Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Impianti elettrici e norme antisismiche

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago

0
voti

[11] Re: Impianti elettrici e norme antisismiche

Messaggioda Foto UtenteBONANG » 8 mar 2019, 13:07

Grazie; sicuramente tutte le argomentazioni esposte sono tuttora valide anche se l'articolo fa riferimento alle NTC08 ormai superate.
NSE ha scritto:Penso che si possa tradurre così (cercando di entrare nella testa di uno strutturista che sta parlando di impianti):

Produttore: colui che produce I FISSAGGI che dovranno garantire una certa performaces in caso di sisma.

Per esclusiva completezza l'art. 7.2.4 delle NTC18, oltre che di responsabilità del Produttore e dell'Installatore, al punto c) afferma che della progettazione antisismica degli orizzontamenti, delle tamponature e dei tramezzi a cui si ancorano gli impianti è responsabile il Progettista strutturale .
Avatar utente
Foto UtenteBONANG
1.455 1 6 10
 
Messaggi: 43
Iscritto il: 26 set 2010, 15:47

2
voti

[12] Re: Impianti elettrici e norme antisismiche

Messaggioda Foto Utentefpalone » 8 mar 2019, 16:14

Esistono svariate norme tecniche di prodotto che riguardano le prove sismiche di apparecchiature elettriche.
Quella di più generale applicazione, nel panorama europeo (EN), è la CEI EN 60068-3-3 che riporta i metodi di prova.
Essa contiene anche dei criteri per la selezione della accelerazione di riferimento in base alla zona sismica o all'accelerazione a periodo nullo attesa.
Nello specifico, la guida CEI 45-86 fornisce i criteri di qualifica sismica per apparecchiature di BT:
- Quadri elettrici a bassa tensione di potenza e di automazione, in particolare apparecchiature assiemate di protezione e di manovra per bassa tensione (quadri BT).
- Raddrizzatori, Inverter, UPS (Uninterruptible Power Supply).
- Batterie di accumulatori i relativi supporti (rastrelliere e armadi).
- Apparecchi di illuminazione.
- Apparecchiature dei sistemi di automazione e controllo.
- Sistemi e componenti di Strumentazione.
- Sistemi e componenti a bassa tensione assimilabili.

Per come la vedo io, il produttore delle suddette apparecchiature è quello che è chiamato a effettuare la loro qualifica sismica.
Chiaramente spetta al progettista dell'impianto la scelta dei livelli di qualifica.
In questo senso non vedo delle grosse difficoltà di applicazione delle NTC.

PS.
una nota di interesse: la norma di prodotto sui quadri BT (e.e. CEI EN 61439-1) considera gli eventi sismici come condizioni SPECIALI di servizio.
Questo vuol dire che il progettista deve specificare al produttore del quadro l'esigenza di fornire un'apparecchiatura con una qualifica sismica idonea per il sito di installazione.
[...]si deve prevedere un accordo particolare tra il costruttore del QUADRO e l’utilizzatore. L’utilizzatore deve informare il costruttore del QUADRO nel caso in cui esistano queste condizioni eccezionali di servizio.

Questo vuol dire che, comprando "a catalogo" un quadro elettrico di BT non si ha la certezza che questo sia idoneo, dal punto di vista della qualifica sismica, all'installazione in un determinato sito.
Avatar utente
Foto Utentefpalone
11,7k 5 7 10
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2286
Iscritto il: 26 dic 2007, 17:46
Località: roma

0
voti

[13] Re: Impianti elettrici e norme antisismiche

Messaggioda Foto UtenteBONANG » 8 mar 2019, 18:17

OK la risposta mi sembra abbastanza esaustiva. Grazie.
Avatar utente
Foto UtenteBONANG
1.455 1 6 10
 
Messaggi: 43
Iscritto il: 26 set 2010, 15:47

Precedente

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 25 ospiti