Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Aiuto per circuito elettrico "scolastico"

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteBrunoValente, Foto Utentecarloc, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto UtenteIsidoroKZ

0
voti

[21] Re: Aiuto per circuito elettrico "scolastico"

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 3 mag 2019, 23:23

claudiocedrone ha scritto:Foto Utenterichiurci, ritieni ridondanti i diodi in serie ad ogni interruttore "singolo" dei precedenti schemi ?

no, se non ho fatto errori solo quello in alto era ridondante, poi i LED vanno usati singolarmente e senza R serie avendola già incorporata per funzionare a 12V
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
27,5k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7558
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

0
voti

[22] Re: Aiuto per circuito elettrico "scolastico"

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 4 mag 2019, 0:42

Foto Utenterichiurci mi sono espresso malamente, intendevo il diodo in serie al ramo degli interruttori "singoli" (che comunque si può pure lasciare, male non fa) e lo so che i LED in questione hanno già il resistore di limitazione "incorporato" (lo ho notato... non sono mica Foto Utentemir :mrgreen: ); Foto UtenteStefanoSunda, gli interruttori devono essere sei, nel tuo schema mancano il ramo che accende e spegne tutti i LED contemporaneamente e i diodi; quoto il consiglio di alimentare il tutto con 8 pile stilo AA in serie se non altro per una questione di maggiore autonomia rispetto alla singola pila "transistor" oltre a compensare in qualche modo la caduta di tensione introdotta dai diodi (non invece l'utilizzo di un alimentatore in quanto limiterebbe la "portatilità" dell'insieme e vincolerebbe ad avere a disposizione e vicina una presa di rete e fili tra i piedi... )
Foto Utentemarcomang, perché fai gli esempi con tre gruppi di LED quando i gruppi devono essere cinque ?
In ogni caso anche se sarà superfluo o irrilevante tengo a puntualizzare che lo schema con i diodi permette l'accensione e lo spegnimento singolarmente di ogni gruppo e l'accensione e lo spegnimento di tutti i LED contemporaneamente, ma se uno o più gruppi sono accesi con gli interruttori "singoli" restano accesi anche quando l'interruttore per accenderli tutti insieme è aperto.
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
14,5k 4 6 9
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 10072
Iscritto il: 18 gen 2012, 13:36

0
voti

[23] Re: Aiuto per circuito elettrico "scolastico"

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 4 mag 2019, 1:05

Foto Utentemarcomang, scusami però mi permetto di dissentire sul fatto che se il progettino deve essere presentato da tuo figlio in terza media lo abbia invece sviluppato tu (addirittura con un team di consulenti :!: )
capisco il volerlo aiutare ma personalmente ritengo che dovrebbe (e avrebbe potuto) arrangiarsi da solo...
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
14,5k 4 6 9
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 10072
Iscritto il: 18 gen 2012, 13:36

0
voti

[24] Re: Aiuto per circuito elettrico "scolastico"

Messaggioda Foto Utentemarcomang » 4 mag 2019, 7:31

Cerco di rispondere a tutti...
Il mio scopo iniziale era quello di capire se con le mie conoscenze, o con qualche aiutino di chi ne sa più di me, era possibile realizzare il progettino, ovvero utilizzare sia gli interruttori singoli che quello "totale, visto che avevo provato a realizzarlo ma senza successo.
Avevo anche chiesto alla prof di tecnologia di mio figlio, ma dalla risposta che mi ha dato ho dedotto che in questa materia non ne sa molto più di me... si è limitata a dire ai ragazzi di realizzare un circuito in serie e/o parallelo e del materiale che dovevano acquistare per realizzarlo, poi avrebbero dovuto farlo insieme a scuola ma di fatto non ci sono più riusciti per vari imprevisti, il principale il poco tempo a disposizione, quindi di lavorarci a casa facendosi aiutare dai genitori, anche perché non ha fatto molta teoria in classe (qualcuno non ha ancora capito la differenza tra serie e parallello...).
Ho fatto l'esempio con 3 interruttori proprio perché il mio scopo era quello di capire come risolvere il mio problema, quindi l'ho semplificato in questo senso (una volta capito con 3, avrei potuto farlo con qualsiasi numero).
Mi scuso nuovamente con tutti se vi ho fatto perdere tempo...
Tornando al progetto, se ho capito bene mi servono 5 diodi 1N4007 da mettere dopo ogni interruttore "singolo", è così?
Per l'alimentazione vedrò se è il caso di mettere 8 pile ricaricabili da 1.5v, ma considerate che l'utilizzo sarà veramente limitato, una volta che la prof l'ha visto andrà a finire in qualche scaffale e probabilmente mai più utilizzato per lungo tempo...
Grazie ancora .

Marco
Avatar utente
Foto Utentemarcomang
10 2
 
Messaggi: 14
Iscritto il: 3 mag 2019, 9:00

0
voti

[25] Re: Aiuto per circuito elettrico "scolastico"

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 4 mag 2019, 8:23

Tranquillo marcomang, nessun problema e direi è già tanto facciano un simile progetto alle medie.

In effetti se l'uso sarà limitato prova con la 9V poi al limite passerai se necessario a 8 stilo alcaline, inutile spendere di più per le ricaricabili
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
27,5k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7558
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

0
voti

[26] Re: Aiuto per circuito elettrico "scolastico"

Messaggioda Foto Utentemarcomang » 4 mag 2019, 8:39

Per i diodi mi confermi che bastano 5 diodi 1N4007?
Sai anche dirmi se generalmente si trovano in negozi di materiale elettrico oppure bisogna andare da chi vende componenti elettronici?

Marco
Avatar utente
Foto Utentemarcomang
10 2
 
Messaggi: 14
Iscritto il: 3 mag 2019, 9:00

0
voti

[27] Re: Aiuto per circuito elettrico "scolastico"

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 4 mag 2019, 9:00

5 diodi 1N4007
, direi di si: tengono circa 1 A in conduzione, e 700 V di tensione inversa.
con 1 A alimenti 50 diodi, e la tensinoe inversa per te saranno 9 o 12 V.
Sono i più diffusi e meno costosi. Potresi anche recuperarli (dissaldarli) da una vecchia radio alimentata da rete anni 70-80-90.
Se non l'hai già, compra un tester (multimetro) anche cinese per 5 € al mercato :( :-)
O_/
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
6.264 4 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 2468
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[28] Re: Aiuto per circuito elettrico "scolastico"

Messaggioda Foto Utentemir » 4 mag 2019, 11:46

OT.
claudiocedrone ha scritto:.. (lo ho notato... non sono mica Foto Utentemir :mrgreen: ); ..

Vado di fretta, un boccone e al lavoro, pertanto ho letto di fretta e non tutto il thread,, ma perdonami non l'ho capita... poi mi spieghi .. :D ..ovviamente al prossimo ricollegamento .. tardissimo ..:mrgreen:
I circuiti sono controcorrente. Seguono sempre la massa

-Per rispondere utilizza il tasto [RISPONDI] e non il tasto [CITA], grazie.-
Avatar utente
Foto Utentemir
59,7k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 20095
Iscritto il: 19 ago 2004, 21:10

9
voti

[29] Re: Aiuto per circuito elettrico "scolastico"

Messaggioda Foto UtenteBrunoValente » 4 mag 2019, 17:03

Direi che sarebbe il caso di spiegare a Foto Utentemarcomang come funziona la soluzione proposta, altrimenti non serve a nulla e speriamo soprattutto che la spiegazione arrivi anche a suo figlio che è il diretto interessato.

Facciamo l'esempio con soli due led, poi una volta capito il meccanismo è facile estenderlo ad un numero qualsiasi di led.

Nel seguente circuito ogni led è comandato da un interruttore.



Se si aggiunge un terzo interruttore per accendere anche entrambi i led si crea un problema...



... succede che il collegamento al terzo interruttore mette anche in parallelo i due led e quindi succede che si accendono entrambi anche quando vengono comandati singolarmente agendo sugli interruttori originali.



Per ovviare all'inconveniente vi sarebbero varie soluzioni, la più semplice fa uso di diodi.

Il diodo lascia passare la corrente elettrica solo in un verso comportandosi più o meno come la valvola della camera d'aria delle ruote della bicicletta, quindi se si inserisce un diodo in serie in un circuito alimentato a tensione continua (è il caso della batteria) la corrente scorre solo se il verso del diodo è quello giusto.



Nell'esempio seguente si vede che la corrente, che dal polo positivo vorrebbe scorrere verso il negativo attraversando il diodo e il led, può scorrere solo se il diodo è inserito con il verso giusto.



In pratica il diodo si comporta come fosse un interruttore chiuso oppure aperto a seconda del verso con cui è inserito nel circuito: se l'anodo è rivolto verso il positivo si comporta come un interruttore chiuso, viceversa come un interruttore aperto, quindi la corrente circola nel circuito solo se è concorde al verso della freccia del simbolo con cui il diodo è disegnato.

Tornando al nostro circuito, se inseriamo due diodi in questo modo



succede che il terzo interruttore può accendere entrambi i led, e che ognuno degli altri due interruttori può accendere un solo led come richiesto, questo perché nel collegamento tra i due led vi sono i due diodi in serie collegati l'uno al contrario dell'altro, quindi in ogni caso uno dei due si comporta come un interruttore aperto e quel collegamento tra i led non può mai condurre.

Avatar utente
Foto UtenteBrunoValente
32,1k 6 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6202
Iscritto il: 8 mag 2007, 14:48

2
voti

[30] Re: Aiuto per circuito elettrico "scolastico"

Messaggioda Foto Utentemarcomang » 4 mag 2019, 19:06

Ti ringrazio molto della tua risposta dettagliata!
Avevo capito che il problema senza diodi era quello (perché l'ho visto in pratica!), però non sapevo che il diodo avesse quella funzione.
Comunque ho capito perfettamente e l'ho spiegato anche a mio figlio che parlerà alla prof della soluzione.
L'unico dubbio è che la prof quando gli ha parlato di materiale da acquistare non gli ha parlato di diodi, non so se perché non li vuole nel circuito o perché non ha pensato a questo tipo di progetto.
Se lei gli dirà di andare avanti, non credo che avrò problemi a montare i 5 diodi nel circuito e vederlo funzionare come lo era nella mia testa... e comunque, se anche gli dirà di non utilizzarli, una volta che il progetto sarà stato visionato ed accantonato, credo che li aggiungerò comunque per vedere il progetto come lo avevo immaginato...

Grazie ancora.

Ciao
Marco
Avatar utente
Foto Utentemarcomang
10 2
 
Messaggi: 14
Iscritto il: 3 mag 2019, 9:00

PrecedenteProssimo

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 24 ospiti