Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

lm1875 in DC

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utentecarloc, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteBrunoValente

0
voti

[31] Re: lm1875 in DC

Messaggioda Foto UtenteEcoTan » 3 giu 2020, 9:13

Per me questa soluzione è definitiva:
caricabici.JPG
Caricabatteria 48 V

Nello schema c'è un dsPic a 28 pin ma lo ho fatto anche con un AtTiny a 8 pin e senza il piccolo trasformatore ausiliario a 12V (anzi dovrebbe essere 9V).
Naturalmente bisogna approvvigionare una bella scorta di semiconduttori... ma poi va bene. Il trafo-induttanza è fatto con nuclei ex trasformatore di riga TV.
Avatar utente
Foto UtenteEcoTan
5.734 4 10 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 3583
Iscritto il: 29 gen 2014, 8:54

1
voti

[32] Re: lm1875 in DC

Messaggioda Foto Utentemarioursino » 3 giu 2020, 9:27

Oltre a quanto detto, segnalo la presenza di integrati di protezione appositamente fatti per lo scopo, vedi questo (1 A).
Avatar utente
Foto Utentemarioursino
4.492 3 9 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 1452
Iscritto il: 5 dic 2009, 4:32

0
voti

[33] Re: lm1875 in DC

Messaggioda Foto Utentebrabus » 3 giu 2020, 13:15

dadduni ha scritto:(…)
Come competenze, io sono al quinto anno di ingegneria elettronica ramo digitale, quindi sono molto più pratico di micro ed fpga che di analogica. Per questo il lineare mi faceva sentire più "al sicuro" rispetto allo switching.
(…)


Quinto anno di ing.? Butta via immediatamente quel LM317 e quel LM2596, comanda direttamente il Mosfet dal Micro! :mrgreen: ;-)
L'aspetto "analogico" dei DC/DC è concentrato prevalentemente sul controllo; la parte di potenza è piuttosto semplice da dimensionare.
Comincia con un buck classico e passa presto a un sincrono.

Io inizierei così: stadio di potenza e di pre-driver asserviti dal micro, in catena aperta. Scrivi il codice del generatore di segnale di Gate e verifica le caratteristiche ad anello aperto del sistema. Poi potrai pensare di chiudere il tutto a feedback: il primissimo esperimento lo fai con un PI talmente lento da essere stabile per forza. Da lì potremo sbizzarrirci con l'implementazione di un PID bello veloce.

Dai, muoviti! :D
Alberto.
Avatar utente
Foto Utentebrabus
19,4k 4 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2757
Iscritto il: 26 gen 2009, 15:16

0
voti

[34] Re: lm1875 in DC

Messaggioda Foto Utentedadduni » 3 giu 2020, 16:52

Questo ultimo messaggio mi ha demolito :cry: Ero così contento con il mio alimentatore lineare e tu mi metti la pulce nell'orecchio con lo switching. Mi metto a cercare e confrontare dei ponti integrati che per le potenze richieste credo siano più vantaggiosi rispetto a Driver Bootstrap + Mosfet: forse anche il consigliato L298 non mi dispiace.
Vi terrò aggiornati



PS: solo ora sto vedendo i TTL Threshold MOSFET tipo gli IRF hanno una RdsOn altina, ma sono degli oggetti simpatici non li consocevo
Avatar utente
Foto Utentedadduni
1.705 2 7 12
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1102
Iscritto il: 23 mag 2014, 16:26

0
voti

[35] Re: lm1875 in DC

Messaggioda Foto Utentemarioursino » 3 giu 2020, 21:35

dadduni ha scritto:Mi metto a cercare e confrontare dei ponti integrati che per le potenze richieste credo siano più vantaggiosi rispetto a Driver Bootstrap + Mosfet


Non credere
Avatar utente
Foto Utentemarioursino
4.492 3 9 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 1452
Iscritto il: 5 dic 2009, 4:32

0
voti

[36] Re: lm1875 in DC

Messaggioda Foto Utentebrabus » 4 giu 2020, 9:08

Foto Utentemarioursino ha ragione. Scaraventa due mosfet e un driver bootstrap, sono veramente due componenti in croce; per cortesia lasciamo l'L298 nei cassetti della memoria, non ho mai sopportato il package che non va molto d'accordo con il passo 2,54 (senza parlare dei datasheet ST copia-e-incollati dal catalogo SGS del '39). :mrgreen:

Guarda qui che robina: https://www.onsemi.com/pub/Collateral/FAN7842-D.pdf

Se vuoi iniziare con un mosfet solo a mettere la zampa nell'acqua fai pure; io andrei immediatamente di half bridge; se ti gira puoi sempre tenere il mosfet inferiore spento e violentare il diodo integrato. :roll:

Non dimenticare gli adattatori da SOIC a DIP8 così puoi prototipare a canna.



*ultima cosa sul LM1875 in DC: sarebbe bello analizzare la risposta in frequenza dell'aggregato in funzione della polarizzazione in continua e della corrente; ricordo un lavoro di Tesi proprio riguardo a questo fenomeno, che introduce una distorsione interessante. Puoi realizzare un rig con un LM1875 e risolvere il dubbio una volta per tutte.
Alberto.
Avatar utente
Foto Utentebrabus
19,4k 4 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2757
Iscritto il: 26 gen 2009, 15:16

1
voti

[37] Re: lm1875 in DC

Messaggioda Foto Utentedadduni » 4 giu 2020, 9:38

Avevo visto sia il FAN7842 che il LM5109, vedò quali dei due è più trovabile sul mercato. Visto che giugno e luglio sono di sessione d'esame, credo che giocherò un po' con un lineare visto che ho tutti i componenti disponibili, e il prossimo step sarà valutare bene questo dannato switching come andrà a finire! Grazie a tutti dell'aiuto, ci risentiamo su questi schermi
Avatar utente
Foto Utentedadduni
1.705 2 7 12
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1102
Iscritto il: 23 mag 2014, 16:26

Precedente

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 21 ospiti