Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Amperometro?

Circuiti, campi elettromagnetici e teoria delle linee di trasmissione e distribuzione dell’energia elettrica

Moderatori: Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteEdmondDantes

0
voti

[11] Re: Amperometro?

Messaggioda Foto Utentelodovico » 13 ago 2020, 1:12

per completare, quoto una risposta ottenuta in un forum dedicato...

You can make your own current meter.

https://de.aliexpress.com/item/4000086735105.html

400A, 75mV drop at 400A.
Just need the shunt, voltage measuring circuit and feed the output to the ADC of the FC and scale it so 0V output of the voltage measuring circuit is 0A and 3.3V output is 400A or whatever resolution you want..




questo lo schema molto semplice del circuito...

2020-08-13 (2).png


che ne pensate?

il voltage measuring circuit che trasforma i 75mv di caduta di tensione (dei 400A) in 3.3V come si fa?
Avatar utente
Foto Utentelodovico
2.075 3 4 6
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2219
Iscritto il: 24 feb 2014, 12:54

1
voti

[12] Re: Amperometro?

Messaggioda Foto Utentestefanopc » 13 ago 2020, 9:58

La soluzione al tuo problema è molto semplice. La elettrotecnica di base ci viene in aiuto.
Fai un partitore di corrente.
Invece di mettere il sensore sul cavo normalmente dovresti fare così.
Prendi tre spezzoni di cavo identici di sezione lunghezza almeno 10 cm li metti in parallelo ma solo uno lo fai passare dentro al tuo sensore di corrente originale (power monitor).
Il tutto in serie alla linea di cui devi misurare la corrente.
"Magicamente" il sensore ora percepirà un terzo della corrente totale. :shock:
Ciao
Ps non comprare le cose su Amazon... Prova a vedere come trattano i dipendenti...
Avatar utente
Foto Utentestefanopc
860 2 10
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 235
Iscritto il: 4 ago 2020, 9:11

1
voti

[13] Re: Amperometro?

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 13 ago 2020, 11:37

Riguardo al sensore ad effetto Hall con IPM 1200 A
Se alimentato monotensione ad esempio 5 V
Con corrente zero ha una uscita di 2,5 V
con corrente nominale di 1200 A ha una uscita di 2,5+1,66 =4,16 V (su un carico di 10 kohm)
se inverti il senso della corrente l'uscita scende a 2,5-1,66 = 0,84 V, ma non è il tuo caso.

Nel controllore agisci sui parametri:
BATT_AMP_PERVLT e introdurrai 1200/1,66 = 723
BATT_AMP_OFFSET e introdurrai 1200/1,66 = 2,5

Secondo me la corrente effetivamente circolanta sarà molto meno, dell'ordine dei 100 A.

Visto che sei all'inizio, non misurare la corrente, misuri solo la tensione: quando cala la batteria è scarica Vai direttamente dalle batterie ai motori Hai ben altri problemi da affrontare :!:

Quanto spingono le eliche kg, N ?? e quanta coppia assorbono Nm ? e a quale velocità ? e il motore quanto assorbe in corrente ? che carico utile puoi alloggiare?
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
7.490 4 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 3361
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

2
voti

[14] Re: Amperometro?

Messaggioda Foto UtenteSandroCalligaro » 13 ago 2020, 14:18

stefanopc ha scritto:Fai un partitore di corrente.
Fare un partitore di corrente preciso a bassissima resistenza non è banale...
Avatar utente
Foto UtenteSandroCalligaro
2.365 1 4 5
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 996
Iscritto il: 6 ago 2015, 19:25

1
voti

[15] Re: Amperometro?

Messaggioda Foto UtentedrGremi » 13 ago 2020, 14:23

Vabbé in tal caso se si può agire su un fattore moltiplicativo nella lettura basta fare una misura. Magari non è proprio 1/3, basta che rimanga costante.
Avatar utente
Foto UtentedrGremi
430 1 8
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 175
Iscritto il: 20 nov 2019, 19:49

1
voti

[16] Re: Amperometro?

Messaggioda Foto Utentestefanopc » 13 ago 2020, 16:37

In questo campo non c'è nulla di banale specie misurare 150 A.
Come giustamente ha scritto chi mi ha preceduto mettere un fattore correttivo sw è un attimo.
Il più è avere una pinza amperometrica calibrata per la continua.
A lavorare le abbiamo della Fluke a casa non è da tutti.
Ciao
Avatar utente
Foto Utentestefanopc
860 2 10
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 235
Iscritto il: 4 ago 2020, 9:11

1
voti

[17] Re: Amperometro?

Messaggioda Foto UtenteSandroCalligaro » 13 ago 2020, 18:47

Tutto dipende dalla precisione necessaria. Per avere un'idea di massima, vanno bene anche i tre fili.

400A, 75mV drop at 400A.
Just need the shunt, voltage measuring circuit and feed the output to the ADC....
In quel "just" ci sono anche "just" 30 W da dissipare. :-)
Avatar utente
Foto UtenteSandroCalligaro
2.365 1 4 5
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 996
Iscritto il: 6 ago 2015, 19:25

1
voti

[18] Re: Amperometro?

Messaggioda Foto Utentestefanopc » 13 ago 2020, 19:58

Non penso che a crimpare tre fili lunghi esattamente uguali in due capicorda si possa commettere un errore oltre il 5%.
Comunque se serve precisione esistono anche i sensori da 200A monodirezionale della Allegro come il ACS758ECB-200U
Io sulla mia macchina elettrica ho montato il 100A bidirezionale e il 5A bidirezionale. E vanno magnificamente. Si alimentano a 5v e sono disaccoppiati ma la corrente li attraversa, non sono come quello della foto con l'anello magnetico.
Costano intorno agli 8 - 10 euro.
Ciao
Avatar utente
Foto Utentestefanopc
860 2 10
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 235
Iscritto il: 4 ago 2020, 9:11

1
voti

[19] Re: Amperometro?

Messaggioda Foto Utentestefanopc » 13 ago 2020, 21:06

Dimenticavo... Lo shunt diretto è molto meglio evitarlo.. ci vuole poco a fare un corto e vedere in fumo tutta la parte di controllo meglio partire col piede giusto.
Ciao
Avatar utente
Foto Utentestefanopc
860 2 10
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 235
Iscritto il: 4 ago 2020, 9:11

1
voti

[20] Re: Amperometro?

Messaggioda Foto UtenteSandroCalligaro » 13 ago 2020, 21:19

stefanopc ha scritto:Non penso che a crimpare tre fili lunghi esattamente uguali in due capicorda si possa commettere un errore oltre il 5%.
Non ci ho mai provato, ma qualche microOhm di differenza nel contatto credo che ci voglia poco a farlo venir fuori. E per dissipare meno di 10 W a 400 A ci vogliono 62.5 Ohm.
Secondo me, meglio almeno usare lo stagno, che evita l'ossidazione nel contatto.

stefanopc ha scritto:Dimenticavo... Lo shunt diretto è molto meglio evitarlo.. ci vuole poco a fare un corto e vedere in fumo tutta la parte di controllo meglio partire col piede giusto.
Cosa intendi? Che è meglio partire coi sensori ad effetto Hall?
Sicuramente sono più facili da usare.
Avatar utente
Foto UtenteSandroCalligaro
2.365 1 4 5
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 996
Iscritto il: 6 ago 2015, 19:25

PrecedenteProssimo

Torna a Elettrotecnica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 17 ospiti