Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Reverse Engineering su un piccolo circuito stampato?

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto Utentecarloc, Foto UtenteBrunoValente, Foto Utenteg.schgor

0
voti

[11] Re: Reverse Engineering su un piccolo circuito stampato?

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 18 giu 2020, 18:46

una sola rete metallica che ha due punti caldi,
costituita da due spirali di fili metallici affiancati e isolati fra loro.
Ciascun filo connesso a un diodo, uno al catodo (+250 V circa) , l'altro all'anodo (-250V).
L'insetto, diretto verso la luce, attraversando lo spazio fra i fili viene fulminato !
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
7.262 4 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 3220
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[12] Re: Reverse Engineering su un piccolo circuito stampato?

Messaggioda Foto Utentesetteali » 18 giu 2020, 18:54

Allora il filo giallo è al suo posto?
La rete metallica ( gabbia, recinto ...) non è tutta un filo, ma sono due spirali intercalate di una spira, se hai un multimetro, vedrai che misurando tra una spira e quella subito sopra non c'è continuità.

Il comune di questa rete, che avevi disegnato che va sul Neutro ( diciamo sia il neutro) in che punto è collegato alla gabbia?
Alex

<< vedi di pigliare arditamente in mano,
il dizionario che ti suona in bocca,
se non altro è schietto e paesano.
(Giuseppe Giusti) <<
Avatar utente
Foto Utentesetteali
6.895 4 5 7
Master
Master
 
Messaggi: 3607
Iscritto il: 15 dic 2013, 21:09

0
voti

[13] Re: Reverse Engineering su un piccolo circuito stampato?

Messaggioda Foto UtenteOmi » 18 giu 2020, 20:21

Il primo filo giallo è al suo posto e andava allacciato al neon, il secondo filo giallo, quello che ho staccato, l'ho disegnato con paint, l'ho indicato nell'altra foto.
Guarda mi hai fatto una bella domanda, perché quando me l'hanno data non esisteva un collegamento al neutro. Sono io che ho ipotizzato quei collegamenti nello schema. Il fatto delle spire intercalate mi ha lasciato stupito comunque, ti ringrazio per avermi insegnato una cosa che non sapevo.
Per quanto riguarda la rete, ti sembra sia disegnata bene?
Avatar utente
Foto UtenteOmi
5 5
New entry
New entry
 
Messaggi: 88
Iscritto il: 19 dic 2016, 19:06

0
voti

[14] Re: Reverse Engineering su un piccolo circuito stampato?

Messaggioda Foto UtenteOmi » 18 giu 2020, 20:25

MarcoD ha scritto:una sola rete metallica che ha due punti caldi,
costituita da due spirali di fili metallici affiancati e isolati fra loro.
Ciascun filo connesso a un diodo, uno al catodo (+250 V circa) , l'altro all'anodo (-250V).
L'insetto, diretto verso la luce, attraversando lo spazio fra i fili viene fulminato !


Hahaha. Però non ho ancora capito se la rete l'ho disegnata bene, visto che nello scorso post mi hai detto che mancavano dei raddrizzatori da qualche parte..
Avatar utente
Foto UtenteOmi
5 5
New entry
New entry
 
Messaggi: 88
Iscritto il: 19 dic 2016, 19:06

0
voti

[15] Re: Reverse Engineering su un piccolo circuito stampato?

Messaggioda Foto UtenteOmi » 18 giu 2020, 20:49

setteali ha scritto:Allora il filo giallo è al suo posto?
La rete metallica ( gabbia, recinto ...) non è tutta un filo, ma sono due spirali intercalate di una spira, se hai un multimetro, vedrai che misurando tra una spira e quella subito sopra non c'è continuità.


Ho provato ad usare il tester in continuità e non dà mai continuità, qualsiasi spira io prenda. Il motivo può essere che le spire non mi sembrano essere fatte di metallo?
Avatar utente
Foto UtenteOmi
5 5
New entry
New entry
 
Messaggi: 88
Iscritto il: 19 dic 2016, 19:06

0
voti

[16] Re: Reverse Engineering su un piccolo circuito stampato?

Messaggioda Foto Utentesetteali » 18 giu 2020, 22:46

Omi ha scritto:...
Ho provato ad usare il tester in continuità e non dà mai continuità, qualsiasi spira io prenda. Il motivo può essere che le spire non mi sembrano essere fatte di metallo?


Immagino tu sia d'accordo con me che quello usato per la gabbia sia un filo di un qualsiasi metallo, altrimenti come farebbe a far passare la corrente?
Fai girare i tuoi ingranaggi e renditi conto dove fai l'errore, prendi i puntali del tester e controlla, eventualmente fosse un po' ossidato, grattalo con una lima, o con il flessibile o con un martello pneumatico, ma insomma se metallo è , deve condurre!

Ti metto un'immagine di come la vedo io, questa benedetta gabbia.

Per il filo giallo staccato, non ho capito ancora niente, sii chiaro e preciso!
Allegati
aaagabbia.png
Alex

<< vedi di pigliare arditamente in mano,
il dizionario che ti suona in bocca,
se non altro è schietto e paesano.
(Giuseppe Giusti) <<
Avatar utente
Foto Utentesetteali
6.895 4 5 7
Master
Master
 
Messaggi: 3607
Iscritto il: 15 dic 2013, 21:09

0
voti

[17] Re: Reverse Engineering su un piccolo circuito stampato?

Messaggioda Foto UtenteOmi » 18 giu 2020, 23:11

Grattando un po sul filo effettivamente il tester mi bippa qualche secondo per poi smettere, forse era ossidato come dicevi .Ma ho notato anche che sul tester mi segna una soglia.. come per i diodi.. è normale?
Per quanto riguarda i fili gialli, sono due : uno è attaccato ed è quello che vedi nel circuito stampato, l'altro staccato è questo che ho disegnato in foto :

Entrambi vanno sul neon.
Allegati
Board-min.jpg
Avatar utente
Foto UtenteOmi
5 5
New entry
New entry
 
Messaggi: 88
Iscritto il: 19 dic 2016, 19:06

0
voti

[18] Re: Reverse Engineering su un piccolo circuito stampato?

Messaggioda Foto Utentesetteali » 18 giu 2020, 23:59

OK, il tester in posizione di diodo va bene, ma però io fossi in te imparerei ad usare l'ohmmetro e rendersi conto delle resistenze che vengono facendo più o meno contatto con più o meno pressione.

Sempre sui fili gialli, ti metto un' immagine e mi dirai se è giusta e se i fili del neon li hai attaccato così.
Allegati
1aa.png
Alex

<< vedi di pigliare arditamente in mano,
il dizionario che ti suona in bocca,
se non altro è schietto e paesano.
(Giuseppe Giusti) <<
Avatar utente
Foto Utentesetteali
6.895 4 5 7
Master
Master
 
Messaggi: 3607
Iscritto il: 15 dic 2013, 21:09

0
voti

[19] Re: Reverse Engineering su un piccolo circuito stampato?

Messaggioda Foto UtenteOmi » 19 giu 2020, 1:09

setteali ha scritto:OK, il tester in posizione di diodo va bene, ma però io fossi in te imparerei ad usare l'ohmmetro e rendersi conto delle resistenze che vengono facendo più o meno contatto con più o meno pressione.

Sempre sui fili gialli, ti metto un' immagine e mi dirai se è giusta e se i fili del neon li hai attaccato così.

Prenderò sicuramente in considerazione il tuo consiglio. Comunque si, i fili erano attaccati esattamente così.
Avatar utente
Foto UtenteOmi
5 5
New entry
New entry
 
Messaggi: 88
Iscritto il: 19 dic 2016, 19:06

0
voti

[20] Re: Reverse Engineering su un piccolo circuito stampato?

Messaggioda Foto Utentesetteali » 19 giu 2020, 8:47

Omi ha scritto:Salve a tutti, premesso che è la primissima volta che provo a fare reverse engineering (quindi abbiate pietà di me :lol: ) , ...

Nessun problema, quando c'è l'impegno da una parte, ci sarà l'impegno anche dall'altra :ok:

posto nella speranza che qualcuno possa aiutarmi a decifrare lo schema d...................C'è un filo giallo che come vedete dalle foto si è staccato e quindi l'ho indicato con una freccia gialla....


Ma qui non chiedi di farti dire dove andava attaccato? perché a me sembrava così; però mi pare che tu lo sapessi e allora ti avrei fatto qualche domanda di troppo, non capivo bene la frase.

Ora passiamo alla gabbia, che dallo schema che hai postato in [ 1 ] ci sarebbe collegato un terzo filo che è quello che ti evidenzio qui sotto

Indicalo sull'immagine della gabbia dove è collegato.

E dopo passiamo allo schema, dovresti mettere i valori dei condensatori e gli altri componenti , segnare le giunzioni dei componenti dove si connettono, in modo da distinguere i collegamenti di passaggio senza connessione, poi puoi provare a vedere se ti riesce fare una disposizione diversa dello schema per renderlo più chiaro.
Lo schema è semplice, ma qualche modifica si può fare e non è male abituarsi a disporre i componenti in modo diverso anche se è uno schema.
O_/
Alex

<< vedi di pigliare arditamente in mano,
il dizionario che ti suona in bocca,
se non altro è schietto e paesano.
(Giuseppe Giusti) <<
Avatar utente
Foto Utentesetteali
6.895 4 5 7
Master
Master
 
Messaggi: 3607
Iscritto il: 15 dic 2013, 21:09

PrecedenteProssimo

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot], Google Feedfetcher e 19 ospiti