Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Problema di cavi o magnetotermico?

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago

1
voti

[11] Re: Problema di cavi o magnetotermico?

Messaggioda Foto Utenteelettro » 25 giu 2019, 19:25

^^^^
Un tecnico serio, avrebbe adottato una misura sul conduttore PE con la pinza per dispersioni per avere contezza dell'eventuale valore residuo di dispersione.
Se l'esito al punto di cui opra è negativo e ci sono 5/10mA di corrente sul PE, si può paventare allora l'intervento della componente termica del tetrapolare C32A - anche se, la corrente di sgancio è pari al Delta 1,4 della nominale. Se lavora i sovratemperatura - ben al di sopra dei 25° - allora la sua curva di intervento viene limitata a valore diversi ed inferiori.
Probabilmente - qualcuno pensava che vi fosse una cdt% elevata sulla conduttura, e che questa dettasse all'inverter maggior erichiesta di corrente.
Se non ci togliamo il dubbio al punto 1 non possiamo procedere.
Altro, anedoto: Molti installatori sottovalutano il contributo armonico con questi carichi, alucni "tecncici" si presentano con multimetri non TRMS che possono dettare valori al display minori di quelli reali, tanto da fare attivare le protezioni.
Consiglio al nostro forumer di seguire questa strada:
Al quadro sostituire il presente tetrapolare C32A+differenziale AC 0,03A, con un C40A + blocco differenziale tipo A o F con id 0,03A - magari in blocco DDA come Abb o di altro costruttore ma con medesima fattura.
Sostituire le derivate da 6mm2 entro il quadro con cavi da 10mm2.
Fatto questo tutto questo -il problema dovrebbe essere risolto in forma esaustiva, fatto salvo il punto 1.

Spiace dovere leggere ancora di installatori che approciano questi casi con queste forme .... O_/ O_/ O_/ O_/
Avatar utente
Foto Utenteelettro
903 3 5 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 2775
Iscritto il: 9 mar 2005, 19:23

0
voti

[12] Re: Problema di cavi o magnetotermico?

Messaggioda Foto Utenteelettro » 25 giu 2019, 19:40

Ti risparmi 2500 Euro di inutili cavi...
Avatar utente
Foto Utenteelettro
903 3 5 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 2775
Iscritto il: 9 mar 2005, 19:23

1
voti

[13] Re: Problema di cavi o magnetotermico?

Messaggioda Foto Utenteelettro » 25 giu 2019, 19:45

Per chi è ostico nei confronti degli strumenti professionali ...consiglio di dare una "okkiata" al sito della famosa Fluke, dove indicano esempi pratici in cui è evidente l'errore di valutazione indotto dal contributo armonico sulla lettura e nell'intervento delle protezioni, siano esse MT o a fusibile.
E' chiaro cosa significa avere un dato di lettura non coerente....
O_/ O_/
Avatar utente
Foto Utenteelettro
903 3 5 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 2775
Iscritto il: 9 mar 2005, 19:23

0
voti

[14] Re: Problema di cavi o magnetotermico?

Messaggioda Foto Utentemaximus80 » 25 giu 2019, 22:48

gabrisav ha scritto:Conduttori da 6 mm2 a valle del magnetotermico?
Ecco spiegato perché il magnetotermico è da 32A ;-)


si...ma solo per 60 cm!
in sostanza a monte entrano fili da 10mm, poi da sotto il differenziale (perché si tratta di un accoppiato magnetot.\differ.) escono fili da 6mm, che però sono solo spezzoni da circa 60 cm di lunghezza che sono connessi ad una morsettiera verticale a lato del quadro elettrico... ed in corrispondenza di quei 3 fili di fase e neutro da 6mm son connessi poi i fili del cavo 5G10. (in pratica tutti i fili a valle dei vari magnetotermici che ho hanno spezzoni di filo connessi a questa morsettiera verticale, da cui poi partono i veri e propri cavi x le varie destinazioni)
Di fatti non capisco il perché di quei spezzoni di 60cm con fili da 6mm, perché non da 10mm come i fili a monte ed il cavo che dalla morsettiera parte per il macchinario? ha una qualche motivazione di "protezione" o altro?
Avatar utente
Foto Utentemaximus80
0 3
 
Messaggi: 11
Iscritto il: 24 giu 2019, 6:05

0
voti

[15] Re: Problema di cavi o magnetotermico?

Messaggioda Foto Utentemaximus80 » 25 giu 2019, 23:07

elettro ha scritto:^^^^
Un tecnico serio, avrebbe (...)


grazie per la risposta e le indicazioni...come dicevo ho delle basi per esperienza passata in elettrotecnica, ma proprio basi basi...comunque io ho visto misurare l'assorbimento con pinza amperometrica solo sui 3 cavi di fase sotto in uscita dal magnetot.\diff. e che mi ha mostrato avere un assorbimento intorno a 30A impostando il termostato su LOW, per poi calare dopo diverso tempo, evidentemente man mano che si raffreddava l'ambiente il motore sforzava meno e non si è arrivati al punto limite che porta solitamente a sganciare il magnetot., lo scopo era quello di farlo sganciare, ma in tale occasione purtroppo non è successo!
Misura di PE ecc... non ne ho viste fare, tanto le terre sono connesse nel vano adiacente, almeno in mia presenza non ho visto fare misure o comunque non mi è stato detto nulla in merito!
quindi gli spezzoni che vanno dal magnetot.\diff. alla morsettiera laterale sono derivate...son cosi da quando è stato installato tutto l'impianto circa 5 anni fa e non capisco perché non metterle da 10mm come fili a monte e cavo a valle :?
Ultima modifica di Foto UtenteWALTERmwp il 26 giu 2019, 22:17, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: Ridotta citazione, la sua integrità è ininfluente
Avatar utente
Foto Utentemaximus80
0 3
 
Messaggi: 11
Iscritto il: 24 giu 2019, 6:05

0
voti

[16] Re: Problema di cavi o magnetotermico?

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 26 giu 2019, 9:00

quei spezzoni di 60cm con fili da 6mm, perché non da 10mm come i fili a monte ed il cavo che dalla morsettiera parte per il macchinario


Scrivo per mia curiosità.

Mie supposizioni ovvie sulla causa dell'apertura magnetotermico:

Il filo da 6 mm ha un maggiore caduta di tensione rispetto a quello da 10, e l'inverter con meno tensione assorbe più corrente.
ma su una lunghezza di 60 cm , la cadura di tensione è significativa?

il filo da 6 avente una maggiore caduta a pari lunghezza, si scalda di più, Ma quanto di più?

la connessione morsetto magnetotermico filo da 6 scalda di più il magnetotermico e ne provoca l'apertura?

Hanno usato filo da 6 al posto di 10 per questioni di ingombro, curvatura cavi ?

O_/
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
6.274 4 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 2473
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[17] Re: Problema di cavi o magnetotermico?

Messaggioda Foto Utentemaximus80 » 26 giu 2019, 22:43

riguardo quello "spezzone" di cavo non ricordo in fase di installazione, ma come dicevo in altro post il climatizzatore è stato installato in un secondo momento, quindi presumo che magnetotermico e quella derivata tra magnetot. e morsettiera erano stati progettati da 32A e cavi da 6mm e già predisposti li...e quando mi hanno installato il clima (poco dopo) hanno messo correttamente un cavo da 5G10, lasciando però invariato magnetot 32A e quei cavi da 6mm...il perché non lo so, ma da quel che ho capito qui in quel momento andavano cambiati sia MT che quei cavi da 6 :(
Leggendo il forum, anche altre sezioni, avete rispolverato i miei trascorsi da elettricista :D e mi son comprato una multimetro con pinza amperometrica (tanto ho un vecchio tester che uso x varie manutenzioni, ormai messo male e che dovevo comunque cambiare). Ordinato online, appena mi arriva provo a vedere e fare qualche test di assorbimento, ecc...
Avatar utente
Foto Utentemaximus80
0 3
 
Messaggi: 11
Iscritto il: 24 giu 2019, 6:05

0
voti

[18] Re: Problema di cavi o magnetotermico?

Messaggioda Foto Utentemaximus80 » 27 giu 2019, 20:50

elettro ha scritto:^^^^
Un tecnico serio, avrebbe (...)


pinza amperometrica arrivata e x scrupolo mi son fatto prestare anche una di quelle professionali da un mio amico...non so se ho fatto el modo correto:
testato il PE del cavo clima, mi da un valore che oscilla tra 0,34 e 0,40 A sinceramente non so se son pochi, molti o com?
I fili L1,L2, L3 invece a pieno regime viaggiano tra 28 e 30A, mai sfondato i 30A (quella volta all'elettricista era arrivato a quasi 31A) e ovviamente MT mai saltato e poi man mano che l'ambiente si stava raffreddando sono iniziali a calare.
questo insomma il test fatto oggi.

- - - nota moderatori - - -
Riprendere(citare) tutto il post al quale si vuole fare riferimento fa perdere leggibilità, è dunque sufficiente considerarne solo una parte: usa il tasto RISPONDI.
Grazie.
Ultima modifica di Foto UtenteWALTERmwp il 27 giu 2019, 22:12, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: Ridotta citazione, la sua integrità è ininfluente
Avatar utente
Foto Utentemaximus80
0 3
 
Messaggi: 11
Iscritto il: 24 giu 2019, 6:05

1
voti

[19] Re: Problema di cavi o magnetotermico?

Messaggioda Foto Utentelillo » 28 giu 2019, 9:30

maximus80 ha scritto:oscilla tra 0,34 e 0,40 A sinceramente non so se son pochi, molti o com?

sono tanti, anzi, sono troppi.
è probabile che da qualche parte stia cedendo l'isolamento verso terra.
Avatar utente
Foto Utentelillo
17,9k 7 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3373
Iscritto il: 25 nov 2010, 11:30
Località: Nuovo Mondo

0
voti

[20] Re: Problema di cavi o magnetotermico?

Messaggioda Foto Utentemaximus80 » 28 giu 2019, 12:42

Ah ecco...buone notizie insomma. In questi casi come e' meglio procedere...rivedere tutti i serraggi del PE del macchinario clima? Avevo misurato anche PE di un altro paio di macchinari in funzione e li mi dava zero, quindi penso sia un problema proprio PE clima.
Riguardo quello spezzone di derivata da 6mm ho pensato di eliminarlo del tutto e connettere al magnetot. direttamente il cavo, che ha fili da 10mm, tanto ho visto mi arriva e risolvo intanto quel problemino!
Avatar utente
Foto Utentemaximus80
0 3
 
Messaggi: 11
Iscritto il: 24 giu 2019, 6:05

PrecedenteProssimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot] e 17 ospiti