Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Studio PLC

Circuiti, campi elettromagnetici e teoria delle linee di trasmissione e distribuzione dell’energia elettrica

Moderatori: Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteEdmondDantes

2
voti

[1] Studio PLC

Messaggioda Foto UtentexXMarcoXx » 24 gen 2020, 1:13

Buonasera a tutti! Sono Marco, ho 28 anni e mi sono imbattuto nel vostro forum facendo delle ricerche su internet. Vorrei spiegarvi brevemente la mia storia così che possiate gentilmente aiutarmi indirizzandomi sulla giusta strada. Poco tempo fa', nell'azienda dove lavoro hanno convertito gran parte delle lavorazioni, che precedentemente venivano fatte manualmente, con un'impianto automatico (avente come cuore un PLC Siemens), il tutto gestito e monitorato da una Control Room. Attualmente io lavoro in questa Control Room e operandoci sopra mi si è aperto un mondo del tutto nuovo, che mi affascina parecchio e il mio obbiettivo è quello di imparare di più a riguardo. Vorrei capire, nel dettaglio come opera un PLC, come funziona, com' è composto,come si programma e soprattuto come funzionano tutte le componenti ad esso associate (elettrovalvole, valvole pneumatiche, moduli As-i, bus di campo ecc..). So che è un mondo parecchio vasto perché si spazia dall'elettrotecnica, all'elettronica, alla meccanica alla pneumatica ecc... Da quanto ho capito, leggendo anche altri post nel vostro forum, bisognerebbe partire dalle basi. Vorrei solo avere, senza fare confusione, un piano di studi adeguato (probabilmente più avanti m'iscriverò a qualche corso o addirittura stavo pensando di tornare a studiare seriamente all'università, ma al momento è solo un'ipotesi) da dove iniziare e quali potrebbero essere dei libri di testo validi su cui poter fare affidamento. Ovviamente un passo alla volta.
Qualche giorno fa' ho acquistato il libro "Impianti elettrici automatici" di Giuliano Ortolani ed Ezio Venturi della Hoepli. I primi argomenti riguardo i sistemi di numerazione e l'algebra booleana sono stati chiari, in quanto molte nozioni le avevo già acquisite alle Scuole Superiori avendo frequentato un' ITIS, il problema è venuto fuori quando ho iniziato a leggere il capitolo riguardante i circuiti integrati (semiconduttori, giunzione p-n ecc...) mi sono accorto che mi mancano proprio le basi per capire a fondo questi concetti. Probabilmente basi di fisica e chimica in questo caso.
Potreste darmi gentilmente una mano? Ve ne sarei molto grato.
Scusate se mi sono dilungato troppo.
Avatar utente
Foto UtentexXMarcoXx
20 3
 
Messaggi: 17
Iscritto il: 23 gen 2020, 13:32

2
voti

[2] Re: Studio PLC

Messaggioda Foto UtenteWALTERmwp » 24 gen 2020, 3:31

Ciao @xXMarcoXx, hai proprio messo al centro la questione:
xXMarcoXx ha scritto:(...) So che è un mondo parecchio vasto perché si spazia dall'elettrotecnica, all'elettronica, alla meccanica alla pneumatica ecc... Da quanto ho capito, leggendo anche altri post nel vostro forum, bisognerebbe partire dalle basi.(...)
e una risposta coerente risulterebbe altrettanto ampia ed articolata.
Provo ad avviare la discussione con qualche spunto, poi si aggiungeranno certamente autorevoli utenti.

Se sei un operatore della sala controllo, un punto di partenza potrebbe essere proprio il materiale installato: l'osservazione del contenuto dei quadri deputati alla gestione dell'automazione, contestualmente allo studio, può già fornirti un'idea.
Probabilmente c'è già un po di tutto: la supervisione, l'automazione, l'impianto(le macchine) con le utenze (valvole, motori, ...) gestite tramite logiche sequenziali o algoritmi(i programmi del plc).
Per questo dovresti cogliere, per esempio, le circostanze nelle quali i tecnici intervengono per fare delle verifiche, modifiche o manutenzioni e osservare, se possibile.

E' vero, c'è molto da studiare, ma non credo che la migliore strategia sia quella di mettere in serie gli argomenti, non finiresti più, a parte il fatto che non si finisce mai di imparare e scoprire.

Al centro del tuo interesse mi pare ci sia innanzi tutto il plc; considera allora, in linea di principio, che la comprensione del suo funzionamento e un suo utilizzo non è necessariamente subordinato, per esempio, alla conoscenza di quello d'una valvola pneumatica.
Invece, successivamente, sapere come questa o un motore funzionano, diventa importante se non fondamentale per sviluppare i programmi del plc che ha l'onere di controllare un impianto tramite queste utenze.

Per usare un plc è necessario saperlo programmare(ovvio), di plc ve ne sono di marche diverse e per ognuna vi possono essere plc di "taglie" differenti, un po' come una casa automobilistica che produce dalla piccola vettura al fuoristrada: per andare a far la spesa puoi usare sia una che l'altra, ma se ti devi inerpicare tra i boschi certamente scegli la seconda.
Infatti, con qualsiasi plc puoi accendere o spegnere una lampadina ma per controllare e regolare un processo industriale particolare occorre un plc potenzialmente in grado di garantire certe prestazioni, quindi serve una "taglia" più grande(il fuoristrada ...).

xXMarcoXx ha scritto:(...) Vorrei solo avere, senza fare confusione, un piano di studi adeguato (...)
per questo è importante avere un'idea più definita del tuo livello di conoscenze ma se hai ferquentato l'istituto tecnico non ci dovrebbero essere particolari problemi nell'affrontare un corso di programmazione per plc.
Questo può essere un punto di partenza, solo che occorre trovarne uno valido, tale anche perché ti deve consentire di toccare con mano l'ggetto in causa, di sperimentare.

Contestualmente potresti dare inizio ad un percorso di studio, focalizzando l'attenzione su uno o più argomenti relativi ad una materia, o a più materie; per questo invito altri utenti a portare i loro suggerimenti.
Al libro che hai indicato dovrei dare un'occhiata, ma ho la sensazione, al di là della sua validità(da valutare), che come livello di approccio possa andar bene.

Se esistono le possibilità, riprendere un percorso scolastico o iniziare quello universitario credo sia una buona cosa, ma sono valutazioni molto soggettive.

Tornando al plc, cerca ancora nel forum e tra gli articoli, poi magari in questo thread si può provare ad aggiungere, nei limiti del possibile, qualche post di dettaglio.

Saluti

p.s.
ben arrivato su EY.
W - U.H.F.
Avatar utente
Foto UtenteWALTERmwp
22,6k 4 8 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6596
Iscritto il: 17 lug 2010, 18:42
Località: le 4 del mattino

0
voti

[3] Re: Studio PLC

Messaggioda Foto UtentexXMarcoXx » 25 gen 2020, 0:28

Ciao @WALTERmwp, grazie per avermi risposto. Seguirò sicuramente i tuoi consigli cercando di stare dietro il più possibile al reparto manutenzione per cercare almeno in linea di massima di capire il funzionamento delle varie apparecchiature. Oggi ho dato tra l'altro un'occhiata veloce agli schemi elettrici dell'impianto e anche se sono riuscito a capire come è strutturata l'architettura di rete dell'impianto il resto non so proprio leggerlo. Tra l'altro cercando ancora nel Forum, indipendentemente dal tipo di percorso e ramo relativo all'elettronica che ognuno di noi sceglie, mi è parso di capire che bisognerebbe iniziare, correggetemi se sbaglio, dall'elettrotecnica! Al momento ho deciso appunto di accantonare l'ultimo libro da me acquistato e iniziare da qualcosa di più basilare. Ho dato un occhiata alla vostra libreria dove sono stati inseriti molti libri didattici e probabilmente inizierò da Elettronica Sapere e Saper Fare di Filella. un'altra domanda, ho visto su you tube un breve corso sull'elettromagnetismo. Questo argomento lo si trova nei libri didattici di Elettrotecnica o per approfondire questo concetto e simili bisogna studiare su qualche libro di Fisica?
Grazie mille per l'aiuto!
Avatar utente
Foto UtentexXMarcoXx
20 3
 
Messaggi: 17
Iscritto il: 23 gen 2020, 13:32

2
voti

[4] Re: Studio PLC

Messaggioda Foto UtenteMassimoB » 25 gen 2020, 0:50

Ho lavorato e lavoro in ambito dell'automazione da parecchi anni, e da quello che leggo vorrei darti un consiglio, ma premetto che è un mio parere personale e non voglio sia travisato come "si deve fare così"

I PLC non sono altro che controllori logici programmabili, quindi solo dal nome io inizierei studiando i principi base della logica (booleana ), poi passerei allo studio del processo, o meglio , di come si identificano i vari processi, per la serie essere in grado di capire prima di scrivere una sola riga di codice cosa deve fare cosa.

Aiuta molto avvicinarsi ad uno pseeudo codice, giusto per capire come muoversi.

Poi ovviamente una infarinatura di elettrotecnica, elettronica ecc temo non sia opinabile.

Inizialmente mi avvicinerei a PLC entry level tipo ABB eco in ambito codesys o LOGO siemens con i classici starter kit che ti danno la possibilità di iniziare a giocare con alcuni prodotti.

Poi piano piano ci si avvicina sempre di più a prodotti e situazioni più specifiche...perché a parer mio da qualche parte bisogna pur iniziare.

Non ti incasinare la vita con tutto subito e troppo specifico perché se non hai le basi rischi di infognarti di nozioni purtroppo spesso al momento inutili o troppo complesse per il tuo attuale stato di comprensione della materia.

Riassunto per non essere troppo prolisso...

Un passo alla volta ma fatto bene
MCSA Windows Server 2012 R2
Cisco CCNA R&S - Cisco CCNA Security - Cisco CCNA Cyber Ops
CompTia A+ - CompTia Linux+ - CompTIA Systems Support Specialist CSSS
CompTia Pentest+ LPIC-1
Avatar utente
Foto UtenteMassimoB
13,8k 6 12 13
Expert free
 
Messaggi: 3081
Iscritto il: 28 ott 2012, 9:56
Località: Milano

1
voti

[5] Re: Studio PLC

Messaggioda Foto UtenteWALTERmwp » 25 gen 2020, 2:15

MassimoB ha scritto:(...) Non ti incasinare la vita con tutto subito e troppo specifico perché se non hai le basi rischi di infognarti di nozioni purtroppo spesso al momento inutili o troppo complesse per il tuo attuale stato di comprensione della materia. (...)
condivido.

xXMarcoXx ha scritto:(...) Vorrei capire, nel dettaglio come opera un PLC, come funziona, com' è composto,come si programma e (...)
si può fare un esempio semplice semplice che coglie la sostanza, il principio di base.
Apparirebbe sin troppo banale a chi ha un minimo di idea, ma se non si sa proprio di cosa si sta scrivendo forse può aiutare.
Ti è nota la funzione di una scheda di I/O (input/output) cioè di ingressi/uscite ?

Saluti
W - U.H.F.
Avatar utente
Foto UtenteWALTERmwp
22,6k 4 8 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6596
Iscritto il: 17 lug 2010, 18:42
Località: le 4 del mattino

0
voti

[6] Re: Studio PLC

Messaggioda Foto UtentexXMarcoXx » 25 gen 2020, 15:28

MassimoB ha scritto:
(...) Non ti incasinare la vita con tutto subito e troppo specifico perché se non hai le basi rischi di infognarti di nozioni purtroppo spesso al momento inutili o troppo complesse per il tuo attuale stato di comprensione della materia. (...)
condivido.


Quindi mi consigliereste di non perdere troppo tempo sullo studio di parti puramente teoriche e didattiche, ma piuttosto imparare l'algebra booleana e acquistare uno strater kit PLC per iniziare a smanettarci sopra e capirne il funzionamento. Corretto?

si può fare un esempio semplice semplice che coglie la sostanza, il principio di base.
Apparirebbe sin troppo banale a chi ha un minimo di idea, ma se non si sa proprio di cosa si sta scrivendo forse può aiutare.
Ti è nota la funzione di una scheda di I/O (input/output) cioè di ingressi/uscite ?


Non ne ho mai vista una sinceramente, però posso dedurre che serva per acquisire degli stati in ingresso dalle apparecchiature di rete(valvole, sensori ecc...) e restituire gli stati visualizzandoli atttraverso un apposito HMI, software PC o segnali visivi. Correggetemi se sbaglio!

Grazie per avermi risposto MassimoB.
Avatar utente
Foto UtentexXMarcoXx
20 3
 
Messaggi: 17
Iscritto il: 23 gen 2020, 13:32

3
voti

[7] Re: Studio PLC

Messaggioda Foto Utenteg.schgor » 25 gen 2020, 17:08

Anni fa avevo proposto una serie di eserizi
per l'apprendimento della programm azione dei PLC,
iniziando da questo.
Se sei interessato potremmo rivederlo.
Avatar utente
Foto Utenteg.schgor
54,1k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16293
Iscritto il: 25 ott 2005, 9:58
Località: MILANO

0
voti

[8] Re: Studio PLC

Messaggioda Foto UtenteWALTERmwp » 26 gen 2020, 1:20

xXMarcoXx ha scritto:Quindi mi consigliereste di non perdere troppo tempo sullo studio di parti puramente teoriche e didattiche, ma piuttosto imparare l'algebra booleana (...) Corretto?
non proprio, l'algebra booleana è materia di studio, non è mica pratica svolta in alternativa alla teoria !?

xXMarcoXx ha scritto:(...) Non ne ho mai vista una sinceramente, però posso dedurre che serva per acquisire degli stati in ingresso dalle apparecchiature di rete(valvole, sensori ecc...) (...) Correggetemi se sbaglio! (...)
in parte fai confusione, posso sembrare noioso però provo a rettificare, almeno per quanto ne so, poi magari sono io a confondermi.
L'uso dei termini è importante, vanno impiegati correttamente, si definiscono riferimenti necessari alla comprensione.
E' improprio etichettare "valvole, sensori ecc ..." apparecchiature di rete, eventualmente identifica "valvole, o motori, o ..." come utenze(da pilotare, controllare), mentre i sensori sono ... sensori, magari dotati di trasmettitore di segnale, ma sono sensori.
Sia utenze che sensori, o altri componenti d'impianto, possono certamente essere collegati ad una rete di trasmissione dati(rete di comunicazione), se dispongono di interfaccia adeguata, ma eviterei al momento di censirli come apparecchiature di rete, si può fare confusione.
Come tali, piuttosto, caratterizzerei quei dispositivi che strutturano una rete rendendola fruibile: specifiche schede di comunicazione, adattatori d'interfaccia, convertitori di segnale, switch, i relativi alimentatori ...

Invece, dando un'occhiata al link di Foto Utenteg.schgor, comprendi il contenuto oppure lo trovi astratto ?
Te lo chiedo per valutare il proposito in #5.

Saluti
W - U.H.F.
Avatar utente
Foto UtenteWALTERmwp
22,6k 4 8 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6596
Iscritto il: 17 lug 2010, 18:42
Località: le 4 del mattino

0
voti

[9] Re: Studio PLC

Messaggioda Foto UtenteWALTERmwp » 26 gen 2020, 1:29

A proposito, dimenticavo, prova anche con la lettura del primo degli articoli di Foto UtenteMax2433BO.

Saluti
W - U.H.F.
Avatar utente
Foto UtenteWALTERmwp
22,6k 4 8 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6596
Iscritto il: 17 lug 2010, 18:42
Località: le 4 del mattino

0
voti

[10] Re: Studio PLC

Messaggioda Foto UtentexXMarcoXx » 27 gen 2020, 23:05

(...)in parte fai confusione, posso sembrare noioso però provo a rettificare(...)(...)E' improprio etichettare "valvole, sensori ecc ..."(...)

Come hai potuto notare purtroppo la mia conoscenza è alquanto scarsa.. per questo ho bisogno di una sorta di piano di studi, una guida che mi permetta di comprendere passo alla volta, partendo dai fondamentali, questo mondo...
Anni fa avevo proposto una serie di eserizi
per l'apprendimento della programm azione dei PLC,
iniziando da questo.
Se sei interessato potremmo rivederlo.

Ciao g.schore, grazie della risposta, ho dato un occhiata all'esercizio da te postato ma purtroppo, anche in risposta al post di WALTERwmp, non lo comprendo e non ho la più pallida idea di come risolverlo...

A proposito, dimenticavo, prova anche con la lettura del primo degli articoli di Max2433BO.

Grazie mille, leggerò questo articolo nei prossimi giorni!
Avatar utente
Foto UtentexXMarcoXx
20 3
 
Messaggi: 17
Iscritto il: 23 gen 2020, 13:32

Prossimo

Torna a Elettrotecnica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 12 ospiti