Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Perché se tocco il neutro non dovrei folgorarmi?

Fonti energetiche e produzione e fornitura dell'energia elettrica.

Moderatori: Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentemario_maggi

1
voti

[11] Re: Perché se tocco il neutro non dovrei folgorarmi?

Messaggioda Foto Utenteguzz » 30 ott 2019, 19:53

Sono abbastanza perplesso sul fatto che la ddp "non esista".

è come dire che non esiste l'energia potenziale gravitazionale dell'acqua di un bacino idroelettrico, ma esiste solo l'energia cinetica dell'acqua che esce dal condotto che porta alla centrale elettrica.

è sbagliato anche dire che è il passaggio di corrente a creare la tensione.
Per esempio, tra i due poli di una batteria c'è tensione indipendentemente dalla corrente che eroga: è generata dall'accumularsi di elettroni al polo negativo per via dei fenomeni chimici che avvengono al suo interno, ed esiste anche se la corrente è nulla.
Almeno l'itagliano sallo...
Avatar utente
Foto Utenteguzz
3.612 3 5 7
Master
Master
 
Messaggi: 2101
Iscritto il: 8 set 2011, 19:14
Località: Possagno (TV)

1
voti

[12] Re: Perché se tocco il neutro non dovrei folgorarmi?

Messaggioda Foto UtenteEdmondDantes » 30 ott 2019, 20:21

guzz ha scritto:Il motivo è uno solo: tra le zampe dell'uccellino non c'è differenza di potenziale. Da cosa dipenda poi l'assenza di d.d.p. è un fattore "secondario"


Foto Utenteguzz, la d.d.p. fra le zampe dell'uccellino esiste anche se l'animaletto si posa su una sola fase.

Vi propongo questo post* per gli approfondimenti.
In rete si trovano altri lavori che considerano modelli più complicati per tener conto di altri fattori fisici.

P.S.
*Nel 3D (non nel post di Foto UtenteRenzoDF ovviamente) troverete espressioni tipo "prima legge di Ohm" e "seconda legge di Ohm". Lasciate perdere. La legge di Ohm e' una sola.
Il Conte di Montecristo

Se non studio un giorno, me ne accorgo io. Se non studio due giorni, se ne accorge il pubblico.
La scienza non è democratica e le sue leggi non si decidono per alzata di mano.
Non seguo il metodo Montessori.
Avatar utente
Foto UtenteEdmondDantes
9.942 8 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2983
Iscritto il: 25 lug 2009, 22:18
Località: Marsiglia

0
voti

[13] Re: Perché se tocco il neutro non dovrei folgorarmi?

Messaggioda Foto Utentekonig87 » 30 ott 2019, 20:24

esatto,è chiaro che esiste fintantoche la R interna dell uccellino è !=0. genera un mini-partitore di corrente.
Avatar utente
Foto Utentekonig87
40 2 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 202
Iscritto il: 21 lug 2008, 19:51

0
voti

[14] Re: Perché se tocco il neutro non dovrei folgorarmi?

Messaggioda Foto UtenteEdmondDantes » 30 ott 2019, 20:30

Si', ma anche il tuo precedente discorso presenta alcune lacune.
La circolazione della corrente e' dovuta alla preesistenza di una d.d.p.
Le restanti discussioni sono schematizzazioni mentali utili per fare calcoli o per velocizzare i discorsi.
Leggi il post che ho segnalato.

P.S.
Usa il tasto RISPONDI per rispondere e il tasto CITA per citare parti di risposte precedenti.
Il Conte di Montecristo

Se non studio un giorno, me ne accorgo io. Se non studio due giorni, se ne accorge il pubblico.
La scienza non è democratica e le sue leggi non si decidono per alzata di mano.
Non seguo il metodo Montessori.
Avatar utente
Foto UtenteEdmondDantes
9.942 8 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2983
Iscritto il: 25 lug 2009, 22:18
Località: Marsiglia

0
voti

[15] Re: Perché se tocco il neutro non dovrei folgorarmi?

Messaggioda Foto Utentekonig87 » 30 ott 2019, 20:37

guzz ha scritto:Per esempio, tra i due poli di una batteria c'è tensione indipendentemente dalla corrente che eroga: è generata dall'accumularsi di elettroni al polo negativo per via dei fenomeni chimici che avvengono al suo interno, ed esiste anche se la corrente è nulla.


non sono totalmente d'accordo: la tensione esiste dal momento che il tuo multimetro ha una elevata R interna che permette il fluire di cariche dal - al + e, quindi, testarla.
Senza multimetro la tensione sarebbe zero. la tensione esiste da quando un minuscolo flusso di cariche attraversa il multimetro.
Da un punto di vista Fisico non so se hai ragione più tu o io, è un po' come uovo-gallina.
io per semplicità di ragionamento penso che l'uccellino di suo non ha ddp ovviamente, ma appoggiandosi al cavo con 2 zampe e avendo una R interna, a causa sua ("la crea") si viene a creare una ddp ai capi delle zampe, e il post linkato sembra darmi ragione. in questi casi per semplificare io guardo la corrente e ogni volta che vedo una R allora obbligatoriamente penso ad una DDP, come fosse un "effetto" del transito di I attraverso R.
Non so se rendo l' idea.
Avatar utente
Foto Utentekonig87
40 2 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 202
Iscritto il: 21 lug 2008, 19:51

3
voti

[16] Re: Perché se tocco il neutro non dovrei folgorarmi?

Messaggioda Foto Utenteattilio » 30 ott 2019, 20:43

Ritornando alla domanda iniziale, non ti folgori fintantoché il neutro di distribuzione è vincolato al neutro (centrostella) del generatore a sua volta messo a terra. In questo caso la d.d.p. neutro-terra dipende dalla c.d.t. del neutro e per le impedenze in gioco è limitata a pochi volt, insufficienti a folgorare un'essere umano.
Giusto per fare un esempio limite, toccando un neutro "appeso" (che neutro non è più), le cose cambiano completamente. Anche per questo nei sistemi TT il neutro è considerato (trattato come) un conduttore attivo. Del resto esiste una serie di guasti (o anche condizioni al limite) che possono portare il neutro in tensione.
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
58,8k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 8664
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

1
voti

[17] Re: Perché se tocco il neutro non dovrei folgorarmi?

Messaggioda Foto Utenteguzz » 30 ott 2019, 22:18

EdmondDantes ha scritto:Foto Utenteguzz, la d.d.p. fra le zampe dell'uccellino esiste anche se l'animaletto si posa su una sola fase.

ho semplificato troppo. intendevo dire che l'uccello non muore perché tra le sue zampe non c'è una ddp tale da causarne la morte.

comunque dire che la tensione "non esiste" senza corrente per me resta un'oscenità fisica
Almeno l'itagliano sallo...
Avatar utente
Foto Utenteguzz
3.612 3 5 7
Master
Master
 
Messaggi: 2101
Iscritto il: 8 set 2011, 19:14
Località: Possagno (TV)

1
voti

[18] Re: Perché se tocco il neutro non dovrei folgorarmi?

Messaggioda Foto UtenteEdmondDantes » 30 ott 2019, 22:27

guzz ha scritto:comunque dire che la tensione "non esiste" senza corrente per me resta un'oscenità fisica

Chiedi spiegazioni al nostro amico. :mrgreen:
Il Conte di Montecristo

Se non studio un giorno, me ne accorgo io. Se non studio due giorni, se ne accorge il pubblico.
La scienza non è democratica e le sue leggi non si decidono per alzata di mano.
Non seguo il metodo Montessori.
Avatar utente
Foto UtenteEdmondDantes
9.942 8 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2983
Iscritto il: 25 lug 2009, 22:18
Località: Marsiglia

1
voti

[19] Re: Perché se tocco il neutro non dovrei folgorarmi?

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 31 ott 2019, 1:56

konig87 ha scritto: ...se mi metto scalzo e tocco la fase a mani nude la corrente fluirà attraverso me e andrà verso terra...

No perché non sei in continua ma in alternata a cinquanta cicli al secondo quindi la corrente fluirà alternativamente dal conduttore di fase alla terra e viceversa; parimenti non ha quindi senso il successivo discorso del positivo e negativo...
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
14,9k 4 6 9
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 10298
Iscritto il: 18 gen 2012, 13:36

0
voti

[20] Re: Perché se tocco il neutro non dovrei folgorarmi?

Messaggioda Foto Utentebrabus » 31 ott 2019, 10:50

konig87 ha scritto:(…)Senza multimetro la tensione sarebbe zero. la tensione esiste da quando un minuscolo flusso di cariche attraversa il multimetro.
Da un punto di vista Fisico non so se hai ragione più tu o io, è un po' come uovo-gallina.(…)


:shock: :shock: :shock:

Foto Utentekonig87, guarda che stai prendendo un abbaglio clamoroso. Il concetto di potenziale elettrostatico, e poi di d.d.p., è una delle basi per iniziare a parlare di elettrotecnica. Ti posso chiedere dove hai costruito la tua formazione teorica (ad es.: sei autodidatta o hai seguito un percorso formativo)?
Non ti preoccupare, qui su EY possiamo provare a chiarire ogni dubbio e spiegarti bene come funziona.

Una domanda molto semplice per cominciare: un condensatore carico non presenta alcuna differenza di potenziale fra le armature fino al momento in cui la misuro con un voltmetro?

konig87 ha scritto:No. gli uccellini non si folgorano non solo perché "toccano" la fase soltanto e quindi non hanno differenza di potenziale, ma anche e soprattutto perché la distanza tra le loro zampe è infinitamente piccola rispetto la lunghezza del cavo.(…)


Questo è un discorso completamente diverso. Qui parliamo di potenziale elettrostatico e non di d.d.p.; sotto certe condizioni (vedi più sotto), l'uccellino si folgorerebbe anche se la zampa fosse una sola e a forma di spillo.
Riformulo la domanda: come mai un uccellino con una gamba sola e con un artiglio solo, di spessore trascurabile rispetto a lunghezza e diametro del cavo, non prende la scossa?

Attenzione, il discorso è più raffinato di quanto sembri.

Domanda di riserva: cosa accadrebbe ad un uccellino con una gamba sola, sottile sottile, sullo stesso filo, etc., ma con un corpo ENORME? Prendiamo un uccellino sferico con un diametro di 100km e uno con un diametro di 6000km. Cosa accadrebbe in questi due casi?

P.S.: le domande sono aperte a tutti, via alle ipotesi! :D
Alberto.
Avatar utente
Foto Utentebrabus
18,9k 3 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2660
Iscritto il: 26 gen 2009, 15:16

PrecedenteProssimo

Torna a Energia e qualità dell'energia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti