Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Cambio magnetotermico

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago

0
voti

[1] Cambio magnetotermico

Messaggioda Foto Utentepierpippo » 16 dic 2018, 13:04

Salve a tutti. ho appena cambiato il mio magnetotermico differenziale con uno ad immunità rinforzata da 32A. Dopo di lui l'impianto prevede un magnetotermico da 10A per le luci e uno da 25A per le prese "indistriali". Mi chiedo però se 25A non siano troppi. Ho fatto una prova ad accendere tutti i condizionatori più forno e asciugacapelli in modo da sforare i 3 kW del mio contratto. Come previsto è saltato prima il contatore dell'ENEL in quanto il magnetotermico da 25A non ha raggiunto il suo limite.

Vi chiedo, visto che è molto vecchio e lo devo cambiare con uno nuovo è meglio metterne uno da 25A come è ora o optare per uno da 16A?

Grazie ancora per il nuovo aiuto che mi vorrete dare.
Avatar utente
Foto Utentepierpippo
5 2
 
Messaggi: 19
Iscritto il: 2 apr 2016, 18:32

0
voti

[2] Re: Cambio magnetotermico

Messaggioda Foto UtenteEdmondDantes » 16 dic 2018, 13:18

Fermo restando che:

  • la "protezione" installata nei contatori non serve a proteggere la linea a valle di proprietà del cliente;
  • se interviene prima il "contatore", potenzialmente potrebbe esserci un problema nella progettazione della linea e delle relative protezioni.

Ti rammento che l'impianto elettrico di distribuzione e' soggetto al DM 37/08 e alla norma CEI 64-8; chi può effettuare questo tipo di intervento e' l'installatore qualificato e a monte, se è il caso, un progettista iscritto all'albo.
Possedere le conoscenze idonee e/o la manualità adatta non e' sufficiente per poter eseguire questo tipo di attività.

Detto cio', la scelta della protezione deve essere coordinata con la linea elettrica da proteggere. Dato che non conosciamo le caratteristiche del tuo impianto, e' impossibile rispondere al tuo quesito sulla base delle informazioni che hai fornito. E soprattutto dovrai chiedere al tuo installatore qualificato.

Buona permanenza nel sito.
Il Conte di Montecristo

Se non studio un giorno, me ne accorgo io. Se non studio due giorni, se ne accorge il pubblico.
La scienza non è democratica e le sue leggi non si decidono per alzata di mano.
Non seguo il metodo Montessori.
Avatar utente
Foto UtenteEdmondDantes
8.780 8 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2760
Iscritto il: 25 lug 2009, 22:18
Località: Marsiglia

0
voti

[3] Re: Cambio magnetotermico

Messaggioda Foto Utentepierpippo » 16 dic 2018, 13:24

Io non devo fare un impianto ex novo ma capire se il magnetotermico che c'è ora va bene o è sovradimensionato.
Se i cavi presenti nel mio impianto da oltre vent'anni hanno retto il carico di un magnetotermico da 25A a maggior ragione lo faranno se mi dite che è meglio cambiarlo con uno da 16A.
Che poi lo farò a mio rischio e pericolo è fuor di discussione.
La mia domanda è molto semplice è meglio cambiarlo con uno da 16A in modo che limiti la corrente che circola a un po' di più dei 3 kW contrattuali o melgio un 25A che mi permette di assorbire la massima corrente che può darmi il contatore enel, anche se per pochi minuti?
Avatar utente
Foto Utentepierpippo
5 2
 
Messaggi: 19
Iscritto il: 2 apr 2016, 18:32

0
voti

[4] Re: Cambio magnetotermico

Messaggioda Foto UtenteGoofy » 16 dic 2018, 13:36

16
Avatar utente
Foto UtenteGoofy
6.202 2 4 7
Master
Master
 
Messaggi: 1990
Iscritto il: 10 dic 2014, 20:16

1
voti

[5] Re: Cambio magnetotermico

Messaggioda Foto Utenteness1 » 16 dic 2018, 14:13

EdmondDantes ha scritto:se interviene prima il "contatore", potenzialmente potrebbe esserci un problema nella progettazione della linea e delle relative protezioni.

Falso

Il contatore non sgancia sull'immagine termica della corrente assorbita. Ha un suo algoritmo e lo sgancio viene comandato dal microprocessore.
Con 3,3 kW di contratto anche con un 16A come interruttore generale nel 99.% dei casi di supero potenza concessa interviene prima il limitatore del contatore.
Gli automatici modulari ad uso domestico hanno tra le specifiche di prodotto i valori della corrente minima di non intervento e di quella di sicuro intervento riferite ad un tempo convenzionale (non ricordo se fissato in una o due ore)
Un magnetotermico da 16A non deve intervenire in tale tempo per un sovraccarico pari a 115% della sua In, che sono poco più di 18A. Deve invece intervenire entro il tempo convenzionale con un sovraccarico pari al 145% di In, ovvero circa 23A.
Basterebbe confrontare questo campo di intervento con quello dello sganciatore elettronico per comprendere perché quest'ultimo interviene prima. Ovviamente diminuendo la taratura del magnetotermico, adottando un generale da 13 o 10A le cose cambiano. Ma finiresri per non potere sfruttare tutta la potenza disponibile
Avatar utente
Foto Utenteness1
61 2
CRU - Account cancellato su Richiesta utente
 
Messaggi: 51
Iscritto il: 17 ott 2018, 0:09

0
voti

[6] Re: Cambio magnetotermico

Messaggioda Foto UtenteEdmondDantes » 16 dic 2018, 14:36

Letto già da qualche parte... ma non ricordo dove.
Il Conte di Montecristo

Se non studio un giorno, me ne accorgo io. Se non studio due giorni, se ne accorge il pubblico.
La scienza non è democratica e le sue leggi non si decidono per alzata di mano.
Non seguo il metodo Montessori.
Avatar utente
Foto UtenteEdmondDantes
8.780 8 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2760
Iscritto il: 25 lug 2009, 22:18
Località: Marsiglia

1
voti

[7] Re: Cambio magnetotermico

Messaggioda Foto Utentesoltec » 16 dic 2018, 21:06

L'interruttore magnetotermico deve proteggere la linea è le eventuali prese a prescindere da quello che ha a monte.
Tra l'altro posso dire per esperienza di avere trovato più volte contatori che a fronte di un contratto da 3 kW davano 6 kW disponibili.
Spesso dimenticano di allineare il contatore al contratto. In casi del genere la cosa può risultare pericolosa se l'impianto non ha le corrette protezioni.
Chi come me è installatore avrà sicuramente trovato quei casi (specialmente nelle cucine) dove da una povera presa riparte un mondo: lavatrice,lavastoviglie, forno, piano cottura, frigorifero contornato da varie ciabatte e riduzioni.
Per questo come consigliato ci si rivolge ad un istallatore invece di fare da soli.
Un paio di appartamenti e due tre cucine che hanno preso fuoco per motivi simili nel mio lavoro li ho incontrati.
Poi fai tu.
Il problema dell'umanità è che gli stupidi sono strasicuri,mentre gli intelligenti sono pieni di dubbi
Avatar utente
Foto Utentesoltec
1.189 4 6
Expert
Expert
 
Messaggi: 657
Iscritto il: 9 lug 2007, 18:27
Località: Roma

0
voti

[8] Re: Cambio magnetotermico

Messaggioda Foto Utentepierpippo » 17 dic 2018, 9:13

Vero sarebbe se dovessi rifare l'impianto. Ma io sto chiedendo il perché, secondo voi, nel mio impianto hanno installato un 25A al posto di uno da 16A e se non sia meglio sostituirlo.
L'installatore non farebbe altro che cambiare un magnetotermico da 20euro prendendomene 150. Se permetti lo faccio da solo andando in contro ai miei rischi. Invece di continuare a dirmi di farlo fare da un elettricista qualificato sarebbe più opportuno spiegare se sia meglio un 16A invece del 25A installato.
Se no, visto che è meglio fare fare i lavori all'impianto elettrico da personale qualificato, che senso ha questo forum? Chiudiamolo e rivolgiamoci ai vari elettricisti!
Avatar utente
Foto Utentepierpippo
5 2
 
Messaggi: 19
Iscritto il: 2 apr 2016, 18:32

1
voti

[9] Re: Cambio magnetotermico

Messaggioda Foto UtenteGoofy » 17 dic 2018, 9:55

pierpippo ha scritto:Ma io sto chiedendo il perché, secondo voi, nel mio impianto hanno installato un 25A al posto di uno da 16A e se non sia meglio sostituirlo.

L'elettricista aveva lì a portata di mano quello da 25A.

spiegare se sia meglio un 16A invece del 25A installato.

Già detto, ci vuole da 16A per proteggere le prese.

Se no, visto che è meglio fare fare i lavori all'impianto elettrico da personale qualificato

In alcuni casi non solo è meglio, ma anche obbligatorio per legge.
Arriva sempre qualcuno a chiedere "ho l'impianto senza dichiarazione che cosa posso fare?"
Nel tuo caso probabilmente può passare facilmente come manutenzione ordinaria e non serve nessuna "abilitazione"
Avatar utente
Foto UtenteGoofy
6.202 2 4 7
Master
Master
 
Messaggi: 1990
Iscritto il: 10 dic 2014, 20:16

0
voti

[10] Re: Cambio magnetotermico

Messaggioda Foto Utentepierpippo » 17 dic 2018, 10:49

Grazie Goofy. Avrei optato per un FA81NC16 - BTICINO SPA BTDIN45 - MAGNETOT 1P+N CURVA C 16A 4.5KA gemello di quello da 10A che già ho sostituito. cosa ne dite può andare bene?
Avatar utente
Foto Utentepierpippo
5 2
 
Messaggi: 19
Iscritto il: 2 apr 2016, 18:32

Prossimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 44 ospiti