Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Rilevatore presenza segnale AC

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utentecarloc, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteBrunoValente

0
voti

[1] Rilevatore presenza segnale AC

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 9 lug 2019, 11:55

Cerco qualcunio che costruisca e provi il circuito che ho abbozzato.
Evenualmente suggerisca varianti/ migliorie.
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
6.195 4 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 2441
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[2] Re: Rilevatore presenza segnale AC

Messaggioda Foto Utentesetteali » 9 lug 2019, 12:10

Ciao,
io un circuito come questo o molto simile ora non ricordo con precisione dei dettagli, lo sto usando come rivelatore di RF per testare i telecomandi " apricancello " , forse ci avrò messo un paio di transistor per amplificare il segnale, dovrò guardare come feci .
Riesce benissimo a leggere i 400 MHz, in pratica è il rivelatore da grid-dip.

Come diodo io ho usato uno schottky, ma va bene anche l'OA95 , hanno la giunzione più bassa dell'1N4148.

Se ti interessano altri dettagli, sono quà !
Alex
<< vedi di pigliare arditamente in mano,
il dizionario che ti suona in bocca,
se non altro è schietto e paesano.
(Giuseppe Giusti) <<
Avatar utente
Foto Utentesetteali
5.306 4 5 7
Master
Master
 
Messaggi: 2874
Iscritto il: 15 dic 2013, 21:09

0
voti

[3] Re: Rilevatore presenza segnale AC

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 9 lug 2019, 12:42


Questa è la versione con indicatore a LED :-) O_/

se si usa un diodo shottky la sigla del diodo è BAT41 (thanks setteali)
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
6.195 4 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 2441
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[4] Re: Rilevatore presenza segnale AC

Messaggioda Foto Utentedadduni » 9 lug 2019, 14:14

Nel primo circuito non ci va un diodo in serie per raddrizzare? Se la tensione Vi é 5V hai tanto margine di manovra.
Il diodo che hai disegnato trasla tutto il segna,e verso l alto ottenendo un picco di 4.5V circa. Poi diodo serie e condensatore per livellare, a quel punto se vuoi bufferare il segnale con un collettore comune e amplificato con un emettitore comune . Altrimenti nel circuito 1 non hai un vero livellamento
Avatar utente
Foto Utentedadduni
1.650 2 6 12
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1019
Iscritto il: 23 mag 2014, 16:26

0
voti

[5] Re: Rilevatore presenza segnale AC

Messaggioda Foto Utentevince59 » 9 lug 2019, 21:42

...premesso che non sono un tecnico...come va utilizzato?
Avatar utente
Foto Utentevince59
-3 2
 
Messaggi: 22
Iscritto il: 17 giu 2019, 19:32

0
voti

[6] Re: Rilevatore presenza segnale AC

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 10 lug 2019, 8:49

non sono un tecnico...come va utilizzato?

La domanda mi deprime :( ,vuol dire che sei proprio agli inizi delle conoscenze elettroniche.
Segui le istruzioni sullo schema:
alla Vi applichi una tensione, magari 5 Vpp generata dall'oscillatore di un microprocessore.
Alla Vu applichi un voltmetro con portata 10 Vf/s e vedi cosa misura.
I riferimenti devono essere connessi fra loro.

A tutti i lettori: provare a montarlo, vedete cosa misura, riferite i risultati.
Per gli studenti: provate a calcolare i valori delle costanti di tempo di carica/scarica, se non vi piacciono modificate i valori.
Simulate il funzionamento su Spice e simili.
Per dadduni: puoi aggiungere un secondo diodo, riferisci esattamente dove viene inserito e vedi come va.
O_/
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
6.195 4 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 2441
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[7] Re: Rilevatore presenza segnale AC

Messaggioda Foto Utentedadduni » 10 lug 2019, 9:28

Foto UtenteMarcoD posso conoscere il valore dell' impedenza serie del "generatore" da cui viene prelevato il segnale? Che cos'è e quanta corrente può fornire?
Non ho capito se è una "sfida" o se è un circuito da realizzare perché, se ad esempio fosse da realizzare, potrebbe valere la pena fare un raddrizzatore attivo e evitare anche di caricare la sorgente. Chiaramente sto parando a ruota libera senza info
Avatar utente
Foto Utentedadduni
1.650 2 6 12
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1019
Iscritto il: 23 mag 2014, 16:26

0
voti

[8] Re: Rilevatore presenza segnale AC

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 10 lug 2019, 9:50

il valore dell' impedenza serie del "generatore" da cui viene prelevato il segnale? Che cos'è e quanta corrente può fornire?
Supponi l'uscita di una porta CMOS o TTL alimentata a 5V,
La Ru sarà dell'ordine di 100 ohm.
il primo sito trovato che parla di oscillatori astabili: brahms.iet.unipi.it/esd/sez10n.pdf
Il circuito serve a vedere se ( in assenza di un oscilloscopio) un'uscita genera un'onda quadra.

Non avevo delle finalià precise quando ho aperto la discussione.

Mi ricordo che decenni fa la "vecchia" Hewlett Packard vendeva (ovviamente a caro prezzo) un buon strumento puntale sonda per la diagnosi dei circuiti logici:
alimentato a 5 V dalla stessa tensione del circuito,
accendeva una luce (LED) verde, per "0" logico, luce rossa per "1" logico, e un lampeggio a 2 Hz
se rilevava impulsi fino alla frequenza di qualche MHz.
Ora le piste e circuiti sono così piccoli e integrati che l'utilizzo si è molto ridotto.
O_/
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
6.195 4 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 2441
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

1
voti

[9] Re: Rilevatore presenza segnale AC

Messaggioda Foto Utentedadduni » 10 lug 2019, 11:42



Io probabilmente penserei ad una cosa del genere, ho inserito D2 per evitare che il condensatore di livellamento si scarichi sul generatore. La tensione su R2 vale circa 3.6V considerato la tralsazione di D1 e la caduta di D2. Se si pensa di lavorare solo con segnali TTL e di avere un riferimento in comune si potrebbe evitare il primo stadio C+D1 di traslazione. Se si lavora con fronti ripidi inserirei una resistenza serie con il pin da misurare: penso che un circuito TTL non sia contento di pilotare un carico prevalentemente capacitivo senza nessun limite di corrente.
Con segnali non sinusoidali ho delle difficoltà a calcolare con precisione le costanti di tempo, su fronti ripidi le impedenze dei condensatori sono nulle e si comportano dei dei passa alto serie. R1*C fa 0.1ms, e stiamo trascurando le impedenze serie del generatore, del condensatore e del parallelo con il MegaOhm, a occhio avrei detto una cosa dalle parti dei 0.7ms di carica. La simulazione dice che la tensione in uscita si stabilizza dopo 1ms, quindi bene o male ci si era vicini.
Avatar utente
Foto Utentedadduni
1.650 2 6 12
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1019
Iscritto il: 23 mag 2014, 16:26

0
voti

[10] Re: Rilevatore presenza segnale AC

Messaggioda Foto Utentevince59 » 11 lug 2019, 8:47

MarcoD ha scritto:
non sono un tecnico...come va utilizzato?

La domanda mi deprime :( ,vuol dire che sei proprio agli inizi delle conoscenze elettroniche.


ma no dai, proprio agli inizi direi di no. Però studio e mi applico.
A proposito forse èarrivata l'ora di acquistare un oscilloscopio da hobbista...suggerimenti?

PS: come mi dicevi nell'altro thread con questo circuito mi sembra di capire che potrei verificare l'efficenza della scheda di cui si parlava, almeno per rilevare se il micro funziona...giusto?
Avatar utente
Foto Utentevince59
-3 2
 
Messaggi: 22
Iscritto il: 17 giu 2019, 19:32

Prossimo

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 37 ospiti