Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Interpretabilità della CEI 64-8?

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike

0
voti

[1] Interpretabilità della CEI 64-8?

Messaggioda Foto Utentefenestren » 19 mag 2020, 22:37

Ciao a tutti.

Ho chiesto pareri relativamente alla configurazione dei MT e dei DIFF per una situazione come quella nella immagine allegata relativa ad una unità abitativa di 110 mq (7 vani + bagno) e ho ricevute le risposte più disparate di cui ne allego una parte nel post seguente.

In alcune si inseriscono tutti DIFF di tipo A, in altre di tipo AC ma differente corrente Idn, in alcuni vi sono DIFF in cascata (di cui a volte quello più a monte non di tipo S), in altri solo un livello di DIFF ecc...

Vi chiedo: la norma offre spazio di interpretabilità tale che, a parità di utenze, per un impianto che sia, in rigoroso ordine di importanza sicuro e di Livello base ci siano proposte tecnicamente (e immagino anche economicamente) così diverse?

Gli esempi che si trovano sulle Guide alla CEI di diversi produttori propongono per il Livello 1 soluzioni che mi sembrano da profano molto lontane da quelle propostemi.

Non mettendo minimamente in discussione la competenza e la professionalità di ciascun tecnico, la varietà di risposte mi confonde e non nascondo che mi crei un po' di apprensione.

Grazie per il vostro parere.

SCHEMA UTENZE
Schema utenze.png
Schema Utenze
Avatar utente
Foto Utentefenestren
0 2
 
Messaggi: 30
Iscritto il: 17 mag 2007, 14:59

0
voti

[2] Re: Interpretabilità della CEI 64-8?

Messaggioda Foto Utentefenestren » 19 mag 2020, 22:40

L’appartamento dove abito ora è sotto quello dove andrò ad abitare e ne è la metà esatta.
Parliamo quindi di 55 mq con camera/cucina/salotto/bagno e ci sono solo due
quadretti:

Un generale con dentro:

DIFF AC 25A 0,03A
MT C20 6 kW per le prese
MT C10 4,5kW per la caldaia
TRAFO 12V per campanello
MT C16 4,5kW per le luci
MT C10 4,5kW per l’allarme (solo predisposizione)

Un quadretto in cucina con dentro:

MT C16 4,5kW per la lavastoviglie
MT C16 4,5kW per il forno
MT C16 4,5kW per il piano cottura
MT C10 4,5kW per il frigorifero

Non so se è un impianto corretto (l’ho trovato così) ma in 6 anni nessun MT
o DIFF è mai intervenuto.

Ecco qui sotto 3 delle varianti di cui parlavo sopra.
Guardandole da ignorante e confrontandole con quanto letto sul sito ABB o BTicino (per citarne alcuni) mi chiedo: sono necessari così tanti dispositivi?

VARIANTE 1

Variante1.png


VARIANTE 2

Variante2.png


VARIANTE 3

Variante3.png


Grazie ancora a tutti.
Avatar utente
Foto Utentefenestren
0 2
 
Messaggi: 30
Iscritto il: 17 mag 2007, 14:59

0
voti

[3] Re: Interpretabilità della CEI 64-8?

Messaggioda Foto Utentelillo » 20 mag 2020, 10:50

ciao,
non è una questione di interpretabilità.
le norme sono chiare per chi le sa leggere.
è una questione di scelta.
se chiedi informazioni in merito alla realizzazione di un impianto, dal più banale al più articolato non avrai mai una risposta univoca.
10 tecnici darebbero 10 soluzioni diverse, probabilmente tutte valide, ma con delle differenze.
ci sarà quello che ha la fissa della selettività orizzontale, quello che cercherà di farti risparmiare, quello ridondante in sicurezza, quello che ha sempre fatto così, quello che ti ascolta e progetta in funzione delle tue esigenze, e così via.
se speri di trovare La Risposta, non la troverai ne qui e ne sui manuali dei produttori.

ora rispondo ermeticamente alla tua domanda:
Foto Utentefenestren ha scritto:sono necessari così tanti dispositivi?

no, non sono necessari.
Avatar utente
Foto Utentelillo
18,8k 7 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3660
Iscritto il: 25 nov 2010, 11:30
Località: Nuovo Mondo

0
voti

[4] Re: Interpretabilità della CEI 64-8?

Messaggioda Foto Utentefenestren » 20 mag 2020, 23:33

lillo ha scritto:se speri di trovare La Risposta, non la troverai ne qui e ne sui manuali dei produttori.


Ciao lillo,
chiaramente è come dici tu, ognuno ha la sua visione da proporre ma vorrei cercare di farmene una anch'io possibilmente con l'aiuto di chi ha l'esperienza e la voglia di condividerla.

Se mi passi il paragone, direi che questa è più simile alla situazione di chi si informa sul forum di Quattroruote prima di acquistare un'auto piuttosto che di chi mette nel carrello della spesa la prima busta di insalata che capita giusto per avere il contorno. :mrgreen:

ora rispondo ermeticamente alla tua domanda:
Foto Utentefenestren ha scritto:sono necessari così tanti dispositivi?

no, non sono necessari.


Almeno mi hai confermato "ermeticamente" quanto sospettavo e anche che sono sulla strada giusta: ora devo capire quali posso eliminare e perché.
In questo magari potrò trovare ulteriore aiuto qui sul forum ;-)

Grazie.
Avatar utente
Foto Utentefenestren
0 2
 
Messaggi: 30
Iscritto il: 17 mag 2007, 14:59


Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 36 ospiti