Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Doppio Bipolo - Matrice R e G

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteBrunoValente, Foto Utentecarloc, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteDirtyDeeds

0
voti

[11] Re: Doppio Bipolo - Matrice R e G

Messaggioda Foto UtenteRenzoDF » 24 mar 2020, 12:03

Ok.
Intendevo solo farti notare che non c'era altro da fare che osservare la corrispondenza dei due GIT della rete iniziale ai due GIT della rappresentazione controllata in corrente del doppio bipolo non inerte.
"Il circuito ha sempre ragione" (Luigi Malesani)
Avatar utente
Foto UtenteRenzoDF
53,5k 8 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 12587
Iscritto il: 4 ott 2008, 9:55

0
voti

[12] Re: Doppio Bipolo - Matrice R e G

Messaggioda Foto UtenteIsidoroKZ » 24 mar 2020, 12:53

Le matrici R e G (e anche tutte le altre) rappresentano la parte autonoma del circuito, quindi i generatori indipendenti si spengono e non entrano nel risultato.

Si lasciano presenti quando si vuole una rappresentazione multiporta del circuito, e oltre alla matrice viene fuori anche un vettore di termini noti, ma quella non e` piu` una matrice R o G, potrebbe essere ad esempio una matrice per analisi ai nodi modificata (MNA).
Per usare proficuamente un simulatore, bisogna sapere molta più elettronica di lui
Plug it in - it works better!
Il 555 sta all'elettronica come Arduino all'informatica! (entrambi loro malgrado)
Se volete risposte rispondete a tutte le mie domande
Avatar utente
Foto UtenteIsidoroKZ
105,3k 1 3 8
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 18678
Iscritto il: 17 ott 2009, 0:00

1
voti

[13] Re: Doppio Bipolo - Matrice R e G

Messaggioda Foto UtenteIsidoroKZ » 24 mar 2020, 14:22

Anche dall'estero controllano quello che scrivo, e ho ricevuto da Foto UtentePietroBaima la segnalazione che non si capisce quello che ho scritto :(

Ci riprovo in modo sintetico, cosi` sara` ancora piu` incomprensibile :-)

Per il calcolo delle matrici R, G e tutte le altre si spengono i generatori indipendenti.

Per il calcolo con il metodo MNA (modified nodal analysis) si ottiene una matrice e un vettore di sorgenti equivalenti, quest'ultimo dipende dai generatori indipendenti interni.

La matrice della MNA contiene la matrice G (qualche volta sono anche uguali) e in piu` nella matrice ci sono righe e colonne che contengono solo 0 1 o -1 che dipendono dalla presenza dei generatori. Inoltre c'e` un vettore di sorgenti equivalenti, che dipendono dai generatori indipendenti.

Forse era meglio se non dicevo nulla sulla MNA!
Per usare proficuamente un simulatore, bisogna sapere molta più elettronica di lui
Plug it in - it works better!
Il 555 sta all'elettronica come Arduino all'informatica! (entrambi loro malgrado)
Se volete risposte rispondete a tutte le mie domande
Avatar utente
Foto UtenteIsidoroKZ
105,3k 1 3 8
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 18678
Iscritto il: 17 ott 2009, 0:00

Precedente

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot], Google Feedfetcher e 121 ospiti