Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

far funzionare motore da 380 V con 220 V

Trasformatori, macchine rotanti ed azionamenti

Moderatori: Foto Utentefpalone, Foto UtenteSandroCalligaro, Foto Utentemario_maggi

0
voti

[21] Re: far funzionare motore da 380 V con 220 V

Messaggioda Foto Utentesrg » 29 apr 2019, 16:14

https://www.amazon.it/Miflex-condensato ... 178&sr=8-1 questo potrebbe essere il condensatore?
grazie
Avatar utente
Foto Utentesrg
5 2
 
Messaggi: 14
Iscritto il: 26 apr 2019, 16:01

0
voti

[22] Re: far funzionare motore da 380 V con 220 V

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 29 apr 2019, 23:38

Il condensatore va bene però mi lascia perplesso il risultato della misura di resistenza* (bel tester vintage, che modello è ?)... puoi verificare se vi sono anellini con lettere di contrassegno anche sui conduttori serrati singolarmente sul mammuth bianco ?

*Ma per "nulla" intendi 0 ohm (lancetta tutta a destra) e per "fine scala" resistenza infinita (tutta a sinistra) ?

P.s. La luce non ti interessa... peccato, è l'unico collegamento certo :mrgreen: porti fase e neutro al trasformatore ed è a posto :-)
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
14,0k 4 6 9
Master
Master
 
Messaggi: 9690
Iscritto il: 18 gen 2012, 13:36

0
voti

[23] Re: far funzionare motore da 380 V con 220 V

Messaggioda Foto Utentesrg » 30 apr 2019, 11:42

nulla significa che l' astina non si muove e rimane a sinistra, fondo scala significa tutto a destra
Avatar utente
Foto Utentesrg
5 2
 
Messaggi: 14
Iscritto il: 26 apr 2019, 16:01

0
voti

[24] Re: far funzionare motore da 380 V con 220 V

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 30 apr 2019, 12:50

Ah ok, quindi il fondo scala significa corto circuito, 0 ohm o comunque un valore basso di resistenza un po' difficile da stimare visto che le minime divisioni sotto il kiloohm sono da 200 ohm :mrgreen: quindi
srg ha scritto: ...filo nero : con nero nulla, con marrone fine scala con blu nulla
filo marrone: con nero nulla,marrone nulla ,blu fine scala
filo blu: con nero fine scala, con marrone nulla, con blu nulla...
la mia ipotesi non sarebbe verificata e i tre avvolgimenti risultano marrone X-blu (singolo nel mammuth), nero Y-marrone (singolo nel mammuth) e blu Z-nero (singolo nel mammuth)... hai visto se ci sono anellini anche nei tre conduttori serrrati singolarmente nel mammuth con scritto U, V, W oppure X1, Y1, Z1 ?
(Il thread si sta allungando un po' troppo per i miei gusti... con lo schema originariamente in dotazione si sarebbe risolto in un attimo, così invece divento tedioso anche io perché cerco di avere tutte le informazioni possibili per cerare di risolverti il problema evtando al contempo di combinare casini e fumate varie... )
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
14,0k 4 6 9
Master
Master
 
Messaggi: 9690
Iscritto il: 18 gen 2012, 13:36

2
voti

[25] Re: far funzionare motore da 380 V con 220 V

Messaggioda Foto UtenteStefanoSunda » 30 apr 2019, 14:44

Claudio, scusami se ti do una mano. Srg devi eseguire le prove del senso di rotazione a motore disaccoppiato dalla macchina. Nel caso dovesse girare al contrario spostare il filo rosso del condensatore al morsetto filo nero.
Avatar utente
Foto UtenteStefanoSunda
2.193 3 6 10
Master
Master
 
Messaggi: 1515
Iscritto il: 16 set 2010, 19:29

0
voti

[26] Re: far funzionare motore da 380 V con 220 V

Messaggioda Foto Utentesrg » 30 apr 2019, 15:09

grazie Stefano per lo schema che sembrerebbe comprensibile anche a me, l' unica cosa è che nei fili che dalla spina entrano nel mammuth prima del motore risultano invertiti il nero che va col marrone e viceversa, la cosa non dovrebbe cambiare molto giusto?
Allegati
MMT.JPG
Avatar utente
Foto Utentesrg
5 2
 
Messaggi: 14
Iscritto il: 26 apr 2019, 16:01

0
voti

[27] Re: far funzionare motore da 380 V con 220 V

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 30 apr 2019, 17:40

No dei colori dei conduttori del cavo trifase precedente non importa assolutamente nulla, segui le indicazioni di Foto UtenteStefanoSunda (che ringrazio per essere intervenuto nuovamente a dare una mano facendo lo schema, altro che scusarsi :-) ) e vai tranquillo. O_/
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
14,0k 4 6 9
Master
Master
 
Messaggi: 9690
Iscritto il: 18 gen 2012, 13:36

0
voti

[28] Re: far funzionare motore da 380 V con 220 V

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 30 apr 2019, 17:49

Peraltro ora con lo schema di Stefano risulta evidente la logica di cablaggio degli estremi degli avvolgimenti con colori diversi poiché unendo i colori uguali si ottiene proprio la connessione a triangolo...
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
14,0k 4 6 9
Master
Master
 
Messaggi: 9690
Iscritto il: 18 gen 2012, 13:36

0
voti

[29] Re: far funzionare motore da 380 V con 220 V

Messaggioda Foto Utentesrg » 30 apr 2019, 18:10

bene, ringrazio tutti per il prezioso aiuto, giovedi, arrivera' il condensatore e faro' il test , vi faro' sapere i risultati,un' ultima cosa che riguarda il condensatore , i due fili sono uguali o c'è un piu e un meno o qualche cosa di simile ?
grazie ancora Sergio
Avatar utente
Foto Utentesrg
5 2
 
Messaggi: 14
Iscritto il: 26 apr 2019, 16:01

0
voti

[30] Re: far funzionare motore da 380 V con 220 V

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 30 apr 2019, 18:11

No no, i fili sono uguali, non è polarizzato altrimenti non potrebbe essere usato in alternata.
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
14,0k 4 6 9
Master
Master
 
Messaggi: 9690
Iscritto il: 18 gen 2012, 13:36

PrecedenteProssimo

Torna a Macchine elettriche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti