Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Adeguamento impianto elettrico condominiale

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo

0
voti

[1] Adeguamento impianto elettrico condominiale

Messaggioda Foto Utentegjkfriend » 30 apr 2019, 18:42

Buonasera, condominio di 6 utenti senza ascensore.
Impianto elettrico ante 1990, senza impianto di terra e senza interruttori differenziali.

L'amministratore mi chiede di adeguare l'impianto condominiale.

Ho letto molte interpretazioni sull'argomento e ho visto che i due filoni sono i seguenti:

1) è consentito installare soltanto i differenziali alla base dei montanti, e le altre prescrizioni del 447/91

oppure

2) non si può più fare perché sono scaduti i termini e si devono riposare tutte le colonne montanti, installare i differenziali alla base dei montanti e fare l'impianto di terra?

Quale delle due soluzioni è da seguire?

Grazie e saluti
Avatar utente
Foto Utentegjkfriend
136 1 3 6
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 686
Iscritto il: 25 ott 2010, 22:25

1
voti

[2] Re: Adeguamento impianto elettrico condominiale

Messaggioda Foto Utente6367 » 30 apr 2019, 18:50

Mettere differenziali alla base del montante (immagino da 30 mA) proprio lo eviterei.
Avatar utente
Foto Utente6367
18,6k 5 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6026
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

1
voti

[3] Re: Adeguamento impianto elettrico condominiale

Messaggioda Foto Utentegabrisav » 30 apr 2019, 19:31

Per impianto condominiale intendi i montanti dei singoli appartamenti o l'impianto luci e prese parti comuni?
Avatar utente
Foto Utentegabrisav
1.146 2 4 6
Expert
Expert
 
Messaggi: 1197
Iscritto il: 13 set 2015, 18:26
Località: Borgosatollo (Bs)

1
voti

[4] Re: Adeguamento impianto elettrico condominiale

Messaggioda Foto UtenteGoofy » 30 apr 2019, 19:40

Lasciamo da parte le interpretazioni del punto 3 dell'art.6 del DM 37/2008.
- Hanno un impianto che non era a regola d'arte quando glielo hanno installato.
- Avevano l'obbligo di adeguarsi 28 anni fa
- Un impianto senza terra è pericoloso
- Perché vuoi cercare rogne? Proponi un impianto a regola d'arte e se non gli va bene vadano da un altro.
Avatar utente
Foto UtenteGoofy
6.262 3 4 7
Master
Master
 
Messaggi: 2007
Iscritto il: 10 dic 2014, 20:16

1
voti

[5] Re: Adeguamento impianto elettrico condominiale

Messaggioda Foto Utentesebago » 1 mag 2019, 9:26

Come Foto Utentegabrisav ha cercato di far notare, anche io ho qualche perplessità:
Se:
gjkfriend ha scritto:L'amministratore mi chiede di adeguare l'impianto condominiale.

non capisco perché allora ti poni il problema di:
gjkfriend ha scritto:...riposare tutte le colonne montanti, installare i differenziali alla base dei montanti e fare l'impianto di terra?

Se non sei incaricato di adeguare anche gli impianti elettrici dei singoli condomini, di cui fanno parte "le colonne montanti", preoccupati solo dell'impianto condominiale (suppongo solo luci scale, visto che non c'è l'ascensore, ed eventuale corridoio cantina/garage).
In ogni caso i differenziali alla base dei montanti (sempre che tu abbia l'incarico di adeguare anche le linee di alimentazione degli impianti dei singoli condomini), come ti ha già suggerito Foto Utente6367, potrebbero essere perfino inutili se - come è ipotizzabile - non ci sono masse fino al quadretto di appartamento.
L'impianto di terra? Se lo fai, allora deve essere unico per tutto il condominio, e in tal caso devi sbirciare anche sugli impianti dei singoli (almeno per verificare il coordinamento delle protezioni). Per capire: mi è capitato il caso in cui uno degli appartamenti era adibito a studio dentistico (ambiente ad uso medico), che aveva un in testa differenziale da 300 mA. Ergo, l'adeguamento-sanatoria (quello che con qualche differenziale vuole evitare di fare l'impianto di terra) non valeva più una cippa e la resistenza di terra non doveva superare 83 ohm, cosa che non è stata facile da ottenere (e neppure poco costosa), visto il terreno pessimo tutto intorno. Occhio!
Sebastiano
________________________________________________________________
"Eo bos issettaìa, avanzade e non timedas / sas ben'ennidas siedas, rundinas, a domo mia" (P. Mossa)
Avatar utente
Foto Utentesebago
15,0k 3 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2002
Iscritto il: 1 apr 2005, 19:59
Località: Orune (NU)

0
voti

[6] Re: Adeguamento impianto elettrico condominiale

Messaggioda Foto Utentegjkfriend » 2 mag 2019, 15:13

Ho capito ma mi interessava anche capire legalmente come si interpretava quell' "accrocchio" normativo... :D

Quindi l'amministratore è responsabile dell'impianto elettrico condominiale, e non dei vari interruttori e linee dei singoli appartamenti che coesistono negli stessi canali dell'impianto elettrico luce condominiale ?

Io farò un preventivo per fare tutto l'impianto elettrico illuminazione scale nuovo, quindi potrei non interessarmi dei montanti dei condòmini? E lasciare i vecchi interruttori automatici grigi ticino di 50 anni fa a protezione dei singoli montanti ?

Grazie
Avatar utente
Foto Utentegjkfriend
136 1 3 6
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 686
Iscritto il: 25 ott 2010, 22:25

1
voti

[7] Re: Adeguamento impianto elettrico condominiale

Messaggioda Foto UtenteWALTERmwp » 2 mag 2019, 16:03

gjkfriend ha scritto:(...) Quindi l'amministratore è responsabile dell'impianto elettrico condominiale, e non dei vari interruttori e linee dei singoli appartamenti che coesistono negli stessi canali dell'impianto elettrico luce condominiale ? (...)
l'amministratore è coinvolto per le parti comuni, la linea di ogni appartamento è della relativa proprietà a partire dal punto di diramazione(dal contatore, si presume).

gjkfriend ha scritto:(...) quindi potrei non interessarmi dei montanti dei condòmini? E lasciare i vecchi interruttori automatici grigi ticino di 50 anni fa a protezione dei singoli montanti ?(...)
se ti è stata richiesta una valutazione per le parti comuni il tuo preventivo non dovrebbe considerare le parti private cioè i montanti di cui sopra.

Per agire sulle parti private ci deve essere una esplicita richiesta da parte dei proprietari i quali, in tale evenienza, potrebbero anche(non è da escludere) chiedere all'amministratore di gestire l'eventuale intervento.
Alla fine però sai tu cos'ha richiesto l'amministratore.

E comunque, come ha scritto @sebago, occhio all'impianto di terra.

Saluti
W - U.H.F.
Avatar utente
Foto UtenteWALTERmwp
22,0k 4 8 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6333
Iscritto il: 17 lug 2010, 18:42
Località: le 4 del mattino


Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 20 ospiti