Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Generazione di un impulso ritardato

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utentecarloc, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteBrunoValente

1
voti

[11] Re: Generazione di un impulso ritardato

Messaggioda Foto Utenteboiler » 5 gen 2020, 17:20

Rilancio con un circuito molto semplice e molto robusto (è proprio questo il suo lavoro!):



C'è solo una cosa alla quale bisogna fare attenzione: quando l'NPN entra in conduzione, non deve avere una corrente di base tale da far scendere la Vdd del TLV810 sotto al suo threshold. Questo significa dimensionare il partitore resisitivo in ingresso di conseguenza.

Lo scopo di quel partitore e condensatore è
a) convertire i 12 V alla tensione necessaria in ingresso al TLV810
b) creare un ritardo in modo che il driver LED sia attivo pronto a ricevere l'impulso

Ovviamente, se preferisci, puoi metterci un MOSFET al posto del transistor bipolare.

Ciao Boiler
Avatar utente
Foto Utenteboiler
15,9k 5 7 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2759
Iscritto il: 9 nov 2011, 12:27

1
voti

[12] Re: Generazione di un impulso ritardato

Messaggioda Foto Utenteposta10100 » 5 gen 2020, 18:24

Penso che il problema sia lo stesso sollevato da Foto UtenteBrunoValente in [8].
Il circuito consuma molto poco e se il blackout dura molto poco i led potrebbero essere già spenti mentre l'alimentatore con il quale alimenti il circuito di controllo potrebbe non essersene nemmeno reso conto.

Si potrebbe usare l'uscita del driver per alimentare il circuito, però poi quando va a parzializzare (immagino usando un PWM) la luminosità dei led farebbe un bel pasticcio.
Magari si può pensare di mettere un bel filtro per spianare il segnale, però bisogna vedere se il driver ammette luminosità molto basse facendo scendere troppo la tensione media in uscita.

O_/
http://millefori.altervista.org
Tool gratuito per chi sviluppa su millefori.

Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa. (A. Einstein)
Se non c'e` un 555 non e` un buon progetto (IsidoroKZ)

Strumento per formule
Avatar utente
Foto Utenteposta10100
5.465 4 9 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 4802
Iscritto il: 5 nov 2006, 0:09

0
voti

[13] Re: Generazione di un impulso ritardato

Messaggioda Foto Utentenicsergio » 5 gen 2020, 19:31

posta10100 ha scritto:Si potrebbe usare l'uscita del driver per alimentare il circuito..


..era venuto in mente anche a me, purtroppo la luminosità minima è piuttosto bassa, penso attorno al 10%, la tensione nominale della strip è 12VDC.

Vi ringrazio davvero tutti, non ho mai visto un forum così attivo e con tutti interventi competenti.. ad averlo scoperto prima :D
Avatar utente
Foto Utentenicsergio
15 2
 
Messaggi: 9
Iscritto il: 1 gen 2020, 16:42

1
voti

[14] Re: Generazione di un impulso ritardato

Messaggioda Foto UtenteBrunoValente » 7 gen 2020, 14:13

Se i led sono alimentati con una tensione PWM, raddrizzandola si potrebbe ricavare una tensione continua di ampiezza indipendente dalla larghezza dell'impulso e con quella alimentare il circuito in questione.
Avatar utente
Foto UtenteBrunoValente
32,7k 7 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6377
Iscritto il: 8 mag 2007, 14:48

0
voti

[15] Re: Generazione di un impulso ritardato

Messaggioda Foto Utentenicsergio » 8 gen 2020, 15:13

ho capito: immagino perché viene modulato il duty cycle mantenendo fisso il valore di tensione degli impulsi

Pensandoci meglio però ci sarebbero altri problemi: quando si accende la strip led, se col driver alimento anche il circuitino, corrisponderebbe all'evento di ripristino tensione, verrebbe quindi generato un impulso che spegnerebbe la strip led
Avatar utente
Foto Utentenicsergio
15 2
 
Messaggi: 9
Iscritto il: 1 gen 2020, 16:42

Precedente

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: MSN [Bot] e 22 ospiti