Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Impianto elettrico nuova abitazione

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo

0
voti

[11] Re: Impianto elettrico nuova abitazione

Messaggioda Foto UtenteBrunoValente » 18 set 2019, 22:11

Io, che non sono elettricista, sempre per evitare le scatole di derivazione e comunque senza introdurre gli eventuali rischi derivanti dal collegamento entra-esci che mi avete fatto notare, farei così: farei passare i due fili di alimentazione nelle scatole delle varie prese in sequenza senza interromperli, poi spellerei per un paio di cm ciascun filo all'interno di ogni scatola senza interromperlo, sulla zona spellata ci arrotolerei un filo di giunzione che utilizzerei come diramazione verso la presa e salderei a stagno la giunzione, poi la isolerei con guaina termo-restringente.

In questo modo assicurerei una perfetta continuità, cioè riuscirei ad interporre le varie prese sulla linea di alimentazione senza interromperla e quindi senza introdurre il rischio derivante da una eventuale incertezza di contatto nel punto di interposizione.

Ovviamente sarebbe un modo di procedere improponibile agli elettricisti che devono sbarcare il lunario ma per me, che ho una certa dimestichezza con i lavori da certosino e che vorrei solo fare un buon lavoro riuscendo anche ad accontentare mia moglie, sarebbe una strada percorribile.

Ma la domanda resta: un impianto fatto così sarebbe a norma?
Avatar utente
Foto UtenteBrunoValente
32,2k 7 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6236
Iscritto il: 8 mag 2007, 14:48

0
voti

[12] Re: Impianto elettrico nuova abitazione

Messaggioda Foto Utenteattilio » 18 set 2019, 22:22

Essendo un nuovo impianto. No, non lo sarebbe.
Ma non è questo il problema.
Oltre alle prese avrai anche circuiti "luci", magari pulsanti se non peggio: deviatori. Impraticabile per quanto hai evidenziato portare tutto al quadro.
Esistono scatole di derivazione con coperchio a filo parete. Potrebbe interessare alla tua signora?
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
58,4k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 8578
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

0
voti

[13] Re: Impianto elettrico nuova abitazione

Messaggioda Foto UtenteBrunoValente » 18 set 2019, 22:25

attilio ha scritto:Essendo un nuovo impianto. No, non lo sarebbe

:( Perché?
Avatar utente
Foto UtenteBrunoValente
32,2k 7 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6236
Iscritto il: 8 mag 2007, 14:48

1
voti

[14] Re: Impianto elettrico nuova abitazione

Messaggioda Foto Utenteattilio » 18 set 2019, 22:45

Non lo sarebbe perché per i nuovi impianti valgono gli ultimi aggiornamenti della norma 64-8. Ultimi per modo di dire, perché sono già almeno 7 anni che sono stati stabiliti alcuni criteri che precedentemente erano affidati al solo buon senso.
Tra questi il divieto di collegare in entra ed esci (non importa che tu interrompa o meno il rame) più di due scatole. E di usare queste ultime per eseguire derivazioni.

Ripeto avrai anche linee per luci, e visto che è un nuovo impianto spero avrai magari pensato a realizzare più circuiti indipendenti (anche questo previsto dalla norma se vuoi rispettarla)
Deduco inoltre che non ci saranno né condizionatori né impianto ricezione TV e men che meno LAN...
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
58,4k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 8578
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

0
voti

[15] Re: Impianto elettrico nuova abitazione

Messaggioda Foto Utenteattilio » 18 set 2019, 23:08

BrunoValente ha scritto:sempre per evitare le scatole di derivazione e comunque senza introdurre gli eventuali rischi derivanti dal collegamento entra-esci che mi avete fatto notare, farei così: farei passare i due fili di alimentazione nelle scatole delle varie prese in sequenza senza interromperli, poi spellerei per un paio di cm ciascun filo all'interno di ogni scatola senza interromperlo, sulla zona spellata ci arrotolerei un filo di giunzione che utilizzerei come diramazione verso la presa e salderei a stagno la giunzione, poi la isolerei con guaina termo-restringente.

Premesso che oltre ai due fili di alimentazione c'è anche il PE,
anche questo è vietato dalla norma. Non sono ammessi collegamenti se non attraverso morsetti meccanici. Niente giunte tramite attorcigliatura e/o saldatura e/o nastri vari.
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
58,4k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 8578
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

0
voti

[16] Re: Impianto elettrico nuova abitazione

Messaggioda Foto Utentemir » 19 set 2019, 3:48

Ciao Bruno.
Non sarebbe opportuno,tirar giù uno schemino della distribuzione in pianta dell'impianto; in modo da considerare correttamente l'impianto partendo dalla dorsale di alimentazione, collocazione del quadro generale, passando per i punti luce, l'impianto di terra opportunamente considerato in previsione di installazione SPD l'impianto tv, l'impianto citofonico,impianto antintrusione,eventuale impianto di rete, e i punti dei termostati necessari all'impianto di riscaldamento radiante, e senza tralasciare eventuali considerazioni di ampliamento/nuove installazioni future.
Per quanto concerne il passaggio dei currogati a pavimento, se si prevede l'installazione dell'impianto di riscaldamento radiante, non vedo difficoltà se si considera che poi andra realizzato il massetto dedicato per la successiva posa del supporto agli elementi radianti di riscaldamento.
Sulle scatole di derivazione, sono del parere di studiare la giusta collocazione, ma di non limitarsi nella distribuzione, perché un'aspetto che non va trascurato è la necessità che si potrebbe presentare di aggiungere/passare qualche linea in più, e una volta realizzato/finito l'impianto seppur "sfilabile", sfilare/ripassare qualche conduttore in più in un corrugato se non correttamente posato/dimensionato, la vedo dura .. pertanto una scatola di derivazione comoda (dimensioni) e qualche corrugato in più, può fare la differenza in futuro .. a maggior ragione se la casa è di proprietà ;-)
Sulla connessione in cascata delle prese di alimentazione, concordo con quanto già indicato da chi mi ha preceduto, ovvero nel limitare al numero di derivazioni suggerite dalla norma, ed utilizzando sistemi di connessione/cablaggio previsti.
I circuiti sono controcorrente. Seguono sempre la massa

-Per rispondere utilizza il tasto [RISPONDI] e non il tasto [CITA], grazie.-
Avatar utente
Foto Utentemir
59,8k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 20163
Iscritto il: 19 ago 2004, 21:10

0
voti

[17] Re: Impianto elettrico nuova abitazione

Messaggioda Foto UtenteBrunoValente » 19 set 2019, 8:11

Quindi le diramazioni saldate come le vorrei fare io sono espressamente vietate da qualche norma? potreste indicarmi quale?

Mi pare che un impianto fatto come ho descritto sarebbe molto più affidabile di qualsiasi altro perché costituito da una dorsale ben dimensionata mai interrotta, con delle diramazioni collegate in modo molto più affidabile del solito, visto che la saldatura a stagno assicura un collegamento sicuramente migliore di qualsiasi morsetto meccanico basato sul serraggio.

Ritengo sia assurdo che vi siano delle norme che vietino di realizzare un impianto fatto meglio del solito.
Avatar utente
Foto UtenteBrunoValente
32,2k 7 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6236
Iscritto il: 8 mag 2007, 14:48

1
voti

[18] Re: Impianto elettrico nuova abitazione

Messaggioda Foto UtenteGoofy » 19 set 2019, 9:08

Non è vietato, però ...

CEI 64-8/526.3
"La scelta dei mezzi di connessione deve tenere conto:
• del materiale dei conduttori e del loro isolamento;
• del numero e della forma delle anime dei conduttori;
• della sezione dei conduttori;
• del numero dei conduttori da collegare assieme.
NOTA Si raccomanda di evitare di usare connessioni saldate con apporto di materiale a basso punto di fusione (per es. stagno) nei circuiti di potenza. Se vengono utilizzate, esse devono essere progettate tenendo conto dello scorrimento del materiale di apporto e delle sollecitazioni meccaniche (522.6, 522.7 e 522.8) e dell’aumento di temperatura in condizioni di guasto."


Da qualche altra parte c'è scritto che è meglio evitare le derivazioni all'interno delle scatole porta frutti perché di solito non c'è lo spazio per fare un buon lavoro.
Avatar utente
Foto UtenteGoofy
6.513 3 4 8
Master
Master
 
Messaggi: 2132
Iscritto il: 10 dic 2014, 20:16

1
voti

[19] Re: Impianto elettrico nuova abitazione

Messaggioda Foto Utentelillo » 19 set 2019, 9:10

BrunoValente ha scritto:Quindi le diramazioni saldate come le vorrei fare io sono espressamente vietate da qualche norma? potreste indicarmi quale?

a dir la verità non sono espressamente vietate, ma sconsigliate (64-8/5 art.526.3):
Immagine.png

e i motivi indicati nella nota.
BrunoValente ha scritto:visto che la saldatura a stagno assicura un collegamento sicuramente migliore di qualsiasi morsetto meccanico basato sul serraggio.

onestamente su questo avrei i miei dubbi.
infine la dorsale non sarebbe più sfilabile.

anticipato da Foto UtenteGoofy
Avatar utente
Foto Utentelillo
18,0k 7 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3408
Iscritto il: 25 nov 2010, 11:30
Località: Nuovo Mondo

0
voti

[20] Re: Impianto elettrico nuova abitazione

Messaggioda Foto UtenteBrunoValente » 19 set 2019, 9:24

Quindi le saldature non sono espressamente vietate, occorre solo saperle fare bene.

BrunoValente ha scritto:BrunoValente ha scritto:
visto che la saldatura a stagno assicura un collegamento sicuramente migliore di qualsiasi morsetto meccanico basato sul serraggio.
lillo ha scritto:onestamente su questo avrei i miei dubbi

Su questo puoi stare tranquillo: la saldatura a stagno di fili attorcigliati è più sicura di un morsetto che può allentarsi.

lillo ha scritto:infine la dorsale non sarebbe più sfilabile.

Non è proprio così: staccando le diramazioni dai frutti sarebbe sfilabile.

Goofy ha scritto:Da qualche altra parte c'è scritto che è meglio evitare le derivazioni all'interno delle scatole porta frutti perché di solito non c'è lo spazio per fare un buon lavoro.


E' vero ma solo quando la derivazione è realizzata con i morsetti che occupano molto spazio, nel caso della saldatura lo spazio occupato è quasi nullo.
Avatar utente
Foto UtenteBrunoValente
32,2k 7 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6236
Iscritto il: 8 mag 2007, 14:48

PrecedenteProssimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 29 ospiti