Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Alimentatore "due tensioni" con duplicatore-Funzionerebbe ?

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto UtenteBrunoValente, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto Utentecarloc, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utenteg.schgor

0
voti

[21] Re: Alimentatore "due tensioni" con duplicatore-Funzionerebb

Messaggioda Foto UtenteKagliostro » 23 apr 2019, 15:32

Molte Grazie Foto UtenteBrunoValente

Franco
Avatar utente
Foto UtenteKagliostro
3.054 4 5 7
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2072
Iscritto il: 19 set 2012, 11:32

1
voti

[22] Re: Alimentatore "due tensioni" con duplicatore-Funzionerebb

Messaggioda Foto UtentePiercarlo » 23 apr 2019, 17:27

Occhio che questo tipo di trucchi funzionano solo se la sezione a più alta tensione è quella che richiede meno corrente e potenza. Non mi pare il tuo caso...

Riletto meglio :roll: ma occorre sempre fare bene i conti con la corrente e la potenza assorbita dalla sezione sotto moltiplicatore di tensione.
Avatar utente
Foto UtentePiercarlo
21,8k 6 10 13
CRU - Account cancellato su Richiesta utente
 
Messaggi: 5951
Iscritto il: 30 mar 2010, 19:23
Località: Milano

0
voti

[23] Re: Alimentatore "due tensioni" con duplicatore-Funzionerebb

Messaggioda Foto UtenteKagliostro » 23 apr 2019, 20:40

Ciao Foto UtentePiercarlo

Grazie per l'intervento

Vedo che poi hai letto come sta la questione (tensione più elevata sì ma bassa corrente, circa 15mA) e quindi non c'è tanta possibilità di cali considerevoli di tensione

Per inciso, nello specifico si tratta di un circuitino da 5-6W di cui verrebbe alimentata a tensione più alta solo la parte preamplificatrice (per mantenere i livelli del circuito di partenza che viene costruito in versione 50W e 100W e facendo questo non snaturare troppo il "timbro" del pre)

Trattandosi di amplificatori per chitarra molte volte, invece, è richiesto l'effetto sonoro dovuto al calo di tensione durante i transienti che si verifica a causa della resistenza interna dell'eventuale valvola raddrizzatrice (se non c'è mettono un grosso resistore in serie per emulare l'effetto, questo ovviamente nei PP, negli SE la cosa si fa in modo un po' diverso)

Degli amici australiani, causa la maggior difficoltà dalle loro parti nel reperire a prezzi contenuti dei trasformatori di alimentazione per valvolari, a volte usano dei trasformatori con uscita a bassa tensione (possibilmente almeno un 60V o 30V+30V) ed una buona corrente disponibile, per poi farli seguire da un quadruplicatore di tensione con il quale alimentano tutto il circuito (pre e finale) e riescono a farci dei circuitini da 15-20W con un comportamento onesto per un amplino da chitarra

Franco
Avatar utente
Foto UtenteKagliostro
3.054 4 5 7
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2072
Iscritto il: 19 set 2012, 11:32

0
voti

[24] Re: Alimentatore "due tensioni" con duplicatore-Funzionerebb

Messaggioda Foto UtenteJAndrea » 23 apr 2019, 21:26

Foto UtenteIsidoroKZ Foto UtenteBrunoValente Non sapevo di una variante del ponte moltiplicatore di cockcroft walton a doppia semionda, interessante.
Avatar utente
Foto UtenteJAndrea
2.877 2 5 9
Master
Master
 
Messaggi: 1534
Iscritto il: 16 giu 2011, 15:25
Località: Rovigo

1
voti

[25] Re: Alimentatore "due tensioni" con duplicatore-Funzionerebb

Messaggioda Foto UtentePiercarlo » 24 apr 2019, 12:12

Kagliostro ha scritto:Degli amici australiani, causa la maggior difficoltà dalle loro parti nel reperire a prezzi contenuti dei trasformatori di alimentazione per valvolari, a volte usano dei trasformatori con uscita a bassa tensione (possibilmente almeno un 60V o 30V+30V) ed una buona corrente disponibile, per poi farli seguire da un quadruplicatore di tensione con il quale alimentano tutto il circuito (pre e finale) e riescono a farci dei circuitini da 15-20W con un comportamento onesto per un amplino da chitarra


Un'idea simile (in seguito lasciata andare nel limbo) l'avevo avuta una dozzina di anni fa per un ibrido che, partendo da un normale finale a transistor (la cui normale circuitazione di segnale veniva usata solo come servo CC) puntava a realizzare un finale a valvole, con il loro sound (quale che fosse) senza però tirarsi dietro le rogne legate all'utilizzo di uno stadio di uscita a tubi e dei relativi, costosi trasformatori di uscita. In esso l'alimentatore del finale a transistor era arrangiato in modo da fornire anche una opportunamente elevata tensione di alimentazione per un front-end a valvole (un doppio SRPP in cascata costituito da una coppia di PCL82 per canale).

Il progetto si è poi arenato sia per mia mancanza di interesse (non ho nessuna particolare "infatuazione" per i tubi), sia per i grossi dubbi poi sopravvenutemi circa la bassa reiezione al ronzio che sarebbe risultata dall'assenza di una alimentazione stabilizzata (esclusa a priori per motivi economici). Le due basette quasi complete mi implorano seducenti e ammiccanti da anni dallo sgabuzzo-magazzino di casa mia ma... sono un cuore di pietra! ;-)
Avatar utente
Foto UtentePiercarlo
21,8k 6 10 13
CRU - Account cancellato su Richiesta utente
 
Messaggi: 5951
Iscritto il: 30 mar 2010, 19:23
Località: Milano

0
voti

[26] Re: Alimentatore "due tensioni" con duplicatore-Funzionerebb

Messaggioda Foto UtenteKagliostro » 24 apr 2019, 20:38

Ciao Foto UtentePiercarlo

Qualche amico, di tanto in tanto, costruisce qualcosa di simile (non per HiFi, per suonarci), con pre a valvole e finale a transistor in classe D

Per l'alimentazione delle valvole, in questi ampli ibridi pare che vada per la maggiore usare degli Step Up commerciali, i soliti circuitini cinesi a costo contenuto in grado di erogare qualche mA a tensioni anche di 350-400V

Franco
Avatar utente
Foto UtenteKagliostro
3.054 4 5 7
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2072
Iscritto il: 19 set 2012, 11:32

Precedente

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 48 ospiti