Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Consiglio su libro di testo

PLC, servomotori, inverter...robot

Moderatori: Foto Utentedimaios, Foto Utentecarlomariamanenti

6
voti

[11] Re: Consiglio su libro di testo

Messaggioda Foto Utentedimaios » 20 feb 2020, 18:56

Mi inserisco nella discussione per un paio di consigli.
Il libro che ti ha consigliato Foto Utentewruggeri secondo me è la prima scelta per iniziare.

link

Inoltre suggerisco le dispense della Prof.ssa Dotoli.

http://dei.poliba.it/didattica/materiale-didattico.html

Click su LINK, cerca nell'elenco "dotoli" ed infine punta alla cartella "Controlli automatici 9CFU".
Per scaricare tutto il contenuto vai alla radice della cartella, seleziona il checkbox tondo sulla sinistra e premi il bottone di download, tutto l'archivio verrà scaricato in una unica soluzione.

La docente è veramente notevole in termini di chiarezza e tempo fa le ho scritto per congratularmi in quanto ho letto alcuni suoi lavori.

Leggendo i tuoi interventi mi sembra tu abbia maturato un certo pregiudizio per la materia in oggetto.
Posso capire le perplessità ma l'atteggiamento non aiuta in generale.

La materia è il naturale mix di altre materie che hai già affrontato.

In fisica si studia la modellazione dei sistemi, fondamentalmente vorresti emulane il comportamento in un ambiente virtuale fatto di equazioni e simulazioni.

La matematica in campo complesso e la trasformata di Laplace ( e non solo ) ti permettono di scrivere le equazioni del modello del sistema in modo tale da gestirle con una certa eleganza ed efficacia.
Se devi raccontare qualcosa è meglio farlo con un linguaggio elegante non trovi ? ;-)

A questo punto il corso di controlli automatici si pone come obiettivo quello di far fare ad un sistema non quello che farebbe naturalmente ma quello che vogliamo noi.
Come si fa?

Innanzitutto ne osservi le proprietà fondamentali e ti vengono dati degli strumenti ( analisi modale e della stabilità senza controllore ) per capire come si comporta e dopo lo "forzi a fare quello che dici tu" con altri strumenti ( sintesi dei controllore ed analisi della stabilità e delle performance con controllore inserito).

Ovviamente non puoi fargli fare quello che vuoi tu sempre e comunque per cui verranno fuori, durante lo studio, tutte le limitazioni ( es. il sistema non può rispondere più velocemente di un "tot" e tu vorresti sapere quanto vale questo "tot").

Quando diciamo che vogliamo far fare al sistema "quello che vogliamo noi" dobbiamo scrivere delle specifiche riguardo la velocità di reazione desiderata, l'errore massimo consentito delle variabili che intendiamo controllare, la sensibilità ai distrubi provenienti dall'esterno, la capacità di controllare un processo anche se non è sempre uguale a se stesso ma può avere delle variazioni parametriche di varia natura ecc. ecc. ecc.

Questo è a parole il senso di quello che dovresti imparare tramite il corso base di controlli automatici.
La materia ti permette di controllare processi lineari di varia natura ( meccanici, elettrici, idraulici ecc. ) per risulta molto utile dal punto di vista applicativo.

Sapere a cosa serve ciò che si studia è un buon preludio .... speriamo non segua una pessima fuga!
( questa è per Foto UtenteIsidoroKZ ).
Ingegneria : alternativa intelligente alla droga.
Avatar utente
Foto Utentedimaios
29,0k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3231
Iscritto il: 24 ago 2010, 14:12
Località: Behind the scenes

0
voti

[12] Re: Consiglio su libro di testo

Messaggioda Foto Utentefede123 » 20 feb 2020, 19:47

Grazie wruggeri, ho dato un'occhiata al materiale online e sembra buono.
Seguirò il tuo consiglio e cercherò un libro di testo terra-terra, con parole facili, spiegazioni chiare, basilari, e senza tanti giri.
Avatar utente
Foto Utentefede123
15 2
 
Messaggi: 20
Iscritto il: 17 feb 2020, 20:18

0
voti

[13] Re: Consiglio su libro di testo

Messaggioda Foto Utentefede123 » 20 feb 2020, 20:53

Ciao dimaios, ho appena scaricato il materiale che mi hai indicato, sono sicuro sarà buonissimo grazie molte :) .

Si io ho un forte pregiudizio perché tutti i libri di testo che ho trovato usano un linguaggio troppo matematico per me, io necessito di un libro per cretini, che spieghi le cose in modo semplice, come se si stessero spiegando le cose a un bambino, con esercizi guidati, soluzioni passo-passo e senza lasciare cose al caso o spiegate a mozzichi e bocconi.
Senza parlare delle videolezioni di alcuni professori che per quanto siano ben fatte da un punto di vista tecnico, sono arabo per l'80% degli studenti! (andate su YouTube è "pieno").

(Commento off-topic)

Ora ti dico la mia esperienza personale così capisci perché sono così inacidito.
Il libro di testo ufficiale del mio vecchio corso di controlli automatici sai qual è (perché tuttora quello è)? Quello che usava il professore del mio professore! Cioè è scandaloso un libro di prima degli anni 2000, siamo fuori di testa qui.
Io capisco che i controlli automatici sono quelli ma possibile che non c'è un adattamento da parte dei professori, non dico nei contenuti, ma nelle procedure di insegnamento? Cioè possibile che come si spiegava 20 anni fa si spiega adesso?
Beh rispondo io : NO! Ma a quanto pare si.
Senza slide è, solo il libro di 20 anni fa e per non parlare della parte migliori...Le lezioni!

Aaaah, quelle guarda piuttosto che rifrequentare tutto il corso preferirei buttarmi nudo in una piscina piena di puntine!

Il professore/essa spiegava da cani, entrava in classe e cominciava a sparare matrici sulla lavagna senza un commento, cancellava e riscriveva senza darci il tempo di copiare, figurarci di capire! Anche una persona forte nei conti e con riconoscimenti internazionali, quindi ne parlo molto male ma, tecnicamente parlando, una figura molto valida, il problema (a detta mia) è che questa persona non deve insegnare ma fare il ricercatore, stare vicino ai cervelloni e lontano dai banchi dell'università.
Se poi si è "accontentata" del posto fisso (perché di quello si parla), lavorare con lo stato e gli orari comodi quindi le girano i maroni, problemi suoi.
Non sto denigrando la professione dell'insegnante, anzi per me è il lavoro più nobile da fare in Italia, pagato poco e niente, costretto a rifare più e più volte lo stesso corso ogni anno senza aiuto da parte dello stato e avere a che fare con tante persone, uno schifo...Però se una cosa non ti piace non la fare, o quanto meno cerca di essere meno tossico possibile, senza dire " ah io lo stipendio lo prendo comunque che me ne importa".
Poi quando ho detto "vabbè con gli appunti e le lezioni non capisco niente, provo il libro" vi lascio immaginare la mia reazione...
Avatar utente
Foto Utentefede123
15 2
 
Messaggi: 20
Iscritto il: 17 feb 2020, 20:18

1
voti

[14] Re: Consiglio su libro di testo

Messaggioda Foto UtenteGoofy » 20 feb 2020, 21:43

fede123 ha scritto:il libro consigliato dal professore è molto molto teorico, incentrato sulla matematica,


Beh i controlli automatici sono incentrati sulla matematica.
Avatar utente
Foto UtenteGoofy
7.103 3 4 8
Master
Master
 
Messaggi: 2418
Iscritto il: 10 dic 2014, 20:16

0
voti

[15] Re: Consiglio su libro di testo

Messaggioda Foto UtenteFolgore98 » 20 feb 2020, 22:30

Bolzern P., R. Scattolini, N. Schiavoni, Fondamenti di Controlli Automatici, McGraw-Hill (2015).

Veramente ben fatto :)

Aggiunta:
- Per la parte delle matrici e le trasformate il libro qui da me citato presente un'appendice molto ben fatta che tratta argomenti "esterni" all'automatica.

- Per i diagrammi di Nyquist, ti consiglio la visione di questo video: https://youtu.be/vHRMGOCGp_8 solamente dopo aver appreso bene i diagrammi di Bode del modulo e della fase.
Avatar utente
Foto UtenteFolgore98
282 2 6
New entry
New entry
 
Messaggi: 94
Iscritto il: 1 gen 2019, 12:18

0
voti

[16] Re: Consiglio su libro di testo

Messaggioda Foto UtenteFolgore98 » 20 feb 2020, 22:35

Noto ora che cerchi del materiale
Se proprio non ne trovi puoi dare un'occhiata qui sotto la sezione "Materiale":
https://cal.unibg.it/courses/fondamenti-di-automatica/

A primo impatto direi che anche la sezione "Lucidi" può tornarti utile, ancora meglio di un libro
Avatar utente
Foto UtenteFolgore98
282 2 6
New entry
New entry
 
Messaggi: 94
Iscritto il: 1 gen 2019, 12:18

3
voti

[17] Re: Consiglio su libro di testo

Messaggioda Foto Utentewruggeri » 20 feb 2020, 23:19

Senza alcun intento polemico ti consiglierei, Foto Utentefede123, di darti seriamente una calmata.

fede123 ha scritto:Si io ho un forte pregiudizio perché tutti i libri di testo che ho trovato usano un linguaggio troppo matematico per me


La teoria dei controlli e dei sistemi è matematica, senza dubbio, e se hai difficoltà a capirla allora prima di poter anche solo immaginare di studiarla dovresti rivedere tutto quanto si discute di solito nei corsi di algebra lineare e analisi reale e complessa.


fede123 ha scritto:Quello che usava il professore del mio professore! Cioè è scandaloso un libro di prima degli anni 2000, siamo fuori di testa qui.

Non vorrei sconvolgerti, ma l'utilizzo di libri datati non è assolutamente infrequente e anzi in certi ambiti e con certi libri è fortemente incoraggiato: giusto per dirne due, ci sono dei testi classici di analisi (quelli di Markushevich, ad esempio) e dei testi classici di fisica (quelli di Cohen-Tannoudji per la meccanica quantistica, ad esempio) pubblicati non più tardi degli anni '80 e ancora oggi usati perché sono fatti davvero bene. Inoltre, ci sono ambiti come ad esempio quello dei metodi formali dove gli unici libri disponibili sono per necessità molto datati: il tipo di evoluzione proprio dell'ambito può non permettere (e in parte rendere non necessaria) la scrittura di nuovi testi ogni due anni.


fede123 ha scritto:Io capisco che i controlli automatici sono quelli ma possibile che non c'è un adattamento da parte dei professori, non dico nei contenuti, ma nelle procedure di insegnamento? Cioè possibile che come si spiegava 20 anni fa si spiega adesso?
Beh rispondo io : NO! Ma a quanto pare si.


E io rispondo alla tua risposta: non sai di cosa stai parlando.
Detto chiaramente, se vai a prendere ad esempio un corso introduttivo al testing dei sistemi digitali probabilmente non c'è motivo alcuno per avere oggi (al netto di qualche aggiornamento contenutistico) una didattica diversa da quella che veniva proposta ad esempio nel 2005 o nel 2008: gli sviluppi principali nell'ambito sono stati relativi soprattutto ad applicazioni "avanzate" delle tecniche e a nuovi metodi e standard di verifica, ma tutto quanto era vero dieci anni fa sui fault model o sul BIST o sullo standard IEEE 1149.1 lo è anche oggi. Lo stesso discorso vale esattamente per un corso introduttivo ai controlli automatici: la teoria matematica dei sistemi è la stessa da decenni, e così anche la teoria fondamentale dei controlli in retroazione dall'uscita, per cui se la didattica proposta è qualitativamente adeguata non c'è motivo per cambiarla, e anzi un cambiamento potrebbe pure essere sconveniente perché ogni nuovo metodo va testato e tarato nel tempo.


fede123 ha scritto:questa persona non deve insegnare ma fare il ricercatore, stare vicino ai cervelloni e lontano dai banchi dell'università.

E dire che ci sono quei cretini che pensano che avere professori "in grado di stare vicino ai cervelloni" sia un bene #-o
Guarda, io non ti voglio dire che il tuo professore spiega bene perché non so neanche chi sia, ma quello che dici (o almeno come lo dici) è assurdo.

fede123 ha scritto:Se poi si è "accontentata" del posto fisso (perché di quello si parla), lavorare con lo stato e gli orari comodi quindi le girano i maroni, problemi suoi.

Questo periodo e quelli seguenti neanche li commento, perché siamo puramente nel regno del rancore.
Rispondo solo a chi si esprime correttamente in italiano e rispetta il regolamento.
Se non conosci un argomento, non parlarne.
Gli unici fatti sono quelli dimostrabili, il resto è opinione.
Non sono omofobo, sessista, leghista o analoghe merdate.
Avatar utente
Foto Utentewruggeri
5.284 2 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1095
Iscritto il: 25 nov 2016, 18:46

2
voti

[18] Re: Consiglio su libro di testo

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 21 feb 2020, 0:01

Scusate ma... di grazia, cosa avrebbe la matematica che non va? :-M
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex

Io capisco le cose per come le scrivete. Per esempio: K sono kelvin e non chilo, h.z è la costante di Planck per zepto o per la zeta di Riemann e l'inverso di una frequenza non si misura in siemens.
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
78,9k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 9813
Iscritto il: 12 ago 2012, 1:20
Località: Londra

1
voti

[19] Re: Consiglio su libro di testo

Messaggioda Foto Utentewruggeri » 21 feb 2020, 0:36

PietroBaima ha scritto:Scusate ma... di grazia, cosa avrebbe la matematica che non va? :-M


Agli studenti d'ingegneria la matematica non piace, perché sono convinti che le cose si facciano per magia o usando nastro isolante e Svitol :roll: e i corsi universitari sembrano essersi adattati a questa percezione, dato che di matematica a ingegneria (almeno per quel che ho visto io) se ne fa poca e la si fa male.

(Sapessi quel che ho visto e sentito in sei anni nei corridoi e nelle aule dell'università... #-o )
Rispondo solo a chi si esprime correttamente in italiano e rispetta il regolamento.
Se non conosci un argomento, non parlarne.
Gli unici fatti sono quelli dimostrabili, il resto è opinione.
Non sono omofobo, sessista, leghista o analoghe merdate.
Avatar utente
Foto Utentewruggeri
5.284 2 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1095
Iscritto il: 25 nov 2016, 18:46

1
voti

[20] Re: Consiglio su libro di testo

Messaggioda Foto UtenteGoofy » 21 feb 2020, 9:17

Folgore98 ha scritto:N. Schiavoni

Scopro ora con tristezza che il prof.Schiavoni è passato a miglior vita nel 2018.
Con i suoi colleghi Rinaldi, Bittanti, Colorni, Locatelli ha dato una "regolata" a tanti studenti del Politecnico dagli anni ottanta.
Mi sorprende leggere da parte di Foto Utentewruggeri che "agli studenti d'ingegneria la matematica non piace", evidentemente sono passati tanti anni da quando studiavo io.

Si potrebbe tornare sulla annosa questione di "che cosa deve essere un ingegnere" ma se ne è parlato fin troppo e i tempi cambiano
Avatar utente
Foto UtenteGoofy
7.103 3 4 8
Master
Master
 
Messaggi: 2418
Iscritto il: 10 dic 2014, 20:16

PrecedenteProssimo

Torna a Automazione industriale ed azionamenti

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti