Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Reverse Engineering su un piccolo circuito stampato?

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utentecarloc, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteBrunoValente

0
voti

[21] Re: Reverse Engineering su un piccolo circuito stampato?

Messaggioda Foto UtenteOmi » 19 giu 2020, 10:55

setteali ha scritto:
Indicalo sull'immagine della gabbia dove è collegato.

E dopo passiamo allo schema, dovresti mettere i valori dei condensatori e gli altri componenti , segnare le giunzioni dei componenti dove si connettono, in modo da distinguere i collegamenti di passaggio senza connessione, poi puoi provare a vedere se ti riesce fare una disposizione diversa dello schema per renderlo più chiaro.
Lo schema è semplice, ma qualche modifica si può fare e non è male abituarsi a disporre i componenti in modo diverso anche se è uno schema.
O_/


Allora per quanto riguarda il neutro tra le due reti che mi hai indicato, ti dico già che non ne ho la più pallida idea. A parte quei due fili volanti che vanno collegati ai due diodi non c'è ne sono altri. Forse si saranno spezzati o non so, quindi li ho indicati che vanno al neutro affinchè all'interno ricircoli corrente. Lo schema l'ho modificato come mi hai chiesto e ho inserito i componenti :


Sul condensatore C3 non c'è la capacità ma è un CBB22. Ho visto dal datasheet catalog che è un condensatore prodotto da due aziende. Ho preso quello della Western Component che mi dice che hanno una capacità che va da 0,01-2micro.
Per quanto riguarda il condensatore C1 e C2 sono due condensatori da 473K 630V, quindi ipotizzo da 47nano.
Volevo chiederti un ultima cosa se possibile. Assodato dai vostri commenti graditissimi che lo schema è questo. Volevo sapere se fosse possibile almeno spiegare cosa fa questo circuito. Ti ringrazio.
Avatar utente
Foto UtenteOmi
5 5
New entry
New entry
 
Messaggi: 88
Iscritto il: 19 dic 2016, 19:06

1
voti

[22] Re: Reverse Engineering su un piccolo circuito stampato?

Messaggioda Foto Utentesetteali » 19 giu 2020, 11:57

Ciao,
ti ho corretto lo schema perché avevi fatto alcuni errori, controlla


Il condensatore C2 serve ad alimentare la lampada al neon.
La resistenza da 10 k ohm serve a limitare la corrente nel caso si toccasse la gabbia con le mani, perché la gabbia non è isolata galvanicamente dalla rete elettrica.
Poi c'è il duplicatore di tensione per avere una scarica sufficiente quando l'insetto passa tra le due armature della gabbia.
Io te lo so spiegare così, ulteriori e più complete spiegazioni possono venire ...in seguito da altri utenti.

P.S.
Quando riporti il valore di un condensatore che è siglato (esempio ) 334 , il 4 ( ovvero la terza cifra, è il moltiplicatore) aggiunge quattro 0 = 330 000 come 330 nF o come 0.33 uF.
Alex

<< vedi di pigliare arditamente in mano,
il dizionario che ti suona in bocca,
se non altro è schietto e paesano.
(Giuseppe Giusti) <<
Avatar utente
Foto Utentesetteali
6.900 4 5 7
Master
Master
 
Messaggi: 3608
Iscritto il: 15 dic 2013, 21:09

0
voti

[23] Re: Reverse Engineering su un piccolo circuito stampato?

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 19 giu 2020, 12:00

Lo schema precedente mi pare sbagliato,

Non è detto che questo schema sia quello effettivamente presente, ma penso sia funzionante




Post scriptum:
Lo schema di Foto Utentesetteali è probabilmente quello corretto :ok:
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
7.262 4 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 3223
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[24] Re: Reverse Engineering su un piccolo circuito stampato?

Messaggioda Foto Utentesetteali » 19 giu 2020, 12:04

MarcoD ha scritto:Lo schema precedente mi pare sbagliato,


Foto UtenteMarcoD sei passato mentre ricorreggevo il mio post :ok: 73

Appunto , puoi migliorare la descrizione elettrica?
Alex

<< vedi di pigliare arditamente in mano,
il dizionario che ti suona in bocca,
se non altro è schietto e paesano.
(Giuseppe Giusti) <<
Avatar utente
Foto Utentesetteali
6.900 4 5 7
Master
Master
 
Messaggi: 3608
Iscritto il: 15 dic 2013, 21:09

0
voti

[25] Re: Reverse Engineering su un piccolo circuito stampato?

Messaggioda Foto UtenteBrunoValente » 19 giu 2020, 12:52

setteali ha scritto:Ciao,
ti ho corretto lo schema perché avevi fatto alcuni errori, controlla




Guardando le foto del circuito mi pare che in questo schema C1 e C2 siano scambiati di posto

Questo post rimane con i condensatori invertiti in confronto agli schemi ultimi
Ultima modifica di Foto Utentesetteali il 19 giu 2020, 17:39, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: Informazione su correzioni schema
Avatar utente
Foto UtenteBrunoValente
33,1k 7 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6466
Iscritto il: 8 mag 2007, 14:48

0
voti

[26] Re: Reverse Engineering su un piccolo circuito stampato?

Messaggioda Foto UtenteOmi » 19 giu 2020, 14:47

setteali ha scritto:Ciao,
ti ho corretto lo schema perché avevi fatto alcuni errori, controlla


Il condensatore C2 serve ad alimentare la lampada al neon.
La resistenza da 10 k ohm serve a limitare la corrente nel caso si toccasse la gabbia con le mani, perché la gabbia non è isolata galvanicamente dalla rete elettrica.
Poi c'è il duplicatore di tensione per avere una scarica sufficiente quando l'insetto passa tra le due armature della gabbia.
Io te lo so spiegare così, ulteriori e più complete spiegazioni possono venire ...in seguito da altri utenti.

P.S.
Quando riporti il valore di un condensatore che è siglato (esempio ) 334 , il 4 ( ovvero la terza cifra, è il moltiplicatore) aggiunge quattro 0 = 330 000 come 330 nF o come 0.33 uF.


Ancora mille grazie. Quindi diciamo che potevo mettere un po meglio i componenti, esattamente come hai fatto tu e ho fatto quel piccolo errore a collegare la rete metallica al neutro, però i collegamenti mi sembra di averli fatti più o meno bene. Per quanto riguarda la rete metallica, mi sembra che essa non sia collegata ad alcun neutro, quindi gli insetti vengono fulminati perché ci sono +230V su una rete e -230V sull'altra? Inoltre la resistenza di protezione in che modo limita la corrente?
Scusa se sto insistendo, ma è da poco che mi sto affacciando al mondo delle riparazioni e ancor meglio all'elettronica e voglio imparare dai migliori :-P
Avatar utente
Foto UtenteOmi
5 5
New entry
New entry
 
Messaggi: 88
Iscritto il: 19 dic 2016, 19:06

0
voti

[27] Re: Reverse Engineering su un piccolo circuito stampato?

Messaggioda Foto Utentesetteali » 19 giu 2020, 17:24

Si hai ragione Foto UtenteBrunoValente, guardando la foto della PCB in [ 1 ] C1 & C2 sono scambiati, è che io ho preso il circuito dell'OP in [ 21 ] e siccome non posso cambiare il disegno in [ 1 ], inverto C1 & C2 nei disegni.
Grazie per la puntualizzazione.
Alex

<< vedi di pigliare arditamente in mano,
il dizionario che ti suona in bocca,
se non altro è schietto e paesano.
(Giuseppe Giusti) <<
Avatar utente
Foto Utentesetteali
6.900 4 5 7
Master
Master
 
Messaggi: 3608
Iscritto il: 15 dic 2013, 21:09

0
voti

[28] Re: Reverse Engineering su un piccolo circuito stampato?

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 19 giu 2020, 18:36

Interessante questo 3d, mi ha fatto ricordare che ho messo da qualche parte una lampada guasta che credo possa avere lo stesso schema elettrico.

Proverò a smontarla
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
29,1k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7978
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

0
voti

[29] Re: Reverse Engineering su un piccolo circuito stampato?

Messaggioda Foto UtenteOmi » 19 giu 2020, 19:30

setteali ha scritto:Si hai ragione Foto UtenteBrunoValente, guardando la foto della PCB in [ 1 ] C1 & C2 sono scambiati, è che io ho preso il circuito dell'OP in [ 21 ] e siccome non posso cambiare il disegno in [ 1 ], inverto C1 & C2 nei disegni.
Grazie per la puntualizzazione.

Le reti metalliche quindi non hanno neutro?
Avatar utente
Foto UtenteOmi
5 5
New entry
New entry
 
Messaggi: 88
Iscritto il: 19 dic 2016, 19:06

0
voti

[30] Re: Reverse Engineering su un piccolo circuito stampato?

Messaggioda Foto Utentesetteali » 19 giu 2020, 20:10

La gabbia è formata da due conduttori, se guardi bene come è fatta te ne accorgi, un conduttore è a 0 V e l'altro è a +560 V DC (circa ) e fino a che la distanza rimane quella tra i due conduttori, non scocca l'arco, ma scoccherà se un insetto ci passa nel mezzo ed in questo caso riduce la distanza oppure toccando contemporaneamente i due conduttori.

Non esiste un neutro tra i due conduttori, come avevi disegnato !!!!

Non esiste + 230 V e - 230 V .
C'è uno 0 come riferimento ed il + 460 che raddrizzandola e duplicando viene più alta come tensione.
Alex

<< vedi di pigliare arditamente in mano,
il dizionario che ti suona in bocca,
se non altro è schietto e paesano.
(Giuseppe Giusti) <<
Avatar utente
Foto Utentesetteali
6.900 4 5 7
Master
Master
 
Messaggi: 3608
Iscritto il: 15 dic 2013, 21:09

PrecedenteProssimo

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 34 ospiti