Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Regolatore PWM in alternata: problema carico induttivo

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utentecarloc, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteBrunoValente

0
voti

[1] Regolatore PWM in alternata: problema carico induttivo

Messaggioda Foto UtenteAleEl » 1 giu 2019, 19:07

Ciao a tutti, di nuovo io, scusate.
Ho un altro problema con un circuito di comando PWM, questa volta in alternata però.
Il circuito è il seguente:
download.png
download.png (2.09 KiB) Osservato 681 volte


(Il triac è un BT138, nel mio caso, e il condensatore non è da 1 uF, ma da 1nF)

Il circuito funziona perfettamente, parlando di carichi resistivi, ma con quelli induttivi... Aia.
Il mio obiettivo è di regolare la velocità di due ventole in parallelo, da 230VAC 0.14A l'una, con Arduino.
Se si tratta di accenderle o spegnerle completamente, nessun problema: il circuito fa ciò che deve.
Il problema spunta nel momento in cui si tenta di regolare la velocità tra il totalmente spento e il totalmente acceso: Le ventole, all'ipotetica metà della velocità (ma questo accade con qualsiasi regolazione intermedia tra 0 e 100), iniziano a diventare rumorose, facendo "tum, tum, tum", come se stessero colpendo qualcosa.
Quale potrebbe essere il problema? Grazie in anticipo
Avatar utente
Foto UtenteAleEl
0 1 3
New entry
New entry
 
Messaggi: 92
Iscritto il: 9 ago 2016, 20:22

0
voti

[2] Re: Regolatore PWM in alternata: problema carico induttivo

Messaggioda Foto Utenteelektronik » 2 giu 2019, 9:46

Al posto del triac progettalo con un thiristor perché più adatto ai carici induttivi
Avatar utente
Foto Utenteelektronik
3.432 4 5 7
Expert
Expert
 
Messaggi: 2032
Iscritto il: 12 mag 2015, 22:26

0
voti

[3] Re: Regolatore PWM in alternata: problema carico induttivo

Messaggioda Foto Utenteluxinterior » 2 giu 2019, 10:12

puoi leggere qui
Avatar utente
Foto Utenteluxinterior
2.337 2 4 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1356
Iscritto il: 6 gen 2016, 17:48

1
voti

[4] Re: Regolatore PWM in alternata: problema carico induttivo

Messaggioda Foto UtenteBrunoValente » 2 giu 2019, 11:49

Non funziona anzitutto perché i triac non possono essere comandati con un segnale PWM, bisogna innescarli con degli impulsi sincroni con la tensione di rete e opportunamente sfasati, il carico induttivo è un'altra questione, puoi provare a mettere una lampada a filamento al posto della ventola per verificare che non funziona neanche con un carico resistivo.

Non si capisce quale è il condensatore da 1uF che nel tuo caso è diventato da 1nF
Avatar utente
Foto UtenteBrunoValente
31,8k 6 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6119
Iscritto il: 8 mag 2007, 14:48

0
voti

[5] Re: Regolatore PWM in alternata: problema carico induttivo

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 2 giu 2019, 18:52

Il condensatore (unico presente nello schema "invisibile"*) è quello dello snubber a valle del triac...

*Colgo l'occasione per invitare l'OP a seguire le regole del forum inserendo gli schemi correttamente disegnati con FidoCadJ, grazie.
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
14,2k 4 6 9
Master
Master
 
Messaggi: 9852
Iscritto il: 18 gen 2012, 13:36

0
voti

[6] Re: Regolatore PWM in alternata: problema carico induttivo

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 3 giu 2019, 9:05

elektronik ha scritto:Al posto del triac progettalo con un thiristor perché più adatto ai carici induttivi

non so come farai a comandare un motore a gabbia; (ritengo sia tale questo tipo di ventola), con un scr! Tieni presente che la sua uscita avrà una notevole componente continua, ora ti chiedo,

cosa farà un motore in alternata (a gabbia) se alimentato in DC?


Foto UtenteAleEl oltre i motivi spiegati al post [4], il controllo a parzializzazione di fase origina forti componenti armoniche, i motori tradizionali, senza spazzole, non vanno in queste condizioni, oppure vanno molto male. Si potrebbe provare a controllare il triac a treno di impulsi, (acceso per una serie di onde alternate e spento per un'altra serie di onde alternate), va meglio ma non è comunque il top.

le regoli meglio con resistori in serie, con le difficoltà del caso, così non fanno rumore.

saluti
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
2.101 2 7 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2376
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

1
voti

[7] Re: Regolatore PWM in alternata: problema carico induttivo

Messaggioda Foto UtenteBrunoValente » 3 giu 2019, 10:42

Attenzione: SCR e triac appartengono entrambi alla categoria dei tiristori.
Avatar utente
Foto UtenteBrunoValente
31,8k 6 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6119
Iscritto il: 8 mag 2007, 14:48

0
voti

[8] Re: Regolatore PWM in alternata: problema carico induttivo

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 3 giu 2019, 16:09

BrunoValente ha scritto:Attenzione: SCR e triac appartengono entrambi alla categoria dei tiristori.

forse mi sono perso qualcosa.....

l'SCR lavora su una sola semionda, il triac innesca su entrambe le semionde.

sbaglio?
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
2.101 2 7 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2376
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

0
voti

[9] Re: Regolatore PWM in alternata: problema carico induttivo

Messaggioda Foto UtenteBrunoValente » 3 giu 2019, 21:02

Non sbagli.
elektronik ha scritto:Al posto del triac progettalo con un thiristor perché più adatto ai carici induttivi

Il triac è anche un tiristore, la puntualizzazione era per Foto Utenteelektronik
Avatar utente
Foto UtenteBrunoValente
31,8k 6 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6119
Iscritto il: 8 mag 2007, 14:48

0
voti

[10] Re: Regolatore PWM in alternata: problema carico induttivo

Messaggioda Foto UtenteJAndrea » 3 giu 2019, 21:13

Se la frequenza del PWM fosse molto bassa, 1Hz o frazioni, potresti ottenere un controllo di potenza accendendo il TRIAC per un numero maggiore o minore di periodi di rete.
Certo poi sarebbe necessario sincronizzarsi comunque con la tensione di retedi rete per contare le semionde, in modo da non lasciare passare DC, e per evitare problemi di inrush current, studiare un giusto angolo di innesco del tiristore.
Si parlerebbe allora di treno di impulsi, visto che questi dovrebbero essere discreti.
Potresti avere alla fine un pesante ripple di coppia…

Forse meglio un classico sistema a taglio di fase con tutte le dovute accortezze.
Avatar utente
Foto UtenteJAndrea
2.857 2 5 9
Master
Master
 
Messaggi: 1521
Iscritto il: 16 giu 2011, 15:25
Località: Rovigo

Prossimo

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 24 ospiti