Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Verifica con terra globale

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago

0
voti

[1] Verifica con terra globale

Messaggioda Foto UtenteDuracell » 28 mar 2019, 16:46

Salve se un impianto è alimentato da cabina propria e la stessa si trova (centro città) in una zona dove il distributore dichiara che c'è la terra globale, la verifica di terra si esegue come se l'impianto fosse in BT cioè con l'anello di guasto ?
Chiedo questo perché mi sono trovato in mano un verbale DPR462 che trattava l'impianto come se fosse in BT anche se in realtà ha una cabina propria e la giustificazione è proprio quella che ho sopra esposto.

Grazie in anticipo
Saluti
Avatar utente
Foto UtenteDuracell
301 2 3 6
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 1580
Iscritto il: 2 ott 2009, 11:55

0
voti

[2] Re: Verifica con terra globale

Messaggioda Foto Utenteesisnc » 28 mar 2019, 17:26

Se l'impianto di terra di utente fa parte di un sistema di terra globale, dichiarato tale dal distributore, non serve la misura della resistenza di terra di utente (....globale in questo caso) in quanto si ritiene che essa sia automaticamente coordinata con la corrente di guasto monofase a terra lato MT per contenere le tensioni amissibili di passo e contatto nei limiti previsti dalla norma CEI 99-3.
Per quanto riguarda i contatti indiretti in BT si deve misurare l'impedenza dell'anello di guasto a terra e verificare il coordinamento con i dispositivi di massima corrente o differenziali secondo la relazione della norma CEI 64-8 per i sistemi TN, percio' la terra, globale o meno, qui non c'entra nulla.
Avatar utente
Foto Utenteesisnc
2.282 1 6 11
Master
Master
 
Messaggi: 339
Iscritto il: 24 feb 2009, 12:12

0
voti

[3] Re: Verifica con terra globale

Messaggioda Foto UtenteDuracell » 28 mar 2019, 18:03

Grazie Esisnc, quindi secondo me il verbale doveva essere compilato considerando a tutti gli effetti la cabina mt/bt e poi alla voce misura di terra doveva riportare che la stessa non è stata eseguita in quanto c'è la terra globale.
Mi sembra più corretto così?
Avatar utente
Foto UtenteDuracell
301 2 3 6
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 1580
Iscritto il: 2 ott 2009, 11:55

0
voti

[4] Re: Verifica con terra globale

Messaggioda Foto Utentelillo » 28 mar 2019, 18:25

Foto UtenteDuracell ha scritto:dove il distributore dichiara che c'è la terra globale

caso più unico che raro.
da dove si evince questo? c'è una dichiarazione del distributore o lo ha scritto il verificatore senza allegare questa dichiarazione?
Avatar utente
Foto Utentelillo
17,4k 7 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3235
Iscritto il: 25 nov 2010, 11:30
Località: Nuovo Mondo

0
voti

[5] Re: Verifica con terra globale

Messaggioda Foto UtenteDuracell » 29 mar 2019, 14:54

C'è una dichiarazione del distributore
Avatar utente
Foto UtenteDuracell
301 2 3 6
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 1580
Iscritto il: 2 ott 2009, 11:55

0
voti

[6] Re: Verifica con terra globale

Messaggioda Foto Utentelillo » 29 mar 2019, 18:13

una chicca, sarei curioso di vederla :D
comunque per quanto riguarda le misure lato BT la misura di resistenza di anello di guasto può essere anche omessa, trattandosi di impianto TN.
Avatar utente
Foto Utentelillo
17,4k 7 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3235
Iscritto il: 25 nov 2010, 11:30
Località: Nuovo Mondo

0
voti

[7] Re: Verifica con terra globale

Messaggioda Foto Utenteesisnc » 30 mar 2019, 11:03

In presenza di una zona industriale estesa e con numerosi utenti alimentati in MT con propria cabina di trasformazione il Distributore usa i cavi MT per le forniture agli utenti e tramite le calze, collegate ad ogni impianto di terra, di fatto si realizza una terra globale dove tutti i singoli impianti di terra della zona sono collegati insieme tramite le calze dei cavi MT. Infatti se si prova a fare una misura di terra su un determinato impianto con il metodo voltamperometrico (sempre che ci si riesca) si ottengono valori di norma inferiori a 1 Ohm, solitamente di qualche decimo di Ohm. Quindi con le attuali correnti di primo guasto a terra di 40 - 50 A con neutro compensato il coordinamento con la Re e' sempre garantito anche con tempi di eliminazione del guasto > a 10 secondi.
Altra cosa e' ottenere la garanzia di questa situazione di fatto, che solo il Distributore puo' fornire.

Duracell ha scritto:Chiedo questo perché mi sono trovato in mano un verbale DPR462 che trattava l'impianto come se fosse in BT


L'impianto non e' in BT, semplicemente perche' la fornitura e' in MT, e la distribuzione lato BT e' di tipo TN.

lillo ha scritto:comunque per quanto riguarda le misure lato BT la misura di resistenza di anello di guasto può essere anche omessa, trattandosi di impianto TN.


Se intendi quella che si fa normalmente nei sistemi alimentati in BT con sistema TT (misura della resistenza che comprende la resistenza di terra di utente piu' quella del neutro del Distributore) senz'altro perche' oltre che inutile sarebbe anche concettualmente errata escludendo la reattanza dell'anello di guasto.
Non a caso si parla di impedenza dell'anello di guasto nei sistemi TN.

Mi sembra che in quel verbale DPR/462 ci siano delle idee un po' confuse........
Avatar utente
Foto Utenteesisnc
2.282 1 6 11
Master
Master
 
Messaggi: 339
Iscritto il: 24 feb 2009, 12:12


Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 24 ospiti