per zepto o per la zeta di Riemann e l'inverso di una frequenza non si misura in siemens.
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
76,5k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 9189
Iscritto il: 12 ago 2012, 1:20
Località: Londra

0
voti

[73] Re: Chimica orbitali leganti metallo

Messaggioda Foto Utentestefanomonari » 9 mag 2019, 21:04

PietroBaima ha scritto:Una persona che pone domande perché è curioso di apprendere non è un tipo strano, casomai è strano chi non lo fa (...) Quando parliamo di cortocircuiti intendiamo solo dire implicitamente che la potenza che assorbono (e trattengono o dissipano) è trascurabile rispetto ad altri componenti del circuito
Quoting abnorme ridotto

Grazie per la risposta. Pero non capisco bene. Mi spiego (almeno credo). All'istituto tecnico mi spiegavano che la tensione o la differenza di potenziale può essere interpretata come una forza per spingere gli elettroni. A questo punto mi chiedo la corrente come fa a circolare: se non c'e' tensione come si crea? Nel caso del pendolo senza attrito ma alla fine la spinta iniziale la deve dare qualcuno o qualcosa? Oppure si potrebbe rifare tutto al priicipio di fisica galileiano che un corpo senza una causa esterna o rimane in quiete o si muove in moto uniforme ... :) Oddio questo l'ho rispolverato non so da un ricordo del primo superiore ...pero.
Avatar utente
Foto Utentestefanomonari
30 1 2
 
Messaggi: 13
Iscritto il: 20 apr 2019, 14:29

Precedente

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 35 ospiti