Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Automazione interruttore boiler

Piccole automazioni, installazioni elettroniche e domotica

Moderatore: Foto Utentestefanob70

0
voti

[1] Automazione interruttore boiler

Messaggioda Foto UtenteGiovanniC » 1 giu 2020, 15:32

Salve a tutti! Vi chiedo aiuto in quanto non sono elettricista professionista e sono abbastanza alle prime armi con sistemi di questo genere (seppur semplici).

Volevo provare per la prima volta a installare un interruttore Wifi controllabile sia da cellulare che da dispositivo Alexa per controllare l'accensione e lo spegnimento del mio boiler.

Il mio dubbio sorge però perché la situazione è quella in foto: il boiler ha il cavo di alimentazione visibile per un tratto di circa mezzo metro, e che entra poi dentro la parete, e credo sia dunque collegato direttamente alla corrente (non c'è una presa). Il boiler è attivabile solo con un interruttore classico a muro con placchetta rimovibile che è posto a fianco. Suppongo quindi che sia sostanzialmente lo stesso tipo di circuito per accendere e spegnere il lampadario a soffitto di una camera, ad esempio.

Per automatizzare questo sistema avevo individuato un classico sonoff (magari anche quello pow per controllare i consumi). È un'opzione adeguata? Se sì, il mio dubbio era il "dove" installarlo, ossia dietro all'interruttore a parete (svitando la placca ecc.) o applicandolo direttamente sul cavo di alimentazione di mezzo metro che entra poi all'interno della parete (suppongo sia meglio il primo).

Quello che vorrei fare è potere accendere e spegnere sia con interruttore manuale che con il dispositivo IoT, in modo tale che le due cose non vadano ad interferire (es. voglio che si possa accenderlo con Alexa e spegnerlo col pulsante e viceversa).

Grazie e perdonate la mia ignoranza in materia :D
Allegati
Boiler.png
Avatar utente
Foto UtenteGiovanniC
0 2
 
Messaggi: 2
Iscritto il: 1 giu 2020, 14:40

0
voti

[2] Re: Automazione interruttore boiler

Messaggioda Foto Utenteg.schgor » 1 giu 2020, 15:44

Vedi qui
Avatar utente
Foto Utenteg.schgor
54,8k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16470
Iscritto il: 25 ott 2005, 9:58
Località: MILANO

0
voti

[3] Re: Automazione interruttore boiler

Messaggioda Foto UtenteGiovanniC » 1 giu 2020, 15:45

g.schgor ha scritto:Vedi qui


Avevo già letto l'articolo ma non è il mio caso, in quanto non esiste di fatto la presa dell'elettrodomestico. Come ho detto nel post, il cavo entra nel muro dove presumibilmente prende contatti con un interruttore a parete. Nient'altro.
Avatar utente
Foto UtenteGiovanniC
0 2
 
Messaggi: 2
Iscritto il: 1 giu 2020, 14:40

0
voti

[4] Re: Automazione interruttore boiler

Messaggioda Foto Utentemir » 1 giu 2020, 19:38

GiovanniC ha scritto:il boiler ha il cavo di alimentazione visibile per un tratto di circa mezzo metro, e che entra poi dentro la parete, .. Il boiler è attivabile solo con un interruttore classico a muro con placchetta rimovibile che è posto a fianco.

Da quanto hai scritto, molto probabilmente, l'alimentazione del boiler è "tagliata" dall'interruttore, che hai indicato. In genere quell'interruttore è di tipo bibolare, ovvero "taglia" contemporaneamente sia il conduttore di fase che di neutro ad ogni sua manovra, pertanto questo è un aspetto che andrebbe verificato.
Ma aspetto più importante, è l'assorbimento del boiler, ovvero, quando l'interruttore viene chiuso per alimentare il boiler, i contatti dell'interruttore dovranno farsi carico di tutto l'assorbimento (intensità di corrente espressa in ampere) del boiler, pertanto vien da se che quell'interruttore sarà stato scelto in virtù del tipo di applicazione, o ancora meglio del tipo di carico da controllare, quindi con una portata in ampere corretta in funzione del carico (alias boiler).
Pertanto, prima di prevedere un sistema di controllo wifi o simile, su quel dispositivo, si deve verificare se l'interruttore è di tipo bipolare (e sarebbe corretto), ed il tipo di intensità di corrente che i contatti dovranno farsi carico di supportare ad ogni manovra di apertura/chiusura.
Tenendo ben presente che un boiler in termini di assorbimento è un carico interessante.
Detto questo, mi permetto di consigliare l'intervento di un elettricista, se non altro per gli aspetti della sicurezza dal rischio elettrico, presente nei lavori elettrici, e particolarmente in ambienti a rischio (boiler=bagno).
I circuiti sono controcorrente. Seguono sempre la massa

-Per rispondere utilizza il tasto [RISPONDI] e non il tasto [CITA], grazie.-
Avatar utente
Foto Utentemir
61,4k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 20658
Iscritto il: 19 ago 2004, 21:10


Torna a Automazione civile

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti