Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Nuovo impianto domestico.

Piccole automazioni, installazioni elettroniche e domotica

Moderatore: Foto Utentestefanob70

0
voti

[11] Re: Nuovo impianto domestico.

Messaggioda Foto UtenteDuffr » 7 giu 2020, 13:26

Pippo972 ha scritto:Che ne pensi di DSE Italia?
A un'occhiata veloce dicono di offrire anche un servizio cloud gratuito p2p per vedere le registrazioni dal NVR, e c'é anche la possibilitá di salvare le registrazioni su un cloud (che scegli e paghi tu). Io comunque non ho tutta questa esperienza, posso solo aiutarti a restringere il campo dei prodotti, non ad ampliarlo :roll: .

Pippo972 ha scritto:Secondo il tuo punto di vista meglio un NVR con Switch/PoE integrato o a parte?
Nel caso di switch POW integrato, considera che tutti i cavi dovranno arrivare direttamente al NVR. A buonsenso, se hai spazio (canalina larga), bene, altrimenti meglio un nvr senza poe, cui arriva un solo cavo ethernet da uno switch. Da un punto di vista tecnico (tecnologia, guasti, ...) non saprei cosa sia meglio.
Avatar utente
Foto UtenteDuffr
225 3 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 252
Iscritto il: 11 set 2015, 11:19

0
voti

[12] Re: Nuovo impianto domestico.

Messaggioda Foto UtenteJAndrea » 7 giu 2020, 14:40

bene, altrimenti meglio un nvr senza poe, cui arriva un solo cavo ethernet da uno switch. Da un punto di vista tecnico (tecnologia, guasti, ...) non saprei cosa sia meglio.

Credo si possa comunque metter uno switch in cascata, non dovrai per forza usare tutte le cam sullo switch a bordo NVR.
Magari quelle della stessa porzione di casa viene comodo collegarle direttamente, per il resto posare un solo cavo e porre uno switch POE sull'altra porzione, per raccogliere le rimanenti.
Avatar utente
Foto UtenteJAndrea
3.152 3 5 9
Master
Master
 
Messaggi: 1729
Iscritto il: 16 giu 2011, 15:25
Località: Rovigo

1
voti

[13] Re: Nuovo impianto domestico.

Messaggioda Foto UtenteFranco012 » 7 giu 2020, 15:51

Non posso darti consigli per quanto riguarda i marchi da acquistare, se non che:
  • i dispositivi che costano troppo poco in genere valgono poco;
  • inutile spendere per avere funzioni che non verranno mai utilizzate.
Ritengo più importante fornirti alcuni consigli di carattere generale:
  1. Punto d'installazione dello switch/nvr/combinatore telefonico.
    Dev'essere situato in un punto centrale dell'abitazione, non facilmente raggiungibile senza far intervenire l'allarme antintrusione, non facilmente individuabile da eventuali visitatori (soggiorno) e dagli addetti alla manutenzione di impianti che richiedono verifiche periodiche (es. caldaia). L'ideale è una nicchia nel muro o meglio ancora in un ripostiglio, protetta da uno sportello che consenta una buona aerazione interna, sufficientemente ampia da poterci collocare agevolmente i vari dispositivi, compreso eventualmente un piccolo gruppo di continuità. Nella nicchia deve arrivare (oltre ai collegamenti con le telecamere) il collegamento ad una rete interna (se presente nell'abitazione) oppure ad un locale dove esiste un PC, dal quale poter gestire la configurazione dei dispositivi, visualizzare le registrazioni ed eventualmente salvare quelle d'interesse su altro supporto. Non ho citato la linea telefonica fissa, perché ormai quasi dappertutto si usa una SIM.
  2. Collegamenti con le telecamere
    Con un collegamento POE si risolvono tutti i problemi, in quanto il segnale video e l'alimentazione elettrica utilizzano il medesimo cavo, evitando la necessità di alimentare le telecamere con alimentazioni separate, che necessiterebbero oltretutto di ulteriori gruppi di continuità.
  3. Tipologia delle telecamere
    Più si sale con la risoluzione, più costano. Ritengo molto comodo poter disporre di un'ottica a focale variabile, in modo da poter definire con più esattezza l'area da riprendere. Questa caratteristica risulta utile anche in funzione di quanto detto ai successivi punti "4" e "5".
  4. Posizionamento delle telecamere
    Per quelle interne, non ci sono particolari accorgimenti, dipende solo dal motivo dell'installazione (semplice segnalazione di ingresso e presenza di persone all'interno del locale, oppure riconoscimento delle persone nel locale, ecc.).
    Per le telecamere esterne, occorre invece evitare che:
    • la luce (solare o artificiale) arrivi direttamente sull'obiettivo;
    • nell'inquadratura ci sia una presenza predominante di fogliame (che con il vento si muove, provocando falsi allarmi su movimento);
    • il fogliame non proietti ombre nella zona videosorvegliata (le ombre si muovono, provocando falsi allarmi su movimento, e durante il giorno e con le stagioni si spostano);
    • l'inquadratura non sia illuminata sporadicamente dai fari delle auto circolanti nei dintorni (falsi allarmi su movimento)
    Se le finanze e lo spazio lo consentono, non sarebbe una cattiva idea collocare, per ogni zona da videosorvegliare, due telecamere, che riprendono l'inquadratura comune, e in più "si guardano" l'una con l'altra, proteggendosi a vicenda dai tentativi di manomissione.
  5. Tipologia del videoregistratore
    Ritengo necessario utilizzare un videoregistratore che consenta di schermare parte dell'inquadratura (nelle zone schermate il movimento non provocherà alcuna registrazione) e che sia possibile configurare la videoregistrazione solo su rilevazione di movimento nell'inquadratura, oppure su evento particolare (in tal caso, sarebbe auspicabile un collegamento con l'impianto antintrusione). In caso contrario (videoregistrazione continua), le videoregistrazioni occuperanno un sacco di spazio, e soprattutto la ricerca degli eventi che hanno procurato un eventuale allarme sarà oltremodo problematica.
Big fan of ƎlectroYou
Avatar utente
Foto UtenteFranco012
3.216 2 3 6
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1401
Iscritto il: 8 ago 2015, 19:40
Località: Sardegna

1
voti

[14] Re: Nuovo impianto domestico.

Messaggioda Foto UtenteDuffr » 7 giu 2020, 16:17

Per i punti 4 e 5: aggiungo che, se si ha voglia/tempo/capacitá di installarlo, c'é Zoneminder (per Linux oppure funziona su piattaforma Docker). Consente di configurare bene il motion detection e la codifica personalizzata delle immagini. Io lo uso con una ezviz ed é fenomenale.
Avatar utente
Foto UtenteDuffr
225 3 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 252
Iscritto il: 11 set 2015, 11:19

0
voti

[15] Re: Nuovo impianto domestico.

Messaggioda Foto UtentePippo972 » 10 lug 2020, 10:23

Ciao, in attesa che un mio amico che fa lavori di impiantistica mi faccia sapere i modelli da considerare, vorrei sapere se potete darmi una mano nello scegliere gli switch da mettere sull'impianto, mi servirebbero 2 switch per coprire le varie zone di casa.
Da mettere in cascata, quindi mi sarebbe utile capire quali sono i modelli unmanaged affidabili tanto da poter essere installati in un quadro elettrico.
Le utenze da collegare sarebbero da 8 a 10, ancora da definire...

Magari restando su switch piccoli tipo da 4/5 posti così da essere collocabili più facilmente.

Grazie
Avatar utente
Foto UtentePippo972
0 2
 
Messaggi: 9
Iscritto il: 31 mag 2020, 12:36

0
voti

[16] Re: Nuovo impianto domestico.

Messaggioda Foto UtenteDuffr » 10 lug 2020, 11:18

Le comuni marche che trovi anche su Amazon (Netgear, TP-Link, D-Link) vanno tutte bene, per switch unmanaged, con mio suggerimento di orientarsi su modelli con chassis metallico perché in caso di molto traffico si riscaldano parecchio. Traffico inteso non necessariamente come quantitá, ma anche come numero dei dispositivi connessi tra cui switchare i flussi di rete.
Nella mia esperienza, switch TP-Link, chassis metallico, 5 porte gigabit sempre connesse e attive (nas, server, ipcamera), é quasi sempre a 45 °C
Avatar utente
Foto UtenteDuffr
225 3 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 252
Iscritto il: 11 set 2015, 11:19

0
voti

[17] Re: Nuovo impianto domestico.

Messaggioda Foto UtentePippo972 » 12 lug 2020, 11:24

Buongiorno a tutti,
intanto che aspetto di ricevere info su cosa disponibile localmente, mi potete dare una mano a capire cosa sia necessario nella dotazione dei dispositivi per la sorveglianza domestica? :
NVR quale deve essere la dotazione hardware, software, risoluzione e funzionalità?
Telecamere esterne ed interne, stesso discorso?

p.s.: giusto per capire se sto pensando di fare bene con la scelta cablata, in alternativa il sistema wifi avrebbe senso o è solo comodità a livello di facilità di posizionamento telecamere?

Grazie
Avatar utente
Foto UtentePippo972
0 2
 
Messaggi: 9
Iscritto il: 31 mag 2020, 12:36

0
voti

[18] Re: Nuovo impianto domestico.

Messaggioda Foto UtenteDuffr » 12 lug 2020, 11:48

Pippo972 ha scritto:il sistema wifi avrebbe senso o è solo comodità a livello di facilità di posizionamento telecamere?
É molto comodo se hai una fonte di alimentazione vicina e se la telecamera si trova a meno di 30 metri dall'access point (router wireless) cui é collegata. Di solito, peró, le telecamere POE non hanno wifi, quindi panifica prima dell'acquisto quali prendere Wifi e quali POE.

Per il NVR e le telecamere, a questo punto ti consiglio di affidarti al mercato, vedendo cosa offrono le marche che via via abbiamo e hai fatto riferimento nel thread, ad esempio guardando Reolink, Ezviz... Sicuramente per la risoluzione, dipende dal dettaglio che vuoi avere su una zona: 720p vanno bene la maggior parte dei casi per gli esterni, 1080p se hai bisogno di zoomare.
Per le funzionalitá, spesso dipende dal NVR o dal cloud cui si appoggiano le videocamere.
Prima peró, aspetterei di capire quali prodotti (marche e tipologie) puoi acquistare, altrimenti rischi di fare castelli in aria...
Avatar utente
Foto UtenteDuffr
225 3 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 252
Iscritto il: 11 set 2015, 11:19

0
voti

[19] Re: Nuovo impianto domestico.

Messaggioda Foto UtenteDuffr » 13 lug 2020, 11:20

Foto UtentePippo972. Ti suggerisco questo procedimento:
  1. Prendi una fotocopia della piantina della casa + esterno.
  2. Considerando un raggio di 15-20 metri a telecamera le disponi (disegnate) nelle zone di interesse.
    Se la videocamera é fissa, allora considera un angolo di visione tipico di 80 gradi (a meno di lenti speciali), se é mobile, considera 360 gradi e movimento libero (le mobili sono utili gli angoli). Ci sono anche le fisheye, di tipo fisso, con angoli anche di 175 gradi, e si montano a soffitto.
  3. Dopo aver scelto i punti di installazione, passaggio che hai giá parzialmente effettuato dal momento che hai fatto installare le scatolette di derivazione, scegli quali collegare con Ethernet e quali con Wi-Fi; Se in un punto non arriva corrente elettrica, scegli addirittura il POE.
    Per scegliere tra Ethernet e Wi-Fi, oltre a una presa elettrica nelle vicinanze, valuta che la distanza dal tuo router/access point non sia superiore a 30 m (senza ostacoli).
  4. Scegli il punto dove installare il NVR. Come scriveva Foto UtenteFranco012, in un punto protetto, nascosto, ai visitatori/ospiti.
  5. Con le quantitá e le tipologie a portata di mano, ti informi sulla disponibilitá locale dei pezzi e sul costo.
Avatar utente
Foto UtenteDuffr
225 3 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 252
Iscritto il: 11 set 2015, 11:19

0
voti

[20] Re: Nuovo impianto domestico.

Messaggioda Foto UtentePippo972 » 15 lug 2020, 12:51

Ok per consigli, farò il mio meglio per dimensionare l'impianto.

Oltre alle tipiche bullets metterei una mobile 360° su un palo in uno spigolo della proprietà, dove non vado a ledere la privacy del confinante.

Ciao
Avatar utente
Foto UtentePippo972
0 2
 
Messaggi: 9
Iscritto il: 31 mag 2020, 12:36

Precedente

Torna a Automazione civile

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot] e 2 ospiti