Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Predisposizione corrugati per sensori allarmi

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo

0
voti

[1] Predisposizione corrugati per sensori allarmi

Messaggioda Foto Utentetheremin » 23 gen 2019, 15:20

Buongiorno a tutti.

Sto ristrutturando casa e ho intenzione di installare dei contatti magnetici alle porte e alle finestre, oltre a dei rilevatori di presenza.

Mi chiedevo quale fosse la soluzione migliore per predisporre i corrugati per questo tipo di sensori.

Ho 5 porte finestre in tutta la casa, una per ogni camera da letto, due per il salone. Più due porte di ingresso : quella principale e una in cucina. Più una finestra in bagno e due finestre in un corridoio.

Totale: 10 punti da proteggere e per ognuno di essi avrei intenzione di posizionare un contatto magnetico e un sensore Pir da esterno.

Prendendo come esempio la situazione delle porte finestre che ho in ogni camera da letto, vorrei appoggiarmi a delle cassette di derivazione GW48007 utilizzate per l'impianto elettrico prese, facendovi arrivare un corrugato marrone da 20 o 25 (marrone per gli impianti di allarme, giusto ??).

Da lì deriverei due corrugati da 20 per posizionare rispettivamente i contatti magnetici (sulla parte superiore di una delle due ante) e il sensore PIR, che verrebbe portato all'esterno tramite foro a parete.

Farei passare il corrugato marrone all'interno di una 504, per non precludermi la possibilità di piazzare magari anche dei sensori pir da interno da incasso.

Ovviamente utilizzerei setti separatori sia per la GW48007 che per la 504.

Sotto un piccolo schema di come predisporrei il passaggio dei tubi, guardando la porta finestra dall'interno della stanza. Ripeterei poi la configurazione anche per porte di ingresso e finestre.

Immagine


In rete non sono riuscito a trovare molti esempi pratici, per questo motivo vorrei chiedereconsiglio a voi prima di rivolgermi al mio installatore.

Premetto che ho intenzione di usare sistemi cablati, e sensori "universali" quindi chiusure di contatto, da portare eventualmente a dei contaimpulsi o altri sistemi.

So che sarebbe bene partire dal tipo di allarme che si desidera installare, ma al momento tra impianto elettrico, idraulico, riscaldamento, cucina, bagno, ecc.. non ho proprio le forze mentali per poter scegliere a priori un sistema di allarme, cerco semplicemente di mettere in opera una predisposizione che non mi vincoli troppo successivamente.



Grazie a tutti.

Saluti.
Avatar utente
Foto Utentetheremin
5 3
 
Messaggi: 31
Iscritto il: 8 nov 2018, 23:00

0
voti

[2] Re: Predisposizione corrugati per sensori allarmi

Messaggioda Foto UtenteGuidoB » 24 gen 2019, 11:56

Mi spiace non poterti aiutare per la parte normativa.

In un caso simile in cui ero stato coinvolto erano stati portati corrugati a ogni cassonetto delle tapparelle (che non so se tu hai). Da alcuni di questi cassonetti parte un altro corrugato che sbuca direttamente dalla parete, a un'altezza di 2,5 m e circa 1 m di distanza dal cassonetto, sopra il quale è stato poi installato un sensore PIR da interno con apertura 180º.

Altri corrugati vanno alla porta di ingresso, alla saracinesca del garage, a due tastiere di comando interne vicine agli ingressi (porta e saracinesca), a pulsanti "panico" per azionare l'allarme manualmente dall'interno, a due sirene esterne con segnalatore ottico, alla cassetta principale dell'impianto telefonico interno della villetta e al quadro elettrico per l'alimentazione.

Tutti questi corrugati convergono attraverso cassette di derivazione (apposite o condivise con l'impianto elettrico, con setto separatore) a una cassetta dove è installata la centralina (con alimentatore, accumulatore e combinatore telefonico).

Con questa predisposizione si possono installare sensori di forzatura tapparella e apertura di ante di finestra.

Per quanto riguarda i sensori PIR esterni temo che potrebbero dare falsi allarmi, ma ogni impianto è un caso a sé stante. Potrebbero comunque servire per accendere luci esterne e/o emettere messaggi vocali a scopo intimidatorio.
Big fan of ƎlectroYou!
Avatar utente
Foto UtenteGuidoB
14,5k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2253
Iscritto il: 3 mar 2011, 16:48
Località: Madrid

1
voti

[3] Re: Predisposizione corrugati per sensori allarmi

Messaggioda Foto Utentetheremin » 29 gen 2019, 14:17

GuidoB ha scritto:Mi spiace non poterti aiutare per la parte normativa.

In un caso simile in cui ero stato coinvolto erano stati portati corrugati a ogni cassonetto delle tapparelle (che non so se tu hai). Da alcuni di questi cassonetti parte un altro corrugato che sbuca direttamente dalla parete, a un'altezza di 2,5 m e circa 1 m di distanza dal cassonetto, sopra il quale è stato poi installato un sensore PIR da interno con apertura 180º.

Altri corrugati vanno alla porta di ingresso, alla saracinesca del garage, a due tastiere di comando interne vicine agli ingressi (porta e saracinesca), a pulsanti "panico" per azionare l'allarme manualmente dall'interno, a due sirene esterne con segnalatore ottico, alla cassetta principale dell'impianto telefonico interno della villetta e al quadro elettrico per l'alimentazione.

Tutti questi corrugati convergono attraverso cassette di derivazione (apposite o condivise con l'impianto elettrico, con setto separatore) a una cassetta dove è installata la centralina (con alimentatore, accumulatore e combinatore telefonico).

Con questa predisposizione si possono installare sensori di forzatura tapparella e apertura di ante di finestra.

Per quanto riguarda i sensori PIR esterni temo che potrebbero dare falsi allarmi, ma ogni impianto è un caso a sé stante. Potrebbero comunque servire per accendere luci esterne e/o emettere messaggi vocali a scopo intimidatorio.


Ciao Guido,
grazie per la risposta.
La mia casa è tutta su un piano e ha un sacco di porte finestre per questo sto pensando di fare quantomeno la predisposizione per i sensori.
Non ho tapparelle, per questo motivo mi vorrei appoggiarre alla cassetta di derivazione a terra.
A livello normativo secondo il mio installatore non ci sono problemi se uso un setto separatore, per quanto riguarda i sensori magnetici e pir , a questo punto credo che salirò verso la parte alta della porta con due corrugati distinti da 16mm.
Ho fatto una prova e ho levato un po' di intonaco da sopra le porte, come immaginavo ci sono i travetti in cemento.
Non ho intenzione di farvi delle tracce, quindi farò uscire il corrugato dei contatti su un angolo in alto delle porte, proseguendo poi col filo "a vista" verso il punto di fissaggio. Un domani se cambierò gli infissi metterò i contatti direttaemnte dentro il telaio.
Per quanto riguarda i PIR il mio installatore mi ha consigliato max 2,10 metri di altezza.
Saluti.
Avatar utente
Foto Utentetheremin
5 3
 
Messaggi: 31
Iscritto il: 8 nov 2018, 23:00


Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 16 ospiti