Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

far funzionare motore da 380 V con 220 V

Trasformatori, macchine rotanti ed azionamenti

Moderatori: Foto Utentefpalone, Foto UtenteSandroCalligaro, Foto Utentemario_maggi

0
voti

[11] Re: far funzionare motore da 380 V con 220 V

Messaggioda Foto Utentesrg » 27 apr 2019, 23:40

Vi ringrazio per le risposte ma purtroppo sono completamente digiuno di motori trifase e molte cose che avete scritto non le ho proprio capite. Allego qualche altra foto ma comunque lo schema dei fili è quello del disegno , Quindi chiedo gentilmente se qualcuno mi potrebbe spiegare su quale filo ( blu, nero o marrone) dovrei inserire il condensatore e se gentilmente , magari partendo dal mio disegno mi spiegasse come fare i collegamenti
grazie
Allegati
P1120338.JPG
P1120339.JPG
FILI.JPG
Avatar utente
Foto Utentesrg
5 2
 
Messaggi: 14
Iscritto il: 26 apr 2019, 16:01

0
voti

[12] Re: far funzionare motore da 380 V con 220 V

Messaggioda Foto UtenteStefanoSunda » 28 apr 2019, 10:56

Fai sapere i colori dei fili di uscita motore come sono disposti in morsettiera, perché si vedono solo da un lato.
Per far funzionare il motore con rete domestiche 220 V bisogna predisporre il collegamento a triangolo e inserire un condensatore, se ci fosse una morsettiera standard era più facile. Io credo che i fili di uscita del motore, a un lato morsetti siano o il principio o fine di ogni avvolgimento, certo se tu avessi almeno un tester potresti dare una mano.
Avatar utente
Foto UtenteStefanoSunda
2.193 3 6 10
Master
Master
 
Messaggi: 1516
Iscritto il: 16 set 2010, 19:29

0
voti

[13] Re: far funzionare motore da 380 V con 220 V

Messaggioda Foto Utentesrg » 28 apr 2019, 11:41

i fili sono partendo dall' alto :NERO MARRONE BLU e ne entrano due neri nello stesso buco , 2 marroni nello stesso buco e due blu nello stesso buco . il tester ce l'ho ma lo so usare poco
Avatar utente
Foto Utentesrg
5 2
 
Messaggi: 14
Iscritto il: 26 apr 2019, 16:01

0
voti

[14] Re: far funzionare motore da 380 V con 220 V

Messaggioda Foto UtenteStefanoSunda » 28 apr 2019, 12:23

Fai una foto dei morsetti che si vedano i fili di entrata e di uscita di ambo i lati.
Avatar utente
Foto UtenteStefanoSunda
2.193 3 6 10
Master
Master
 
Messaggi: 1516
Iscritto il: 16 set 2010, 19:29

0
voti

[15] Re: far funzionare motore da 380 V con 220 V

Messaggioda Foto Utentesrg » 28 apr 2019, 13:34

non ci sono morsetti, i fili fuoriescono dal motore e sul mammuth sono infilati come nel disegno
Avatar utente
Foto Utentesrg
5 2
 
Messaggi: 14
Iscritto il: 26 apr 2019, 16:01

0
voti

[16] Re: far funzionare motore da 380 V con 220 V

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 28 apr 2019, 15:36

Una ipotesi ragionevole è che inizio e fine dei tre avvolgimenti di statore possano essere stati cablati dal costruttore col medesimo colore, i tre inizi sarebbero quindi quelli cui è collegato il cordone di alimentazione e le tre fini sarebbero quelle raggruppate in un unico morsetto del mammuth da cui viene derivato il "neutro" per alimentare il trasformatore dedicato alla lampada... una misura di resistenza col multimetro potrebbe avvalorare tale ipotesi (si scollegano i fili raggruppati in unico morsetto e si misura la resistenza tra coppie di fili dello stesso colore; se le misure danno il medesimo risultato l'ipotesi è corretta); indviduato con certezza questo si avrebbe come collegare i tre avvolgimenti a triangolo per il funzionamento monofase ma resterebbe l'incognita per quanto riguarda il collegamento del condensatore di sfasamento, in quanto il collegamento corretto, che rimane incognito, dà il giusto verso di rotazione al motore ... verrebbe da dire di poter andare per tentativi ma personalmente mi pongo il problema di quanto possa o meno risultare gradita una rotazione, anche solo per poco tempo, in senso inverso al previsto per un motore che ha già (penso) abbondantemente lavorato sempre in un senso :roll:
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
14,0k 4 6 9
Master
Master
 
Messaggi: 9690
Iscritto il: 18 gen 2012, 13:36

0
voti

[17] Re: far funzionare motore da 380 V con 220 V

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 29 apr 2019, 2:38

Allora... lascia i tre conduttori nero, marrone e blu "singoli" (dove era collegato il cordone di alimentazione) serrati nel mammuth, scollega i tre conduttori (sempre nero, marrone e blu) che sono ora raggruppati insieme in un unico morsetto, predisponi il multimetro per la misura di resistenza (inizialmente prova con la portata 200 ohm p. es. perché non ho idea di quanto possa essere la resistenza degli avvolgimenti... in caso poi ti sposti sulla portata immediatamente maggiore o minore) e misura la resistenza di ogni coppia nero-nero, marrone-marrone e blu-blu; se la misura risulta identica per ogni coppia abbiamo la certezza che la mia ipotesi del post precedente è fondata... (comunque per maggior sicurezza poi misura anche la resistenza tra "coppie" di colore diverso, nero-blu, blu marrone, nero marrone; se è tutto a posto non deve esserci continuità ovvero resistenza infinita);
eseguita questa verifica, posto che l'esito sia positivo, prepara sei piccole etichette adesive (anche di carta gommata o nastro-carta o come la chiamate dale vostre parti) per contrassegnare ulteriormente i sei conduttori in modo da avere una nomenclatura standard e capirci meglio; il nero serrato nel mammuth lo segni U1, quello che era raggruppato U2, il marrone serrato nel mammuth V1, quello che era raggruppato V2, il blu serrato nel mammuth W1 e quello che era raggruppato W2; collega U2 con V1, V2 con W1 e W2 con U1, così i tre avvolgimenti risulteranno collegati a triangolo; a U1 (ora unione di U1-W2) colleghi la fase* del nuovo cordone di alimentazione monofase e a V1 (ora unione di U2-V1) colleghi il neutro*; ora c'è l'incognita del verso di rotazione... il condensatore** lo metti tra W1 e U1 e provi ad alimentare il motore, attenzione, il motore dovrebbe avviarsi ma non sappiamo se nel giusto verso ! Se si avvia al contrario stacca immediatamente l'alimentazione per sicurezza***; se il motore si avviasse al contrario lasci il condensatore collegato da un capo a W1 e l'altro capo lo sposti da V1 a U1.

*Fase e neutro se usi un cordone a spina sono puramente indicative in quanto le nostre prese non sono polarizzate...

** Il condensatore deve essere specificatamente per motori; se lo hai preso su Amazon linkaci l'annuncio così lo controlliamo

***Se non si avvia in un verso o nell'altro o si avvia nel verso contrario stacca immediatamente l'alimentazione; inoltre la prova va effettuata col motore (sperando che la trasmissione sia con pulegge e cinghia) meccanicamente disconnesso dalla macchina... quando molti anni or sono facevo il fornaio, per un errore dell'elettricista, la stampatrice delle rosette si avviò al contrario col risultato che uno dei quattro stampini del blocco stampante si spezzò irrimediabilmente... ciò per dire che i macchinari predisposti allla rotazione/avanzamento in un unico verso mal digeriscono di essere fatti andare al contrario.
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
14,0k 4 6 9
Master
Master
 
Messaggi: 9690
Iscritto il: 18 gen 2012, 13:36

0
voti

[18] Re: far funzionare motore da 380 V con 220 V

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 29 apr 2019, 2:51

:-) Dimenticavo l'illuminazione... scollega i due conduttori (nel disegno rosso e giallo, nella foto non si capisce) dai morsetti del mammuth bianco in cui erano inseriti e semplicemente li colleghi a fase e neutro della nuova alimentazione monofase (U1-W2 e U2-V1). O_/
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
14,0k 4 6 9
Master
Master
 
Messaggi: 9690
Iscritto il: 18 gen 2012, 13:36

0
voti

[19] Re: far funzionare motore da 380 V con 220 V

Messaggioda Foto Utentesrg » 29 apr 2019, 16:05

questo è il tester che ho a disposizione, ho sganciato i tre fili uniti e mi sono accorto che su ogni filo c'è un piccolo anellino con scritto : filo nero "Y" blu "Z" e marrone "X".

ho provato a collegare con il tester i fili con i seguenti risultati

filo nero : con nero nulla, con marrone fine scala con blu nulla
filo marrone: con nero nulla,marrone nulla ,blu fine scala
filo blu: con nero fine scala, con marrone nulla, con blu nulla

non so se questo puo' essere utile...


.
Allegati
tester.jpg
Avatar utente
Foto Utentesrg
5 2
 
Messaggi: 14
Iscritto il: 26 apr 2019, 16:01

0
voti

[20] Re: far funzionare motore da 380 V con 220 V

Messaggioda Foto Utentesrg » 29 apr 2019, 16:09

l' illuminazione non mi interessa posso anche staccare il tutto
Avatar utente
Foto Utentesrg
5 2
 
Messaggi: 14
Iscritto il: 26 apr 2019, 16:01

PrecedenteProssimo

Torna a Macchine elettriche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti