Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Lunghezza "cavetto" di collegamento TA

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo

0
voti

[11] Re: Lunghezza "cavetto" di collegamento TA

Messaggioda Foto UtenteMASSIMO-G » 30 set 2019, 14:19

Una protezione differenziale 87 è un tipo di relè molto delicato e forse ti dico una cosa molto banale ma credo assolutamente vera . Visto che la protezione è tutt’altro che banale la scelta dei TA con relative prestazioni e collegamenti secondari dovrebbe essere concordata con il servizio tecnico del costruttore presso cui si è ordinata la protezione , le rare volte che ci è capitato di utilizzare delle protezioni 87 ad esempio il servizio tecnico di Thytronic ci ha dato una mano in tal senso
Avatar utente
Foto UtenteMASSIMO-G
13,1k 6 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2680
Iscritto il: 20 set 2004, 8:31
Località: PIACENZA

0
voti

[12] Re: Lunghezza "cavetto" di collegamento TA

Messaggioda Foto Utentefabiosge » 30 set 2019, 14:39

Grazie per la dritta. Sì sono in contatto anche con il costruttore.
Avatar utente
Foto Utentefabiosge
150 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 141
Iscritto il: 23 giu 2011, 14:14

2
voti

[13] Re: Lunghezza "cavetto" di collegamento TA

Messaggioda Foto UtenteAria » 30 set 2019, 20:20

Foto UtenteBrugio la protezione differenziale cavo o di macchina (trasformatore, generatore o motore) protegge la zona compresa tra le due terne di TA facendo la comparazione tra le misure dei trasformatori di corrente.
Per farla breve e semplice, la somma della corrente entrante e di quella uscente deve essere nulla.
Se la somma non è nulla vuol dire che c'è un anomalia nella zona protetta.
In caso di guasto in qualsiasi parte dell'impianto però i flussi di corrente interessano anche parti di impianto sane, per esempio nel caso di un guasto bifase su un motore MT verrà interessata tutta la parte di rete a monte: rete AT, trasformatore AT/MT, cavo MT, quadro MT e relativa partenza motore.
Supponendo (permettimi la licenza) di avere una protezione differenziale sul cavo MT affinché questa protezione non scatti in maniera intempestiva occorre che la corrente differenziale, cioè la somma delle due correnti a monte e a valle del cavo sia nulla. Questo perché si tratta di un guasto esterno ai due TA montati agli estremi della linea e che quindi non interessa la linea.
Questo impone quindi un circuito di misura adeguato, altrimenti bisogna giocare sulle temporizzazioni e sulle soglie ma si entra nel campo del bricolage.

Foto Utentefabiosge permettini un piccolo divagare, capisco bene il concetto di standardizzazione, fondamentale per lo sviluppo di impianti di una certa complessità al fine di procedere in maniera spedita e ben definita.
In passato ho avuto modo di apprezzare la standardizzazione americana, quella araba e la vecchia snam progetti, tanta roba, ingegneria con le bocce ferme.
Adesso non è più così quella che attualmente viene chiamata standardizzazione è a mio modesto avviso semplicemente carta straccia.
La gente non ha più umiltà di rispettare il passato.
In un mondo di passa carte o decidi di combattere una dura battaglia personale per il mantenimento di uno standard tecnico adeguato all'intelligenza umana oppure ti allinei alla specifica essendo consapevole che comunque in ogni caso i nodi verranno sempre al pettine.
Sinceramente mi interesserebbe sapere chi usa come standard cavi amperometrici 700metri, me lo fai sapere anche in privato per favore.
Avatar utente
Foto UtenteAria
68 2
 
Messaggi: 37
Iscritto il: 6 lug 2019, 8:53

0
voti

[14] Re: Lunghezza "cavetto" di collegamento TA

Messaggioda Foto UtenteBrugio » 30 set 2019, 20:26

Foto UtenteAria Grazie
Avatar utente
Foto UtenteBrugio
35 2 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 229
Iscritto il: 15 feb 2010, 16:59

0
voti

[15] Re: Lunghezza "cavetto" di collegamento TA

Messaggioda Foto Utentefabiosge » 1 ott 2019, 16:44

Foto UtenteAria
ti ho scritto

Permettimi di rispondere alla tua divagazione: le battaglie etiche e deontologiche sono molto belle e romantiche, ma nelle grandi aziende non sono un granchè realistiche purtroppo.
Avatar utente
Foto Utentefabiosge
150 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 141
Iscritto il: 23 giu 2011, 14:14

Precedente

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 24 ospiti