Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

amplificatori a valvole: impedenza di carico

hi-fi, luci, suoni, effetti speciali, palcoscenici...

Moderatori: Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtentePaolino

0
voti

[11] Re: amplificatori a valvole: impedenza di carico

Messaggioda Foto Utenteabusivo » 25 feb 2020, 0:13

BrunoValente ha scritto:... ma solo se pilotato a tutta birra.

Niente bibite alcoliche!
Finali accesi, senza carico e a riposo...
Se quello che funziona basta non lo tocca' sennò te lassa!
Avatar utente
Foto Utenteabusivo
10,2k 4 4 8
Master
Master
 
Messaggi: 5756
Iscritto il: 16 ott 2012, 18:43
Località: L'Aquila

0
voti

[12] Re: amplificatori a valvole: impedenza di carico

Messaggioda Foto UtenteSediciAmpere » 25 feb 2020, 20:38

Ho guardato il catalogo Jensen, tutti gli altoparlanti di cui è riportata la curva di impedenza, hanno una curva simile: alla frequenza di risonanza raggiunge circa 100ohm (un modello li supera abbondantemente) e a 20kHz arrivano a circa 50 ohm.

Questo però ancora non mi tranquillizza: è veramente difficile che tutta la potenza sia concentrata sulla fs oppure a 20kHz. La tensione aumenterà in modo proporzionale alla corrente efficace del segnale in uscita dalla chitarra, giusto?
Le persone sagge parlano perché hanno qualcosa da dire.
Le persone sciocche perché hanno da dire qualcosa.
Avatar utente
Foto UtenteSediciAmpere
1.197 2 5 7
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1496
Iscritto il: 31 ott 2013, 15:00

0
voti

[13] Re: amplificatori a valvole: impedenza di carico

Messaggioda Foto UtenteBrunoValente » 25 feb 2020, 20:43

Non conosco quel catalogo ne tanto meno quegli altoparlanti ma credo che l'andamento dell'impedenza potrebbe essere riferito agli altoparlanti fatti suonare in aria, quindi ipotizzo (senza esserne completamente convinto) che potrebbe variare molto se montati nella cassa acustica.
Avatar utente
Foto UtenteBrunoValente
32,8k 7 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6381
Iscritto il: 8 mag 2007, 14:48

0
voti

[14] Re: amplificatori a valvole: impedenza di carico

Messaggioda Foto Utentewoodcat » 25 feb 2020, 21:45

BrunoValente ha scritto:l'andamento dell'impedenza potrebbe essere riferito agli altoparlanti fatti suonare in aria


Quasi. Se la memoria non m'inganna le curve vengono ricavate misurando gli altoparlanti montati su un "pannello standard" per limitare il cortocircuito acustico tra emissione anteriore e posteriore.
Dalle vigenti norme:
Non costruire, compra!
Non riparare, ricompra!
Avatar utente
Foto Utentewoodcat
2.955 1 5 12
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 448
Iscritto il: 14 feb 2012, 20:19

0
voti

[15] Re: amplificatori a valvole: impedenza di carico

Messaggioda Foto UtenteSediciAmpere » 25 feb 2020, 22:55

gli amplificatori da chitarra di solito sono caricati a dipolo: non credo che cambi molto
i 50ohm a 20kHz poi dipendono piu' dall'induttanza dela bonina,che dal sistema di caricamento
Le persone sagge parlano perché hanno qualcosa da dire.
Le persone sciocche perché hanno da dire qualcosa.
Avatar utente
Foto UtenteSediciAmpere
1.197 2 5 7
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1496
Iscritto il: 31 ott 2013, 15:00

0
voti

[16] Re: amplificatori a valvole: impedenza di carico

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 26 feb 2020, 3:09

10 kHz probabilmente riesci a ottenerli da una chitarra ma dubito che arrivi facilmente ai 20 kHz, che io sappia le chitarre emettono piuttosto frequenze subsoniche che comunque dovrebbero essere attenuate dai tagli di frequenza della sezione di preamplificazione... potenza alla frequenza di risonanza dipende dal modo di suonare; con volume playing e feedback sulla frequenza di risonanza (a proposito, quale è la Fs di quei Jensen?) direi che si possa ben ottenere il pilotaggio a tutta birra nominato da Bruno...
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
15,3k 4 6 9
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 10663
Iscritto il: 18 gen 2012, 13:36

0
voti

[17] Re: amplificatori a valvole: impedenza di carico

Messaggioda Foto UtenteSediciAmpere » 26 feb 2020, 9:43

Intorno ai 90 Hz
Le persone sagge parlano perché hanno qualcosa da dire.
Le persone sciocche perché hanno da dire qualcosa.
Avatar utente
Foto UtenteSediciAmpere
1.197 2 5 7
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1496
Iscritto il: 31 ott 2013, 15:00

1
voti

[18] Re: amplificatori a valvole: impedenza di carico

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 27 feb 2020, 0:50

...Quindi tenendo a lungo magari in feedback a alto volume una nota su quella frequenza le valvole dovrebbero danneggiarsi e anche dato che suonando normalmente l'impedenza dello speaker viaggia quasi sempre su valori ben più elevati rispetto a quello nominale quindi a volume elevato soprattutto in pieno overdrive si sarebbe sempre a rischio di autooscillazioni e/o guasti? Mah :roll: ...
Hendrix usando gli amplificatori oltre i loro limiti portò la Marshall a dotare le proprie testate di trasformatori di uscita sovradimensionati rispetto a quelli originari e cabinet da 350 W al posto di quelli da 100 W ma non mi pare che i problemi fossero dovuti all'impedenza del carico... boh.
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
15,3k 4 6 9
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 10663
Iscritto il: 18 gen 2012, 13:36

0
voti

[19] Re: amplificatori a valvole: impedenza di carico

Messaggioda Foto UtenteBrunoValente » 27 feb 2020, 14:08

Non ho esperienza in merito ma credo che i problemi alle valvole dovuti a un’eccessivo valore dell’impedenza di carico si verifichino raramente e solo in casi particolari, poi non dobbiamo dimenticare che le valvole sono molto più robuste dei transistori, nel senso che pur soffrendo dell’usura sono in grado di sopportare valori di corrente e tensione molto alti per tempi relativamente lunghi.
Avatar utente
Foto UtenteBrunoValente
32,8k 7 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6381
Iscritto il: 8 mag 2007, 14:48

0
voti

[20] Re: amplificatori a valvole: impedenza di carico

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 28 feb 2020, 3:04

In passato ho avuto modo di mettere mano a diverse testate valvolari per chitarra (doppi push-pull di EL34 e 5881, classiche configurazioni per i 100 W) e direi che la maggiore probabilità di guasto vero e proprio è dovuto a scossoni urti e vibrazioni eccessive, insomma motivi "meccanici" a valvole calde (similmente alle lampade a incandescenza) p. es. una testata Peavey da rack, quindi con i tubi disposti orizzontalmente per motivi di spazio, era invece stata usata poggiata sui cabinet e due valvole finali erano andate brutalmente in corto portandosi appresso il trasformatore di uscita e qualche altro componente; per il resto la sovraccaricabilità delle valvole non è lontanamente paragonabile rispetto ai transistor, ho visto finali lavorare con le placche rosso ciliegia che come unico manifesto difetto distorcevano fortemente... ovviamente non era il caso di tenerle a lungo così ma un transistor in condizioni "simili" sarebbe defunto immediatamente; daltronde da ragazzino p. es. le EL34 le ho viste usate per RF come finali in classe C con 700 V di anodica...

Foto UtenteSediciAmpere, se non sono indiscreto però a questo punto mi sorge la curiosità di sapere il motivo della domanda iniziale, ovvero come mai ti sarebbe servito applicare 30 ohm nominali a una presa a 8 ohm (sempre ammesso che non fosse una curiosità meramente teorica) :-)
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
15,3k 4 6 9
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 10663
Iscritto il: 18 gen 2012, 13:36

PrecedenteProssimo

Torna a Elettronica e spettacolo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 37 ospiti