Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Funzionamento qualitativo retroazione su OA

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utentecarloc, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteBrunoValente

0
voti

[21] Re: Funzionamento qualitativo retroazione su OA

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 30 mar 2019, 17:03

venexian ha scritto:La prova che il circuito qui sopra si comporta come nelle equazioni in [1] è il famoso multivibratore composto dall'OP con una RC in retroazione negativa (*) e ingresso non invertente a potenziale fisso.

(*) RC che realizza proprio il ritardo T.

Direi di no. Per realizzare un multivibratore serve una isteresi.
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex

Io capisco le cose per come le scrivete. Per esempio: K sono kelvin e non chilo, h.z è la costante di Planck per zepto o per la zeta di Riemann e l'inverso di una frequenza non si misura in siemens.
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
75,9k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 9046
Iscritto il: 12 ago 2012, 1:20
Località: Londra

1
voti

[22] Re: Funzionamento qualitativo retroazione su OA

Messaggioda Foto Utentevenexian » 30 mar 2019, 18:11

Vero. Esempio sbagliato.
Immagine
Avatar utente
Foto Utentevenexian
6.049 2 4 7
Master
Master
 
Messaggi: 2144
Iscritto il: 13 mag 2017, 10:07
Località: Venezia (ma va?)

2
voti

[23] Re: Funzionamento qualitativo retroazione su OA

Messaggioda Foto Utentevenexian » 31 mar 2019, 18:10

A seguito del commento di PietroBaima in [21], ho cercato un altro esempio che potesse dimostrare l’effetto dell’inserimento di un ritardo nella retroazione negativa di un buffer… senza riuscirci. Allora ho pensato: costruiamolo. Si tratta in pratica di fare un multivibratore come quello nello schema in [18]

Per prima cosa serve un elemento che possa realizzare il ritardo. Ho cercato nell'antro degli orrori (il cassetto delle parti utilizzate) una linea di ritardo a onda superficiale o qualcosa di simile che mi sembrava di avere, ma che evidentemente non ho più. Allora ho preso un rotolo di cavo LAN cat. 7 da 305 metri e l’ho connesso come in figura.

Considerato che il ritardo è di 5 ns/m, adattando l'impedenza di 100 ohm all'ingresso e all'uscita, abbiamo una linea di ritardo da T = 4 x 305 m x 5 ns = 6,1 us. Il multivibratore dovrebbe avere una frequenza di f = 1/(2 x T) = 81 kHz. Serve un operazionale neanche troppo veloce, ma che sia in grado di pilotare la linea da 100 ohm. Cercando nel solito cassetto è uscito un LM7171 che con 100 MHz di GBP e 100 mA di corrente di uscita, fa proprio al caso nostro.

Lo schema scelto è il seguente.

Con una costruzione ‘dead bug’, forse un po’ eccessiva, vista la frequenza tutto sommato ‘tranquilla’, è uscito il seguente mostro. È visibile l’OPA al centro a gambe all'aria e i due tantalio dell’alimentazione duale. In basso a sinistra il connettore di uscita e a destra quello RJ45 per il cavo che costituisce la linea di ritardo. I due connettori a due pin sono quelli di alimentazione, mentre quello a quattro pin sullo sfondo, con il jumper al centro è quello che cortocircuita la linea di ritardo.

MV1.jpg

La prova è molto semplice: si parte con la linea cortocircuitata che trasforma il circuito in un amplificatore con Av = 2. A un certo istante si rimuove il jumper, inserendo il ritardo. Il circuito dovrebbe diventare immediatamente instabile

Così succede, come si vede dall'oscillogramma che segue.

MV.PNG
Immagine
Avatar utente
Foto Utentevenexian
6.049 2 4 7
Master
Master
 
Messaggi: 2144
Iscritto il: 13 mag 2017, 10:07
Località: Venezia (ma va?)

0
voti

[24] Re: Funzionamento qualitativo retroazione su OA

Messaggioda Foto UtenteIanero » 1 apr 2019, 16:59

Grazie mille per il lavoro che hai fatto.
Dunque il succo è che dando un gradino di tensione al (+), l'OA inizia a variare la sua uscita, ma l'ingresso (-) vede immediatamente questo 'inizio di variazione' e già inizia a condizionare di nuovo l'uscita impedendole di oscillare/divergere.
Corretto?

Facendo invece in modo che il ritardo di propagazione uscita-ingresso sia maggiore del tempo che ci mette l'OA a portare la sua uscita ad un nuovo valore stabile, allora effettivamente la descrizione in [1] diventa corretta.
Dico bene?

Grazie.
Servo, dai a costui una moneta, perché ha bisogno di trarre guadagno da ciò che impara.
Euclide.
Avatar utente
Foto UtenteIanero
7.164 5 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 3655
Iscritto il: 21 mar 2012, 15:47

Precedente

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 22 ospiti