Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Collegare in serie alimentatore dc 12v e inverter 230v

Tecniche per la costruzione e la riparazione di apparecchiature elettriche e non. Ricerca guasti. Adattamenti e riutilizzazioni

Moderatore: Foto Utentestefanob70

0
voti

[1] Collegare in serie alimentatore dc 12v e inverter 230v

Messaggioda Foto UtenteGingerale » 22 feb 2020, 15:27

ciao,
data la mia poca esperienza in materia, vorrei chiedervi un parere su quanto segue.
In questi giorni sto cercando di analizzare il guasto di un alimentatore da muro che in uscita dovrebbe produrre 4,8V e 160mA.
Per effettuare alcune misurazioni devo collegare l'alimentatore alla 230v con il guscio dell'alimentatore aperto, ma per questioni di sicurezza non mi piace molto armeggiare con i puntali del tester vicino alla zona di alta potenza della scheda, quindi vorrei utilizzare un alimentatore da banco limitato in corrente.
Data la piccola quantità di corrente assorbita (100mA a 230v), ho provato a cercare un alimentatore da banco da 230v con una corrente in uscita molto limitata, ma non ne ho trovati.
Mi chiedo: avrebbe senso collegare in serie un inverter 230v poniamo da 150watt (più piccoli non ne trovo) a valle di un alimentatore dc 12v 2A collegato alla rete elettrica, e poi collegare l'alimentatore da testare all'inverter?
In questo modo avrei una limitazione di corrente data dall'alimentatore dc 12V, limitando così i danni alla persona in caso di eventuali tocchi maldestri sulla scheda da riparare.
La forma d'onda dell'inverter non è un problema perché l'apparecchio da riparare dovrebbe funzionare ugualmente.
Sapreste dirmi se e cosa impedirebbe il funzionamento di questa configurazione?
Avatar utente
Foto UtenteGingerale
0 2
 
Messaggi: 16
Iscritto il: 18 giu 2017, 18:00

0
voti

[2] Re: Collegare in serie alimentatore dc 12v e inverter 230v

Messaggioda Foto UtenteEcoTan » 22 feb 2020, 16:39

A me sembra una assurdità che non dà nessuna sicurezza. Più utile un impianto con salvavita efficiente e magari un trasformatore di isolamento 230/230V ma assolutamente sapere quello che si fa e prestare attenzione.
Avatar utente
Foto UtenteEcoTan
5.520 4 10 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 3417
Iscritto il: 29 gen 2014, 8:54

0
voti

[3] Re: Collegare in serie alimentatore dc 12v e inverter 230v

Messaggioda Foto UtenteTITAN » 22 feb 2020, 18:19

Direi che serie è fuoriluogo forse è più corretto dire "in cascata"
Questo mi premeva dirti.
Poi avere timore della tensione di rete è normale e giusto però ad un certo punto se questo timore è troppo elevato forse sarebbe il caso di valutare se farsi aiutare da qualcuno più esperto.
Avatar utente
Foto UtenteTITAN
569 3 5
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 857
Iscritto il: 31 dic 2012, 20:22

0
voti

[4] Re: Collegare in serie alimentatore dc 12v e inverter 230v

Messaggioda Foto UtenteGingerale » 22 feb 2020, 19:18

Ringrazio entrambi gli utenti per il contributo.
EcoTan: potresti spiegare perché è una assurdità e perché non da sicurezza?
E' una assurdità perché il collegamento non farà funzionare l'apparecchio da testare?
Non da sicurezza perché in caso di contatto accidentale si verrebbe colpiti da una scarica di corrente di intensità pari o superiore a quella che si riceverebbe dall'impianto domestico protetto dal salvavita?
Avatar utente
Foto UtenteGingerale
0 2
 
Messaggi: 16
Iscritto il: 18 giu 2017, 18:00

0
voti

[5] Re: Collegare in serie alimentatore dc 12v e inverter 230v

Messaggioda Foto UtenteEcoTan » 22 feb 2020, 19:57

Intanto è una cosa costosa. Poi l'inverter ha un suo notevole consumo anche senza carico, perciò limitare la corrente in entrata lato 12V non è un buon modo per limitare la corrente in uscita lato 230V specialmente ai bassi valori, che diverrebbero parecchio incerti.
Avatar utente
Foto UtenteEcoTan
5.520 4 10 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 3417
Iscritto il: 29 gen 2014, 8:54

0
voti

[6] Re: Collegare in serie alimentatore dc 12v e inverter 230v

Messaggioda Foto Utentemir » 22 feb 2020, 20:23

Gingerale ha scritto:data la mia poca esperienza in materia, vorrei chiedervi un parere su quanto segue.

Dapprima bisogna chiarire che tipo di alimentatore si sta considerando, ovvero se di tipo lineare, o switching.
perché nel primo caso, si potrebbe optare per una verifica a freddo (ovvero senza alimentarlo alla tensione di rete) verificando dapprima visivamente la bontà dei componenti, e poi armati di multimetro si potrebbe passare alle misure dei componenti maggiormente soggetti a guasto, partendo dall'uscita dell'alimentatore a ritroso.
Nel secondo caso, diventa più difficoltosa questo tipo di prova, ma si può inizialmente provare, anche se occorre tener presente che in questo tipo di alimentatori (switching) i rischi relativi ad una possibile elettrocuzione sono maggiori, perché un lato del circuito si trova sottoposto alla tensione di rete se la spèina di alimentazione è inserita nella presa di rete; ed un altro rischio da tener ben presente che in genere le grandi capacità presenti all'ingresso di questi alimentatori restano attive per qualche periodo pertando toccandole si riceve una bella scossa !!
Ora, premesso che pur eseguendo queste misure (dando per scontato che si sappia come verificare i singoli componenti a freddo), non è detto che si risolva , direi che l'osservazione di Foto UtenteTITAN ..
TITAN ha scritto:Poi avere timore della tensione di rete è normale e giusto però ad un certo punto se questo timore è troppo elevato forse sarebbe il caso di valutare se farsi aiutare da qualcuno più esperto.
è più che corretta, e mi trovo d'accordo con lui, forse è meglio portare l'alimentatore ad un centro assistenza.. ;-)
I circuiti sono controcorrente. Seguono sempre la massa

-Per rispondere utilizza il tasto [RISPONDI] e non il tasto [CITA], grazie.-
Avatar utente
Foto Utentemir
60,9k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 20499
Iscritto il: 19 ago 2004, 21:10

0
voti

[7] Re: Collegare in serie alimentatore dc 12v e inverter 230v

Messaggioda Foto UtenteGingerale » 23 feb 2020, 12:39

Sulla scheda mi aspettavo di trovare qualche integrato per il controllo delle correnti, invece l'unico componente diciamo di elettronica è un piccolo transistor montato accanto all'avvolgimento che immagino disaccoppi le parti di alta e bassa potenza.
Quindi è uno switching? Boh. L'avvolgimento è molto piccolo.
Sono insolitamente piccoli anche i condensatori di livellamento, il che non vuol dire che non siano pericolosi. Una volta ho messo inavvertitamente un dito sotto un condensatore montato su alimentatore da notebook che era spento da settimane, e una discreta stecca sul dito l'ho presa.
Il ponte a diodi è fatto con 4 diodi.
In fondo alla scheda c'é un diodo che a misurarlo montato sembra in corto, ma non si capisce bene se la corrente di misura del tester si richiude da qualche altra parte, ad esempio caricando un condensatore vicino. Il diodo andrebbe dissaldato e provato stand alone.
Portare l'alimentatore in assistenza non ha senso, alimenta un apparecchio che costa una trentina di euro.
Diciamo che valuto l'ipotesi di comprare un alimentatore generico con pari caratteristiche, oppure mi compro un paio di guanti isolati da elettricista e faccio qualche altro test a carico, la prudenza non è mai troppa.
Avatar utente
Foto UtenteGingerale
0 2
 
Messaggi: 16
Iscritto il: 18 giu 2017, 18:00

0
voti

[8] Re: Collegare in serie alimentatore dc 12v e inverter 230v

Messaggioda Foto Utentemir » 24 feb 2020, 20:50

Gingerale ha scritto:Diciamo che valuto l'ipotesi di comprare un alimentatore generico con pari caratteristiche, oppure mi compro un paio di guanti isolati da elettricista e faccio qualche altro test a carico, la prudenza non è mai troppa.

Fra le due soluzioni, credo che quella economicamente vantaggiosa sia la prima, ovvero acquistare un alimentatore nuovo di pari caratterisitiche a quello guasto, considerando che i "guanti da elettricista" o meglio "i guanti dielettrici" immagino ti costeranno qualcosina in più .. ;-)
Del resto, non credo che con dei "guanti dielettrici" riusciresti comodamente ad eseguire un intervento di riparazione su un piccolo alimentatore, magari potrai provarci.
Comunque se hai intenzione di acquistare i guanti dielettrici, dovrai individuare la categoria che ti occorre e comunque rispondenti alle norme EN 60903 ed EN 61482-1-2, ovvio che se utilizzi un tappetino isolante o una pedana isolante ed un secondo DPI come nel caso delle misure una strumentazione adeguata, avendo due gradi di protezione, per la normativa sei a posto ..
I circuiti sono controcorrente. Seguono sempre la massa

-Per rispondere utilizza il tasto [RISPONDI] e non il tasto [CITA], grazie.-
Avatar utente
Foto Utentemir
60,9k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 20499
Iscritto il: 19 ago 2004, 21:10


Torna a Costruzione, riparazione, riutilizzo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 36 ospiti