Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Alimentatore da autocostruirsi.

Tecniche per la costruzione e la riparazione di apparecchiature elettriche e non. Ricerca guasti. Adattamenti e riutilizzazioni

Moderatore: Foto Utentestefanob70

0
voti

[141] Re: Alimentatore da autocostruirsi.

Messaggioda Foto Utenteedgar » 11 ago 2020, 0:20

Avendo fatto un ibrido non ho sistemato il valore nominale di V+, che è rimasto l'originale +15V.
E' solo una formalità, qualunque tensione tra 12 e 24 V assicura il funzionamento corretto del circuito
Avatar utente
Foto Utenteedgar
6.602 3 5 8
Master
Master
 
Messaggi: 3366
Iscritto il: 15 set 2012, 22:59

0
voti

[142] Re: Alimentatore da autocostruirsi.

Messaggioda Foto Utentegianniniivo » 11 ago 2020, 1:04

Quindi 12 o 24 non farà proprio nessuna differenza sui valori di uscita o funzionerà ma con risultati differenti?
Avatar utente
Foto Utentegianniniivo
1.290 1 6 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 723
Iscritto il: 5 feb 2019, 23:50

0
voti

[143] Re: Alimentatore da autocostruirsi.

Messaggioda Foto Utenteedgar » 11 ago 2020, 8:23

edgar ha scritto:qualunque tensione tra 12 15 e 24 V assicura il funzionamento corretto del circuito

Pardon, mi è scappato un 12 anzichè 15

Sappiamo dal circuito di Elektor che gli operazionali, alimentati a 15V, al massimo ne potrenno dare altrettanti in uscita (trascurando le perdite)
Sappiamo anche, dal circuito B&O, che al massimo potranno dare -5V in negativo.
Si può quindi considerare che la dinamica degli operazionali necessaria per far funzionare il tutto sia, stando larghi, circa -5 / +15 V

Un'alimentazione -5 / +15 V è, a spanne, il minimo sindacale. Il limite superiore è la tensione massima a cui si possono alimentare gli operazionali.

gianniniivo ha scritto:Quindi 12 15 o 24 non farà proprio nessuna differenza sui valori di uscita o funzionerà ma con risultati differenti?

Il problema si potrebbe porre se le tensioni fossero inferiori, per tensioni superiori ci sarà eventualmente maggior dinamica a disposizione.
La grandezza di uscita degli operazionali è determinata dal circuito, non dalla loro alimentazione.
Avatar utente
Foto Utenteedgar
6.602 3 5 8
Master
Master
 
Messaggi: 3366
Iscritto il: 15 set 2012, 22:59

0
voti

[144] Re: Alimentatore da autocostruirsi.

Messaggioda Foto Utentegianniniivo » 11 ago 2020, 10:47

Quindi, ricapitolando, la tensione secondaria complessiva dovrebbe essere di +20V DC, di cui 5 verranno utilizzati per l'alimentazione negativa e 15 per l'alimentazione positiva. Sbaglio?
Avatar utente
Foto Utentegianniniivo
1.290 1 6 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 723
Iscritto il: 5 feb 2019, 23:50

0
voti

[145] Re: Alimentatore da autocostruirsi.

Messaggioda Foto Utenteedgar » 11 ago 2020, 12:45

gianniniivo ha scritto:Quindi, ricapitolando, la tensione secondaria complessiva dovrebbe essere di 20V DC

Come minimo, come massimo 30 V per non andare oltre le specifiche degli operazionali
Avatar utente
Foto Utenteedgar
6.602 3 5 8
Master
Master
 
Messaggi: 3366
Iscritto il: 15 set 2012, 22:59

0
voti

[146] Re: Alimentatore da autocostruirsi.

Messaggioda Foto Utentegianniniivo » 11 ago 2020, 14:44

Capito, quasi. Ma i il valore di -5,6V, è tassativo? Sono un po' rompiscatole ma devo comprendere bene i limiti prima di partire... :mrgreen:
Avatar utente
Foto Utentegianniniivo
1.290 1 6 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 723
Iscritto il: 5 feb 2019, 23:50

0
voti

[147] Re: Alimentatore da autocostruirsi.

Messaggioda Foto Utenteedgar » 11 ago 2020, 15:19

Bisognerebbe chiederlo al progettista.
Considerato che serve per portare l'uscita dell'operazionale in prossimità o sotto lo zero, una tensione di -6/-7 V dovrebbe essere ininfluente, con -4/-3 V qualche operazionale potrebbe non farcela.
Avatar utente
Foto Utenteedgar
6.602 3 5 8
Master
Master
 
Messaggi: 3366
Iscritto il: 15 set 2012, 22:59

0
voti

[148] Re: Alimentatore da autocostruirsi.

Messaggioda Foto Utentegianniniivo » 11 ago 2020, 15:38

Quindi la tensione minima raggiungerebbe lo zero sia con -6 o -7V, senza dover intervenire con allineamenti? Non c'è il rischio che la minima possa scendere, che ne so, a -02V anziché 0V?
Avatar utente
Foto Utentegianniniivo
1.290 1 6 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 723
Iscritto il: 5 feb 2019, 23:50

0
voti

[149] Re: Alimentatore da autocostruirsi.

Messaggioda Foto Utenteedgar » 11 ago 2020, 15:45

Se la grandezza di uscita di un operazionale (all'interno della sua gamma dinamica) variasse con la tensione di alimentazione staremmo freschi
Avatar utente
Foto Utenteedgar
6.602 3 5 8
Master
Master
 
Messaggi: 3366
Iscritto il: 15 set 2012, 22:59

1
voti

[150] Re: Alimentatore da autocostruirsi.

Messaggioda Foto Utentegianniniivo » 11 ago 2020, 16:04

Beh, edgar, pensavo potesse dipendere anche dal tipo di circuito, comunque meglio così, adesso non mi resta che pensare alla realizzazione della PCB, tuttavia, prima di farla realizzare dai cinesi devo verificare bene i limiti di quel progetto, anche in alta potenza, almeno per prova.

Poi (senza voler esprimere giudizio sulle tue scelte) non vorrei far realizzare delle PCB professionali che integrino il condensatore di filtro, il ponte, la rSense e le resistenze di compensazione perché troppo vincolanti e portano al superamento delle dimensioni della PCB oltre i 100 x 100 mm.

Un paio di PCB come le tue non le rifiuterei in quanto avrebbero ovviamente la loro utilità ma per farne realizzare 5 pezzi (in doppia faccia) occorre spogliarle di un po' di componenti. :ok:
Avatar utente
Foto Utentegianniniivo
1.290 1 6 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 723
Iscritto il: 5 feb 2019, 23:50

PrecedenteProssimo

Torna a Costruzione, riparazione, riutilizzo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti